Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
3 | |
2 | |
3 | |
4 | |
5 | |
4 | |
3 | |
3 | |
4 | |
3 | |
2 | |
4 | |
01
02
03
04
05
06
07
08
09
10

11

12

25
13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

01
02
03
04
05
06
07
08
09
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25


Zio Paperone e le sette sabbie di Cibola

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Samu
Ombronauta
   (2)

  • ****
  • Post: 988
  • Amante del bel fumetto
    • Offline
    • Mostra profilo
   (2)
    Zio Paperone e le sette sabbie di Cibola
    Venerdì 17 Set 2021, 17:29:22
    Quando ho letto questa storia per la prima volta, sul Topolino #3250, ricordo di aver trovato una avventura veramente ben fatta, interessante, appassionante, "memorabile" nella mia mente di lettore.
    In fase di prima lettura, però, ricordo anche che, nonostante la storia fosse pienamente leggibile senza conoscerne il "prequel", nell'articolo che accompagnava la stessa storia vi erano delle vignette estrapolate dall'originale barksiano ma che io non potevo conoscere, non avendo ancora letto quella storia e soprattutto avendo solo una idea molto vaga di chi fosse Carl Barks e di cosa ha rappresentato questo Grande Maestro per il Fumetto Disney.
    Adesso, grazie ai Grandi Classici Disney e alla ristampa de "La Grande Dinastia dei Paperi", Barks lo conosco molto meglio e, sinceramente, quando incontro una sua nuova storia (che sia breve o lunga) mi "perdo" nella sua capacità di tessere delle trame sempre fresche, variegate, dinamiche, che non stancano e che non annoiano mai.
    Proprio alla luce di tutto questo, una volta letta e apprezzata la bella Zio Paperone e le sette città di Cibola, ho deciso di riprendere in mano questa storia-omaggio, sicuro che, questa volta, avrei pienamente apprezzato (e riconosciuto) tutti i riferimenti e gli omaggi che mi erano sfuggiti nella prima lettura.
    Ed è stata veramente una lettura piena ed appagante, che ha rispolverato con bellezza i ricordi che mi legavano a questa stessa storia donandogli, al contempo, delle sfumature nuove ed intense.
    La storia non si rivela infatti un remake pedissequo dell'originale barksiano bensì, nella sua idea di porsi come "omaggio", riesce ad intrecciare delle vicende che riprendono sì gli elementi cardine della precedente avventura ma, d'altra parte, riescono a dare una vera e propria continuità a quegli eventi e a caricarli di suggestività.
    Questa Zio Paperone e le sette sabbie di Cibola è per me essenzialmente una bella avventura, una di quelle storie che riprende il filone delle cacce al tesoro con Zio Paperone in testa al gruppo dei viaggiatori, seguito dal nipote Paperino e dai nipotini.
    Ho sempre provato una grande attrazione e un sincero, pieno, coinvolgimento per questo tipo di storie che riescono ad amalgamare sapientemente il senso di avventura, la ricerca di un tesoro che non si sa se esista o meno, il fascino della leggenda e soprattutto la piena voglia di mettersi in gioco.
    Ed è proprio questa tematica ad avermi restituito, sin dalla prima lettura di questa storia, una sensazione particolare e amabile.
    La voglia dello Zione, il papero più ricco del mondo, colui che stende i suoi tentacoli ovunque come una piovra, è la molla che lo spinge a cercare nuove strade, a non stancarsi mai di vivere nuove avventure e nuove emozioni.
    Certo, avrà sempre dei nemici da fronteggiare e delle insidie da combattere, ma potrà sempre contare sull'aiuto della sua famiglia, soprattutto dei suoi nipoti che sono per lui una risorsa e uno stimolo a fare sempre meglio e ad arricchirsi di più.
    Ma questo arricchimento, per come la vedo io, non si esaurisce con il ritrovamento di un incredibile tesoro o, come in questo caso, di una affascinante città perduta tutta colma di ori e ricchezze...
    L'arricchimento più vivido e significativo che il vecchio papero può ricavare da queste imprese sta proprio nell'allargamento dei propri orizzonti, nella possibilità di coniugare e mettere insieme il mito con la realtà, con la scoperta reale, lasciandosi affascinare dalla storia delle antiche civiltà e dei popoli perduti nel tempo.
    E questo arricchimento lo sento io, nella mia persona, quando leggo avventure come questa o come l'originale barksiano che l'ha ispirata.
    E, per me, è veramente bellissimo viaggiare con i nostri amici Paperi alla ricerca di qualcosa di nuovo che affonda però le sue radici nella Storia e nel mito, mai paghi di quella fame di avventura che spingerà sempre lo Zione (e con lui i suoi lettori) a mettersi in viaggio, magari al tramonto quando il sole affievolisce la propria luce e accompagna teneramente il viaggiatore nell'attesa di vivere una nuova, memorabile, avventura.
    « Ultima modifica: Venerdì 17 Set 2021, 17:33:18 da Samu »

     

    Dati personali, cookies e GDPR

    Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

    Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

    Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.