Topolino 3298

Faraci promette e non mantiene in una storia che, se gestita diversamente, avrebbe potuto invece regalare un futuro classico. L'amico non ritrovato comincia con una tipica situazione “impossibile”, la sparizione di un personaggio noto a tutti, lettori compresi, e prosegue tra sequenze enigmatiche e atmosfere oniriche, ben supportata dai disegni di Vian, che contribuiscono al…
[ Leggi ]

Topolino 3297

Un numero che scorre via come acqua quello di questa settimana, senza sussulti e con pochi elementi degni di nota. La prima puntata de Il conte di Anatrham è la cosa più interessante: dopo Orgoglio e pregiudizio, si torna immediatamente alle storie in costume e Bosco, in questo capitolo introduttivo, delinea bene quasi tutti i…
[ Leggi ]

Topolino 3295

Dopo la delicatezza barksiana, dopo l’aneddotica a tratti selvaggia di Martina e tentativi “spuri” ed occasionali di altri autori italiani, dopo il saccheggio indiscriminato operato da Don Rosa e da chi si è successivamente allineato alla sua linea, sembra difficile trovare ancora qualcosa di interessante da dire sul rapporto tra Paperone e il Klondike. Tuttavia…
[ Leggi ]

Topolino 3293

Adoro i numeri come questo. Non c’è una sola cosa di cui valga la pena scrivere, nel bene o nel male, per cui prevedo che me la sbrigherò prestissimo. In realtà qualcosa di cui scrivere (nel male) ci sarebbe ma fortunatamente la divisione in tre parti di “Orgoglio e pregiudizio” mi dà modo di glissare…
[ Leggi ]

Topolino 3291

Il numero natalizio è un appuntamento importante e che genera sempre un po’ di apprensione (almeno per chi è un lettore fedele). È uno di quei pochi numeri che non si possono sbagliare, perché è la sintesi tra la festa più attesa dell’anno nel nostro paese e l’universo fumettistico e d’intrattenimento più longevo e amato….
[ Leggi ]

Topolino 3290

Una storia ruba subito l’occhio nel Topolino 3290: in Gambadilegno e l’onestà ipnotica i disegni di Cavazzano, le scene notturne in una città improvvisamente tornata sporca e malfamata, il look impermeabile + borsalino, sono tutti elementi che richiamano le passate avventure ad “Anderville” o de “La voce spezzata” e più in generale un Topolino, quello…
[ Leggi ]

Topolino 3285

Terminata la lettura della ennesima avventura dei “Wizards of Mickey” subito ho l’impressione, prepotente, che mi sia sfuggito qualcosa, qualcosa di necessario, un po’ come il classico dettaglio che permette al detective di risolvere, in un colpo, l’enigma in cui è invischiato. Si impone quindi una seconda lettura più attenta ma, arrivato ancora una volta…
[ Leggi ]

Topolino 3283

A parte il prequel (l’ultimo della serie) di Casty e Bonfatti, c’è una sola storia che merita di essere letta in questo numero di Topolino: “Bum Bum e il distintivo sospirato” riporta sulle pagine del settimanale uno dei personaggi più interessanti apparsi in epoca recente. Bum Bum è egoista, scorretto, sporco, imbranato, ubriacone (dai, non…
[ Leggi ]

Topolino 3281

Un numero fin troppo anonimo il 3281 che però conduce lo stesso a fare alcune riflessioni, leggermente diverse dal solito. Se infatti fino ad ora ho lamentato l'eccessiva infantilizzazione che a tratti (non sempre per fortuna) caratterizza la rivista, adesso la critica si sposta verso altri obiettivi. Disney/Panini/redazione (cito tutti perché va a sapere di…
[ Leggi ]

Topolino 3279

Con l’avventura “Topolino e i numeri del futuro” torna il ciclo Comic & Science e come sempre, nelle mani di Artibani, si rivela un progetto interessante. A dispetto del titolo, non sono tanto la matematica e i numeri il soggetto della storia, quanto piuttosto l’importanza dell’evoluzione tecnologica e della ricerca scientifica e le sue conseguenze,…
[ Leggi ]