Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
3 | |
4 | |
5 | |
4 | |
3 | |
3 | |
4 | |
3 | |
2 | |
4 | |
3 | |
4 | |

Topolino 3423

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Flash X
Cugino di Alf

  • ****
  • Post: 1234
  • Mezzanotte: l'ora di Paperinik!
    • Offline
    • Mostra profilo

    Topolino 3423
    Mercoledì 30 Giu 2021, 10:35:32
    Numero di questa settimana da oggi in edicola:

    Cover: Fabio Celoni (disegni), Luca Merli (colori).

    Calisota Summer Cup - Episodio 4 - Forza Paperopoli! (Marco Nucci, Stefano Intini);

    Musicalisota - Episodio 5 - Le luci della città (Giorgio Salati, Nico Picone);

    Zio Paperone e le case mobili (Fabio Michelini, Marco Palazzi);

    Paperbat e la minaccia edulcorante (Gabriele Mazzoleni, Francesco D'Ippolito);

    Topolino e il principe della menzogna - Prologo (Marco Nucci, Ottavio Panaro).

    One-page stories:

    Una pizza con Lunduck - Insegnamenti (Gaja Arrighini, Mattia Surroz);

    Una pizza con Lunduck - Ingegnosità (Gaja Arrighini, Mattia Surroz);

    Una pizza con Lunduck - Sinonimi (Gaja Arrighini, Mattia Surroz);

    A tutto calcio - Preso alla lettera (Carlo Panaro, Stefano Zanchi).

    « Ultima modifica: Mercoledì 30 Giu 2021, 20:22:08 da Flash X »

    *

    Gumi
    Cugino di Alf
    Moderatore
       (13)

    • ****
    • Post: 1396
      • Offline
      • Mostra profilo
       (13)
      Re:Topolino 3423
      Risposta #1: Mercoledì 30 Giu 2021, 23:06:29
      Una piccola vena polemica che riguarda i ciak di Lundini.

      Al contrario delle solite polemiche che in passato hanno ammorbato questi spazi non ho alcuna intenzione di lamentarmi del fatto che si sia concessa una intervista a un personaggio in rapida ascesa come Valerio Lundini. Anzi, da telespettatore appassionato del programna non posso che rimanere compiaciuto dal fatto che Topolino stia sul pezzo (o sulla "pezza" 👀).

      Ma c'è un però.

      Però allo stesso tempo non ho potuto fare a meno di notare come i tre ciak non siano stati minimamente adatti a omaggiare questo irriverente personaggio.

      Posto che i disegni sono comunque buoni e la paperizzazione è molto carina, chi ha scritto questi ciak ha dimostrato di non aver (nel migliore dei casi) capito affatto il personaggio Lundini, il suo umorismo e la costruzione che c'è dietro le sue strampalate interviste.

      Tale umorismo, condito con una buona dose di nonsense, giochi di parole, doppi sensi, si basa spesso, nelle interviste, sul tentativo riuscito di creare una situazione di grande imbarazzo tra l'intervistatore e l'intervistato. Un imbarazzo voluto, comicamente straniante, tendente all'assurdo. Non a fare domande strane.

      Il risultato di questi ciak è invece una serie di vignette che provocano imbarazzo in maniera involontaria. Ciò che i giovini oggigiorno definiscono "Cringe": sono convinto di far ridere ma invece faccio cadere il gelo.

      Ecco, io sono convinto che questo tipo di umorismo sia esattamente agli antipodi rispetto a quello di Lundini e a chi piace il programma e segue questo personaggio NON POSSONO piacere queste strisce.

      Che per me generano a questo punto un effetto controproducente: è questo il livello dell'umorismo di Topolino e delle sue autoconclusive?
      Si badi bene che non è semplice produrre battute fulminanti e riuscite in 4 o 5 vignette. E si vede dal livello spesso molto basso delle one-pages che solitamente si trovano sul settimanale. Ma in questo caso l'autogol, in contrapposizione a una comicità fresca, "giovane" e originale come quella di Lundini, è ancora più clamoroso.

      Mi domando se a questo punto non sarebbe stato più saggio soprassedere e limitarsi all'intervista. O al limite chiedere a Lundini stesso, che peraltro ha frequentato corsi di fumetto, di buttare giù qualche idea più innovativa rispetto a un tizio che fa domande brutte ai personaggi.

