Benvenuto! Per goderti al meglio il Papersera, effettua il login o crea una tua utenza. Profilo Utente
 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Questi i recensori più attivi sulle pagine del Papersera:
  • V (231)
  • piccolobush (136)
  • Nebulina (100)
  • Malachia (97)
  • Paolo (85)
  • scrooge4 (82)
  • Paperinika (47)
  • A.Basettoni (43)
  • warren (43)
  • New_AMZ (37)
  • Angelo85 (36)
  • inthenight (30)
  • Gladstone (27)
  • Everett_Ducklair (27)
  • Samuele (26)
  • pacuvio (19)
  • cianfa88 (18)
  • Bruno (16)
  • marcosferruzza (14)
  • Brigitta_McBridge (14)

 

Disclaimer & Copyright

Questo sito non ha alcun rapporto con la Walt Disney Company e né ha scopo di lucro alcuno, si tratta semplicemente di un sito amatoriale, che può considerarsi un'opera di saggistica rivolta all'analisi e alla promozione dei fumetti Disney e dei loro autori, e si avvale del diritto di citazione.

 

Le copertine DisneyDallo storico Topolino, ai più oscuri supplementi: nella galleria delle copertine è possibile ammirare letteralmente migliaia di copertine, provenienti da quasi tutte le pubblicazioni Disney! E la collezione continua a crescere grazie alla collaborazione di molti appassionati.

 

 

Pagina visitata 372443 volte

 


Ricerca recensioni

Ricerca recensioni
Testata: Titolo: Numero:
Recensore: Voto: Anno:

Di seguito i fascicoli estratti con i criteri immessi, per tornare alla pagina dell'edicola clicca qui.



L’immagine di Reginella che i cavernicoli stanno scolpendo nella roccia nel secondo episodio de "La regina fuori tempo" sembra la sintesi di questo suo ritorno: come nella baia silenziosa del passato, anche in questa avventura dell’indimenticabile e indimenticata sovrana c’è solo il suo simulacro, una figura spenta, totalmente diversa dal personaggio che i lettori avevano conosciuto.
Per fortuna c’è Paperino che si fa in due, letteralmente, per sopperire alla mancanza della protagonista femminile. Un Paperino ottimamente caratterizzato, che sa essere deciso e in gamba anche senza indossare il costume di Paperinik o il tuxedo di Double Duck.
A parte questo la vicenda è assai articolata, con diverse linee narrative e temporali, con tante chiacchiere e spiegazioni, con tre protagonisti supplementari (i nipotini, ben gestiti anche loro), con tanta fantascienza, tanta azione, trame di palazzo e scorribande nel tempo e nello spazio. C’è tutto, mancano solo "loro": finora Paperino e Reginella, come in un racconto di Calvino, si sono solo sfiorati o intravisti in un paio di occasioni, ma di fatto la coppia ancora non si è riformata. Indubbiamente è passato un sacco di tempo dal loro primo incontro avvenuto anni fa (45 effettivi, 25 per la quest… la redazione) e probabilmente le trame prettamente romantiche di Cimino oggi avrebbero fatto forse fatica a coinvolgere i lettori più giovani (un esperimento in proposito lo stanno portando avanti in Bonelli con Martin Mystère), oltre al fatto che ogni autore ha il suo stile, ma di fatto la vicenda dopo un primo capitolo di introduzione e un secondo di passaggio, ancora deve "esplodere". Resta ancora una puntata e Enna è uno sceneggiatore che sa coinvolgere il suo pubblico, potrebbe tranquillamente stupirci.
Oppure no. Dopotutto questa è solo la prima di una nuova serie di avventure con Reginella, quindi potrebbe avere il solo scopo di reintrodurre/presentare il personaggio senza soffermarsi eccessivamente sul loro rapporto: ci sarà allora tempo per vedere i due innamorati nuovamente fianco a fianco.
Quale che sia l’ipotesi corretta, restano almeno i disegni della Perissinotto che, tra le altre cose, riesce a dare ai personaggi espressività e un tocco di modernità anche solo con qualche ciuffo sapientemente posizionato.
Con "La scatola misteriosa nel luogo misteriosissimo", Sio torna a scrivere una storia puramente demenziale dopo la parentesi della "bluguette" e non per nulla ad affiancarlo c’è Intini: spunto minimal su cui imbastire gag a raffica coinvolgendo personaggi di entrambi gli universi (e forse anche di più, chi sa). Poco importa se la caratterizzazione di alcuni può risultare borderline: queste storie, come in quelle della Ziche, sono una zona franca dove (quasi) tutto è permesso.
Ancora una prova convincente per Zemelo che, come ne "l’inquietante Nyappo", riesce a imbastire una storia dove la suspense cresce gradualmente. E come nella storia precedente, anche nel finale di "Topolino e gli incubi a occhi aperti" qualcosa sembra perdersi, ma parliamo comunque di uno degli sceneggiatori più giovani e promettenti che ha tutto il tempo di migliorare. Per di più, tra echi scarpiani e strizzate d’occhio al recente cinema di genere, emerge una Minni innamorata e determinante come solo Casty ci aveva proposto negli ultimi anni. Al contrario, emerge in tutta la sua vacuità la Paperina di Faccini, protagonista di una delle tipiche follie dell’autore genovese che, per mezzo di esse, ci fa vedere i nuovi mostri contemporanei.
Chiusura per una storia di Figus il cui spunto avrebbe potuto reggere una vicenda ben più articolata ma che lo sceneggiatore chiude in poco più di quindici tavole, risultando poco più di una semplice riempitiva
Tra i contenuti redazionali si segnalano una intervista alla biologa marina Mariasole Bianco e un articolo sulla Onlus "sportAbili" che aiuta i portatori di handicap a praticare sport estremi

Recensione di piccolobush


Accedi ai dati Inducks del fascicolo    Accedi alla discussione sul forum    Voto del recensore: 3/5    Voto medio: 3/5 (17 voti)   Esegui il login per inserire il tuo voto

 


La scala di votazione utilizzata è la seguente:

  •  Spendete meglio i vostri soldi...
  •  Bof.... giusto se già collezionate la testata...
  •  Nella media: non passerà alla storia, ma...
  •  Buono! Acquistatelo e non vi pentirete!
  •  Da acquistare, senza esitazioni!

Da tener presente che i voti non sono da intendersi in maniera "assoluta", ma vengono dati coerentemente con quello che ci si aspetta di trovare in una testata: ad esempio Paperino e Tesori Disney sono testate molto diverse tra di loro: la prima contiene esclusivamente ristampe di storie già apparse sulla testata, la seconda presenta storie di difficile reperibilità o addirittura qualche inedito (oltre, ovviamente, a tutta una serie di articoli). Il voto dato a due numeri di queste testate deve prendere in considerazione quello che ci si aspetta di trovare all'interno del fascicolo: un Paperino con ristampe di Bottaro, Scarpa, Carpi, Cavazzano e cosi' via, sarà giustamente ben valutato, e se anche dovesse prendere 5 stelle, non significa che in assoluto è migliore di un numero di Tesori che ne prende solamente 4!

 

Questo sito si serve dei cookie per la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico, condividendoli con Google. Se prosegui con la navigazione per me è come se avessi accettato. Se vuoi approfondire la questione, c'è il sito del Garante della privacy.  Accetta i cookies   |   Info sulla privacy