Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
TopoOscar 2021
Le nostre recensioni
2 | |
2 | |
2 | |
4 | |
2 | |
2 | |
5 | |
1 | |
5 | |
4 | |
3 | |
3 | |
Topolino 3395 - Recensione di Simone Devoto

Quella delle festività natalizie è un’opportunità per molti lettori occasionali di tornare tra le pagine dei fumetti Disney, cercando al loro interno un po’ di magia del Natale: non è infatti casuale l’incredibile successo di testate come Natalissimo, recentemente confermato in un’intervista dal direttore Alex Bertani. Tutto questo rende il Natale un’ottima occasione per Panini di mettere in vetrina la propria produzione fumettistica Disney, sia tramite uscite aggiuntive dedicate, sia con le tradizionali storie a tema su Topolino. Sul settimanale le feste di Natale iniziano a partire da questa settimana, come anticipato dalla calda e bellissima copertina illustrata da Andrea Freccero, che riprende la tradizione delle copertine componibili natalizie suddivise su più numeri, e dall’indice stesso del volume. Già in apertura troviamo infatti la prima parte di Topolino e le piccole verità del Natale, prima storia natalizia di Marco Nucci e terza apparizione del personaggio di Mister Vertigo, questa volta nuovamente con i disegni di Fabrizio Petrossi. Dopo due storie incentrate sul potere distruttivo di frottole e fake news, in questa occasione verrà dimostrato che anche la verità, se gestita in maniera superficiale, può risultare pericolosa. In una Topolinia ancora scossa dagli eventi descritti nelle precedenti avventure della serie è infatti stata indetta una “festa della sincerità” in vista del Natale, con l’obiettivo apparente di sensibilizzare la cittadinanza contro la facile diffusione di notizie false, ma con l’effetto di creare tensione in vista delle feste. Un approccio interessante considerato il contesto natalizio della storia, che fa attendere con buone aspettative la seconda puntata. Le precedenti storie di Mister Vertigo, dopo un’idea di partenza molto accattivante e una prima parte coinvolgente, si erano dimostrate un po’ deboli e frettolose nella risoluzione finale: ci auguriamo che, la prossima settimana, la conclusione di questa terza prova rappresenti finalmente l’occasione per questo nuovo antagonista di “spiccare il volo”. Quest’anno il Natale a Topolinia sembra all’insegna della tensione… A seguire troviamo Gamba e i Lucciconi di Natale, interamente scritta e disegnata da Giuseppe Zironi. Si tratta di una vicenda natalizia dalla struttura più classica, in cui Pietro scopre un suo lato buono e trova redenzione nei buoni sentimenti. Per quanto, descritta in questo modo, possa sembrare una storia che sa tanto di già visto, sia per la tematica che per la rilettura di Gambadilegno in una luce positiva, l’esecuzione da parte di Zironi è ottima e riesce veramente a catturare quella “magia del Natale” descritta in precedenza nascosta tra le pagine dei fumetti. Si tratta di una lettura fresca e piacevole, che non risulta appesantita dalla facile retorica che spesso affligge questo tipo di storie. Anche Zio Paperone e l’energia sentimentale, sceneggiatura e disegni di Marco Rota, è una storia molto classica che declina, in una sua ennesima versione moderna, il Canto di Natale di Dickens. Il tema, decisamente non inedito, non viene però in questo caso riscattato da un’esecuzione appesantita da un particolare gusto per il fantastico e per l’assurdo, lasciandoci dunque con una storia che, pur immergendoci nello spirito delle feste, non risulta memorabile. A chiudere il numero troviamo Zio Paperone e il fantomatico ipergigacolossaliardo, di Giorgio Fontana e Nicola Tosolini, e Filo & Brigitta e i tesori di serie B: Il tosaerba di Attila, di Roberto Gagnor e Nico Picone. La prima è un’ottima riempitiva incentrata sugli improbabili nomi di numeri che siamo ben abituati a leggere su Topolino per descrivere le incalcolabili ricchezze paperoniane e che da tempo abbiamo smesso questionare, capace di strappare più di una risata mentre seguiamo Paperone nella sua caccia a una nuova cifra. Il nuovo episodio dei Tesori di serie B si trova invece in linea con le altre storie di questa serie, con una trama nel complesso buona ma appesantita da un umorismo eccessivamente basato su anacronismi e citazioni a elementi di cultura popolare. Topolino 3395 è nel complesso un ottimo numero, con piacevoli storie prevalentemente a tema natalizio che ci immergono già nel clima delle feste. La prossima settimana, Topolino 3396 ci porterà nel vivo delle celebrazioni, soprattutto con la conclusione di Topolino e le piccole verità del Natale. Il Natale secondo Pietro

