Benvenuto!
Per goderti al meglio il Papersera, effettua il login o crea una tua utenza.
Profilo Utente
 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Questi i recensori più attivi sulle pagine del Papersera:
  • V (271)
  • piccolobush (167)
  • Nebulina (100)
  • Malachia (97)
  • scrooge4 (93)
  • Paolo (87)
  • Paperinika (52)
  • Gancio (46)
  • inthenight (44)
  • A.Basettoni (43)
  • warren (43)
  • New_AMZ (37)
  • Gladstone (32)
  • Everett_Ducklair (29)
  • Samuele (26)
  • MiTo (23)
  • Chen Dai-Lem (23)
  • pacuvio (19)
  • cianfa88 (18)
  • Bruno (16)

 

Disclaimer & Copyright

Questo sito non ha alcun rapporto con la Walt Disney Company e né ha scopo di lucro alcuno, si tratta semplicemente di un sito amatoriale, che può considerarsi un'opera di saggistica rivolta all'analisi e alla promozione dei fumetti Disney e dei loro autori, e si avvale del diritto di citazione.

 

Le copertine DisneyDallo storico Topolino, ai più oscuri supplementi: nella galleria delle copertine è possibile ammirare letteralmente migliaia di copertine, provenienti da quasi tutte le pubblicazioni Disney! E la collezione continua a crescere grazie alla collaborazione di molti appassionati.

 

 

Pagina visitata 413079 volte

 


Ricerca recensioni

Ricerca recensioni
Testata: Titolo: Numero:
Recensore: Voto: Anno:

Di seguito i fascicoli estratti con i criteri immessi, per tornare alla pagina dell'edicola clicca qui.



