Benvenuto!
Per goderti al meglio il Papersera, effettua il login o crea una tua utenza.
Profilo Utente
 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Questi i recensori più attivi sulle pagine del Papersera:
  • V (244)
  • piccolobush (145)
  • Nebulina (100)
  • Malachia (97)
  • scrooge4 (86)
  • Paolo (85)
  • Paperinika (52)
  • A.Basettoni (43)
  • warren (43)
  • Gancio (40)
  • New_AMZ (37)
  • inthenight (32)
  • Everett_Ducklair (29)
  • Gladstone (28)
  • Samuele (26)
  • pacuvio (19)
  • cianfa88 (18)
  • Bruno (16)
  • MiTo (15)
  • marcosferruzza (14)

 

Disclaimer & Copyright

Questo sito non ha alcun rapporto con la Walt Disney Company e né ha scopo di lucro alcuno, si tratta semplicemente di un sito amatoriale, che può considerarsi un'opera di saggistica rivolta all'analisi e alla promozione dei fumetti Disney e dei loro autori, e si avvale del diritto di citazione.

 

Le copertine DisneyDallo storico Topolino, ai più oscuri supplementi: nella galleria delle copertine è possibile ammirare letteralmente migliaia di copertine, provenienti da quasi tutte le pubblicazioni Disney! E la collezione continua a crescere grazie alla collaborazione di molti appassionati.

 

 

Pagina visitata 413460 volte

 


Ricerca recensioni

Ricerca recensioni
Testata: Titolo: Numero:
Recensore: Voto: Anno:

Di seguito i fascicoli estratti con i criteri immessi, per tornare alla pagina dell'edicola clicca qui.



Nel commentare questo numero di Big sarebbe un vero crimine dimenticare il frutto di due interessanti pezzi da novanta del panorama contemporaneo, Topolino e il Grande Mare di Sabbia. Teresa Radice e Stefano Turconi ci offrono infatti una visione poliedrica dei loro personaggi e della società, analizzandone appieno le sfaccettature grafiche e ideologiche. Quanto ne deriva è uno stile frizzante, innovativo, dal taglio molto classico ma comunque attuale, capace di trasportare l’animo del lettore in una dimensione alternativa un po’ fra sogno e realtà, stupendolo, in merito anche a una necessaria introspezione legata al proprio trascorso (con le possibili conseguenze emotivo/sentimentali che la lettura può suscitare). Lo splendido messaggio alla base, il ritmo peculiare e le chine accentuate rendono l’opera in questione degna di essere ricordata al pari delle più famose avventure "isolane" dei Turks (L'isola senza prezzo e L'isola del Tesoro). Fra le altre ristampe meritevoli fa piacere ritrovare La colonizzazione del deserto, cavallo di battaglia pezziniano e fonte di innumerevoli spunti comici tipici degli anni Ottanta e Novanta, costruiti su virtuosismi e controsensi finissimi. Pezzin non si risparmia nemmeno una piccola autocitazione menzionando a metà intreccio certi iceberg di nostra conoscenza, rappresentati da De Vita Jr. magistralmente... per semplicità e impressione. Un’ulteriore storia di rilievo è Topolino e il ladro... invisibile, di Sergio Asteriti, con il suo tratto inconfondibile che risente molto delle atmosfere calde e avviluppanti della scuola americana, e di Bruno Concina. Quest’ultimo, artefice di ottimi testi impreziositi da certe popolari espressioni idiomatiche, riesce a trattare temi complessi, quali crisi economiche e differenze sociali, analizzandoli con naturalezza "nonostante" il target di riferimento del settimanale. Molto bravo anche Mezzavilla, che in una sezione dedicata a inusitate rapine si cimenta con bizzarri furti statuari, creando un giallo moderno mai caduto nel banale, nel quale ritroviamo molti aspetti dello stile dello sceneggiatore, come il tipico anticlimax introduttivo. Il solito Cimino contribuisce infine a tenere alto il livello qualitativo del tomo grazie a uno dei Diari Segreti dello Zione dotato di trama esotica e intreccio classico. Il racconto è parte integrante dell’ultima grande serie di fiabe dell’autore ed esamina, come Barks fece a suo tempo, l’ampiamente trattato topos della giovinezza nel freddo Klondike, indagandone i contorni spirituali in forma classica e sentita, con picchi tipici dei migliori racconti attorno al fuoco. Un plauso meritato anche ai disegni di Luciano Milano che, da bravo inchiostratore, tratteggia sfondi puliti e omogenei. Certo, la mancata pubblicazione del ciclo completo è un peccato, ma considerando i trascorsi della testata non dovrebbe stupire poi molto. In sintesi, un volume piuttosto convincente malgrado la presenza ormai costante di alcune noiose storie brevi recentemente pubblicate sulla testata madre. Sarà il tempo a dirci se il balenottero di casa Disney, imprevedibile per antonomasia, meriti davvero fiducia. Pertanto le tre stelle son d’obbligo.

Recensione di Topolino08


Accedi ai dati Inducks del fascicolo    Accedi alla discussione sul forum    Voto del recensore: 3/5    Voto medio: 3/5 (7 voti)   Esegui il login per inserire il tuo voto

 


La scala di votazione utilizzata è la seguente:

  •  Spendete meglio i vostri soldi...
  •  Bof.... giusto se già collezionate la testata...
  •  Nella media: non passerà alla storia, ma...
  •  Buono! Acquistatelo e non vi pentirete!
  •  Da acquistare, senza esitazioni!

Da tener presente che i voti non sono da intendersi in maniera "assoluta", ma vengono dati coerentemente con quello che ci si aspetta di trovare in una testata: ad esempio Paperino e Tesori Disney sono testate molto diverse tra di loro: la prima contiene esclusivamente ristampe di storie già apparse sulla testata, la seconda presenta storie di difficile reperibilità o addirittura qualche inedito (oltre, ovviamente, a tutta una serie di articoli). Il voto dato a due numeri di queste testate deve prendere in considerazione quello che ci si aspetta di trovare all'interno del fascicolo: un Paperino con ristampe di Bottaro, Scarpa, Carpi, Cavazzano e cosi' via, sarà giustamente ben valutato, e se anche dovesse prendere 5 stelle, non significa che in assoluto è migliore di un numero di Tesori che ne prende solamente 4!

 

Questo sito si serve dei cookie per la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico, condividendoli con Google. Se prosegui con la navigazione per me è come se avessi accettato. Se vuoi approfondire la questione, c'è il sito del Garante della privacy.  Accetta i cookies   |   Info sulla privacy