Benvenuto!
Per goderti al meglio il Papersera, effettua il login o crea una tua utenza.
Profilo Utente
 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Questi i recensori più attivi sulle pagine del Papersera:
  • V (271)
  • piccolobush (165)
  • Nebulina (100)
  • Malachia (97)
  • scrooge4 (93)
  • Paolo (87)
  • Paperinika (52)
  • Gancio (45)
  • inthenight (44)
  • A.Basettoni (43)
  • warren (43)
  • New_AMZ (37)
  • Gladstone (31)
  • Everett_Ducklair (29)
  • Samuele (26)
  • Chen Dai-Lem (22)
  • MiTo (21)
  • pacuvio (19)
  • cianfa88 (18)
  • Bruno (16)

 

Disclaimer & Copyright

Questo sito non ha alcun rapporto con la Walt Disney Company e né ha scopo di lucro alcuno, si tratta semplicemente di un sito amatoriale, che può considerarsi un'opera di saggistica rivolta all'analisi e alla promozione dei fumetti Disney e dei loro autori, e si avvale del diritto di citazione.

 

Le copertine DisneyDallo storico Topolino, ai più oscuri supplementi: nella galleria delle copertine è possibile ammirare letteralmente migliaia di copertine, provenienti da quasi tutte le pubblicazioni Disney! E la collezione continua a crescere grazie alla collaborazione di molti appassionati.

 

 

Pagina visitata 406562 volte

 


Ricerca recensioni

Ricerca recensioni
Testata: Titolo: Numero:
Recensore: Voto: Anno:

Di seguito i fascicoli estratti con i criteri immessi, per tornare alla pagina dell'edicola clicca qui.



Un titolo fluviale ci introduce al primo restyling della giovane testata bimestrale, in edicola da due anni. Il filone degli autori stranieri non ha forse dato gli esiti sperati, e si è tornati ai più rassicuranti autori italiani, scegliendo però quelli che hanno pubblicato all'estero. Punto di vista interessante, per quanto un po' provinciale: spesso le sceneggiature danesi della Egmont non hanno portato a grandi perle. Insieme a questa "novità", la testata si assesta sulle 196 pagine, mantiene lo stesso prezzo e perde le alette, risultando un po' debole come composizione generale. Anche gli articoli presenti hanno perso pezzi - due da sole tre pagine ciascuno - ma risultano validi e con un buon apparato iconografico. In generale, però, il primo volume è molto buono, grazie alle storie contenute.
Celebrare Rota come autore italiano all'estero è buona cosa, in quanto si tratta di un precursore che, non interessato al trasferimento della licenza Disney da Mondadori a Disney Italia, decise di disegnare per la casa editrice danese Egmont su sceneggiature altrui ma spesso su quelle proprie, realizzando anche copertine e illustrazioni, aspetto questo di cui si era occupato particolarmente in Italia per quasi tutte le testate, dal settimanale agli Albi fino ai Classici e agli Almanacchi.
Il volume accoglie tutte storie già pubblicate su Zio Paperone, dotate di una bella colorazione e del lettering di Ceresa. Si tratta di materiale perlopiù da autore completo, e che spazia dal 1993 a 2001, con un paio di eccezioni più antiche. Da un punto di vista grafico, è uno dei Rota più interessanti: molto classico, plastico, vicino alla linea di Barks ma affezionato ad un'idea di ambientazioni e paesaggi realistici, e con quale contrappunto ironico in giro (gli uccellini con i cappelli dei personaggi, dettagli citazionistici, strizzatine d'occhio). E poi certo ci sono i paperi, bellissimi, ricchi di personalità e di fascino, armoniosi e dotati di identità. Certo, non sempre le sceneggiature sono all'altezza, ma Rota si diverte e spazia tra differente tematiche, dalle ambientazioni esotiche alle avventure urbane, fino agli amati paesaggi marini e alle storie piratesche. CI piace sottolineare una storia persa tra le nevi, in cui l'interazione tra Paperone e Paperino è assai ricercata e davvero realistica e credibile.
In generale un buon albo, anche se spiace non vedere nessuna inedita, come era accaduto nel decimo numero, sempre dedicato a Rota. Il generale impoverimento della testata, che accompagna un'altra serie di ripensamenti in tutte le pubblicazioni Disney - Panini, non fa ben sperare. I prossimi due numeri saranno dedicati a Scarpa, in cui ci sarà senz'altro materiale dell'amato - odiato Studio Disney, già qui presente. Materiale interessante, ma già visto. Speriamo che a rimpolpare ci sia del materiale critico sufficiente, dato che in questo primo numero sarebbe stato bello avere un ricco portfolio con la lunga carriera da copertinista di Rota, e che invece non c'è stato.

Recensione di V


Accedi ai dati Inducks del fascicolo    Accedi alla discussione sul forum    Voto del recensore: 3/5    Voto medio: 4/5 (22 voti)   Esegui il login per inserire il tuo voto

 


La scala di votazione utilizzata è la seguente:

  •  Spendete meglio i vostri soldi...
  •  Bof.... giusto se già collezionate la testata...
  •  Nella media: non passerà alla storia, ma...
  •  Buono! Acquistatelo e non vi pentirete!
  •  Da acquistare, senza esitazioni!

Da tener presente che i voti non sono da intendersi in maniera "assoluta", ma vengono dati coerentemente con quello che ci si aspetta di trovare in una testata: ad esempio Paperino e Tesori Disney sono testate molto diverse tra di loro: la prima contiene esclusivamente ristampe di storie già apparse sulla testata, la seconda presenta storie di difficile reperibilità o addirittura qualche inedito (oltre, ovviamente, a tutta una serie di articoli). Il voto dato a due numeri di queste testate deve prendere in considerazione quello che ci si aspetta di trovare all'interno del fascicolo: un Paperino con ristampe di Bottaro, Scarpa, Carpi, Cavazzano e cosi' via, sarà giustamente ben valutato, e se anche dovesse prendere 5 stelle, non significa che in assoluto è migliore di un numero di Tesori che ne prende solamente 4!

 

Questo sito si serve dei cookie per la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico, condividendoli con Google. Se prosegui con la navigazione per me è come se avessi accettato. Se vuoi approfondire la questione, c'è il sito del Garante della privacy.  Accetta i cookies   |   Info sulla privacy