Benvenuto!
Per goderti al meglio il Papersera, effettua il login o crea una tua utenza.
Profilo Utente
 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Questi i recensori più attivi sulle pagine del Papersera:
  • V (272)
  • piccolobush (169)
  • Nebulina (100)
  • Malachia (97)
  • scrooge4 (94)
  • Paolo (87)
  • Paperinika (52)
  • Gancio (47)
  • inthenight (45)
  • warren (43)
  • A.Basettoni (43)
  • New_AMZ (37)
  • Gladstone (33)
  • Everett_Ducklair (29)
  • Samuele (26)
  • Chen Dai-Lem (26)
  • MiTo (24)
  • pacuvio (19)
  • cianfa88 (18)
  • Bruno (16)

 

Disclaimer & Copyright

Questo sito non ha alcun rapporto con la Walt Disney Company e né ha scopo di lucro alcuno, si tratta semplicemente di un sito amatoriale, che può considerarsi un'opera di saggistica rivolta all'analisi e alla promozione dei fumetti Disney e dei loro autori, e si avvale del diritto di citazione.

 

Le copertine DisneyDallo storico Topolino, ai più oscuri supplementi: nella galleria delle copertine è possibile ammirare letteralmente migliaia di copertine, provenienti da quasi tutte le pubblicazioni Disney! E la collezione continua a crescere grazie alla collaborazione di molti appassionati.

 

 

Pagina visitata 432070 volte

 


Ricerca recensioni

Ricerca recensioni
Testata: Titolo: Numero:
Recensore: Voto: Anno:

Di seguito i fascicoli estratti con i criteri immessi, per tornare alla pagina dell'edicola clicca qui.



Copertina di un inedito colore bianco, di bella presenza, forse funestata dai sorrisoni troppo plateali e da un Atomino insolitamente smagrito. Ma è pur sempre Giorgio Cavazzano, che Gott ce lo conservi. (Non fu detto con blasfemi intenti.) La copertina è dedicata alla storia più celebre contenuta nel numero, Topolino e la collana Chirikawa, pietra miliare della storia del fumetto Disney per miriadi di motivi. Ingiustamente ricordata solo per le hitchcockiane vertigini, la storia si presenta al lettore con una eccezionale fluidità e freschezza di ispirazione. Il ritmo anomalo, rispetto ad altre scarpiane, e perciò tanto più affascinante, ci conduce dalla casa di Zia Topolinda ai peggiori ambienti della malavita, il tutto con un costante senso di scoperta, di starsi avvicinando per giri (e non per stadî) alla verità e alla conclusione. Una dinamica dunque nettamente diversa tanto dalla sorpresa martellante e intrappolatrice dell'Unghia di Kalì, inventivamente ma fermamente tesa sino alla fine, quanto dalla imprevedibilità disarmante della Dimensione Delta, giocata sulla continua apertura di possibilità tradotta anche fisicamente nel trascolorare verso il non-luogo della Dimensione Delta stessa. Qui invece il movimento è circolare, magnetico, per gorghi, non dissimili appunto da quelli, psichici, che affannano Topolino. Si può dire che questa storia somigli, per certi aspetti, ad alcune di Bill Walsh, ad esempio la Banda della Morte o l'Orfanello Riformato; in un ideale parallelo che associa alle Sorgenti Mongole il Tesoro di Mook e al Bip-Bip 15, forse, La spia Poeta. Qui del resto Atomino Bip-Bip (tocco di genio la zia Topolinda che chiede: "Siate più chiaro! Si sente un bip bip sulla linea") abdica tanto alla funzione di figura fantascientifica (insinuata nelle bizzarrie della sua quotidianità) quanto a quella di compagno di scoperte delle Sorgenti Mongole. Egli è il fiducioso e vigile compagno di Topolino nella soluzione di quegli inanellati vortici, ma non gli è un passo avanti. Non è un "bizzarro" (in ciò differendo da Eta Beta - annosa questione, la loro parziale sovrapponibilità!), ma solo uno straniero, uno straniero curioso e inventivo.
Ma se ampio spazio merita la storia centrale di cui si è appena detto, non perciò sfigura la storia d'apertura. La sindrome di Pippo è un vero capolavoro, una maniera di intendere il fumetto Disney che trascende molti confini, superando paletti e convenzioni in una girandola di cortesi audacie che fanno del Bottaro anni Novanta un grande e misconosciuto miracolo; pesantemente anacronistico, se confrontato con lo spirito dell'epoca; ma anacronistico non verso il passato, bensì verso un futuro, un futuro che ancora non vediamo perché troppo avanti, fatto di leggerezza e delirio, semplicità e orologeria, dosaggio dei ritmi e voli pindarici. Un vero capolavoro, pertanto, che fa da pendant alla Collana per ricchezza d'ispirazione, audacia e memorabilità, pur essendo le due storie quanto mai distinte per toni, respiro e suggestioni grafiche. Dire di più è inutile, quand'anche non dannoso: lettura consigliata, e capace, anche per via della minore dose di ristampe, di pesare sulla decisione d'acquisto.
Quanto a Paperino e la colletta benefica, non si può non ricorrere alla definizione abusata di "piccola perla". Paperino sta rimproverando i nipoti sull'amaca, quando viene interpellato da due membri del comitato di beneficenza del quartiere, che lo costringono a immergersi in una disavventura più comica dell'altra per portare a casa qualche obolo dai poco collaborativi vicini. Processo compositivo di una storia questo che, come è noto, può essere rovinoso o miracoloso. Nel caso presente siamo nella seconda situazione, cosicché se ne ottiene la piccola perla di cui sopra. Da notare una cosa: nelle storie d'oggi un incipit del genere è possibile; tuttavia con una differenza: per (giustificato) gusto di saturazione, gli autori d'oggi tenderebbero a presentare l'imprevisto (il duo di rompiscatole) come una bizzarria: non di comitato di beneficenza si tratterebbe, bensì di confraternita del muflone d'epoca, o simili facezie; anche in un certo senso per salutare contrasto al manierismo perniciosissimo che dei comitati di beneficenza o spunti banali simili aveva fatto, negli anni Novanta e Duemila, prassi, regola e soporifera norma. Ecco, Chendi sta fra i due estremi: realistica banalità e devastante assurdo si presentano insieme, a spiazzante braccetto, cosicché non si respira né la scontatezza della prima senza il secondo né l'artificiosità del secondo senza la prima.
Prosegue il ciclo del West, con C'era una volta nel west... Zio Paperone e il pomo della discordia, altra convincente prova dello strano Martina western, che in questo ciclo più che altrove mette in campo il seguente, rischiosissimo esperimento: riprodurre ex novo, ma con la rete di sicurezza dei consumati personaggi, l'idea per cui lo stesso microcosmo, saturato a forza di storie, possa produrre comicità per forza di esasperazione controllata.
Meno soddisfacente è invece Topolino e il gas energetico, thriller in cui Giangiacomo Dalmasso attribuisce a Topolino poteri radioattivi che per il fatto di non far ridere risultano in certo qual modo insipidi e di prevedibile sviluppo. Il dottor Enigm che accusa Minni di insensibilità rimane tuttavia un'interazione inedita e da ricordare.
Meno divertente del solito il povero Orso Onofrio, sul quale ci permettiamo di sorvolare, mentre sono pienamente all'altezza (imbarazzante) della loro media le storielline di Nonna Papera e le avventure in fattoria (sulle quali eccetera).
Presenta un caso non da poco Topolino pellerossa onorario (Chendi/Asteriti): Topolino deve salvare una tribù indiana dal trasferimento (e si sa che significasse trasferimento in quegli ameni frangenti...) cui la sottoporrà l'esercito per via di ricchezze minerarie individuate da un'industria nel sottosuolo. Topolino che fa? Cerca un giacimento altrove, cosicché l'industria sia soddisfatta e lasci in pace gli indiani. Che dire? Da una parte, Topolino difensore degli indiani per principio, senza soluzioni di comodo, sarebbe stato più accattivante. Dall'altra, però, la soluzione proposta è più realistica (e non priva pur essa di una certa tensione) quantunque non si fatichi ad immaginare che detta industria non tarderà a mirare di nuovo ai giacimenti originari; e inoltre fa respirare una povertà di mezzi ben più avvilente e pertanto più storicamente istruttiva. Impossibile e inutile conoscere le intenzioni dell'autore. Rimane, ci sia concesso congetturarlo, il caso.
Si chiude con Topolino e il diario segreto di zia Topolinda, opera di Claudia Salvatori e illustrata, ancora, da Romano Scarpa. Personalmente ignoro cosa pensasse il grande Maestro di questo seguito nell'illustrarlo, ma personalmente ammetto che non cessa di deludermi. Da Gambadilegno a Zia Topolinda, da Topolino ai personaggi nuovi, tutto perde quella luce e quella sorgività cesellata che la storia originale aveva. In buona sostanza, perde (quanto meno) una dimensione. Da qui ai recentissimi gialli di Zia Topolinda il passo è breve.
In sunto, crediamo che il giudizio più equanime per questo numero siano tre stelle, con ciò volendo esprimere un equilibrio ragionato fra i sommi vertici e le occasioni mancate, piuttosto che un salomonismo di sicurezza (ché in fondo è un voto comodo...). La pubblicazione dei deliri bottariani fa ben sperare; come sempre, attendiamo con curiosità il prossimo numero!

