Topolino 3404

Avevo delle aspettative piuttosto alte per Topolino e lo strano caso di Villa Ghirlanda, dovute ovviamente all’autore. Blasco Pisapia, come autore completo, non è molto prolifico ma si è sempre dimostrato capace. Parliamo pur sempre di colui che è riuscito a dare un senso persino a un personaggio insulso e improduttivo come Clarabella, affiancandola a…
[ Leggi ]

Topolino 3403

Il nuovo numero di Topolino, in edicola in concomitanza con la ricorrenza di San Valentino, risulta a trazione meno romantica rispetto agli anni passati. Sono comunque due le storie a tema presenti, entrambe in chiusura del libretto. L’ambientazione scolastica della serie Young Donald Duck ci consente di assistere all’imbarazzo e agli equivoci che si vengono…
[ Leggi ]

Topolino 3396

Chi scrive queste righe recensisce Topolino per la prima volta, con una certa soggezione dunque, e si trova a farlo su un numero di Natale semplicemente paradigmatico. La prima storia, firmata da Blasco Pisapia, Paperino e il Natale da saltare, si concede un’apertura piuttosto barksiana negli umori e nello stile, culminante in un sacrosanto momento…
[ Leggi ]

Topolino 3393

Il numero di questa settimana si apre con Zio Paperone e il risparmio a 360° (Arrighini/Faccini), una delle innumerevoli sfide tra i due arcimiliardari di Paperopoli, rappresentati anche in una vivace copertina di Francesco D’Ippolito…

Topolino 3354

La lettura di Paperina e la selezione scientifica lascia piuttosto perplessi: non è una storia, ma una insieme di scene e personaggi messi insieme senza una logica (il buon René Ferretti avrebbe la definizione giusta): sembra quasi un flusso di (in)coscienza, con una sceneggiatura raffazzonata e dal dubbio senso dell’umorismo. Se non fosse per l’articolo…
[ Leggi ]

Topolino 3352

Introdotto da una signora copertina, il Topolino 3352 si apre con Dinamite Bla e il segno di Buzzurro (Sisti/Freccero): avventura con il burbero contadino molto meno nonsense del solito e forse proprio per questo (personalmente) più gradevole del normale: certo, le assurdità che generalmente fanno da contorno alle storie del personaggio non mancano, ma se…
[ Leggi ]