Benvenuto!
Per goderti al meglio il Papersera, effettua il login o crea una tua utenza.
Profilo Utente
 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 


Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

 

Pagina visitata 5204 volte

 


Expocartoon 2002
(in coda, intervista a Roberto Genovesi)

Dal 21 al 24 Novembre si è svolta a Roma la XVII edizione di Expocartoon, ora definita Expocartoon-MediaGateShow, di seguito c'è un breve "reportage" degli eventi che hanno caratterizzato l'incontro che, anche quest'anno, si è tenuto nella doppia sede del Salone delle Fontane (per quello che riguarda la parte principale della mostra) e il Palazzo della civiltà italiana.



I corridoi delle mostre espositive: come potete vedere risultano essere tristemente vuoti: la foto è stata scattata la mattina di giovedì, all'inaugurazione della mostra. Le mostre presentavano, tra le altre cose: le biografie di Federico II e dell'imperatore Costantino realizzate la prima da Sergio Toppi (ill.) e Roberto Genovesi (testi), la seconda da Rodolfo Torti (ill.) e Roberto dal Prà (testi). Inoltre ci è sembrata degna di nota la mostra dedicata a Pinky, il reporter dalle sembianze di conglio rosa le cui avventure appaiono (dal 1973) sulle pagine de "Il Giornalino" per opera di Massimo Mattioli.
E proprio il coniglio Pinky è la star dello stand de "Il Giornalino" (uno dei pochi gestiti direttamente dalle case editrici): nella foto qui accanto potete vedere i poster dedicati al simpatico personaggio.
E il disegnatore qui accanto è lo stesso Mattioli all'opera per accontentare i suoi fan con un disegno con dedica. Dal 1973 ad oggi sono passati quasi trent'anni, e, pensate, non è mai stato realizzato un volume antologico con le avventure di Pinky! Su nostro modesto suggerimento sembra che il trentennale verrà festeggiato in maniera adeguata: speriamo bene e teniamo le dita incrociate: l'autore sembrava entusiasta all'idea!
Il consueto lungo elenco di autori si è alternato allo stand della casa editrice Bonelli, eccone uno all'opera mentre autografa stampe di Nathan Never
Un'immagine dell'interessante incontro organizzato dalla Disney Interactive per la presentazione del videogioco "Il pianeta del Tesoro" durante il quale sono stati affrontati temi quali l'importanza della lettura presso gli adolescenti/preadolescenti, la presenza della TV come elemento principale di formazione culturale, il ruolo della scuola e della "letteratura disegnata" all'interno della stessa. Decisamente una tavola rotonda molto interessante e non con il solo scopo pubblicitario come poteva sembrare dal programma.
Questa è una foto scattata dall'alto di una parte degli stand della mostra mercato. Il mercato dell'usato è sembrato, come al solito, ben fornito, ma i prezzi decisamente elevati hanno causato a molti dei venditori presenti un ritorno a casa con molto del materiale esposto... peccato a prezzi migliori gli avrei dato volentieri una mano a sbarazzarsi di quelle carabattole! ;-)
Non è certo andato tutto bene, però: la foto che vedete qui accanto illustra la situazione che ho trovato all'interno della Sala Quaroni (a proposito, la sua dislocazione non era segnalata da nessuna parte!!!) il sabato pomeriggio: alle 16:30 era previsto un incontro con Alfredo Castelli e Rodolfo Torti, che aveva come tema i 20 anni di Martin Mystere... quella che vedete è, appunto, la situazione della sala dalle 16:20 alle 17:30.... non è successo niente, non si è presentato nessuno, nessuno ha pensato di avvisare e/o di mettere un foglietto per segnalare la mancata realizzazione dell'incontro.
Tra le varie tavole della mostra, sottolineamo quelle realizzate da un gruppo di "fan" del nuovo Paperinik Disney e che vede il papero mascherato in un'interpretazione inedita e molto interessante!
Lo stand delle Edizioni Cioè, che ha presentato al grande pubblico la sua rivista "Isa & Bea streghe tra noi" con grande dispiegamento di forze, presentando sia gli autori della testata che ospiti di grande richiamo come il cast della serie TV "Un medico in famiglia"
Al di fuori del Salone delle Fontane c'era lo spazio dedicato alle fanzine e agli immancabili "giochi di abilità"... che c'entra col fumetto il tiro a segno vi state chiedendo? Anche noi!
Anche un (rapido) cenno ai videogiochi, presenti al piano terra del palazzo della civiltà italiana: scarso l'afflusso di pubblico nei primi due giorni, decisamente più sostenuto durante il fine settimana, ma comunque limitato.. del resto il prezzo del biglietto non giustifica agli occhi dell'appassonato di videogames quanto disponibile: per la stessa cifra in sala giochi si ottiene molto di più, e poi, secondo la modestissima opinione dello scrivente, il pubblico dei fumetti e quello dei videogames non sono così omogenei come si crede.
Bene! E' tutto!! L'appuntamento è per la mostra COMICSTRIP che si terrà a Firenze il mese prossimo e della quale vi proponiamo in anteprima il poster affisso all'interno di Expocartoon

