Benvenuto!
Per goderti al meglio il Papersera, effettua il login o crea una tua utenza.
Profilo Utente
 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Questi i recensori più attivi sulle pagine del Papersera:
  • V (270)
  • piccolobush (160)
  • Nebulina (100)
  • Malachia (97)
  • scrooge4 (91)
  • Paolo (87)
  • Paperinika (52)
  • A.Basettoni (43)
  • warren (43)
  • Gancio (43)
  • inthenight (41)
  • New_AMZ (37)
  • Gladstone (31)
  • Everett_Ducklair (29)
  • Samuele (26)
  • MiTo (20)
  • pacuvio (19)
  • cianfa88 (18)
  • Chen Dai-Lem (18)
  • Bruno (16)

 

Disclaimer & Copyright

Questo sito non ha alcun rapporto con la Walt Disney Company e né ha scopo di lucro alcuno, si tratta semplicemente di un sito amatoriale, che può considerarsi un'opera di saggistica rivolta all'analisi e alla promozione dei fumetti Disney e dei loro autori, e si avvale del diritto di citazione.

 

Le copertine DisneyDallo storico Topolino, ai più oscuri supplementi: nella galleria delle copertine è possibile ammirare letteralmente migliaia di copertine, provenienti da quasi tutte le pubblicazioni Disney! E la collezione continua a crescere grazie alla collaborazione di molti appassionati.

 

 

Pagina visitata 385146 volte

 


Ricerca recensioni

Ricerca recensioni
Testata: Titolo: Numero:
Recensore: Voto: Anno:

Di seguito i fascicoli estratti con i criteri immessi, per tornare alla pagina dell'edicola clicca qui.



E’ la metà degli anni Novanta: Topolino ha da poco battuto tutti i record di vendita raggiungendo il milione di copie e si appresta a tagliare il prestigioso traguardo del numero 2000, PKNA non ha ancora visto la luce, quando, del tutto in sordina come si usava a quei tempi, ha inizio una memorabile saga firmata da due autori del calibro di Giorgio Pezzin e Massimo De Vita, nel pieno della loro maturità artistica.
C’era una volta in America è un fiore all'occhiello della produzione Disney e attende da allora una ristampa integrale e rispettosa delle avventure che la compongono: nel 2001 uscì infatti un volume ricordato con orrore dai lettori, che si ritrovarono una raccolta monca di tre storie e con le altre aventi dialoghi goffamente modificati per ovviare ai buchi di trama creatisi a causa del taglio delle stesse. Ci si augura che sia finalmente giunta l’ora di porre rimedio e che gli interventi dell’epoca non ricompaiano a tradimento anche questa volta.
Detto ciò, "C’era una volta in America" è, per certi versi, la risposta dei Topi alla Storia & Gloria della Dinastia dei Paperi, un’opera in quattordici capitoli che si propone di dare un’ascendenza al contemporaneo Mickey Mouse; oppure, forse più propriamente, è la versione disneyana della Storia del West di Gino D’Antonio (autore tuttora ingiustamente sottovalutato), una lunghissima epopea western vista con gli occhi delle famiglie Adams e MacDonald.
D’altra parte, il felice assunto della serie è, in sintesi, il seguente: «in ogni importante avvenimento della storia americana, c’era un Topolino»… e la stirpe dei Topolini, di cui oggi conosciamo l’ultimo discendente, è presente in America fin dal 1620, sulla nave "Mayflower" dei padri pellegrini, che solcarono le acque dell'Oceano Atlantico per sbarcare sulla Costa Est del nuovo mondo. Pezzin parte da quel decisivo evento e procede con singoli racconti, variamente collegati fra loro. Un sarto di Southampton, un commerciante di stoffe di Boston, un disegnatore di Springfield: ogni volta ecco un Topolino diverso eppure sempre tenace, onesto, curioso e intraprendente, caratteristiche che si tramanderanno di generazione in generazione fino ai giorni nostri. Ma Topolino non sarebbe veramente lui se non avesse al suo fianco un amico leale e fedele come Pippo, personaggio che gli sarà sempre guida e aiuto in ogni circostanza, sia un minatore galeotto, uno strambo pescatore o un temerario mountain man.
Il canovaccio delle storie è per certi versi sempre uguale, eppure, grazie al valore aggiunto della Storia degli Stati Uniti, in ogni puntata la lettura scorre via rapidissima, riuscendo a intrattenere ed anche a insegnare qualcosa, come nelle migliori avventure disneyane. Dei meravigliosi disegni di De Vita c’è davvero poco da dire, se non che si trova perfettamente a suo agio tanto nell'ambientazione urbana inglese quanto nelle sconfinate praterie americane.
L’albo è quindi consigliatissimo, a dispetto di una cura redazionale piuttosto scarsa. Le storie sono infatti presentate molto brevemente dal solo Massimo De Vita; nessun contributo aggiuntivo viene invece dallo sceneggiatore Giorgio Pezzin e questo è davvero un aspetto molto negativo, che impedisce al volume di dirsi perfettamente compiuto.

Recensione di inthenight


Accedi ai dati Inducks del fascicolo    Accedi alla discussione sul forum    Voto del recensore: 5/5    Voto medio: 4/5 (11 voti)   Esegui il login per inserire il tuo voto

 


La scala di votazione utilizzata è la seguente:

  •  Spendete meglio i vostri soldi...
  •  Bof.... giusto se già collezionate la testata...
  •  Nella media: non passerà alla storia, ma...
  •  Buono! Acquistatelo e non vi pentirete!
  •  Da acquistare, senza esitazioni!

Da tener presente che i voti non sono da intendersi in maniera "assoluta", ma vengono dati coerentemente con quello che ci si aspetta di trovare in una testata: ad esempio Paperino e Tesori Disney sono testate molto diverse tra di loro: la prima contiene esclusivamente ristampe di storie già apparse sulla testata, la seconda presenta storie di difficile reperibilità o addirittura qualche inedito (oltre, ovviamente, a tutta una serie di articoli). Il voto dato a due numeri di queste testate deve prendere in considerazione quello che ci si aspetta di trovare all'interno del fascicolo: un Paperino con ristampe di Bottaro, Scarpa, Carpi, Cavazzano e cosi' via, sarà giustamente ben valutato, e se anche dovesse prendere 5 stelle, non significa che in assoluto è migliore di un numero di Tesori che ne prende solamente 4!

 

Questo sito si serve dei cookie per la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico, condividendoli con Google. Se prosegui con la navigazione per me è come se avessi accettato. Se vuoi approfondire la questione, c'è il sito del Garante della privacy.  Accetta i cookies   |   Info sulla privacy