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (19)
Esegui il login per votare

Topolino 3395

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Grande Tiranno
Ombronauta

  • ****
  • Post: 798
  • Sfortunato creaturo!
    • Offline
    • Mostra profilo

    Re:Topolino 3395
    Risposta #15: Venerdì 18 Dic 2020, 16:55:22
    Un numero con alti e bassi questo, ma vediamolo più approfonditamente.
    La copertina di Freccero è, come già detto, claustrofobica, ma nel vederla insieme alla prossima si riscatta eccome!
    Sul personaggio di mr. Vertigo ho già detto tutto nel megapost del Topolino 3376, non mi convince, non ci siamo, e, come avevo già detto in quel post, mi sembra che le azioni dei topolinesi siano forzate, compiute perché nella sceneggiatura c'è scritto così. I disegni sono carini, migliori comunque di quelli di Ottavio Panaro. Inoltre non capisco né condivido certi pregiudizi sugli autori. Non è che se un autore ha scritto una bella storia ne deve scrivere per forza due belle.  La storia con Gambadilegno (Gamba è orrendo) è molto bella, forse la migliore dell'albo. Molto introspettiva, e che ci mostra delle dinamiche inedite o quasi, con un lieto fine per tutti ma senza mai scadere nel buonismo zuccheroso. Bravo Zironi, anche ai disegni, che ricordano quelli dell'ultimo De Vita. Un po' buonista è invece la danese di Rota, tuttavia è carina, e il comparto grafico è da 11! Zio Paperone e il fantomatico ipergigacolossaliardo è un' ottima riempitiva, e personalmente adoro queste storie dove vengono spiegati degli elementi presenti in molte altre storie. (Certo che poi devono essere scritte bene!). Tosolini non mi fa impazzire. Ma veniamo alle note dolenti: Filo & Brigitta e i tesori di serie B: il tosaerba di Attila. Se dovessi trovare un aggettivo per descrivere le storie di Gagnor sarebbe "frivole". Sono piene di battute "televisive", che forse vogliono essere satiriche o divertenti, ma non ci riescono, e diventano noiose e bruttine. Questa non fa eccezione e non è neanche aiutata dai disegni di un Picone in involuzione. Il ciak finale è carino molto migliore di quello dello scorso numero (Argh!) Al numero complessivamente do due stelline.
    Il poster è splendido, ma superpiegato, ed essendo la carta sottile, le pieghe si notano tanto!

    Ciao!

    Il Grande Tiranno

    È il primo topic dedicato a un numero di Topolino che apro! Che emozione! 🤩
    « Ultima modifica: Venerdì 18 Dic 2020, 17:17:02 da Grande Tiranno »
    Catturamento Catturamento!

    *

    Flash X
    Cugino di Alf

    • ****
    • Post: 1234
    • Mezzanotte: l'ora di Paperinik!
      • Offline
      • Mostra profilo

      Re:Topolino 3395
      Risposta #16: Venerdì 18 Dic 2020, 18:18:44
      Non è che se un autore ha scritto una bella storia ne deve scrivere per forza due belle. 
      Concordo, ma nel mio caso non è un "deve". Piuttosto è un "ho determinate aspettative ormai". E, francamente, per me le storie del personaggio di Topolino di Nucci sono attualmente quelle migliori insieme a Casty.
      Se dovessi trovare un aggettivo per descrivere le storie di Gagnor sarebbe "frivole". Sono piene di battute "televisive", che forse vogliono essere satiriche o divertenti, ma non ci riescono, e diventano noiose e bruttine. Questa non fa eccezione
      Sono rimasto perplesso quando ho letto qualcosa come "i più forti, i più forti, i più forti siamo noi" (sto andando a memoria, non era esattamente così il motivetto musicale).

