Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
TopoOscar 2021
Le nostre recensioni
2 | |
2 | |
2 | |
4 | |
2 | |
2 | |
5 | |
1 | |
5 | |
4 | |
3 | |
3 | |
Topolino 3420 - Recensione di Simone Devoto

Con il numero 3420 comincia ufficialmente l’estate di Topolino: al suo interno hanno infatti inizio le due saghe che ci terranno compagnia per le prime settimane delle vacanze, Musicalisota e Calisota Summer Cup. In queste storie accompagneremo i nipotini di Paperino alle prese con le loro grandi passioni, che probabilmente condividono con gran parte dei lettori più giovani – lo sport per Qui e Quo, la musica per Qua -, in due avventure di grande respiro che avvengono in parallelo tra loro. Apre l’albo il primo episodio di Musicalisota, Ciuuuf! Ciuuuf!, con i testi di Giorgio Salati e i disegni di Nico Picone. Ritroviamo Qua e gli altri componenti della sua band, I Rintronati, dove li avevamo lasciati in Topolino 3406, in procinto di iniziare il loro primo tour musicale. Per l’occasione decidono anche di cambiare il nome del gruppo, dopo aver lasciato tempo fa ai lettori il compito di scegliere tra alcune proposte in un sondaggio che ha visto trionfare il nome “Bumpers”. Ciascun episodio sarà dunque dedicato a una diversa tappa dei Bumpers, partendo da Moosburg per arrivare al gran finale, tra quattro settimane, nella stessa Paperopoli. L’idea è accattivante, tocca un tema caro a tanti giovani (e meno giovani!) raccontando una vicenda che si presta in maniera naturale alla suddivisione a puntate. L’esecuzione, almeno nella partenza, lascia però per ora un pochino perplessi. La prima parte, come è naturale aspettarsi, si concentra sull’introduzione generale della vicenda, ma la narrazione è ulteriormente rallentata da una particolare attenzione a dettagli organizzativi circa la preparazione di un tour musicale, che testimonia l’amore di Salati per l’argomento ma non giova alla lettura, e da un eccessivo focus sui sentimenti e sulle emozioni dei ragazzi, tema probabilmente caro ai giovani lettori, che possono così identificarsi con facilità nei protagonisti, ma che rischia di diventare presto stucchevole. Una partenza in salita per la prima tappa del tour La seconda parte si concentra invece sulle avventure (e disavventure) della prima tappa e in particolare sulla temibile ansia da palcoscenico, sensazione che a tanti sarà capitato di provare almeno una volta nella vita. Condensata nelle poche pagine che restano, però, la storia si trova a presentare situazioni e soluzioni in maniera un poco infantile, lasciando un po’ l’amaro in bocca a lettura ultimata. Si tratta dunque di un primo episodio allo stesso tempo lento nella prima parte e affrettato nella conclusione che non riesce a convincere tanto quanto l’idea di base farebbe immaginare. Tuttavia è anche solo la prima parte di un lungo viaggio e i prossimi episodi, alleggeriti dalla necessità di fornire un’introduzione e una cornice generale, avranno forse maggiore occasione di brillare. Un certo Signor Hoppins è l’episodio che apre invece la Calisota Summer Cup. In questo caso seguiamo i due fratelli rimasti a Paperopoli mentre continuano la carriera calcistica iniziata l’anno scorso ne Il torneo delle Cento Porte. Marco Nucci si pone in stretta continuità con la sua stessa saga, e la prima metà della storia costituisce un lungo riassunto delle puntate precedenti e degli eventi immediatamente a seguire, tutti affidati a una voce esterna narrante rinchiusa in una serie di didascalie. Sembra la ricetta per un disastroso e lentissimo inizio, ma Nucci riesce a destreggiarsi con abilità all’interno dell’espediente narrativo e, grazie anche a ottime battute racchiuse nelle singole vignette, le pagine introduttive diventano fresche e divertenti, scorrendo con leggerezza. E così, dopo un preambolo, un prologo e un riassunto, entriamo nel vivo della vicenda. L’idea di base è simile a quella di Musicalisota, dal momento che anche in questa circostanza si tratta del racconto di un evento che naturalmente si presta alla suddivisione a puntate, ma questa volta al posto del tour musicale e delle sue tappe abbiamo un torneo calcistico con i suoi gironi, in cui le squadre giovanili delle otto