Benvenuto!
Per goderti al meglio il Papersera, effettua il login o crea una tua utenza.
Profilo Utente
 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Questi i recensori più attivi sulle pagine del Papersera:
  • V (270)
  • piccolobush (160)
  • Nebulina (100)
  • Malachia (97)
  • scrooge4 (91)
  • Paolo (87)
  • Paperinika (52)
  • A.Basettoni (43)
  • warren (43)
  • Gancio (43)
  • inthenight (41)
  • New_AMZ (37)
  • Gladstone (31)
  • Everett_Ducklair (29)
  • Samuele (26)
  • MiTo (20)
  • pacuvio (19)
  • cianfa88 (18)
  • Chen Dai-Lem (18)
  • Bruno (16)

 

Disclaimer & Copyright

Questo sito non ha alcun rapporto con la Walt Disney Company e né ha scopo di lucro alcuno, si tratta semplicemente di un sito amatoriale, che può considerarsi un'opera di saggistica rivolta all'analisi e alla promozione dei fumetti Disney e dei loro autori, e si avvale del diritto di citazione.

 

Le copertine DisneyDallo storico Topolino, ai più oscuri supplementi: nella galleria delle copertine è possibile ammirare letteralmente migliaia di copertine, provenienti da quasi tutte le pubblicazioni Disney! E la collezione continua a crescere grazie alla collaborazione di molti appassionati.

 

 

Pagina visitata 385149 volte

 


Ricerca recensioni

Ricerca recensioni
Testata: Titolo: Numero:
Recensore: Voto: Anno:

Di seguito i fascicoli estratti con i criteri immessi, per tornare alla pagina dell'edicola clicca qui.



Prosegue la collana dedicata alle parodie, con la minima spesa possibile: copertina riciclata, paginetta scarsa con due informazioni sull'opera di Shakespeare e un po' di bio degli autori. Diciamo che, per quel che costa, meglio comprare questo volume, che contiene la stessa storia con altre aggiunte, non magnifiche ma non disprezzabili.
Riguardo alla storia, si tratta di un adattamento davvero ben riuscito, una parodia nel puro senso del termine. Giorgio Salati scrive una sceneggiatura briosa, frizzante, che sa far ridere e che mischia i passi celebri di Amleto con lo humour disneyano, rispettando e modernizzando l'approccio di Martina, e della Disney italiana degli anni '50 e '60, alla parodia. Non possiamo non pensare infatti alla rivisitazione del classico del 1960, in cui veniva sottolineata maggiormente l'arroganza e la prepotenza di Paperino, che lottava comunque solo contro la cattiveria di Paperone e Gastone. In Duckleto, invece, Salati si concentra sullo slapstick, sulla gag demenziale, sull'assoluta follia declinata in maniera positiva che avvolge tutto il castello, e che tocca i vari personaggi in diversi modi. Inserisce tormentoni, ironizza sulle canzoni, e fa correre i personaggi in lungo e in largo, donando un'allegra atmosfera.
I disegni di Paolo De Lorenzi risultano validi anche se, purtroppo, non lasciano ancora il segno. Pare del tutto evidente che, rispetto a parodie maggiormente celebrate come Moby Dick o Dracula, a Duckleto sia mancato quello sforzo promozionale e creativo che finisce purtroppo per metterla in secondo piano. Peccato, perchè si tratta davvero di una storia valida, che sfrutta l'opera originale e l'umorismo per creare qualcosa di genuinamente disneyano, un'allegra sarabanda scanzonata e che non ha eccessive pretese di autorialità. Sinceramente, un approccio artigianale che dovrebbe toccare tutte le storie, e non solo quelle da promuovere con la grancassa mediatica.
Insomma, una storia che merita di essere maggiormente conosciuta, ma che viene pubblicata in un'edizione piuttosto scialba e che promette molto più di quanto mantenga. Questo spiega le tre stelle, e il nostro consiglio a leggere la storia nel volume citato all'inizio, che conferma la bulimica e frenetica campagna Panini di sole ristampe.

Recensione di V


Accedi ai dati Inducks del fascicolo    Accedi alla discussione sul forum    Voto del recensore: 3/5    Voto medio: 3/5 (15 voti)   Esegui il login per inserire il tuo voto

 


La scala di votazione utilizzata è la seguente:

  •  Spendete meglio i vostri soldi...
  •  Bof.... giusto se già collezionate la testata...
  •  Nella media: non passerà alla storia, ma...
  •  Buono! Acquistatelo e non vi pentirete!
  •  Da acquistare, senza esitazioni!

Da tener presente che i voti non sono da intendersi in maniera "assoluta", ma vengono dati coerentemente con quello che ci si aspetta di trovare in una testata: ad esempio Paperino e Tesori Disney sono testate molto diverse tra di loro: la prima contiene esclusivamente ristampe di storie già apparse sulla testata, la seconda presenta storie di difficile reperibilità o addirittura qualche inedito (oltre, ovviamente, a tutta una serie di articoli). Il voto dato a due numeri di queste testate deve prendere in considerazione quello che ci si aspetta di trovare all'interno del fascicolo: un Paperino con ristampe di Bottaro, Scarpa, Carpi, Cavazzano e cosi' via, sarà giustamente ben valutato, e se anche dovesse prendere 5 stelle, non significa che in assoluto è migliore di un numero di Tesori che ne prende solamente 4!

 

Questo sito si serve dei cookie per la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico, condividendoli con Google. Se prosegui con la navigazione per me è come se avessi accettato. Se vuoi approfondire la questione, c'è il sito del Garante della privacy.  Accetta i cookies   |   Info sulla privacy