      *

      Colo
      Evroniano

      • **
      • Post: 124
      • Forever Criminal Minds...
        • Offline
        • Mostra profilo

        Re:Topolino 3423
        Risposta #2: Mercoledì 30 Giu 2021, 23:26:23
        Solo io ho notato che il finale della storia di Michelini potrebbe essere un omaggio a
        Spoiler: mostra
        Zio Paperone e il guaio "mobile" di Cimino?
        In loving memory of the Eleventh Doctor (2010 -2013)

        "Tutti noi abbiamo qualche sogno nel cassetto e tu non butteresti mai via qualcosa di cosi prezioso" 

        In loving memory di Rodolfo Cimino ( 1927 - 2012 )

        *

        MiTo
        Diabolico Vendicatore
           (4)

        • ****
        • Post: 1626
        • Amante del Cavallino Rampante
          • Offline
          • Mostra profilo
           (4)
          Re:Topolino 3423
          Risposta #3: Giovedì 1 Lug 2021, 00:29:03
          ...

          La Arrighini è esattamente ciò che Lundini prende in giro

          *

          Flash X
          Cugino di Alf

          • ****
          • Post: 1234
          • Mezzanotte: l'ora di Paperinik!
            • Offline
            • Mostra profilo

            Re:Topolino 3423
            Risposta #4: Giovedì 1 Lug 2021, 02:51:16
            Copertina di Celoni secondo eccezionale!
            Gag di Silvia Ziche nulla di che ma neanche brutta.
            Si chiede il nostro Calisota Summer Cup in modo secondo me più che soddisfacente! Una partita veramente sudata è stata quella finale dei ragazzi del 313 contro il "falso" Paperopoli. E devo dire che questa storia ha contenuto, sia nel suo insieme, sia anche in questo ultimo episodio nello specifico, una buona dose di bei messaggi e circostanze tali per cui si è creata un'emotività efficacissima. Senza dire niente di più in merito a quest'ultimo punto, mi limito a esclamare "sono per voi!". Un ottimo finale che apre la strada a
            Spoiler: mostra
            quello che sarà probabilmente il terzo capitolo della saga, nel quale i nostri avranno a che fare nientemeno che con i campionati mondiali giovanili. Capace che lo vedremo come d'appartamento, in questo periodo, l'anno prossimo.
            Disegni sempre eccellenti.
            Continua Musicalisota con un episodio che mi è piaciuto meno dello scorso (lo scorso è finora per me il migliore della serie) ma che comunque non è affatto brutto. L'unica cosa che però mi ha un po' stonato è che c'è tutta una prima parte della storia in cui i nostri sono in viaggio e solo nella seconda di fatto abbiamo a che fare con la tappa ufficiale di questo capitolo. Di per sè nulla di grave, però non so, mi ha abbagliato questo particolare. Disegni anche qui sempre al top.
            Simpatica la storia di Zio Paperone, l'ennesimo "classico" in cui Paperone si fa costruire un qualcosa da Archimede, lo vuole commercializzare e poi lo ritira perché fallimentare. Diciamo che ho notato che si tratta di una storia molto sopra le righe, però proprio per questo è stata una lettura divertente. Anche i disegni non li ho trovati malvagi.
            Abbiamo poi una nuova storia italiana di Paperbat che ci mostra questa particolare collaborazione tra Paperbat e una poliziotta. Una poliziotta che, sinceramente, non ho capito perché sbuca dal nulla e ha per forza bisogno dell'aiuto di Paperoga alias Paperbat. Comunque a parte questo e il fatto che anche qui sia una storia molto sopra le righe, si tratta comunque di una vicenda piacevole e ricca di gag secondo me molto riuscite. Poi volevo esprimere una mia ipotesi: secondo me in questa storia Gabriele Mazzoleni ha inserito un messaggio nascosto, ovvero, senza dare troppo nell'occhio, una certa ostilità nei confronti di questo odierno fastidiosissimo politically correct. In particolare mi riferisco alla pagina 128 nella quarta vignetta, dove quella che potremmo considerare probabilmente una parodia di cartoni come Tom e Jerry, Titti e Silvestro, Bugs e Taddeo..., subisce appunto questo politically correct: infatti da lì in avanti nel cartone non viene più usata la violenza per far ridere. Un po' come è accaduto recentemente nella realtà, se non erro, proprio con Bugs e Taddeo ad esempio. Io ho fatto tutto questo collegamento particolare, poi magari mi sbaglio, però sono curioso di sapere se anche per voi tutto ciò potrebbe non essere da escludere. Disegni della storia: okay.
            Infine abbiamo il prologo della nuova lunga serie di Mister Vertigo. E non dico niente se non che se mi parti così, caro Marco Nucci, mi fai salire hype a mille per le prossime puntate!
            Le quattro one-page stories del numero dedicate a Lunduck e a Topolino e Orazio Le ho trovate tutte troppo banali.
            Quindi un numero decisamente soddisfacente per il finale di Calisota Summer Cup e per il prologo di Mister Vertigo.
            E nel prossimo si parte a gonfie vele con Mister Vertigo, un nuovo capitolo "emotivo" di Area 15 e il finale di Musicalisota (spero che quest'ultimo mi convinca).