principali città del Calisota si sfidano per la vittoria dell’agognata coppa. Questo primo episodio serve solamente a fornire un contesto generale e a portare le pedine sulla scacchiera. Si entrerà nel vivo solo la prossima settimana con gli ottavi di finale. Il gradito ritorno dei ragazzi del 313 FC Nonostante questo, riesce a coinvolgere con successo il lettore e a stupirlo con un inaspettato colpo di scena, che porterà Qui, Quo e i loro amici ad abbandonare il Paperopoli e a rifondare il 313 FC, conosciuto in occasione del Torneo delle Cento Porte e scioltosi immediatamente al termine della competizione. I dinamici disegni di Stefano Intini si sposano alla perfezione con una sceneggiatura che riesce a essere dinamica nonostante sia solo introduttiva, regalando un’ottima esperienza di lettura che sa appassionare anche chi non ha un forte interesse sportivo. Lo Scarabeo Mascherato, una nuova minaccia per Paperinik È un po’ sottotono invece la conclusione di Paperinik e la minaccia dal passato, che tira le fila della vicenda iniziata nel numero scorso e che vede il protagonista scontrarsi con lo Scarabeo Mascherato. Da un lato resta interessante rivedere una lettura supereroistica di Paperinik all’interno del suo reboot da diabolico vendicatore operato da Marco Gervasio, incentrato su una versione del papero mascherato in stretta continuity con le storie originali di Guido Martina. In questa circostanza, tuttavia, Riccardo Pesce non riesce a convincere del tutto, con una risoluzione un po’ affrettata e certe confessioni un po’ troppo facili. Nonostante ciò, l’idea di affiancare al vendicatore di Gervasio opere di altri autori che, seppur in linea con il resto della produzione attuale, mostrino letture diverse di Paperinik è senza dubbio ottima e da perseguire, e la storia in questione è nel suo complesso gradevole. Da questo personaggio, con il piano di rilancio che si ha al momento, è forse però lecito aspettarsi di più. Chiude il numero Paperino e la giornata memorabile, egmontiana inedita in Italia, con i testi di Pat e Carol McGreal e i disegni di Giorgio Cavazzano. È una storia di qualità medio-alta se paragonata alla media della produzione danese, ma che genera nel lettore abituato al gusto italiano le perplessità che derivano dal diverso tipo di narrazione, molto più legato all’assurdo e al fantastico, e a una caratterizzazione lievemente diversa dei personaggi. Si tratta di una storia celebrativa per il compleanno di Paperino, che in qualche modo ripropone l’idea di Marco Rota in Buon Compleanno Paperino o di Vic Lockman in Questa è la tua vita Paperino, usando il pretesto di un’intervista per dare la possibilità al festeggiato di raccontare episodi del suo passato. Il colloquio avviene in questo caso all’interno di un programma televisivo ed è agevolato da un’invenzione di Archimede che permette ai ricordi di materializzarsi, già introdotta in un’avventura precedente, Paperino e le scuse più difficili, che può essere recuperata dal lettore interessato su Paperino 492. Impreziosisce la lettura la riproposizione di svariate scene barksiane a opera di Cavazzano: sono perfettamente riconoscibili citazioni a Paperino e il pesce-aquilone, Paperino e la cavalleria, Paperino, Zio Paperone e il ventino fatale, alle quali si affianca un riferimento alla breve di Vicar e dello stesso Pat McGreal Paperino e il maltempo. Un espediente, quello della mimesi dello stile di Barks, che lo stesso Cavazzano aveva già egregiamente utilizzato in Zio Paperone e l’Uomo dei Paperi nel 1992. Il confronto tra l’originale barksiano e la riproposizione di Cavazzano Il numero di Topolino di questa settimana non spicca in maniera particolare anche perché il suo piatto forte, l’inizio delle due saghe estive, si limita solo alla loro presentazione. Sono però storie con un’idea di base solida che portano avanti in modo interessante il concetto di continuity della Direzione Bertani, essendoci sia rimandi tra le due avventure che avvengono in contemporanea sia alle saghe del recente passato. Attendiamo dunque con fiducia gli sviluppi nelle prossime settimane, pronti a tifare per il 313 FC nella Calisota Summer Cup e dare il nostro sostegno ai Bumpers nel loro tour.