      *

      MarioCX
      Diabolico Vendicatore

      • ****
      • Post: 1626
        • Offline
        • Mostra profilo

        Re:Topolino 3395
        Risposta #17: Venerdì 18 Dic 2020, 22:12:09
        Commento solo le prime due storie, le altre devo ancora leggerle poi ne dirò.

        A mio modo di vedere il personaggio di Vertigo non è male di per se, però l'ambito in cui viene fatto operare in questa storia ha i tratti compulsivi e frenetici del topo di questi tempi al quale non riesco ad abituarmi.

        Grande Tiranno dice:
        mi sembra che le azioni dei topolinesi siano forzate

        E' purtroppo vero, anche Topolino ci casca immediatamente come un fesso in quel vortice delle "verità" ed è la cosa che da più fastidio.
        Insomma, sembra diventata una città di idioti e, ripeto purtroppo, anche Topolino non si fa il minimo problema a seguire "la massa", quando dovrebbe iniziare a dubitare fin da subito.
        Insomma, si comporta da comparsa e non da protagonista.

        La storia con Gambadilegno (anche a me non piacciono i diminuitivi e le troncature), non è davvero male.
        Certo è intrisa di buonismo e questo mi fa rimpiangere il Pietro cattivo tout court dei miei tempi, però all'interno del perimetro imposto dall'attuale linea ho visto ben di peggio.
        Almeno riesce ad interessare ed emozionare.

        Ho dato solo un'occhiata alla storia di Rota e i disegni sono meravigliosi, molto migliori di quelli del Rota degli anni 70-75 (quando ero abbonato) anche se  per la verità all'epoca era più un redazionale che un disegnatore di storie avendone firmate pochissime.



        ...ho la febbre, ma ti porto fuori a bere...

        *

        tang laoya
        Cugino di Alf

        • ****
        • Post: 1188
        • Mano rampante in campo altrui
          • Offline
          • Mostra profilo

          Re:Topolino 3395
          Risposta #18: Sabato 19 Dic 2020, 14:55:53
          prima storia natalizia di Marco Nucci
          Se si intende "prima storia natalizia" in assoluto, Nucci fece il suo debutto sulle pagine del Topo esattamente un anno fa con l'ottima Zio Paperone e il giro del mondo in 80 secondi, storia che mi sono riletto proprio oggi.
          Mi avevano dato le mappe del percorso, ma nessuna idea circa i bizzarri paesaggi che avremmo attraversato durante lunghi mesi. - Per Nettuno Capitano! Con questa luna di sghimbescio gli sgombri cremisi fluttuano flessi!

          *

          Vincenzo
          Cugino di Alf
             (1)

          • ****
          • Post: 1349
          • Esordiente
            • Offline
            • Mostra profilo
             (1)
            Re:Topolino 3395
            Risposta #19: Sabato 19 Dic 2020, 16:35:05
            A me piace molto come Nucci intende i rapporti fra i personaggi di Topolinia, a tratti li preferisco anche a quelli di Casty che a volte li rende leggermente stucchevoli.
            Non vedo alcun problema nell'incipit della storia, i topolinesi prendono l'iniziativa come un gioco e poi si fanno prendere la mano, non è certamente la prima volta che capita e non vedo perchè lo stesso Topolino debba esserne immune. Non è mica un robot.
            E poi, se permettete, a me gli scambi di esternazioni fanno ridere, e parecchio.

            Zironi è come sempre fenomenale, nella sua storia ho rivisto tracce di Fuga da Alcatraz e Le ali della libertà, un autore che spero sempre di rivedere protagonista sul Topo.
            If you can dream it, you can do it.

            *

            MarioCX
            Diabolico Vendicatore

            • ****
            • Post: 1626
              • Offline
              • Mostra profilo

              Re:Topolino 3395
              Risposta #20: Sabato 19 Dic 2020, 18:34:43
              Non vedo alcun problema nell'incipit della storia, i topolinesi prendono l'iniziativa come un gioco e poi si fanno prendere la mano, non è certamente la prima volta che capita e non vedo perchè lo stesso Topolino debba esserne immune. Non è mica un robot.

