Solo un povero vecchio papero. L’evoluzione del Paperone di Carl Barks

Tra il 1947 e il 1952 Carl Barks sviluppa, una storia dopo l’altra, la più importante e influente delle sue creazioni: Paperon de’ Paperoni.
In questo nuovo articolo della nostra rubrica sull’Uomo dei Paperi ricostruiamo tutte le tappe fondamentali dell’evoluzione grafica e caratteriale del papero più ricco del mondo.
Buona lettura!

Il regalo di Natale di Carl Barks

Il mese di dicembre ha qualcosa di diverso da tutti gli altri. Le città si riempiono di luci colorate, le famiglie abbelliscono le case con i loro addobbi migliori e una magia particolare invade i cuori delle persone. Tutti noi ci sentiamo influenzati dall’arrivo del 25 dicembre, desiderosi di trascorrere il Natale insieme ai nostri…
[ Leggi ]

Una modesta proposta per una nuova edicola disneyana

Attorno a Topolino si sviluppa da molti anni un’intera galassia di periodici caratterizzati da diversi scopi, pubblici di riferimento, tematiche e quant’altro, con cicli di vita editoriale dalle alterne fortune.
Nei quasi sette anni di gestione Panini molte cose sono cambiate e abbiamo visto nascere (e morire) diverse testate, fino alla situazione attuale.
Nella calda estate del post-confinamento ci siamo divertiti a immaginare un’edicola disneyana… alternativa.
Buona lettura!

Don Rosa, Maestro del fumetto o autore di fan fiction? (seconda parte)

Il successo di Don Rosa in Europa, tra gli anni ’90 e i primi anni 2000, è travolgente.
Date le premesse affrontate nella prima parte dell’articolo, risultano evidenti i motivi per cui il discepolo più leale di Barks sia riuscito a far breccia tra i lettori e i collezionisti di fumetti.
Come gestisce Don Rosa questa apparentemente inarrestabile ascesa? E, soprattutto, quali conseguenze ha avuto, sul lungo termine, la Rosamania?

Don Rosa, Maestro del fumetto o autore di fan fiction? (prima parte)

A quattordici anni dalla pubblicazione della sua ultima storia, La prigioniera del Fosso dell’Agonia Bianca, Don Rosa non è di certo uscito dal dibattito disneyano. Cosa è rimasto della sua eredità autoriale? Quale impatto ha avuto sui lettori di tutto il mondo?

I Migliori Anni Disney

Introduzione Primo numero della testata uscito a novembre 2014 con partenza dal 1960. Panini cominciò a pubblicare fumetti Disney nel novembre 2014, ereditando anche Disney Anni d’Oro che venne chiusa dopo soli due uscite con il numero 30. Probabilmente il nuovo editore voleva avere mano libera sulle pubblicazioni, spazzare via il passato e ripartire da…
[ Leggi ]

Lucca Comics and Games: si parte!

Dal 30 ottobre al 3 novembre il mondo del fumetto, dell’animazione, dei videogame, della musica e del cosplay sarà concentrato all’interno delle mura lucchesi. Il Papersera come sempre sarà presente per l’intera durata della kermesse!

Zio Paperone

Dicembre 1987: a quarant’anni esatti dalla nascita di Paperon de’ Paperoni, esce il primo numero di una testata che cambia per sempre l’approccio al fumetto Disney da parte dei lettori italiani. In quel mese di dicembre arriva infatti in edicola il primo numero di Zio Paperone, rivista dedicata unicamente alle storie prodotte da Carl Barks.

Zio Paperone 207

Paperino e Robert il Robot di Martina/Carpi: una storia di chiaro stampo martiniano è un’avventura tutto sommato semplice e senza molti spunti originali; tuttavia è gestita ottimamente per tempi, colpi di scena e gag tanto da risultare una storia gradita. Simpatico il finale e il poliziotto; bello vedere il linguaggio “pittoresco” di Martina, unito alle…
[ Leggi ]