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (30)
Esegui il login per votare

Topolino 3420

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Castyano
Pifferosauro Uranifago

  • ***
  • Post: 376
  • Tripomponato
    • Offline
    • Mostra profilo

    Topolino 3420
    Mercoledì 9 Giu 2021, 13:41:28

    Sommario

    Musicalisota - Ciuuuf! Ciuuuf!
    Soggetto e sceneggiatura di Giorgio Salati
    Disegni di Nico Picone.

    Calisota Summer Cup - Un certo signor Hoppins
    Soggetto e sceneggiatura di Marco Nucci
    Disegni di Stefano Intini.

    Paperinik e la minaccia dal passato - Seconda parte
    Soggetto e sceneggiatura di Riccardo Pesce
    Disegni di Giuseppe Facciotto.

    Paperino e la giornata memorabile - Prima e seconda parte
    Soggetto e sceneggiatura di Pat e Carol McGreal
    Disegni di Giorgio Cavazzano.

    One-Page finale
    A tutto calcio - Il giusto look
    Di Carlo Panaro e Stefano Zanchi.
    « Ultima modifica: Giovedì 10 Giu 2021, 13:54:47 da Castyano »
    "Chissà che cosa stava cercando Moby Dick?"

    *

    Grande Tiranno
    Ombronauta

    • ****
    • Post: 798
    • Sfortunato creaturo!
      • Offline
      • Mostra profilo

      Re:Topolino 3420
      Risposta #1: Mercoledì 9 Giu 2021, 17:48:54
      La città di Appaloosa, presente in Calisota Summer Camp, era già comparsa!

      Ciao!

      Il Grande Tiranno

      Anche Coccodega Bay, ne Le tintarelle erudite! E Farmtown, ne La solitudine del quadrifoglio. E Mousetrap, ne I misteri di mister MacGuffin.
      « Ultima modifica: Mercoledì 9 Giu 2021, 18:01:01 da Grande Tiranno »
      Catturamento Catturamento!

      *

      Flash X
      Cugino di Alf

      • ****
      • Post: 1234
      • Mezzanotte: l'ora di Paperinik!
        • Offline
        • Mostra profilo

        Re:Topolino 3420
        Risposta #2: Giovedì 10 Giu 2021, 02:49:21
        Una simpatica cover di Francesco D'Ippolito ci va a mostrare lo scenario della seconda storia di questo numero.
        La gag di Silvia Ziche questa volta è valida.
        Inizia la prima vera storia a episodi di Musicalisota, con Qua e la band dei Bumpers (io sinceramente preferivo Rintronati) che partono proprio per la prima tappa del gran tour, a Moosburg, una città molto cupa e "filosofica". Storia da cui mi aspettavo qualcosa di più rispetto a quello che ci viene effettivamente raccontato. È però vero che su tratta del primo episodio e che quello che conterà sarà il giudizio complessivo alla fine di tutti gli episodi. Per ora boh, non mi ha coinvolto a pieno. Come nella prima storia della serie, fa anche qui una comparsata Ray dell'Area 15, al quale sembrerebbe che spetti un ruolo di maggior rilievo all'interno della storia a puntate. Nico Picone ai disegni è stato molto valido e si adatta bene a queste gabbie non rispettate.
        Decisamente più intrigante è il primo episodio di Calisota Summer Cup, seguito diretto del Torneo delle Cento Porte dell'anno scorso. Storia davvero molto riuscita e intrigante: questo episodio ci riepiloga un po' la situazione attuale e poi ci introduce quelli che saranno gli ostacoli che i nostri della 313 F.C. dovranno affrontare, senza stavolta l'aiuto di Dribbling e Achille. Non dico dettagli sulla trama perché ce la si deve assolutamente gustare senza anticipazioni. Congratulazioni a Marco Nucci, ormai garanzia, e speriamo che i prossimi episodi siano all'altezza di questo (tra l'altro è lì che cominceranno le vere partire del torneo). I disegni di Stefano Intini sono secondo me una gioia per gli occhi, un po' come in tutte le storie di Newton.
        Paperinik chiude la sua storia con questo secondo episodio, che ci conferma come la storia nel complesso sia una storia più che valida. Tra l'altro c'è un grosso colpo di scena nelle pagine finali che ho apprezzato. Anche qui, non voglio scendere nei dettagli perché la storia è bella, coinvolgente e va letta e gustata. Riccardo Pesce insomma ha la mia "fiducia" e sono contento se anche in futuro si affiancherà a Marco Gervasio nello scrivere quelle che per me sono perle (sì
        addirittura XD) semplicemente per il personaggio. Disegni, come settimana scorsa, molto buoni.
        Infine abbiamo la storia di Paperino in due parti scritta da Pat e Carol McGreal. È veramente triste pensare che il primo sua venuto a mancare: ne approfitto infatti per fare le mie condiglianze. La storia è il sequel di una storia comparsa tanto tempo fa su Topolino e riproposta sul numero di Paperino di questo mese, anch'essa scritta da marito e moglie McGreal ma disegnata da Massimo Fecchi. Io per fortuna proprio su quest'ultimo, quando qualche settimana fa è uscito, avevo letto la storia in questione. La storia nuova però è tranquillamente comprensibile anche a chi non ha letto la prima. Curiosamente hanno diviso questa storia in due tempi di cui uno dura poche pagine e il secondo è lungo: mah, misteri editoriali. :D Comunque la storia non mi ha fatto impazzire ma risulta comunque carina. Sicuramente è molto azzeccata per l'occasione del compleanno di Paperino, non solo perché nella storia in questione siamo in quel periodo ma perché anche qui, come nella storia ristampata su Paperino Mese, vengono ripercorsi alcuni momenti chiave del passato di Paperino. E la cosa l'ho apprezzata sicuramente. La cosa che mi è piaciuta di più du questa è l'ultima tavola. ;D E poi, vogliamo parlare dei disegni di Giorgio Cavazzano? Puro relax visivo!
        La one-page story finale dedicata a Pietro Gambadilegno è troppo ma troppo banale e fiacca.
        In conclusione un numero che non mi è piaciuto quanto i precedenti perché sì, Musicalisota e la storia celebrativa di Paperino sono entrambe carine ma nulla di eccezionale a parer mio. Sicuramente abbiamo di altissimo livello però Calisota Summer Cup e Paperinik.
        Il prossimo mi incuriosisce più che altro per il ritorno di Topolino Giramondo e per il secondo episodio di Calisota Summer Cup. E poi che bello, tornano le brevi di Newton & Pico! (Ah, a proposito: è da un po' che però non ne compare una lunga "nucciana", speriamo arrivi presto XD).
        La città di Appaloosa, presente in Calisota Summer Camp, era già comparsa!

