Benvenuto!
Per goderti al meglio il Papersera, effettua il login o crea una tua utenza.
Profilo Utente
 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Questi i recensori più attivi sulle pagine del Papersera:
  • V (244)
  • piccolobush (145)
  • Nebulina (100)
  • Malachia (97)
  • scrooge4 (86)
  • Paolo (85)
  • Paperinika (52)
  • A.Basettoni (43)
  • warren (43)
  • Gancio (40)
  • New_AMZ (37)
  • inthenight (32)
  • Everett_Ducklair (29)
  • Gladstone (28)
  • Samuele (26)
  • pacuvio (19)
  • cianfa88 (18)
  • Bruno (16)
  • MiTo (15)
  • marcosferruzza (14)

 

Disclaimer & Copyright

Questo sito non ha alcun rapporto con la Walt Disney Company e né ha scopo di lucro alcuno, si tratta semplicemente di un sito amatoriale, che può considerarsi un'opera di saggistica rivolta all'analisi e alla promozione dei fumetti Disney e dei loro autori, e si avvale del diritto di citazione.

 

Le copertine DisneyDallo storico Topolino, ai più oscuri supplementi: nella galleria delle copertine è possibile ammirare letteralmente migliaia di copertine, provenienti da quasi tutte le pubblicazioni Disney! E la collezione continua a crescere grazie alla collaborazione di molti appassionati.

 

 

Pagina visitata 413464 volte

 


Ricerca recensioni

Ricerca recensioni
Testata: Titolo: Numero:
Recensore: Voto: Anno:

Di seguito i fascicoli estratti con i criteri immessi, per tornare alla pagina dell'edicola clicca qui.



Un rimpianto è ciò che caratterizza il numero 3235 del "Topolino" in edicola e non riguarda "La nuova storia e gloria": lì il rimpianto è una fase ormai superata e siamo già alla rassegnazione. Questo quarto episodio non ha nulla che non si sia visto in tante altre storie di rivalità finanziarie tra i due paperi miliardari, compreso il finale con un Paperone apparentemente sconfitto ma che riesce invece a portare a compimento l’ennesimo scambio di affari tenendo per sé quello buono e appioppando al rivale quello sballato. Evidentemente non bastano secoli di fregature perpetrate ai loro danni, i Rockerduck devono avere la cretineria marchiata a fuoco nel codice genetico! Parlando seriamente, siamo d’accordo che si tratta di un topos narrativo come tanti e come tale perennemente riutilizzabile. A far la differenza deve essere la sceneggiatura che dovrebbe renderlo attraente agli occhi dei lettori. Ciò che in questo caso non accade, la vicenda non ha mordente e non appassiona (si intravede anche un vago richiamo alle "lenticchie di Babilonia", ma potrebbe essere solo una coincidenza), arriviamo al finale senza mai dubitare, anzi intuendo, come si sarebbe concluso tutto.
Per i disegni vale quanto detto in precedenza, Sciarrone sa raccontare graficamente in modo meno convenzionale (ma non si può parlare di qualcosa di realmente nuovo) ma indulge di tanto in tanto in una insistente esibizione di modernità fine a se stessa oltre a tradire qualche incertezza nell’uso del mezzo, da cui i bizzarri pellicani che improvvisamente appaiono al posto dei paperi e altre deformità poco gradevoli da vedere.
Ma parlavamo di un rimpianto e questo è dato dal primo degli episodi speciali delle "DuckTales" che verranno ospitati su Topolino in contemporanea con l’inizio della trasmissione in Italia della nuova serie animata. Una caratterizzazione dei personaggi fortemente debitrice delle esigenze di animazione ma efficace anche su carta, una ambientazione diversa dal solito, una leggenda a base di pirati, una partenza che lascia presagire una classica ma godibile caccia al tesoro e poi, quando si crede di essere appena all’inizio, la storia si conclude improvvisamente rivelandosi per quello che è realmente: una ten-page con l’unico scopo di pubblicizzare la serie tv ma che non ha e non ha mai avuto velleità di raccontare qualcosa. Viste le premesse, un vero peccato.
E così per avere soddisfazione bisogna affidarsi alla danese che chiude l’albo (la storia di Pippo e quella di Paperino Paperotto son appena un gradino più su delle DuckTales): non un capolavoro e con i suoi difetti, ma almeno crea un po’ di suspense ed evita che il sonno a cui stavamo cedendo dopo la lettura delle 120 pagine precedenti prenda definitivamente il sopravvento.
Tra i redazionali troviamo la terza ed ultima parte del servizio dedicato alle città futuristiche e qualche suggerimento per i ragazzi che hanno voglia di leggere.

Recensione di piccolobush


Accedi ai dati Inducks del fascicolo    Accedi alla discussione sul forum    Voto del recensore: 2/5    Voto medio: 2/5 (15 voti)   Esegui il login per inserire il tuo voto

 


La scala di votazione utilizzata è la seguente:

  •  Spendete meglio i vostri soldi...
  •  Bof.... giusto se già collezionate la testata...
  •  Nella media: non passerà alla storia, ma...
  •  Buono! Acquistatelo e non vi pentirete!
  •  Da acquistare, senza esitazioni!

Da tener presente che i voti non sono da intendersi in maniera "assoluta", ma vengono dati coerentemente con quello che ci si aspetta di trovare in una testata: ad esempio Paperino e Tesori Disney sono testate molto diverse tra di loro: la prima contiene esclusivamente ristampe di storie già apparse sulla testata, la seconda presenta storie di difficile reperibilità o addirittura qualche inedito (oltre, ovviamente, a tutta una serie di articoli). Il voto dato a due numeri di queste testate deve prendere in considerazione quello che ci si aspetta di trovare all'interno del fascicolo: un Paperino con ristampe di Bottaro, Scarpa, Carpi, Cavazzano e cosi' via, sarà giustamente ben valutato, e se anche dovesse prendere 5 stelle, non significa che in assoluto è migliore di un numero di Tesori che ne prende solamente 4!

 

Questo sito si serve dei cookie per la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico, condividendoli con Google. Se prosegui con la navigazione per me è come se avessi accettato. Se vuoi approfondire la questione, c'è il sito del Garante della privacy.  Accetta i cookies   |   Info sulla privacy