              Perché è tipico che il protagonista, il cosiddetto "hero", di una storia a fumetti non sia sciocco come le comparse che gli stanno intorno, ma ci veda un po' più lungo.
              Sarebbe come se Tex si comportasse come un qualsiasi avventore da saloon facendosi fregare e malmenare dal primo "villain" di turno come uno dei tanti nessuno presenti nel locale.

              Poi ad ogni affermazione di critica c'è chi gradisce il suo contrario e ciò è più che lecito, ci mancherebbe... però la spiegazione, anche tecnica se vogliamo, è questa.
              ...ho la febbre, ma ti porto fuori a bere...

              *

              Leopk!
              Brutopiano

              • *
              • Post: 29
              • Uuuuuuuuuuunoooooooo...
                • Offline
                • Mostra profilo

                Re:Topolino 3395
                Risposta #21: Sabato 19 Dic 2020, 19:42:16
                Un bel numero, la prima storia non male potrebbe promettere bene, non male anche i disegni,
                La storia con Gambadilegno (Gamba è orrendo)
                concordo, Gamba non esprime bene il personaggio, però bella storia la migliore forse insieme alla quarta. Della terza dico che non mi è piaciuta molto, i disegni di Rota sono abbastanza belli, di uno stile antico ma non male. Come vi ho detto prima bello questo approfondimento sulla ricchezza di paperone, non bellissimi i disegni ma ok.
                L'ultima storia è quella che mi è piaciuta di meno, sinceramente non mi è mai piaciuta la serie "tesori di serie B" le battute non fanno colpo e neanche i disegni sono il massimo.
                Infine veramente bellissimo il poster in omaggio, conveniente per chi non abbia preso i numeri che lo formavano.
                               LPK

                *

                MarioCX
                Diabolico Vendicatore

                • ****
                • Post: 1626
                  • Offline
                  • Mostra profilo

                  Re:Topolino 3395
                  Risposta #22: Sabato 19 Dic 2020, 20:05:05
                  Finita la lettura, credo di poter dire che la storia di Rota sia la vera gemma di questo numero.
                  La trama non è esaltante ed è molto canonica del periodo (una sorta di classica "carola" natalizia disneyana), ma i disegni sono superbi e la colorazione delle scene notturna davvero magnifica.

                  La pulizia e la grazia barksiana di questo episodio contrastano impietosamente con la disordinata caoticità delle altre due (brutte) storie con i paperi che non lasciano nessuna memoria.

                  A dover fare una sorta di classifica di questo numero, metterei sicuramente Rota al primo posto, la storia di Gambadilegno al secondo, quella  di apertura con Vertigo al terzo.
                  « Ultima modifica: Sabato 19 Dic 2020, 20:08:36 da MarioCX »
                  ...ho la febbre, ma ti porto fuori a bere...

                  *

                  Volkabug
                  Diabolico Vendicatore
                     (1)

                  • ****
                  • Post: 1745
                  • ex Paperinik il Templare
                    • Offline
                    • Mostra profilo
                     (1)
                    Re:Topolino 3395
                    Risposta #23: Sabato 19 Dic 2020, 20:43:09
                    Perché è tipico che il protagonista, il cosiddetto "hero", di una storia a fumetti non sia sciocco come le comparse che gli stanno intorno, ma ci veda un po' più lungo.
                    Sarebbe come se Tex si comportasse come un qualsiasi avventore da saloon facendosi fregare e malmenare dal primo "villain" di turno come uno dei tanti nessuno presenti nel locale.

                    E' solo la prima puntata, aspettiamo di vedere cosa succederà nella seconda... infatti, basta che Topolino ad un certo punto noti qualcosa che sfugge agli altri, per fare la differenza; non è indispensabile che sia sempre infallibile, o che non si conceda qualche svago come, in questo caso, il partecipare a un'iniziativa insieme agli amici... la situazione gli sfugge di mano semplicemente perché gli insulti che riceve lo annebbiano così come accade agli altri, ma credo che l'effetto sarà temporaneo.