            *

            Vito65
            Diabolico Vendicatore

            • ****
            • Post: 1437
            • ex Generale Westcock
              • Offline
              • Mostra profilo

              Re:Topolino 3423
              Risposta #5: Giovedì 1 Lug 2021, 16:22:38
              Zio Paperone e le case mobili assomiglia alla pezziniana Zio Paperone e le vacanze in scatola, pubblicata proprio questa settimana sull'Almanacco.

              *

              Paolo
              Flagello dei mari
              Moderatore

              • *****
              • Post: 4534
              • musrus adroc
                • Offline
                • Mostra profilo

                Topolino 3423
                Risposta #6: Domenica 4 Lug 2021, 10:01:16
                Recensione Topolino 3423


                 Giunge al suo epilogo l’annuale storia calcistica di Nucci con un episodio piacevole, ottimamente disegnato da Intini e al solito ricco di strizzate d’occhio e citazioni più o meno esplicite a film ed elementi di cultura pop, esattamente nello stile che abbiamo imparato a conoscere e che riesce ad essere godibile con un ben equilibrato umorismo sia nella struttura della storia sia nelle battute di contorno o gag di sfondo come la frenetica attività delle Giovani Marmotte nel misurare gli eventi sismici allo stadio.

                 Lo svolgimento di Forza Paperopoli! – che non dettaglierò per tutelare la sorpresa di chi ancora deve leggerla – prende forse spunto da eventi calcistici realmente avvenuti, e fa percepire una qualche competenza in materia non comune nelle storie apparse sul settimanale. Pur con profonde differenze tra le due storie, accomunate solo dall’argomento, mi sembra scritta da chi segue il calcio più questa storia che la mitica Paperino ai mondiali di calcio di Scarpa!

                 Anche il finale – una volta tanto – mi sembra di buon livello (spoiler alert!) con la decisione di acquistare un pallone da parte del nipote di Mr. Hoppins, scelta maturata non per far piacere allo zio o sull’entusiasmo di facili vittorie, ma dopo essere stato “educato alla sconfitta” dallo svolgimento di una partita emozionante, a dimostrazione che per un tifoso la partecipazione emotiva è spesso più rilevante del risultato finale.

                 Il progetto Cento porte (o Duecento, o quante ce ne saranno l’anno prossimo con la partecipazione della squadra campione del Calisota ai mondiali giovanili) mi sembra abbia raggiunto un buon risultato complessivo, inserendosi nella routine delle storie calcistiche legate ad eventi in maniera egregia ed anche innovativa, compito non facile considerato il quantitativo di storie sull’argomento già viste nel corso degli anni!

                 
                Il crossover tra le avventure calcistiche di Qui e Quo e il tour di Qua

                 Sono anche positivamente incuriosito dalla sempre più pervasiva continuity che la visione di Bertani sta portando avanti con decisione nelle pagine del settimanale. In realtà qui, oltre che di continuity, si dovrebbe parlare di crossover, dato che eventi visti nella storia calcistica vengono richiamati in quella realizzata da Salati e Picone sulle avventure dei Bumpers: nella prima Qui e Quo hanno i peltri portafortuna regalati loro da Qua prima di partire per il tour; nella seconda Qua effettua una videochiamata ai fratelli per congratularsi della loro vittoria nel torneo calcistico della storia precedente…

                 Le luci della città, però, oltre ai sopra citati spunti di continuity e alla volontà di presentarci nuovi personaggi di contorno ognuno con le sue particolarità, non riesce ad appassionare come la storia di Nucci. Nel corso della narrazione si alternano idee felici, come l’utilizzo di un diario di viaggio da parte di Qua per condividere le sue sensazioni, con una struttura di dialoghi e comportamenti dei personaggi non adeguati alle potenzialità che gli stessi potrebbero esprimere, vuoi per la loro età, vuoi per le loro ambizioni, vuoi per i problemi personali che ognuno di loro sembra portarsi dentro e che vengono appena accennati, restando in superficie e quindi non riuscendo ad attivare meccanismi di empatia o di immedesimazione nel lettore.

