Pk2 Giant 3 – La fine della Storia/Onde Alpha

11 APR 2020
Voti del fascicolo: Recensore: Medio: (5 voti) Esegui il login per votare!

Continua la ristampa di Pk2 in formato grande, e apriamo con una nota estremamente positiva. Viene stampata in maniera corretta la doppia splash-page che, per un errore, era stata eliminata nel numero 48: il direttore si scusa e ripara con un gesto semplice e corretto. Peccato che una cosa simile non sia stata fatta a suo tempo per l’increscioso episodio di Tesori Disney 14. Un grande bravo ad Alex Bertani, un segno di rispetto per i lettori.

Riguardo questo numero, vi sono solo le storie, una molto buona e una piuttosto modesta. La fine della storia presenta la miglior storia sceneggiata da Cordara, un plot che si muove con classe tra complicazioni temporali e sentimenti, senza dimenticare gli amici di Paperino della Starcorp. Funziona benissimo il personaggio di Tyrrel Duckard, droide melanconico e intrattabile, prigioniero di un’epoca cui non vuole appartenere. Una persona che vive di odio e di intolleranza, di chiusura mentale e di ritrosia. Si tratta del ritratto speculare di Lyla, lei che ha abbracciato il XXI secolo con garbo e comprensione. Un amore tra loro non risulta possibile, e infatti vediamo qualche azzeccato dialogo in cui si lanciano frecciatine. Ottimo poi l’utilizzo dell’esperimento Sole Freddo, che mostra una solida continuity tra le serie. Paperinik si trova in mezzo, e aiuta Lyla al suo meglio. Resta di sottofondo la tipica ambiguità della serie: ha colpe una persona che vuole solo tornare a casa?

Decisamente più fracassona e terra terra risulta essere Onde Alpha. Gervasio propone dei disegni decisamente modesti, con parecchi ricalchi di pose ed espressioni da altri numeri di PKNA. Sisti invece inserisce i suoi amati alieni, ma queste scaramucce risultano poco interessanti. La trama non racconta alla fine molto, e la risoluzione della vicenda appare pretestuosa. Anche il coinvolgimento di Juniper appare un po’ stravagante, risultando decisamente affrettato (e non molto ben gestito anche in seguito).

Il voto complessivo premia la prima storia e soprattutto la correzione del precedente errore. Speriamo che Panini continui in questo modo il suo rapporto con i lettori.

Autore dell'articolo: Amedeo Badini

Il fumetto è sempre stato una mia grande passione, sotto forma prima di un rassicurante Topolino a cadenza settimanale, per poi inoltrarsi nel terreno filologico-collezionistico. Questo aspetto critico mi ha permesso di apprezzare altri autori, da Alan Moore a Jeff Smith, e soprattutto di affinare la curiosità verso tutta la nona arte del fumetto. Disney è il mio primo campo, ma non disdegno sortite e passeggiate in territori vicini. Per il Papersera ho scritto più di 100 recensioni, oltre ad aver curato una parte degli articoli sulle testate disney del passato. Inoltre, ho realizzato il Don Rosa Compendium, un'analisi dettagliata di tutte le storie del grande autore del Kentucky. Scrivo di fumetto e di cinema anche per il settimanale Tempi, per Lo Spazio Bianco e per la Tana del Sollazzo.