Benvenuto!
Per goderti al meglio il Papersera, effettua il login o crea una tua utenza.
Profilo Utente
 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Questi i recensori più attivi sulle pagine del Papersera:
  • V (244)
  • piccolobush (145)
  • Nebulina (100)
  • Malachia (97)
  • scrooge4 (86)
  • Paolo (85)
  • Paperinika (52)
  • A.Basettoni (43)
  • warren (43)
  • Gancio (40)
  • New_AMZ (37)
  • inthenight (32)
  • Everett_Ducklair (29)
  • Gladstone (28)
  • Samuele (26)
  • pacuvio (19)
  • cianfa88 (18)
  • Bruno (16)
  • MiTo (15)
  • marcosferruzza (14)

 

Disclaimer & Copyright

Questo sito non ha alcun rapporto con la Walt Disney Company e né ha scopo di lucro alcuno, si tratta semplicemente di un sito amatoriale, che può considerarsi un'opera di saggistica rivolta all'analisi e alla promozione dei fumetti Disney e dei loro autori, e si avvale del diritto di citazione.

 

Le copertine DisneyDallo storico Topolino, ai più oscuri supplementi: nella galleria delle copertine è possibile ammirare letteralmente migliaia di copertine, provenienti da quasi tutte le pubblicazioni Disney! E la collezione continua a crescere grazie alla collaborazione di molti appassionati.

 

 

Pagina visitata 413459 volte

 


Ricerca recensioni

Ricerca recensioni
Testata: Titolo: Numero:
Recensore: Voto: Anno:

Di seguito i fascicoli estratti con i criteri immessi, per tornare alla pagina dell'edicola clicca qui.



La copertina di Claudio Sciarrone, dedicata all’episodio de "La nuova storia e gloria della dinastia dei Paperi" apparso nello scorso libretto, ci introduce al nuovo numero di Topolino, che si apre con l’editoriale di Valentina De Poli, dedicato al nuovo lavoro dei ragazzi di "Progetto Giovani" della pediatria oncologica dell’Istituto dei Tumori di Milano. Si tratta di un fumetto intitolato Loop – Indietro non si torna, edito da Rizzoli Lizard, che riflette sulle nostre paure e sul coraggio e la forza che servono per affrontarle e superarle.
La prima storia del numero è il quinto e penultimo capitolo de La nuova storia e gloria della dinastia dei Paperi (Sisti/Sciarrone), sul quale non ci soffermeremo, rimandando il commento alla sua prossima conclusione.
Segue poi Nonna Papera e la somma prelibatezza (Panaro/Castellani). Nonna Papera affida all’editore Pagewrite la pubblicazione del suo ricettario e, durante la firma del contratto, scopre che esiste la "somma prelibatezza", la pietanza più buona mai esistita, amata anche dagli dei, la cui ricetta è ancora segreta. Per ritrovarla, Nonna Papera, Paperino e Ciccio si recano in Grecia, sul Parnaso. E’ un giallo scritto di mestiere, che procede senza particolari colpi di scena e si chiude in modo, forse, affrettato.
Castellani ritorna anche in Paperoga e l’epopea del cugino surrogato, divertente breve sceneggiata da D’Antona in cui Paperoga, improvvisato ventriloquo, costruisce un fantoccio in tutto uguale a Paperino. Stancatosi presto della nuova attività, si sbarazzerà del pupazzo che comincerà a girare la città, scatenando le ire dei creditori dell'incolpevole cugino.
Continuano gli episodi speciali delle Duck Tales, nati per pubblicizzare la serie animata in onda in contemporanea. Il Papero che urlava troppo è ambientato in un hotel isolato, circondato dalla neve, che ricorda molto quello di Shining, dove Paperino e nipoti incontrano Hitchduck, intento a girare un nuovo film. Anche in questo caso, come già notato la settimana scorsa, l’episodio scorre e si conclude troppo rapidamente, lasciando poco o nulla al lettore. Segue un’intervista a Luca Usai.
Chiude il libretto Paperino e il passato molto prossimo (Gilbert/Pujadas), storia divertente e scorrevole, in cui Paperino inizia a lavorare in un laboratorio nel quale uno scienziato sta sperimentando, senza successo, un gas ringiovanente sul proprio cane. Donald inspiegabilmente innesca la reazione che dà avvio al processo ringiovanente, rimanendone, però, coinvolto. Inizia quindi a ringiovanire, prima lentamente, poi sempre più rapidamente e, ritornato paperotto, finisce in classe con Qui, Quo e Qua, combinando mille pasticci. Fa riflettere il fatto che, negli ultimi dieci numeri, solo due non hanno avuto al loro interno la straniera: spesso ci si domanda infatti perché non si dia più spazio ad alcuni bravissimi autori italiani che si vedono sempre meno sul libretto, ma, d’altra parte, la storia danese risulta, secondo me, la migliore di questo numero.
Per quanto riguarda i redazionali segnaliamo "Dal Giappone con… amore" che ci porta a Tokyo per celebrare il ritorno della serie animata "Monchhichi", scimmiette bambolotto andate in onda in Italia per la prima volta all’inizio degli anni ’80. La sigla dell’epoca era cantata da Cristina d’Avena, mentre la versione attuale da Victoria Cabello, a cui è dedicata un’intervista all’interno del numero. L’articolo dà la possibilità anche di scoprire alcune particolarità del Giappone, come il monte Takao e il Monkey Park, o il Tokyo Motor Show e tutte le sue innovazioni. Gli altri redazionali sono dedicati alla Giornata Mondiale del Suolo del 5 Dicembre (dove con l’aiuto di Dinamite Bla, viene spiegato cos’è, come si forma e vengono dati consigli per preservarlo), al Musical di Robin Hood (che prossimamente comincia la tournee nei teatri italiani) e al Free Comic Book Day 2017.
In conclusione credo che questo sia un numero abbastanza sottotono, senza storie particolarmente riuscite.

Recensione di Chen Dai-Lem


Accedi ai dati Inducks del fascicolo    Accedi alla discussione sul forum    Voto del recensore: 2/5    Voto medio: 2/5 (16 voti)   Esegui il login per inserire il tuo voto

 


La scala di votazione utilizzata è la seguente:

  •  Spendete meglio i vostri soldi...
  •  Bof.... giusto se già collezionate la testata...
  •  Nella media: non passerà alla storia, ma...
  •  Buono! Acquistatelo e non vi pentirete!
  •  Da acquistare, senza esitazioni!

Da tener presente che i voti non sono da intendersi in maniera "assoluta", ma vengono dati coerentemente con quello che ci si aspetta di trovare in una testata: ad esempio Paperino e Tesori Disney sono testate molto diverse tra di loro: la prima contiene esclusivamente ristampe di storie già apparse sulla testata, la seconda presenta storie di difficile reperibilità o addirittura qualche inedito (oltre, ovviamente, a tutta una serie di articoli). Il voto dato a due numeri di queste testate deve prendere in considerazione quello che ci si aspetta di trovare all'interno del fascicolo: un Paperino con ristampe di Bottaro, Scarpa, Carpi, Cavazzano e cosi' via, sarà giustamente ben valutato, e se anche dovesse prendere 5 stelle, non significa che in assoluto è migliore di un numero di Tesori che ne prende solamente 4!

 

Questo sito si serve dei cookie per la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico, condividendoli con Google. Se prosegui con la navigazione per me è come se avessi accettato. Se vuoi approfondire la questione, c'è il sito del Garante della privacy.  Accetta i cookies   |   Info sulla privacy