                    Qualche esempio di storia in cui per qualche tempo Topolino risulta "instupidito": Topolino e il doppio segreto di Macchia Nera o Topolino e il mistero delle collane (ok, è una forza più grande di lui a sopraffarlo, ma fa la figura del burattino); la saga di Zombi Baturzo, ma anche alcuni episodi del ciclo di Eta Beta di Walsh, in cui Topolino fa la figura del fesso di fronte a certe stramberie che lo colgono impreparato, eppure il fatto che si mantenga lucido in altri frangenti delicati lo riscatta; d'altronde, tutta la storia Topolino ed Eta Beta l'indovino è costruita sul fatto che Topolino perde la testa per la possibilità di guadagnare, ed è compito di Eta Beta farlo rinsavire; tanti altri piccoli momenti di "debolezza" fanno capolino di tanto in tanto nelle storie di Walsh, ma mai si direbbe che il suo Topolino sia per questo poco eroico; inoltre, in storie di Tito Faraci come Dalla parte sbagliata o di Gianfranco Cordara come Gambadilegno e la recita a cattivo soggetto, Topolino si sbaglia inizialmente, mosso dal pregiudizio, sospettando di Gambadilegno quando questi è innocente.
                    E paperibus unus

                    *

                    MarioCX
                    Diabolico Vendicatore

                    • ****
                    • Post: 1626
                      • Offline
                      • Mostra profilo

                      Re:Topolino 3395
                      Risposta #24: Sabato 19 Dic 2020, 20:59:02
                      Non teorizzo che il protagonista di una serie non debba mai sbagliare, ci mancherebbe. Anche il Maigret di Simenon nel suo procedere analitico può fare supposizioni errate, ma in questa storia il Topo mi è sembrato eccessivamente... come dire..."sciocchino"?
                      O comunque con un modo di essere troppo simile anzi identico ai suoi concittadini per la verità affetti da una eccessiva dose di idiotismo pure loro, come fatto notare anche da altri.

                      Però hai ragione: vediamo gli sviluppi nella prossima puntata che attendo volentieri essendo uno dei pochi ad aver (cautamente) gradito questo Mr. Vertigo, almeno così mi pare.
                      ...ho la febbre, ma ti porto fuori a bere...

                      *

                      Dippy Dawg
                      Dittatore di Saturno

                      • *****
                      • Post: 2928
                        • Offline
                        • Mostra profilo

                        Re:Topolino 3395
                        Risposta #25: Sabato 19 Dic 2020, 22:09:37
                        Purtroppo (?), Topolino è un personaggio delicato: se fa troppo l'intelligente, allora dà fastidio perché è "precisino", se invece si comporta stupidamente come la massa dà fastidio lo stesso perché lui è l'eroe!
                        E, proprio nella serie di Mr.Vertigo, vediamo bene questa differenza di comportamento: nella prima storia era l'unico che non cadeva nell'ipnosi* di massa, mentre in questa, invece, si adegua al comportamento di tutti gli altri...
                        ... e ammetto di aver provato anch'io un minimo (minimo minimo) di quei fastidi che ho detto, in entrambe le storie! :P

                        * l'ho chiamata ipnosi, perché pensavo che ci fosse sotto qualcosa del genere... invece, pare che i topolinesi siano davvero dei perfetti imbecilli! (Capisco, però, la critica di base al come si può influenzare facilmente l'opinione comune...)


                        Per il resto, complimentoni anche da parte mia a Zironi per la sua storia, che mi è piaciuta molto!
                        Come mi è piaciuta molto anche la storia dell'Ipergigacolossaliardo, in particolare nei commenti di Paperino! ;D
                        Io son nomato Pippo e son poeta
                        Or per l'Inferno ce ne andremo a spasso
                        Verso un'oscura e dolorosa meta

                        *

                        Cornelius Coot
                        Imperatore della Calidornia

                        • ******
                        • Post: 11107
                        • Mais dire Mais
                          • Offline
                          • Mostra profilo