- Per l'Anonima Fumetti, il vostro inviato Paolo Castagno


Intervista a Roberto Genovesi

In coda al servizio da Expocartoon, intervistiamo Roberto Genovesi, il responsabile culturale dell'importante manifestazione romana.
L'inviato di afNews nel suo servizio ha evidenziato alcuni aspetti (nei limiti dei tempi e dei modi della sua visita) sui quali abbiamo ritenuto opportuno ascoltare l'opinione di Genovesi, tralasciando ovviamente quelli positivi già enunciati nel servizio stesso.

afNews: Le sale delle mostre erano evidentemente vuote quando l'inviato le ha visitate, ma non sarà stato sempre così, vero?
Genovesi: In una manifestazione che coniughi mercato, mostre, eventi e giochi, il ''reparto'' mostre all'occhio appare sempre il meno frequentato ma è solo una questione di densità di pubblico, non di disinteresse. A Expocartoon le mostre hanno avuto un grande successo e lo dimostrano i numerosi articoli dei quotidiani e delle tv nazionali che ne hanno parlato. Come avete scritto anche voi di afNews abbiamo perfino avuto spazio su un autorevole quotidiano straniero come The Guardian. E poi non dimenticherei il rispetto con il quale abbiamo allestito il reparto stesso. Cosa che non mi è parso sempre di vedere in giro in questi ultimi tempi. Ho visto originali di grandi autori internazionali relegati in scantinati privi di luce. A Expocartoon non è accaduto.

afNews: Davvero non c'è stata una adeguata segnalazione circa il mancato incontro con Alfredo Castelli?
Genovesi: All'incontro, come segnalato anche dal vostro inviato, non c'era proprio nessuno. Dunque erano stati tutti avvisati, relatori e spettatori. Probabilmente l'inviato di AF News non era presente nel momento in cui la segreteria ha affisso gli avvisi che poi sono stati evidentemente tolti per fare spazio ad altre comunicazioni di servizio.

afNews: L'inviato esprime un legittimo parere, ma riteniamo che lei abbia una motivazione circa la presenza, e magari l'opportunità, di intrattenimenti come il tiro a segno in una manifestazione fumettistica. A suo tempo giunsero critiche, anche pesanti, a Torino Comics, per aver ospitato al suo interno una grande macchina da guida virtuale il cui unico scopo era proprio l'intrattenimento e nulla aveva a che vedere coi fumetti. Queste "contaminazioni" aiutano le manifestazioni o esprimono una difficoltà?
Genovesi: Intanto posso dire di essere d'accordo con il vostro inviato: un tiro a segno non c'entra nulla con il fumetto. Tanto è vero che a Expocartoon non era all'interno dei palazzi che ospitano la manifestazione. All'esterno abbiamo cercato di ricreare un ambiente accogliente per le famiglie. da una parte abbiamo allargato lo spazio esterno recintato per permettere a chi lo desiderava di andarsi a fumare una sigaretta o a prendere un po' d'aria prevedendo la calca di sabato e domenica, dall'altra abbiamo immaginato momenti di distrazione che però erano rigorosamente slegati dal contesto
culturale della manifestazione.

Ringraziamo Genovesi per la disponibilità. Alla prossima! [afNews - novembre 2002]


- Paolo Castagno



 

Questo sito si serve dei cookie per la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico, condividendoli con Google. Se prosegui con la navigazione per me è come se avessi accettato. Se vuoi approfondire la questione, c'è il sito del Garante della privacy.  Accetta i cookies   |   Info sulla privacy