        Ciao!

        Il Grande Tiranno

        Anche Coccodega Bay, ne Le tintarelle erudite! E Farmtown, ne La solitudine del quadrifoglio. E Mousetrap, ne I misteri di mister MacGuffin.
        A quanto pare si espande il Nucciverso, mi fa davvero piacere!

        *

        Garalla
        Dittatore di Saturno

        • *****
        • Post: 3985
        • ex Topo_Nuovo ex ASdrubale
          • Offline
          • Mostra profilo
          • La soffitta di Camera Mia

          Re:Topolino 3420
          Risposta #3: Giovedì 10 Giu 2021, 08:52:02
          Una delle cose che ho malsopportato in questo numero e in particolare in Musicalisota è il logo dei Bumpers.
          Non tanto perché non mi piaccia il nome ma il logo... quel dannato logo...
          A parte che ci viene detto da uno dei personaggi che è stato disegnato ma la prima volta che compare è una scritta con un font che a me non piace ma ok gusti personali.
          Meno gusto personale che la stessa locandina compaia a pagina 10, 11 e 12 e sia sempre diversa. La cosa si può in parte giustificare perché vista da angolazioni e distanze diverse per cui ci sta che quando è in primo piano si vedano tutti i dettagli mentre quando è lontana no. Ma il "logo dei bumpers" perché cambia font, cambia dimensioni, cambia distanza tra le lettere ad ogni visualizzazione.
          Senza contare che il logo disegnato che compare su un camper su cui mi chiedo la provenienza e l'origine visto come arriva in scena in modo totalmente randomico e casuale a l punto che non dovrebbe essere brandizzato... ma sorvolando su questo... ok che compare su entrambe le fiancate, ok che i colori sono gli stessi ma non coincidono... sono due modelli di loghi differenti. Sono effettivamente disegnati quindi piccole differenze le perdonerei anche ma la composizione è diversa senza una reale ragione.
          Infine... Qua si mette a scrivere ad un certo punto. E scrive in diagonale... Chi mai lo farebbe? Che poi scrive in diagonale per permettere a noi lettori di leggere cosa sta scrivendo visto che il foglio in quella vignetta è in diagonale, poi scrive tutto sommato dritto perché il foglio è dritto. Chi mai terrebbe un diario scrivendo a casaccio sui fogli...
          La Soffitta di Camera Mia è un canale youtube che tratta di fumetti.
          Ogni Venerdì il video sul Topolino della settimana.

          https://www.youtube.com/lasoffittadicameramia

          *

          Cornelius Coot
          Imperatore della Calidornia

          • ******
          • Post: 11107
          • Mais dire Mais
            • Offline
            • Mostra profilo

          « Ultima modifica: Giovedì 10 Giu 2021, 10:18:56 da Cornelius Coot »

          *

          Vito65
          Diabolico Vendicatore

          • ****
          • Post: 1447
          • ex Generale Westcock
            • Offline
            • Mostra profilo

            Re:Topolino 3420
            Risposta #5: Giovedì 10 Giu 2021, 14:08:50
            La storia Paperino e la giornata memorabile contiene alle pagine 132-133 una gradevole citazione di Zio Paperone, Paperino e il ventino fatale.

