Topolino Super De Luxe Edition 13 – Tutto questo accadde domani

31 DIC 2020
Voti del fascicolo: Recensore: Medio: (7 voti) Esegui il login per votare!

Secondo la psicologia della Gestalt, il tutto è più della somma delle singole parti. Un concetto che possiamo tranquillamente applicare alla coppia CastyBonfatti che nel 2019 ha realizzato un altro capolavoro. Parliamo di Tutto questo accadde domani, sequel di Tutto questo accadrà ieri, storia pubblicata in occasione dei festeggiamenti per i novant’anni di Topolino. L’idea di far incontrare i personaggi del presente con quelli del passato, decisamente geniale, viene usata con assoluta perfezione in questa nuova avventura confezionata con cura dai due artisti.

La vicenda è organizzata fin nei minimi dettagli, a partire dalle quattro ministorie che fanno da conto alla rovescia: piccole tessere del mosaico, che prese singolarmente non hanno senso mentre, con il proseguire della narrazione, permettono al lettore di risolvere il rompicapo. Quando poi la trama entra nel vivo, assistiamo ad una inquietante ambientazione. Una Topolinia assoggetta a Gambadilegno, i cittadini lobotomizzati dai social e un pervicace controllo della popolazione tramite telecamere volanti e lampioni occhiuti. In questa situazione decisamente cupa, vediamo i nostri eroi escogitare un piano per la salvezza.

Da quel momento partono 40 tesissime tavole piene di corse, giravolte e inseguimenti ben realizzati, di spiegoni ben gestiti (si pensi alle quattro vignette in cui Pietro illustra il suo piano con una chiara gestualità) e di ardite inquadrature (tutta la fuga sulla macchina volante). Il tutto condito da dialoghi credibili e reali, in cui ogni personaggio ha la sua precisa collocazione. Dal punto di vista grafico, la presenza di Bonfatti permette di osservare incredibili scenari dettagliati (il palazzo di Gambadilegno, oppure la sua monumentale statua) e folle brulicanti sempre ben definite. In sintesi, una storia che è un eccellente sequel ma anche l’ideale secondo tempo di un’avventura ancora più lunga.

L’edizione nella collana Super De Luxe ci fornisce un grande formato e tre pagine di contenuti speciali, tra schizzi, bozzetti e idee (come il geniale logo dell’Ingambissimo). Sinceramente però, non siamo dei sostenitori di questa collana, da sempre. Riteniamo che un formato così grande non sia il massimo (quello della Limited De Luxe o, meglio, del recente Topolino Extra è più adeguato per valorizzare le tavole di Topolino) e che il megaposter risulti più un orpello che non un vero valore aggiunto. Infine, il basso numero di contenuti speciali non corrisponde all’elevato prezzo di copertina. Ecco perché assegniamo “solo” quattro stelle e non cinque al volume, nonostante l’assoluta eccellenza del lavoro di Casty e Bonfatti.



Autenticati per poter votare le storie del Topolino!

Autore dell'articolo: Amedeo Badini

Il fumetto è sempre stato una mia grande passione, sotto forma prima di un rassicurante Topolino a cadenza settimanale, per poi inoltrarsi nel terreno filologico-collezionistico. Questo aspetto critico mi ha permesso di apprezzare altri autori, da Alan Moore a Jeff Smith, e soprattutto di affinare la curiosità verso tutta la nona arte del fumetto. Disney è il mio primo campo, ma non disdegno sortite e passeggiate in territori vicini. Per il Papersera ho scritto più di 100 recensioni, oltre ad aver curato una parte degli articoli sulle testate disney del passato. Inoltre, ho realizzato il Don Rosa Compendium, un'analisi dettagliata di tutte le storie del grande autore del Kentucky. Scrivo di fumetto e di cinema anche per il settimanale Tempi, per Lo Spazio Bianco e per la Tana del Sollazzo.