                 
                Sappiamo già da ora come andrà a finire…

                L’avventura Zio Paperone e le case mobili dà invece una fortissima sensazione di déjà-vu con le varie folli iniziative dello Zione che siamo stati abituati a conoscere negli anni: un incrocio tra le innovazioni tecnologiche destinate a tutta la popolazione di Paperopoli, tipiche di Giorgio Pezzin e gli incredibili artefatti semoventi di Rodolfo Cimino.

                 Fabio Michelini, un autore che possiamo considerare della “vecchia guardia”, propone una leggera avventura di maniera, infarcendola di citazioni più o meno opportune a Frozen; l’esito della storia è abbastanza scontato per chi abbia sulle spalle qualche decina d’anni di militanza topolinesca, ma potrebbe risultare divertente per i lettori più giovani.

                 Molto più moderna e divertente Paper Bat e la minaccia edulcorante, storia pubblicata per fare da traino alla nuova testata Panini Il club dei Supereroi. Mazzoleni si prende il lusso di sbeffeggiare entrambi gli estremi della forbice narrativa dei prodotti destinati ai più giovani: sia il “complesso” finale a base di sganassoni previsto dal regista Ted Movie, sia la sua versione “censurata” che prevede la più innocua delle partite a morra cinese. Il cattivo della storia è in effetti un invasato che pretende di edulcorare tutti gli aspetti della vita per giustificare la sua stessa esistenza.

                 Chiude il numero il celebrato passaggio di consegne tra la saga di Nucci e quella di… Nucci! Il prolifico autore emiliano ci introduce, con una copertina di Celoni di grande effetto (sebbene di primo acchito molto simile a quella di Topolino 3408) alla quinta e – forse – risolutiva avventura della serie che vede come protagonista il misterioso Mister Vertigo, sulla quale è incentrata tutta la campagna pubblicitaria estiva del settimanale con a supporto il concorso organizzato dalla Panini “Chi è Mister Vertigo?”.

                 L’avvio della vicenda è perfettamente in linea con quanto siamo stati abituati ad aspettarci dall’autore: un Topolino ai limiti dell’ossessione per questo villain, personaggi nuovi il cui nome si rifà a figure storiche del cinema (Orson Kane), l’alone di mistero che sembra avvolgere qualunque cosa faccia riferimento al misterioso “criminale”. Il prologo non dice molto, è un’introduzione alle prossime puntate che speriamo riescano a far fare il sospirato “salto di qualità” al personaggio sul quale finora Nucci ha legato di più la sua carriera.



                Voto del recensore: 3/5
                Per accedere alla pagina originale della recensione e mettere il tuo voto:
                https://www.papersera.net/wp/2021/07/03/topolino-3423/


                Ora è possibile votare anche le singole storie del fascicolo, non fate mancare il vostro contributo!

                Orrore! Panzaal non è Panzaal!

                *

                Anapisa
                Ombronauta
                   (1)

                • ****
                • Post: 741
                  • Offline
                  • Mostra profilo
                   (1)
                  Re:Topolino 3423
                  Risposta #7: Domenica 4 Lug 2021, 23:31:26
                  Calisota Summer Camp, è andato via via migliorando, coinvolgente il finale di questa storia a (troppe?) puntate.Mi è sembrato quasi di assistere ad un evento sportivo (per quanto poco io segua il calcio).
                  Purtroppo musicalisota continua a non coinvolgermi più di tanto.
                  È stato un piacere ritrovare la follia di Paper Bat, vederlo cavalcare un
                  Spoiler: mostra
                  unicorno
                  è stato uno spasso.Vedremo cosa ci riserverà nel nuovo club dei supereroi.
                  Intrigante mister Vertigo,forse trattasi di prologo, mi pare sia finita troppo in fretta la lettura!


                  Aggiungo un piccolo commento,ieri ho dimenticato di scriverlo, in questo numero su 5 storie pubblicate soltanto due sono autoconclusive.
                  Ora a me cambia poco avendo abbonamento,ma mi immedesimo ad un qualsiasi lettore occasionale che viene attirato dalla bellissima copertina all'acquisto, e si ritrova soltanto con 2 storie complete,anche abbastanza brevi.

                  Segnalo inoltre che a la soluzione al topo enigma (che continua a piacermi) dovrebbe essere a pagina 162, ma anche questa settimana si trova ad un altro numero di pagina

                  « Ultima modifica: Lunedì 5 Lug 2021, 14:00:09 da anapisa »

                   

                  Dati personali, cookies e GDPR

                  Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                  Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                  Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.