Il numero di questa settimana è pienamente immerso nei due fenomeni di costume tipici di questo periodo: il Carnevale e il Festival di Sanremo. Alla kermesse canora, giunta alla 68° edizione, sono dedicati l’ottima copertina di Mattia Surroz, l’editoriale di Valentina De Poli e, come di consueto, un articolo di approfondimento che presenta i 20 Big e gli 8 Giovani in gara. Inoltre Zio Paperone e la singolar canzone (Sisti/De Lorenzi) ci racconta come è nata la manifestazione nel mondo dei paperi. In una Sanremo del 1367, Paperino organizza un festival della canzone per liberare la città dalle tasse che Paperone, signore di Genova, continua ad imporre ai suoi abitanti. Anche i Pirati Bassotteschi si fanno prendere dall'entusiasmo, partecipando alla gara, dando vita ad una tradizione che, a dispetto delle previsioni di Paperone, continuerà fino ai nostri giorni.
Uno degli elementi che caratterizzano questa storia sono le espressioni tipiche del dialetto genovese. Il dialetto, ma questa volta veneziano, viene ripreso anche nella prima storia del numero Zio Paperone e la Mora di Venezia (Arrighini/Mazzarello) che riporta Paperone (dopo Topolino e il ferro d’oro di Romano Scarpa) in uno dei carnevali più famosi d’Italia: il Carnevale di Venezia. Costretto da un’eccentrica contessa a partecipare a un ballo in maschera per concludere un affare, il papero più ricco del mondo diventerà oggetto di una diatriba amorosa tra la stessa contessa mascherata e l’immancabile Brigitta (che non ci risparmia anche in questo caso la gag della sua età... dobbiamo dire che il fatto di doverla leggere quasi tutte le settimane nella rubrica Chiedilo al Topo non aiuta a rendere la scenetta più divertente). A loro si aggiunge anche Amelia, che vuole approfittare della situazione per impossessarsi della Numero Uno. La storia è piacevole anche se Mazzarello in alcune vignette non riesce a rendere al meglio le espressioni dei personaggi mentre, dal punto di vista della sceneggiatura, si poteva approfondire un po’ di più l'aspetto dialettale. Dispiace, infatti, che si ricorra al dialetto veneto utilizzando sempre quelle due o tre parole, diventate ormai stereotipi, che, a lungo andare, creano quasi un effetto caricaturale e l’unica espressione un po’ più complessa (il «cos’ te gavete dito, siora?» detto in una vignetta dal gondoliere) risulta addirittura sbagliata.
Molto bello è, invece, l’articolo dedicato al carnevale veneziano che racconta le origini di questa manifestazione e ne descrive alcune particolarità.
Indiana Pipps e il vortice delle nebbie (Panini/Zironi) è un’altra buona storia, per me la migliore del numero; ci porta in un’avventura in cui si riscopre il rapporto profondo tra Indiana Pipps e la mitica Gippippa. La storia procede con un buon ritmo, buoni colpi di scena e Zironi fa un ottimo lavoro con i disegni.
I disegni sono, invece, la parte un po’ più ostica di Paperino, Paperoga e l’inseguimento fotografico di Rossi Edrighi (all’esordio sulle pagine di Topolino) e Lavoradori. Paperino, dopo aver comprato un costoso soprammobile di design per il compleanno di Paperina, incontra Paperoga che, come sempre, riesce a complicargli la vita. La storia è piacevole, anche se in alcuni momenti sembra essere troppo lunga e lo stile del disegnatore veneto risulta sempre un po’ troppo stilizzato e spigoloso, pur adattandosi bene al dinamismo della trama.
Fanalino di coda del numero è sicuramente Sole a scacchi - Bassotti &…Tassotti (Camerini/Asaro). I Bassotti tentano il furto nella casa di un noto fumettista, nella speranza di rubare il raro numero 1 di un fumetto che tanto amano e che non sono mai riusciti a leggere perché uscito mentre erano in punizione a scuola. Purtroppo i due autori in questa breve non riescono ad essere incisivi, la storia risulta abbastanza sconclusionata e scorre via senza un guizzo e senza lasciare nulla al lettore.
Tornando ai redazionali, molto interessante quello dedicato alla scuola dei robot, in cui si capisce quanta distanza ci sia e, probabilmente, ci sarà sempre tra l’uomo, dotato di intuito, e la macchina, in grado solo di rispondere a dei comandi.
Nel complesso, ci troviamo di fronte a un numero riuscito, con quattro storie buone e una bellissima copertina.

Recensione di Chen Dai-Lem


Accedi ai dati Inducks del fascicolo    Accedi alla discussione sul forum    Voto del recensore: 3/5    Voto medio: 3/5 (22 voti)   Esegui il login per inserire il tuo voto

 


La scala di votazione utilizzata è la seguente:

  •  Spendete meglio i vostri soldi...
  •  Bof.... giusto se già collezionate la testata...
  •  Nella media: non passerà alla storia, ma...
  •  Buono! Acquistatelo e non vi pentirete!
  •  Da acquistare, senza esitazioni!

Da tener presente che i voti non sono da intendersi in maniera "assoluta", ma vengono dati coerentemente con quello che ci si aspetta di trovare in una testata: ad esempio Paperino e Tesori Disney sono testate molto diverse tra di loro: la prima contiene esclusivamente ristampe di storie già apparse sulla testata, la seconda presenta storie di difficile reperibilità o addirittura qualche inedito (oltre, ovviamente, a tutta una serie di articoli). Il voto dato a due numeri di queste testate deve prendere in considerazione quello che ci si aspetta di trovare all'interno del fascicolo: un Paperino con ristampe di Bottaro, Scarpa, Carpi, Cavazzano e cosi' via, sarà giustamente ben valutato, e se anche dovesse prendere 5 stelle, non significa che in assoluto è migliore di un numero di Tesori che ne prende solamente 4!

 

Questo sito si serve dei cookie per la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico, condividendoli con Google. Se prosegui con la navigazione per me è come se avessi accettato. Se vuoi approfondire la questione, c'è il sito del Garante della privacy.  Accetta i cookies   |   Info sulla privacy