Recensione di Dominatore delle Nuvole


Accedi ai dati Inducks del fascicolo    Accedi alla discussione sul forum    Voto del recensore: 3/5    Voto medio: 4/5 (8 voti)   Esegui il login per inserire il tuo voto

 


La scala di votazione utilizzata è la seguente:

  •  Spendete meglio i vostri soldi...
  •  Bof.... giusto se già collezionate la testata...
  •  Nella media: non passerà alla storia, ma...
  •  Buono! Acquistatelo e non vi pentirete!
  •  Da acquistare, senza esitazioni!

Da tener presente che i voti non sono da intendersi in maniera "assoluta", ma vengono dati coerentemente con quello che ci si aspetta di trovare in una testata: ad esempio Paperino e Tesori Disney sono testate molto diverse tra di loro: la prima contiene esclusivamente ristampe di storie già apparse sulla testata, la seconda presenta storie di difficile reperibilità o addirittura qualche inedito (oltre, ovviamente, a tutta una serie di articoli). Il voto dato a due numeri di queste testate deve prendere in considerazione quello che ci si aspetta di trovare all'interno del fascicolo: un Paperino con ristampe di Bottaro, Scarpa, Carpi, Cavazzano e cosi' via, sarà giustamente ben valutato, e se anche dovesse prendere 5 stelle, non significa che in assoluto è migliore di un numero di Tesori che ne prende solamente 4!

 

Dati personali, cookies e GDPR

Questo sito utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici per garantirti la migliore user experience possibile, e di cookie non tecnici per l'analisi del traffico, condividendo questi ultimi con Google. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio dei dati personali trattati, i motivi, e quant'altro previsto dal regolamento europeo di protezione dei dati (GDPR) è descritto nella nostra pagina relativa alle politiche sulla privacy. Sulla pagina appena citata potrai esprimere il consenso (o il dissenso) all'utilizzo di quanto descritto e cambiare quando vuoi la tua scelta.

Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - anche cliccando qui.

Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.