            *

            Samu
            Cugino di Alf
               (1)

            • ****
            • Post: 1043
            • Amante del bel fumetto
              • Offline
              • Mostra profilo
               (1)
              Re:Topolino 3420
              Risposta #6: Giovedì 10 Giu 2021, 19:57:17
              Senza contare che il logo disegnato che compare su un camper su cui mi chiedo la provenienza e l'origine visto come arriva in scena in modo totalmente randomico e casuale a l punto che non dovrebbe essere brandizzato...
              A dire il vero, il brand che appare sul camion trasportato da Archimede non è tanto riferito al nome della band (anche se coincide), quanto al Gran Premio di Bumper Kart di cui Paperino, Paperoga e lo stesso Archimede sono appassionati.
              E ciò veniva mostrato nell'episodio precedente di Musicalisota - Mai più rintronati.
              Infatti, sempre in quell'episodio che fungeva da prologo alla saga attualmente in corso di pubblicazione, a pagina 27 i personaggi venivano raffigurati pensierosi davanti a qualcosa che il lettore non vedeva e che, adesso, sappiamo essere il
              Spoiler: mostra
              Bumper camper, il mezzo che Archimede ha rimesso a nuovo per assistere alla gare sportive
              .
              Allego anche le immagini delle scene cui mi riferisco, tratte dal prologo Mai più rintronati:)
              « Ultima modifica: Giovedì 10 Giu 2021, 19:59:29 da Samu »

              *

              Mr. Verne
              Pifferosauro Uranifago
                 (1)

              • ***
              • Post: 391
                • Offline
                • Mostra profilo
                 (1)
                Re:Topolino 3420
                Risposta #7: Giovedì 10 Giu 2021, 20:20:26
                La storia Paperino e la giornata memorabile contiene alle pagine 132-133 una gradevole citazione di Zio Paperone, Paperino e il ventino fatale.
                Le altre sequenze di ricordi con Paperino adulto sono riferimenti alle storie di Barks https://inducks.org/story.php?c=W+WDC+223-01 e https://inducks.org/story.php?c=W+WDC+128-02 mentre l'ultimo flashback forse é tratto da https://inducks.org/story.php?c=D+95043 scritta da Pat McGreal.

                *

                Samu
                Cugino di Alf

                • ****
                • Post: 1043
                • Amante del bel fumetto
                  • Offline
                  • Mostra profilo

                  Re:Topolino 3420
                  Risposta #8: Giovedì 10 Giu 2021, 20:32:27
                  La storia Paperino e la giornata memorabile contiene alle pagine 132-133 una gradevole citazione di Zio Paperone, Paperino e il ventino fatale.
                  Le altre sequenze di ricordi con Paperino adulto sono riferimenti alle storie di Barks https://inducks.org/story.php?c=W+WDC+223-01 e https://inducks.org/story.php?c=W+WDC+128-02 mentre l'ultimo flashback forse é tratto da https://inducks.org/story.php?c=D+95043 scritta da Pat McGreal.
                  Ringrazio Mr. Verne per aver condiviso i riferimenti alle storie che vengono omaggiate all'interno di Paperino e la giornata memorabile;)
                  Aggiungo che, le sequenze in cui Paperino viene mostrato da paperotto in compagnia di Nonna Papera mi hanno ricordato Buon Compleanno, Paperino ! di Marco Rota.
                  Soprattutto nel momento in cui Paperino indossa, per la prima volta, la blusa da marinaio.  O0

                  *

                  paolobar
                  Diabolico Vendicatore

                  • ****
                  • Post: 1972
                    • Offline
                    • Mostra profilo

                    Re:Topolino 3420
                    Risposta #9: Giovedì 10 Giu 2021, 21:49:39
                    https://www.youtube.com/watch?v=IAbKhEaTANA

                    me l'ero perso, lo sto guardando adesso (assieme al golden gala) ... non c'è Bertani!

