Zio Paperone 182

01 NOV 2004
Voti del fascicolo: Recensore: Medio: (3 voti) Esegui il login per votare!

Dopo la sorpresona del numero di ottobre, la redazione di Zio Paperone ha preparato un numero a dir poco mediocre. Zio Paperone 182 raccoglie delle storie che hanno a che fare, in qualche modo, con gli alligatori: ecco quindi il consueto articolo introduttivo di Luca Boschi, che però non riesce ad interessare molto. Seguono due storie di Kinney/Hubbard, “Paperoga e il ritorno del vecchio Tom” e “Paperino a la nostalgia di casa”, da ricordare non fosse altro per la splendida coppia di autori. Poi ci viene propinata la solita storiella del Disney Studio disegnata da Scarpa/Cavazzano, “Zio Paperone e l’alligatore d’oro”. Sempre in tema di rettili, “Paperino domatore di coccodrilli”, di Laban/Branca. Per la rubrica Guest Star, un articolo di Alberto Beccatini (discretamente interessante) su Fratel Coniglietto, accompagnato da “Fratel Coniglietto – due stomaci per l’alligatore”. Chiudono l’albo “Paperino e l’accordo con Madre Natura” di Gerstein/Vicar (ma è davvero Dinamite Bla quel tizio???) e “Zio Paperone – Psyco!” di Canard-Avenell/Branca scandalosamente ristampata nel numero di questo mese del Mega 3000… ovviamente con un titolo ed una traduzione diversa!! Che dire? Questo numero mi è sembrato molto poco significativo. Queste storie, beninteso, non mi paiono “brutte” (non tutte, almeno). Ma sono storie adatte alle pagine centrali del Topolino, o come riempitivo delle ultime pagine di un periodico qualunque. Ma qui si parla di Zio Paperone! Un numero così è passabile, due già darebbero la nausea. Speriamo che la rivista non abbassi il tono.

Autore dell'articolo: Marco Sferruzza