Benvenuto!
Per goderti al meglio il Papersera, effettua il login o crea una tua utenza.
Profilo Utente
 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Questi i recensori più attivi sulle pagine del Papersera:
  • V (272)
  • piccolobush (169)
  • Nebulina (100)
  • Malachia (97)
  • scrooge4 (94)
  • Paolo (87)
  • Paperinika (52)
  • Gancio (47)
  • inthenight (45)
  • A.Basettoni (43)
  • warren (43)
  • New_AMZ (37)
  • Gladstone (33)
  • Everett_Ducklair (29)
  • Samuele (26)
  • Chen Dai-Lem (26)
  • MiTo (23)
  • pacuvio (19)
  • cianfa88 (18)
  • Bruno (16)

 

Disclaimer & Copyright

Questo sito non ha alcun rapporto con la Walt Disney Company e né ha scopo di lucro alcuno, si tratta semplicemente di un sito amatoriale, che può considerarsi un'opera di saggistica rivolta all'analisi e alla promozione dei fumetti Disney e dei loro autori, e si avvale del diritto di citazione.

 

Le copertine DisneyDallo storico Topolino, ai più oscuri supplementi: nella galleria delle copertine è possibile ammirare letteralmente migliaia di copertine, provenienti da quasi tutte le pubblicazioni Disney! E la collezione continua a crescere grazie alla collaborazione di molti appassionati.

 

 

Pagina visitata 431061 volte

 


Ricerca recensioni

Ricerca recensioni
Testata: Titolo: Numero:
Recensore: Voto: Anno:

Di seguito i fascicoli estratti con i criteri immessi, per tornare alla pagina dell'edicola clicca qui.



Nato come controparte disneyana dei freak degli anni 60-70, negli anni Paperoga è stato più comodamente rappresentato solo come un personaggio strambo e poco più, una caratterizzazione certamente più semplice e meno soggetta alle mode rispetto a quella originaria. E in effetti in "Tipico di Paperoga", scritta da Salati e disegnata da Lorenzo Pastrovicchio, il protagonista non sembra impersonare esattamente una ribellione contro i modelli normalmente accettati di comportamento, anzi insegue riconoscimenti e soldi come un Filo Sganga qualsiasi, seppur a modo suo, un modo bislacco appunto. Per fortuna nel finale qualcosa in lui sembra risvegliarsi e se non altro si intravede forse quella che è diventata la sua peculiare caratteristica, l’essere un eterno entusiasta, sempre alla ricerca di nuove idee da inseguire e (non necessariamente ) realizzare. La stessa caratteristica che porta i suoi familiari, che pure spesso sono vittime dei suoi slanci, a organizzare per lui una festa di compleanno a sorpresa per la storia più carina del numero in edicola.
L’estate porta con sé anche uno degli ormai rari gialli con protagonista Topolino. Marco Bosco ha fornito spesso ottime prove in questo filone ed è quindi inutile negare che ci si aspettasse qualcosa di rimarchevole. Anche l’inizio, per i lettori più grandi, sembrava promettere bene, con un classico cimelio dei bis-bis di Pippo che fa subito "giallodiMartinadiquelliscrittimagariconlamanosinistramachelasciavanosemprequalcosa". Invece "Hanno rubato il tramonto" è un giallo non molto intrigante, né intricato: intrattiene ma non resta certo nella memoria.
Sio si appresta ad accompagnarci per tutto agosto scimmiottando (malamente) Faraci (sic transit gloria mundi), però ci sono i disegni di Baccinelli.
Riguardo alle altre storie, abbiamo una delle tante sfide tra Paperone e Rockerduck, ma certo non delle migliori con un finale meno elegante di altre storie simili e che lascia diversi dubbi sulla liceità della vittoria e infine una avventura gradevole di Valentina Camerini e Roberto Vian: il tutto sembrava volersi trasformare in una delle tante imprese affaristiche di Zio Paperone, ma questa volta Rockerduck fa tutto da solo e in poche pagine si conclude tutto.
Per quel che riguarda la parte redazionale, intervista a Sio ed a Lasabri.

Recensione di piccolobush


Accedi ai dati Inducks del fascicolo    Accedi alla discussione sul forum    Voto del recensore: 3/5    Voto medio: 3/5 (20 voti)   Esegui il login per inserire il tuo voto

 


La scala di votazione utilizzata è la seguente:

  •  Spendete meglio i vostri soldi...
  •  Bof.... giusto se già collezionate la testata...
  •  Nella media: non passerà alla storia, ma...
  •  Buono! Acquistatelo e non vi pentirete!
  •  Da acquistare, senza esitazioni!

Da tener presente che i voti non sono da intendersi in maniera "assoluta", ma vengono dati coerentemente con quello che ci si aspetta di trovare in una testata: ad esempio Paperino e Tesori Disney sono testate molto diverse tra di loro: la prima contiene esclusivamente ristampe di storie già apparse sulla testata, la seconda presenta storie di difficile reperibilità o addirittura qualche inedito (oltre, ovviamente, a tutta una serie di articoli). Il voto dato a due numeri di queste testate deve prendere in considerazione quello che ci si aspetta di trovare all'interno del fascicolo: un Paperino con ristampe di Bottaro, Scarpa, Carpi, Cavazzano e cosi' via, sarà giustamente ben valutato, e se anche dovesse prendere 5 stelle, non significa che in assoluto è migliore di un numero di Tesori che ne prende solamente 4!

 

Dati personali, cookies e GDPR

Questo sito utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici per garantirti la migliore user experience possibile, e di cookie non tecnici per l'analisi del traffico, condividendo questi ultimi con Google. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio dei dati personali trattati, i motivi, e quant'altro previsto dal regolamento europeo di protezione dei dati (GDPR) è descritto nella nostra pagina relativa alle politiche sulla privacy. Sulla pagina appena citata potrai esprimere il consenso (o il dissenso) all'utilizzo di quanto descritto e cambiare quando vuoi la tua scelta.

Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - anche cliccando qui.

Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.