                    *

                    Cornelius Coot
                    Imperatore della Calidornia

                    • ******
                    • Post: 11107
                    • Mais dire Mais
                      • Offline
                      • Mostra profilo

                      Re:Topolino 3420
                      Risposta #10: Giovedì 10 Giu 2021, 23:13:44
                      Nelle prossime settimane, grazie a due tour di diversa natura (musicale e calcistica), conosceremo meglio lo stato del Calisota, con diverse città mai viste prima ed altre già note. Come accaduto durante un altro tour, quello ciclistico, tra montagne e deserti, che ci ha procurato qualche medaglia. In questo caso non sono previsti pezzi metallici allegati (purtroppo) ma sarà comunque interessante seguire le gesta dei nuovi amici dei nipotini in luoghi molto variegati: dalla nevosa Quackmore alla teutonica Moosburg, dalla metropolitana Freakpolis alla 'caliente' Las Rumblas.

                      MusiCalisota Ciuuuf! Ciuuuf!
                      E' cominciato il Tour musicale di Qua e dei suoi amici (Brianna - Peter - Angelica - Joey), parallelo a quello calcistico di Qui e Quo impegnati nella Calisota Summer Cup. Coinvolti anche Ray e Duke dell'Area 15, sebbene restino a Paperopoli come scenografo e manager, in una collaborazione che viene vista 'a rischio', considerando i loro caratterini. Prima delle 5 tappe la cittadina di Moosburg, piuttosto sinistra e sonnacchiosa, dall'aspetto teutonico (forse fondata da pionieri tedeschi durante al Corsa all'Oro del 1848). Un vecchio polveroso teatro diventa il palcoscenico d'esordio dei Bumpers (nuovo nome della band) che hanno a che fare con un pubblico non meno 'lugubre' del luogo che li ospita.
                      Calisota Summer Cup    (prima puntata)
                      Altro tour, altri nipotini (Qui e Quo), altri amici (quelli del 313 FC), altre città da raggiungere per vincere una coppa che manca a Paperopoli da tempo immemore. Marco Nucci lega intelligentemente questa manifestazione a quella del Torneo delle Cento Porte: questo fa si che si riprendano delle situazioni interrotte con alcuni personaggi creati in quella occasione. Altra mossa vincente dell'autore, quella di un clamoroso colpo di scena che rivoluziona la coppa calisotiana ancor prima che cominci, coinvolgendo nuovamente chi era stato escluso. Inizio col botto per questo torneo che vedrà la partecipazione di otto squadre ma non di otto città, come era previsto. Se Andrew D.Ribbling era stato l'organizzatore del Torneo delle Cento Porte (diventate Duecento grazie a Paperon de' Paperoni), la figura nobile e storica di questa coppa estiva è sicuramente Martin P. Hoppins, personaggio 'centrale' fin dalle prime vignette 'vintage'.
                      Paperinik e la minaccia dal passato   (seconda puntata)
                      Se uno dei colpevoli era facilmente prevedibile (per corporatura e becco), l'altro lo è stato un po' meno. Ad ogni modo questo 'sequel' del Doppio Trionfo non mi ha particolarmente colpito: sia per l'intuibile rivelazione dello Scarabeo Mascherato, sia per l'eccessivo stato confusionario del prof Old Bones che ha continuamente (e inutilmente) rallentato una vicenda altrimenti piuttosto ritmata. Sicuramente d'effetto le vignette che riprendono scenari della storia martiniana, con le dovute modifiche: Paperone che non si impossessa dello scarabeo rubato da Paperinik ma vuole ridarlo al legittimo proprietario; Rockerduck che viene ufficialmente scoperto a prendere illegalmente possesso dell'oggetto sacro (nel Doppio Trionfo la cosa non era stata del tutto specificata); Gastone che non compare al party di RK che festeggia 'anche' la novella prigionìa del rivale (come accadeva nel soggetto di Martina), Giudice Gufo che invece resta al fianco del Sindaco nell'omaggiare il pivello e il ritrovamento dello scarabeo. Presenza ancor più grave di quella di Gastone, la sua: se quella del nipote era moralmente indegna, quella del giudice lo è legalmente, se vogliamo: avendo giudicato di persona la questione PdP-RK sullo scarabeo (piuttosto sbrigativamente, fra l'altro), aveva lui emesso la condanna dello zione e vederlo al party dell'accusante è sicuramente fuori luogo, un vero e proprio conflitto di interessi. Se Riccardo Pesce ha 'ammorbidito' le gesta di Paperinik, Paperone e Gastone, non lo ha fatto certamente con l'alto rappresentante della magistratura paperopolese.
                      Paperino e la giornata memorabile
                      Storia che si ricollega con quella appena uscita nell'ultimo 'Paperino' 492 (Paperino e le scuse più difficili) dove Donald sente, improvvisamente e a distanza di anni, dei forti sensi di colpa per un fatto accaduto alla fattoria di Nonna Papera quando era bambino. Una invenzione di Archimede che gli permetteva di tornare ai ricordi più lontani attraverso una lunga serie di porte da aprire, è riproposta da una persona diversa (un conduttore tv) che entra ugualmente nei ricordi di Donald, rimasti impressi nel macchinario.
                      Nel giorno della sua festa Paperino si sente 'leggermente' violato nella sua privacy, visto che il conduttore fa la telecronaca precisa di tutte le disavventure paperinesche: da Jones a Gastone, dai nipotini allo zione (quello del Ventino fatale), da Nonna Papera a Paperina... fino ad una ennesima porta che sta per essere aperta ma che Paperino farà di tutto perché ciò non accada, temendo davvero il peggio. Se fino a quel momento aveva fatto buon viso a cattivo gioco, da adesso in poi sarà lui a dettare le regole, in un finale confuso ma vincente. Prendetemi tutto ma non il mio alter ego!
                      « Ultima modifica: Venerdì 11 Giu 2021, 09:51:43 da Cornelius Coot »

