Benvenuto!
Per goderti al meglio il Papersera, effettua il login o crea una tua utenza.
Profilo Utente
 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Questi i recensori più attivi sulle pagine del Papersera:
  • V (271)
  • piccolobush (167)
  • Nebulina (100)
  • Malachia (97)
  • scrooge4 (93)
  • Paolo (87)
  • Paperinika (52)
  • Gancio (46)
  • inthenight (44)
  • warren (43)
  • A.Basettoni (43)
  • New_AMZ (37)
  • Gladstone (32)
  • Everett_Ducklair (29)
  • Samuele (26)
  • Chen Dai-Lem (24)
  • MiTo (23)
  • pacuvio (19)
  • cianfa88 (18)
  • Bruno (16)

 

Disclaimer & Copyright

Questo sito non ha alcun rapporto con la Walt Disney Company e né ha scopo di lucro alcuno, si tratta semplicemente di un sito amatoriale, che può considerarsi un'opera di saggistica rivolta all'analisi e alla promozione dei fumetti Disney e dei loro autori, e si avvale del diritto di citazione.

 

Le copertine DisneyDallo storico Topolino, ai più oscuri supplementi: nella galleria delle copertine è possibile ammirare letteralmente migliaia di copertine, provenienti da quasi tutte le pubblicazioni Disney! E la collezione continua a crescere grazie alla collaborazione di molti appassionati.

 

 

Pagina visitata 414722 volte

 


Ricerca recensioni

Ricerca recensioni
Testata: Titolo: Numero:
Recensore: Voto: Anno:

Di seguito i fascicoli estratti con i criteri immessi, per tornare alla pagina dell'edicola clicca qui.



L'avvicinarsi del Natale porta molto spesso frutti ambigui sui Grandi Classici: si va dalle corali commedie martiniane alle storie di Biancaneve oscillanti fra robusti lavori di gotica ispirazione e debolucci rifacimenti del Classico madre, da "favole moderne" incentrate sulla sfortuna di Paperino o sulla generosità di Pippo o Topolino a opere di genio comico puro marcate Carl Barks. A seconda dei gusti del lettore e dell'impegno dell'autore a svincolarsi dal pestifero appiattimento di toni che resta in agguato a ogni passo, si tratta di storie ottime, medie o scadenti. Il numero di dicembre 2017 offre un'ampia gamma, nella quale a parere di chi scrive non si hanno elementi che scintillino particolarmente. Pippo e l'ultimo viaggio di Babbo Natale ospita dei disegni strepitosi, ma Luigi Mignacco non appare spingersi molto oltre la soglia del già visto in questo ambito; e in fondo non si può dire che la storia ospiti più di una idea specifica, sviluppata con tutti gli strumenti del mestiere ma non intrecciata con una ispirazione complessa come sarebbe nel più genuino stile disneyano.
Purtroppo - e sottolineo purtroppo - il giudizio su storie come Ezechiele Lupo e la vigilia movimentata e Dumbo e lo spirito natalizio è sempre e comunque lo stesso: storie scritte per un pubblico episodico, di cui fu pienamente legittima la pubblicazione in quel contesto ma di cui non appare imprescindibile la ristampa. Trama, dialoghi, personaggi, stile sceneggiatorio, persino i disegni, nessuna delle categorie cardine di una storia gode di particolare fulgore; una sull'altra, si stampano, si leggono, si archiviano per essere confuse tra loro.
Certo meno attesa l'ispirazione di Topolino e l'uovo di Natale, ma bisogna dire che non si tratta di una punta nella produzione del Professore; anche qui ristampa non imprescindibile, ma che si fa almeno ricordare (quello sì) per l'ineffabile serpente Candido e il modo impagabile con cui lo tratta Pippo.
E neppure Carl Barks, nonostante lo stile ineguagliabile lo salvi ancora sempre e comunque, partorisce il suo più grande capolavoro con Paperino e il Natale sottomarino, originale nell'ispirazione ma forse (posso?) un po' calante nello sviluppo.
Fin qui dunque il comparto natalizio. La vetta è certo altrove, in Paperinika contro Paperinik, storia seguito di "Paperinika e il filo di Arianna", certo non irristampata, ma che lascia decisamente respirare, a partire dai disegni tesi e pulitissimi (oltre che indicibilmente comici) per finire con una sceneggiatura distillata e caricata, sempre direzionale, di carattere ma sottile. E poi Paperetta Yè-Yè e il ricettario abbuffatorio, che risente solo poco della vocazione "teatrale" dello Scarpa corale (cui fa da collante azzeccato una ben giocata Paperetta) regalando una lettura viva e gradevole, nonostante la banalità (lo è mai davvero in Scarpa?) dello spunto.
Quanto al resto, Paperino e il mostro mangialoro ammetto di averla dimenticata (ciò senza infamia, comunque), mentre è da registrarsi uno sviluppo non scontato almeno per Topolino e il mostro del lago, che però si appoggia su uno stile assai impersonale (di cui si può sempre incolpare la traduzione, senz'altro) e disegni che non incontrano il mio personale favore in parte per lo stesso motivo (ma si può sempre incolpare la stampa!). Cosa rimane? Topolino e le manette magiche, che avrebbe anche uno sviluppo interessante e un minimo travolgente se non balzasse in mente ad ogni pagina che Macchia Nera potrebbe benissimo... tagliare il braccio a Topolino; insomma va detto che la storia appare un poco campata in aria in più punti. Un passo incerto che un autore di valore come Pavese può certamente permettersi. Meno valida, questa asserzione, per una testata come i Grandi Classici che sta attraversando un periodo abbastanza ambiguo: non fallimentare, ma ancora lontano dai fasti che potrebbe assicurarsi.
Ciò detto, buona lettura e buone feste, in attesa del chiudersi del secondo anno di questa nuova serie!

Recensione di Dominatore delle Nuvole


Accedi ai dati Inducks del fascicolo    Accedi alla discussione sul forum    Voto del recensore: 2/5    Voto medio: 3/5 (22 voti)   Esegui il login per inserire il tuo voto

 


La scala di votazione utilizzata è la seguente:

  •  Spendete meglio i vostri soldi...
  •  Bof.... giusto se già collezionate la testata...
  •  Nella media: non passerà alla storia, ma...
  •  Buono! Acquistatelo e non vi pentirete!
  •  Da acquistare, senza esitazioni!

Da tener presente che i voti non sono da intendersi in maniera "assoluta", ma vengono dati coerentemente con quello che ci si aspetta di trovare in una testata: ad esempio Paperino e Tesori Disney sono testate molto diverse tra di loro: la prima contiene esclusivamente ristampe di storie già apparse sulla testata, la seconda presenta storie di difficile reperibilità o addirittura qualche inedito (oltre, ovviamente, a tutta una serie di articoli). Il voto dato a due numeri di queste testate deve prendere in considerazione quello che ci si aspetta di trovare all'interno del fascicolo: un Paperino con ristampe di Bottaro, Scarpa, Carpi, Cavazzano e cosi' via, sarà giustamente ben valutato, e se anche dovesse prendere 5 stelle, non significa che in assoluto è migliore di un numero di Tesori che ne prende solamente 4!

 

Questo sito si serve dei cookie per la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico, condividendoli con Google. Se prosegui con la navigazione per me è come se avessi accettato. Se vuoi approfondire la questione, c'è il sito del Garante della privacy.  Accetta i cookies   |   Info sulla privacy