                          Re:Topolino 3395
                          Risposta #26: Sabato 19 Dic 2020, 22:30:01
                          Topolino e le piccole verità del Natale
                          Non è la prima volta che i nostri personaggi si dicono alcune piccole verità nascoste e la cosa non è mai finita bene (ricordo una vecchia storia coi paperi e una macchina della verità di Archimede). Per cui era facile capire quali conseguenze avrebbe avuto questa iniziativa del nuovo Sindaco, senza tirarla tanto per le lunghe. E in mezzo a tanta banale e scontata (se vogliamo) acrimonia ecco spuntare nuovamente Mister Vertigo. Ma più di lui (al momento un semplice calzino arrotolato) mi ha interessato Mister Pappy (una sorta di Willy Wonca) e la sua idea dei giocattoli rotti da regalare.
                          Gambadilegno e i lucciconi di Natale
                          Come il buonismo (anche natalizio) può essere intelligente e tosto, non smielato, grazie a Zironi, ideatore di un ottimo soggetto carcerario che prevede location mai utilizzate prima (le biblioteche di cui poche prigioni, invero, sono fornite). Ottimo utilizzo di vari character in ruolo e brillanti evoluzioni di varie situazioni.
                          La migliore del numero.
                          Zio Paperone e l'energia sentimentale
                          Per fortuna che era tutto un sogno altrimenti non avrei apprezzato questa storia di Marco Rota che invece ha un suo perché. Da notare i paesaggi metropolitani della Paperopoli rotiana e della Topolinia ziriana contrapposti a quelli più paesani della Topolinia nucciana nella quale il pubblico comizio per il cambio di Sindaco sembra un ritrovo per pochi intimi.
                          Zio Paperone e il fantomatico Ipergigacolossaliliardo
                          Non è la prima volta che Paperone ha a che fare con i numeri ma mai come in questo caso in maniera così professionale e dettagliata. Al punto che neanche Pico de Paperis riesce a sbrogliare la matassa, auspicando l'aiuto di una esperta in materia che a sua volta chiamerà altri colleghi al suo... capezzale. Storia curiosa e divertente, una perla della quotidiantià paperopolese.
                          Filo & Brigitta e i Tesori di Serie B - Il tosaerba di Attila
                          Dopo diverso tempo tornano questi 'Tesori' caratterizzati dalle sfide fra la coppia del titolo e quella composta da Rockerduck e Lusky. Il solo fatto che, pur essendo di serie 'cadetta', questi tesori abbiano a che fare con Paperone (oltretutto indirettamente) induce il tycoon in bombetta ad agire, magari pensando di farla franca con Filo e Brigitta che però si rivelano degli ossi duri (un po' per tutti, a questo punto).
                          « Ultima modifica: Sabato 19 Dic 2020, 22:37:05 da Cornelius Coot »

                          *

                          MarioCX
                          Diabolico Vendicatore

                          • ****
                          • Post: 1626
                            • Offline
                            • Mostra profilo

                            Re:Topolino 3395
                            Risposta #27: Sabato 19 Dic 2020, 22:53:17
                            Purtroppo (?), Topolino è un personaggio delicato: se fa troppo l'intelligente, allora dà fastidio perché è "precisino", se invece si comporta stupidamente come la massa dà fastidio lo stesso perché lui è l'eroe!
                            E, proprio nella serie di Mr.Vertigo, vediamo bene questa differenza di comportamento: nella prima storia era l'unico che non cadeva nell'ipnosi* di massa, mentre in questa, invece, si adegua al comportamento di tutti gli altri...
                            ... e ammetto di aver provato anch'io un minimo (minimo minimo) di quei fastidi che ho detto, in entrambe le storie! :P

                            Beh...non ho mai fatto parte dello partito dei sostenitori che Topolino sarebbe antipatico perché "precisino".
                            Essendo cresciuto (ovvero avendolo "conosciuto") per lo più con i gialli di Martina degli anni Sessanta e primi settanta, il mio "Topolino" è quello: deciso, accorto, arguto e determinato.

                            Mi è ben più antipatico il Topolino reso "stupido", mi si passi il termine, forse nell'intenzione di farlo diventare simpatico ad altri.
                            « Ultima modifica: Sabato 19 Dic 2020, 22:58:06 da MarioCX »
                            ...ho la febbre, ma ti porto fuori a bere...

