Benvenuto!
Per goderti al meglio il Papersera, effettua il login o crea una tua utenza.
Profilo Utente
 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Questi i recensori più attivi sulle pagine del Papersera:
  • V (280)
  • piccolobush (183)
  • Nebulina (104)
  • Malachia (97)
  • scrooge4 (94)
  • Paolo (87)
  • Paperinika (63)
  • Gancio (51)
  • inthenight (50)
  • warren (43)
  • A.Basettoni (43)
  • Chen Dai-Lem (39)
  • New_AMZ (37)
  • Gladstone (33)
  • Everett_Ducklair (29)
  • Samuele (26)
  • MiTo (25)
  • pacuvio (19)
  • cianfa88 (18)
  • Bruno (16)

 

Disclaimer & Copyright

Questo sito non ha alcun rapporto con la Walt Disney Company e né ha scopo di lucro alcuno, si tratta semplicemente di un sito amatoriale, che può considerarsi un'opera di saggistica rivolta all'analisi e alla promozione dei fumetti Disney e dei loro autori, e si avvale del diritto di citazione.

 

Le copertine DisneyDallo storico Topolino, ai più oscuri supplementi: nella galleria delle copertine è possibile ammirare letteralmente migliaia di copertine, provenienti da quasi tutte le pubblicazioni Disney! E la collezione continua a crescere grazie alla collaborazione di molti appassionati.

 

 

Pagina visitata 126 volte

 


Ricerca recensioni

Ricerca recensioni
Testata: Titolo: Numero:
Recensore: Voto: Anno:

Di seguito i fascicoli estratti con i criteri immessi, per tornare alla pagina dell'edicola clicca qui.



L’8 ottobre 2013 nelle edicole italiane usciva il numero 3019 di Topolino, destinato ad essere testimone di un avvenimento storico: dopo 25 anni i diritti della pubblicazione dei fumetti disneyani erano passati da Disney Italia alla Panini Comics, segnando un grande cambiamento. A partire da quell'autunno, infatti, iniziarono a fiorire diverse testate, create con il preciso obiettivo di tamponare il buco che si era creato negli anni, le quali diversificarono notevolmente l’offerta per gli appassionati con lussuose ristampe delle migliori storie apparse sul settimanale (De Luxe e Super De Luxe Edition), delle migliori saghe (Definitive Collection) e con serie che ripubblicavano i migliori autori italiani e stranieri (Uack!, Tesori International e Tesori Made in Italy). Cambiò anche la concezione delle fiere del fumetto, Lucca Comics in primis: laddove negli anni precedenti lo stand disneyano era stato principalmente un luogo di gioco, a partire dall’acquisizione della casa editrice modenese le kermesse cominciano a essere viste come un’occasione per lanciare pubblicazioni e volumi speciali appositi, come le celebri variant di Topolino. Iniziative assolutamente lodevoli, che segnavano un netto distacco con il passato e denotavano una mentalità già tipica di Panini Comics, condotte tuttavia in maniera poco chiara, fra ristampe incomplete, errori, censure e discutibili rapporti qualità-prezzo, che hanno alla fine prodotto l’effetto contrario, allontanando via via i collezionisti dal fumetto Disney.
È per questo che una minicollana come quella del Papersera, il cui primo albo è uscito a marzo, risulta essere una vera e propria boccata d’aria: quattro volumetti dall’impostazione sobria e pulita, che ristampano le storie americane e brasiliane dedicate al quotidiano paperopolese; ad arricchire ogni tomo troviamo poi due storie inedite, appositamente tradotte e adattate per l’occasione. A far la parte del leone, in questo numero, è la coppia Kinney/Strobl, creatrice del Papersera con l’avventura Zio Paperone bianco papero, apparsa in Italia per la prima volta nel gennaio del 1970. Kinney è stato uno dei più brillanti sceneggiatori americani, autore di brevi esilaranti e inventore di personaggi celebri quali Paperoga e Dinamite Bla e qui troviamo un gruppo di sue avventure sempre divertenti che nel corso degli anni sono riuscite a mantenere la propria carica umoristica. In particolare segnaliamo Paperoga e il paperongorilla, scatenata commedia degli equivoci dalla sceneggiatura veloce e dal ritmo sincopato in cui il bislacco cugino di Paperino scambia un gorilla per il ricco zio, e Paperoga e l’arte di troppo, classica satira sull’arte moderna e sulla sua eccessiva mercificazione, forse intrisa di qualche cliché di troppo ma che l’autore sa gestire con abilità.
Si passa poi alle storie brasiliane, dove l’umorismo è molto più rilassato e forse meno di qualità rispetto alle sceneggiature di Kinney, ma comunque godibile. Si eleva su tutte Zio Paperone e l’ipnosi di Paperoga, in cui seguiamo i comicissimi tentativi di risvegliare un Paperoga in apparente stato catalettico. Il volume si conclude con le due inedite, Paperoga e le previsioni prevedibili e L’ingorgo del secolo. Se la seconda è sul livello delle precedenti, la prima invece risulta essere l’unica nota dolente, con un Paperone molto ingenuo e clamorosamente fuori dal personaggio. Nonostante questo passo falso, l’albo risulta davvero piacevole, proponendo una tipologia di umorismo differente da quello italiano che siamo abituati a leggere (consigliata pertanto una lettura diluita) ed è un’ottima occasione per rivedere alcune storie poco ristampate. Nelle inedite, invece, è riposta la speranza di un successo che possa portare ad una futura pubblicazione di nuove avventure straniere, sulla scia dei vecchi Almanacchi Topolino e Mega, per un futuro che ci auguriamo possa essere più roseo.

Recensione di Tapirlongo Fiutatore


Accedi ai dati Inducks del fascicolo    Accedi alla discussione sul forum    Voto del recensore: 4/5    Voto medio: 4/5 (14 voti)   Esegui il login per inserire il tuo voto

 


La scala di votazione utilizzata è la seguente:

  •  Spendete meglio i vostri soldi...
  •  Bof.... giusto se già collezionate la testata...
  •  Nella media: non passerà alla storia, ma...
  •  Buono! Acquistatelo e non vi pentirete!
  •  Da acquistare, senza esitazioni!

Da tener presente che i voti non sono da intendersi in maniera "assoluta", ma vengono dati coerentemente con quello che ci si aspetta di trovare in una testata: ad esempio Paperino e Tesori Disney sono testate molto diverse tra di loro: la prima contiene esclusivamente ristampe di storie già apparse sulla testata, la seconda presenta storie di difficile reperibilità o addirittura qualche inedito (oltre, ovviamente, a tutta una serie di articoli). Il voto dato a due numeri di queste testate deve prendere in considerazione quello che ci si aspetta di trovare all'interno del fascicolo: un Paperino con ristampe di Bottaro, Scarpa, Carpi, Cavazzano e cosi' via, sarà giustamente ben valutato, e se anche dovesse prendere 5 stelle, non significa che in assoluto è migliore di un numero di Tesori che ne prende solamente 4!

 

Dati personali, cookies e GDPR

Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.