Benvenuto!
Per goderti al meglio il Papersera, effettua il login o crea una tua utenza.
Profilo Utente
 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Questi i recensori più attivi sulle pagine del Papersera:
  • V (272)
  • piccolobush (169)
  • Nebulina (100)
  • Malachia (97)
  • scrooge4 (94)
  • Paolo (87)
  • Paperinika (52)
  • Gancio (47)
  • inthenight (45)
  • warren (43)
  • A.Basettoni (43)
  • New_AMZ (37)
  • Gladstone (33)
  • Everett_Ducklair (29)
  • Samuele (26)
  • Chen Dai-Lem (26)
  • MiTo (23)
  • pacuvio (19)
  • cianfa88 (18)
  • Bruno (16)

 

Disclaimer & Copyright

Questo sito non ha alcun rapporto con la Walt Disney Company e né ha scopo di lucro alcuno, si tratta semplicemente di un sito amatoriale, che può considerarsi un'opera di saggistica rivolta all'analisi e alla promozione dei fumetti Disney e dei loro autori, e si avvale del diritto di citazione.

 

Le copertine DisneyDallo storico Topolino, ai più oscuri supplementi: nella galleria delle copertine è possibile ammirare letteralmente migliaia di copertine, provenienti da quasi tutte le pubblicazioni Disney! E la collezione continua a crescere grazie alla collaborazione di molti appassionati.

 

 

Pagina visitata 431262 volte

 


Ricerca recensioni

Ricerca recensioni
Testata: Titolo: Numero:
Recensore: Voto: Anno:

Di seguito i fascicoli estratti con i criteri immessi, per tornare alla pagina dell'edicola clicca qui.



Altezza notevole, occhi penetranti, impermeabile; grosso naso a tartufo. Se dovessimo tracciare un identikit del commissario Topalbano non potremmo adoperare altri termini: un po’ per il setting grafico d’esordio, così caratteristico e a tempo stesso disneyano, un po’ per come il suo impatto ha avuto risonanza nell’immaginario di Topolinia. Nel tempo il baldo poliziotto di "Vigatta" si è elevato a personaggio universo: si è fatto carico di un microcosmo autonomo e ha interagito con Mickey soltanto per pura deformazione, demolendo ogni cliché ed evitando certi imbarazzanti "furti di professione" comunque possibili.
E i risultati, in questo terzo volume di Disney Noir, si vedono sin dall’inizio. Per realizzare La promessa del gatto, Francesco Artibani va ben oltre il semplice concetto di parodia e immerge Topolino in un contesto urbano maturo, dove le parole mafia e doppiogioco sono tuttora all’ordine del giorno. Una carta vincente, ma non certo l’unica: anche il ricco cast di aiutanti, cattivi e comparse briose facilita l’approccio, così come le matite di Giorgio Cavazzano e Giampaolo Soldati, e i colori di Mirka Andolfo. Il tratto di Cavazzano in particolar modo inquadra la bella isola del Mediterraneo come una terra sì martoriata dal crimine, ma sempre fieramente radicata alla tradizione, dalla quale è faticoso separarsi anche una volta giunti alla parola fine. E dev’essere così anche per Topalbano, chiamato ad agire in trasferta (e dove se non negli Stati Uniti?) nell’ideale e diametralmente opposto sequel, sempre opera di Artibani. Lo zio d’America è un’altra avventura valida, memorabile per la scelta di tematiche non proprio usuali ai canoni di liceità, come vizio del gioco e concussione. A voler ben guardare la sceneggiatura pecca un filino in arditezza: il tipico ritmo in crescendo viene stravolto da un finale affrettato e privo di spunti per la continuazione del ciclo, poi in seguito pubblicata, ma esclusa da quest’albo per mere cause di foliazione.
La sua estromissione lascia però spazio a un mondo narrativo molto simile che su parecchi fronti ne è stato il diretto precursore: MMMM. Nel caso di Estrelita è ancora una volta Artibani a trarre le fila della vicenda, imbastendo quello che forse è l’intrigo più ardito dei tre proposti, ma a tempo stesso il più effimero, risoltosi in poche vignette per mezzo di un colpo di scena che rivelare darebbe noie al lettore. Interessante da notare è la pubblicazione così ravvicinata delle due serie, seppur per piccoli frammenti; i punti in comune abbondano e il fine ultimo è il medesimo: ricondurre Topolino sul ring per fargli arguire i propri limiti, i propri errori e le proprie debolezze. Renderlo cattivo. E chissà che in futuro il magazine del mistero non ritorni a nuova vita, anche alla luce del successo di Topalbano.
E poi... che altro offre questo terzo numero di Disney Noir? Ampio spazio viene dato agli articoli a corredo delle storie, una buona presentazione di Estrelita e un lungo e ben curato editoriale sul genere giallo nel Bel Paese. Acquisto, insomma, caldamente consigliato: una gradevole antologia del Topo, dello stilema noir e di uno dei più grandi sceneggiatori che via via negli anni ha coniugato i due elementi.

Recensione di Topolino08


Accedi ai dati Inducks del fascicolo    Accedi alla discussione sul forum    Voto del recensore: 4/5    Voto medio: 3/5 (11 voti)   Esegui il login per inserire il tuo voto

 


La scala di votazione utilizzata è la seguente:

  •  Spendete meglio i vostri soldi...
  •  Bof.... giusto se già collezionate la testata...
  •  Nella media: non passerà alla storia, ma...
  •  Buono! Acquistatelo e non vi pentirete!
  •  Da acquistare, senza esitazioni!

Da tener presente che i voti non sono da intendersi in maniera "assoluta", ma vengono dati coerentemente con quello che ci si aspetta di trovare in una testata: ad esempio Paperino e Tesori Disney sono testate molto diverse tra di loro: la prima contiene esclusivamente ristampe di storie già apparse sulla testata, la seconda presenta storie di difficile reperibilità o addirittura qualche inedito (oltre, ovviamente, a tutta una serie di articoli). Il voto dato a due numeri di queste testate deve prendere in considerazione quello che ci si aspetta di trovare all'interno del fascicolo: un Paperino con ristampe di Bottaro, Scarpa, Carpi, Cavazzano e cosi' via, sarà giustamente ben valutato, e se anche dovesse prendere 5 stelle, non significa che in assoluto è migliore di un numero di Tesori che ne prende solamente 4!

 

Dati personali, cookies e GDPR

Questo sito utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici per garantirti la migliore user experience possibile, e di cookie non tecnici per l'analisi del traffico, condividendo questi ultimi con Google. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio dei dati personali trattati, i motivi, e quant'altro previsto dal regolamento europeo di protezione dei dati (GDPR) è descritto nella nostra pagina relativa alle politiche sulla privacy. Sulla pagina appena citata potrai esprimere il consenso (o il dissenso) all'utilizzo di quanto descritto e cambiare quando vuoi la tua scelta.

Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - anche cliccando qui.

Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.