                            *

                            Cornelius Coot
                            Imperatore della Calidornia
                               (2)

                            • ******
                            • Post: 11107
                            • Mais dire Mais
                              • Offline
                              • Mostra profilo
                               (2)
                              Re:Topolino 3395
                              Risposta #28: Sabato 19 Dic 2020, 23:43:58
                              Riguardo il comportamento di Topolino, lo trovo del tutto normale. Quando in altre occasioni i suoi concittadini si sono comportati in maniera veramente strana, tanto da far temere il peggio, il nostro topo ha sempre reagito con sospetto e lucidità, cercando di capire i motivi di tante strampalate situazioni. In questo caso, al momento, si tratta solo di banali scherzi della verità fra amici e lui, giustamente, non si sottrae al gioco. E' giovane, avrà trent'anni, e con la sua ragazza coetanea si diverte a punzecchiarsi. Lo avrebbe fatto anche il Mickey di Gottfredson.

                              Che poi il gioco si trasformi in altro, soprattutto quando certe verità non sono più così simpatiche ma iniziano a infastidire, è sempre normale fra persone e coppie giovani che possono cambiare d'umore da un momento all'altro. Tutto il buonismo che normalmente vediamo nelle storie 'normali' dove Topolino e Pippo non litigano quasi mai (dai tempi di Martina) viene qui estromesso da una serie di ripicche e di critiche più realistiche di quanto non possano essere 'forzate' per il plot di Nucci.

                              Ma quando accadono cose oggettivamente sospette, come l'improvviso successo dei giocattoli rotti di Mister Pappy, ecco che a Topolino il cervello comincia a frullare come si deve, pensando "che situazione assurda". Per essere subito coinvolto in cose 'più serie' dal Mago Arkadin che lo riporta nel recente mondo di Mister Vertigo.
                              « Ultima modifica: Domenica 20 Dic 2020, 11:13:05 da Cornelius Coot »

                              *

                              Volkabug
                              Diabolico Vendicatore

                              • ****
                              • Post: 1745
                              • ex Paperinik il Templare
                                • Offline
                                • Mostra profilo

                                Re:Topolino 3395
                                Risposta #29: Domenica 20 Dic 2020, 10:02:04
                                * l'ho chiamata ipnosi, perché pensavo che ci fosse sotto qualcosa del genere... invece, pare che i topolinesi siano davvero dei perfetti imbecilli! (Capisco, però, la critica di base al come si può influenzare facilmente l'opinione comune...)

                                Ognuno ha i suoi gusti, ma per una prima puntata non mi sembra ancora giusto trarre giudizi troppo affrettati; d'altronde i topolinesi non fanno certo una figura peggiore dei paperopolesi, se pensiamo a come questi vengono rappresentati in una certa quantità di storie di Pezzin, sempre creduloni, nevrotici, superficiali, guidati dal pregiudizio... quindi perché i topi dovrebbero essere migliori? Anzi, trovo che il contrasto, tra una massa influenzabile e un Topolino lasciato solo di fronte a possibili guai ben peggiori di qualche semplice furto con scasso, potrebbe rivelarsi realistico e interessante.

                                Però hai ragione: vediamo gli sviluppi nella prossima puntata che attendo volentieri essendo uno dei pochi ad aver (cautamente) gradito questo Mr. Vertigo, almeno così mi pare.

                                Non credo che sia sgradito a molti, piuttosto la maggior parte lo ha gradito "con riserva" un po' come me e te; io, come ho già detto, ero rimasto abbastanza deluso dall' "inconcludenza" della seconda storia (ma a dire il vero già un po' dalla semplicistica risoluzione del caso di Charlie Torvo da parte di Pippo e Arkadin nella prima avventura), che coinvolgeva in modo abbastanza maldestro persino criminali noti, pur di non rivelare altro sul personaggio clou; mi sono detto che avrei letto quella programmata per Natale, ma come ultima "chance", dopo la quale la serie diventerebbe per me una sorta di "occasione sprecata", viste le interessantissime suggestioni che certe scene della prima avventura (e in parte anche della seconda) avevano evocato. Ora come ora, la terza storia mi sta facendo rivalutare tutto nuovamente in positivo, ma vedremo la seconda puntata.
                                « Ultima modifica: Domenica 20 Dic 2020, 10:36:56 da Volkabug »
                                E paperibus unus

                                 

                                Dati personali, cookies e GDPR

                                Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                                Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                                Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.