                      *

                      Garalla
                      Dittatore di Saturno

                      • *****
                      • Post: 3985
                      • ex Topo_Nuovo ex ASdrubale
                        • Offline
                        • Mostra profilo
                        • La soffitta di Camera Mia

                        Re:Topolino 3420
                        Risposta #11: Venerdì 11 Giu 2021, 10:30:34
                        A dire il vero, il brand che appare sul camion trasportato da Archimede non è tanto riferito al nome della band (anche se coincide), quanto al Gran Premio di Bumper Kart di cui Paperino, Paperoga e lo stesso Archimede sono appassionati.
                        E ciò veniva mostrato nell'episodio precedente di Musicalisota - Mai più rintronati.

                        Già non ricordavo più così bene la prima puntata, bene.
                        Per il resto quindi il buon Ray non ha disegnato quindi nessun logo... quindi i problemi si acuiscono ancora di più ma pace me ne farò una ragione.
                        « Ultima modifica: Venerdì 11 Giu 2021, 10:33:14 da Garalla »
                        La Soffitta di Camera Mia è un canale youtube che tratta di fumetti.
                        Ogni Venerdì il video sul Topolino della settimana.

                        https://www.youtube.com/lasoffittadicameramia

                        *

                        camera_nøve
                        Cugino di Alf

                        • ****
                        • Post: 1099
                        • Bentornati al The Fisbio Show!
                          • Offline
                          • Mostra profilo

                          Re:Topolino 3420
                          Risposta #12: Sabato 12 Giu 2021, 14:26:32
                          Più in orario del previsto è online l'approfondimento settimanale del The Fisbio Show dedicato all'ultimo numero del Topo: https://youtu.be/SIc4xCcz4VI  ;D

                          Buona visione  ;)
                          "Anche io una volta ero curioso..."

                          Il mio canale YouTube dedicato ai fumetti Disney: The Fisbio Show  SmMickey


                          @instafisbio su Instagram: https://www.instagram.com/instafisbio/

                          *

                          Samu
                          Cugino di Alf

                          • ****
                          • Post: 1043
                          • Amante del bel fumetto
                            • Offline
                            • Mostra profilo

                            Re:Topolino 3420
                            Risposta #13: Domenica 13 Giu 2021, 15:49:00
                            A fine lettura, posso dire che il 3420 si è rivelato, per me, un numero molto gradevole e ben riuscito.

                            Iniziano in questo numero due saghe con protagonisti i nostri amici paperopolesi e, in particolare, i tre nipotini.
                            Ho trovato molto interessante l'idea di realizzare due storie che fossero tra loro interconnesse, con la volontà di sviluppare in parallelo due trame che vedono protagonisti e passioni differenti ma che si svolgono nella stessa linea temporale.

