Benvenuto!
Per goderti al meglio il Papersera, effettua il login o crea una tua utenza.
Profilo Utente
 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Questi i recensori più attivi sulle pagine del Papersera:
  • V (260)
  • piccolobush (153)
  • Nebulina (100)
  • Malachia (97)
  • scrooge4 (90)
  • Paolo (85)
  • Paperinika (52)
  • A.Basettoni (43)
  • warren (43)
  • Gancio (42)
  • inthenight (40)
  • New_AMZ (37)
  • Gladstone (30)
  • Everett_Ducklair (29)
  • Samuele (26)
  • pacuvio (19)
  • cianfa88 (18)
  • MiTo (16)
  • Bruno (16)
  • marcosferruzza (14)

 

Disclaimer & Copyright

Questo sito non ha alcun rapporto con la Walt Disney Company e né ha scopo di lucro alcuno, si tratta semplicemente di un sito amatoriale, che può considerarsi un'opera di saggistica rivolta all'analisi e alla promozione dei fumetti Disney e dei loro autori, e si avvale del diritto di citazione.

 

Le copertine DisneyDallo storico Topolino, ai più oscuri supplementi: nella galleria delle copertine è possibile ammirare letteralmente migliaia di copertine, provenienti da quasi tutte le pubblicazioni Disney! E la collezione continua a crescere grazie alla collaborazione di molti appassionati.

 

 

Pagina visitata 465954 volte

 


Ricerca recensioni

Ricerca recensioni
Testata: Titolo: Numero:
Recensore: Voto: Anno:

Di seguito i fascicoli estratti con i criteri immessi, per tornare alla pagina dell'edicola clicca qui.



Aver scelto di dedicare questa collana, sorta di versione moderna de I Maestri Disney, dopo Cavazzano, a Massimo De Vita, è decisamente azzeccata. L'autore milanese da più di cinquant'anni porta avanti un silenzioso e rispettoso atto d'amore per i personaggi disney, soprattutto per gli abitanti di Topolinia. De Vita si contraddistingue per un felice stile, il cui apice è stato raggiunto a cavallo del millennio per i topi e negli anni '80 per i paperi, e per un solido talento narrativo. Pur non essendo moltissime le sue storie da autore completo, si tratta sempre di vicende segnanti, mentre è noto quanto di personale apporti a sceneggiature altrui.
Questi quattro numeri saranno declinati, intelligentemente, in monografie, a partire dai paperi. E infatti abbiamo qui, in ordine cronologico, storie che vanno dal 1963 al 1989, quasi tutte su testi propri. Questo approccio, non solo mostra fin da subito un'azzeccata regia scrittoria, ma ci permette anche di apprezzare l'evoluzione stilistica. Infatti, nella sagra della frittella è ancora evidente il debito nei confronti del padre, Pier Lorenzo, cui si ispira con affetto. Ma già nel 1981 il tratto evolve, per poi raggiungere pienezza attorno al 1986 per quello che riguarda i paperi. Narrativamente parlando sono tutte storie solide, divertenti, che fanno il loro lavoro.
Nella lotta dietetica abbiamo il Paperinik un po' bolso e poco eroico tipico di Pezzin, alle prese con spunti di leggera satira sociale, ma sempre sul filo della risata. Invece, nel tempo delle mele troviamo Qui Quo Qua ben caratterizzati, in un'affettuosa parodia del celebre teen movie. Anche se sia Marconi che De Vita hanno realizzato un buon lavoro, sinceramente queata storia, ultra ristampata, poteva essere saltata in favore di altro, in primis un certo matrimonio.
Dal punto di vista editoriale, la testata conferma la sua eleganza, anche se i contributi critici e iconografici sono più scarni rispetto a quanto visto con Cavazzano.
In generale, comunque, si tratta di un buon punto di partenza, per una serie che può celebrare in maniera degna Massimo De Vita.

Recensione di V


Accedi ai dati Inducks del fascicolo    Accedi alla discussione sul forum    Voto del recensore: 4/5    Voto medio: 4/5 (12 voti)   Esegui il login per inserire il tuo voto

 


La scala di votazione utilizzata è la seguente:

  •  Spendete meglio i vostri soldi...
  •  Bof.... giusto se già collezionate la testata...
  •  Nella media: non passerà alla storia, ma...
  •  Buono! Acquistatelo e non vi pentirete!
  •  Da acquistare, senza esitazioni!

Da tener presente che i voti non sono da intendersi in maniera "assoluta", ma vengono dati coerentemente con quello che ci si aspetta di trovare in una testata: ad esempio Paperino e Tesori Disney sono testate molto diverse tra di loro: la prima contiene esclusivamente ristampe di storie già apparse sulla testata, la seconda presenta storie di difficile reperibilità o addirittura qualche inedito (oltre, ovviamente, a tutta una serie di articoli). Il voto dato a due numeri di queste testate deve prendere in considerazione quello che ci si aspetta di trovare all'interno del fascicolo: un Paperino con ristampe di Bottaro, Scarpa, Carpi, Cavazzano e cosi' via, sarà giustamente ben valutato, e se anche dovesse prendere 5 stelle, non significa che in assoluto è migliore di un numero di Tesori che ne prende solamente 4!

 

Questo sito si serve dei cookie per la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico, condividendoli con Google. Se prosegui con la navigazione per me è come se avessi accettato. Se vuoi approfondire la questione, c'è il sito del Garante della privacy.  Accetta i cookies   |   Info sulla privacy