                            Musicalisota e la Calisota Summer Cup cominciano, a mio avviso, in modo molto intrigante e appassionante.
                            Per quanto riguarda la prima, se il prologo pubblicato sul numero 3406 non mi aveva entusiasmato più di tanto, la vicenda raccontata questa settimana l'ho trovata davvero ben scritta e scorrevole.
                            Personalmente, mi ha fatto sorridere la cittadina di Moosburg, luogo dove si terrà il primo concerto del tour estivo dei Bumpers e che è patria di poeti, filosofi e abitanti eternamente depressi.
                            In particolare, ho trovato molto simpatica la vignetta in cui Brianna cerca di stimolare i paesani ad assistere all'esibizione della band, invogliandoli a soffrire, con lo spettacolo più deprimente della loro vita.
                            Dal punto di vista grafico, ho apprezzato molto la regia di Nico Picone, con delle inquadrature più libere e variegate e che esulano dalla composizione della tavola classica.

                            Anche la successiva Calisota Summer Cup comincia molto bene, ricollegandosi in maniera naturale e per niente forzata al "Torneo delle Cento Porte".
                            Dovendo condensare in un prologo la voglia di rivalsa del Signor Hoppins (la quale affonda le sue origini nel passato) e raccontare, all'interno di un riassunto, quanto successe al termine della manifestazione sportiva dello scorso anno, si correva il rischio di poter annoiare il lettore.
                            Tuttavia, a mio avviso, Marco Nucci è stato bravo nel creare un racconto armonioso e interessante e che partisse da quegli eventi del passato (e sconosciuti al lettore) per trattare di questo nuovo torneo calcistico.
                            Inoltre, un aspetto che ho molto apprezzato all'interno di questa storia è la naturalezza con cui l'autore descrive il sentimento di delusione provato da Paperino e dai ragazzi e che, solo in un secondo momento, lascerà spazio ad un rinato entusiasmo e ad una sincera voglia di rimettersi in gioco.

                            Proseguendo, si conclude in questo numero Paperinik e la minaccia del passato, con un episodio che ho gradito più del precedente.
                            In questa seconda parte, secondo me, la narrazione si fa meno frenetica della precedente, sviluppando la trama in modo più lineare ed equilibrato.
                            Personalmente, sospettavo fin dall'inizio di
                            Spoiler: mostra
                            Egy Pit, la nipote del curatore del museo e, pertanto, la sua colpevolezza non mi ha sorpreso ma non credevo che anche l'assistente dello zio fosse implicato nel suo piano
                            .
                            In conclusione, posso dire di aver apprezzato maggiormente questa puntata rispetto alla prima anche se non è una storia che ritengo memorabile o particolarmente entusiasmante.

                            Chiude l'albo un'ottima storia celebrativa del personaggio di Paperino.
                            Non avendo letto tutte le storie che vengono omaggiate al suo interno, non avevo colto alcuni riferimenti e credevo che fossero stati creati per la storia in questione.
                            E devo dire che mi è piaciuta l'idea di omaggiare alcune storie del passato in occasione del compleanno di Paperino e, su tutte, ho gradito molto il riferimento alla splendida Paperino e il ventino fatale e che, avendola letta da poco, ho bene impressa in mente.
                            Pertanto, la lettura di questa storia è stata molto graziosa e davvero simpatica e gode di un bel ritmo che ha donato freschezza e vivacità alla trama.
                            Questa freschezza viene ulteriormente rafforzata dagli splendidi disegni di Giorgio Cavazzano, che si rivelano essere sempre una gioia per gli occhi.
                            Infine, per quanto mi riguarda, anche se capisco che potesse essere difficile inserire un omaggio a Pat McGreal in questo numero per ristretti tempi di pubblicazione, penso che sarebbe un bel gesto ricordare, in uno dei prossimi numeri, questo bravo sceneggiatore che ci ha lasciati troppo presto.

                            In conclusione, devo dire che il numero di questa settimana mi ha lasciato davvero soddisfatto (soprattutto per le prime due storie e per la storia finale) e che mi lascia molto curioso per il prosieguo delle due saghe con protagonisti i nipotini.

                            *

                            Giona
                            Visir di Papatoa

                            • *****
                            • Post: 2512
                            • FORTVNA FAVET FORTIBVS
                              • Offline
                              • Mostra profilo

                              Re:Topolino 3420
                              Risposta #14: Domenica 13 Giu 2021, 17:39:15
                              La città di Appaloosa, presente in Calisota Summer Camp, era già comparsa!
                              È stata l'ambientazione (fittizia) di un film western, oltre ad essere una razza di cavalli che ha preso il nome di una tribù indiana.
                              "Coi dollari, coi dollari si compran le vallate / Così le mie ricchezze saran settuplicate" (da Paperino e l'eco dei dollari)

                               

                              Dati personali, cookies e GDPR

                              Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                              Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                              Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.