Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
2 | |
3 | |
4 | |
5 | |
4 | |
3 | |
3 | |
4 | |
3 | |
2 | |
4 | |
3 | |
Topolino 3443 - Recensione di Guglielmo Nocera

Corrono in versi opposti Paperinik e Topolino nella copertina di questa settimana: e del resto, Grosso guaio a Paperopoli è la storia del loro incontro-scontro, tanto da reggersi soprattutto sul contrasto tra i rispettivi caratteri e metodi. Un contrasto che si fa carico della conclamata eredità del “Topolino perfettino” e la porta alla resa dei conti con il dinamismo di Paperinik, vitaliziato da anni di affetto da parte dei lettori. Uno scontro forse un po’ ricercato e che dimostra quanto Topolino abbia difficoltà a mantenersi allo stesso tempo serio e simpatico, cosa che riesce invece molto più spontanea a Paperinik. Ma del resto, è proprio la complessione fisica di Mickey Mouse, con quelle orecchie enormi e il muso puntuto, a fornire un handicap di partenza nel momento in cui si cerca di renderlo un personaggio “duro”: basti guardare il contrasto di resa nella copertina tra la grinta immediata di Paperinik e il cipiglio irrigidito di Topolino. Fu Giorgio Cavazzano negli anni Novanta a fornire il Topolino noir perfetto, sintesi estrema di pensosità e ingenuità. In questo caso l’ottimo Giuseppe Facciotto, davvero alla sua prova migliore sinora fra l’ispirazione frecceriana e tocchi personalissimi nelle espressioni e negli scorci cittadini, cerca di lavorare nella direzione di un Topolino veramente arrabbiato, con esiti alterni. La puntata di questa settimana conclude la storia, che invero al di fuori dell’inedita accoppiata non offre grossi svincoli di trama. L’idea centrale del piano criminoso, che coinvolge la… lettura di quotidiani, appare presentata come un colpo di teatro un poco eccessivo, mentre l’intrigo di doppi giochi tra i personaggi avrebbe beneficiato di una presentazione più in corso d’opera e, di nuovo, meno teatrale. Spicca invece la conclusione del percorso di incontro fra i due protagonisti, appunto, condita da scene convincenti e funzionali. Sempre godibile il ritrovato Paperinik “gadgettaro” di Marco Gervasio, sebbene le continue sottolineature dell’inoffensività del suo arsenale oscillino tra il l’ironia gustosa e la pedanteria evitabile. “Si fa quel che si può, Topolino!” Atmosfere completamente diverse nella penultima, maestosa puntata di Paperin Pigafetta oltre i confini del mondo. Paolo Mottura, ad ogni tavola capace di superare sé stesso (compreso quel Moby Dick del 2013 tanto spesso richiamato e dalla compagine marina e dal personaggio di Paperon Magellano), firma probabilmente la storia graficamente più coinvolgente di Topolino nel 2021, con un alternarsi sublime di aperture e addensamenti atmosferici, e l’innovativo uso della frammentazione delle vignette a combinare un senso di tensione e un senso di coralità. La spettacolare capacità di apertura dell’orizzonte di Mottura La puntata porta definitivamente i paperi “oltre i confini del mondo” e lo fa nel più spettacolare dei modi. Merito a Pietro Zemelo, forse mai così a suo agio con la materia narrata, di aver creduto nella possibilità di realizzare una storia di avventura sul Topolino odierno, genere quanto mai rarefatto e quanto mai precipuo dell’identità del settimanale. Come spesso accade nelle storie recenti, la magnificenza dell’atmosfera è forse turbata qualche volta di troppo dalla retorica assegnata ai personaggi, ma si tratta stavolta di minime incertezze in una gestione dell’apparato emotivo in buona sostanza riuscita. Da segnalare l’uso di Pico, in un ruolo azzeccatissimo, così come l’evoluzione del rapporto tra Magellano e Pigafetta; mentre forse l’eterno ripetersi dell’elemento antagonistico tradizionale (i Bassottos) sfigura di fronte al resto: l’invenzione di imprevisti umani più variegati e allineati al mutare del contesto avrebbe forse giovato, dando alla storia un migliore connubio tra ispirazione emotiva, grafica e storico-naturalistica da una parte, e corposità della trama sottostante dall’altra. Ma sono solo annotazioni di percorso le nostre, e non scalfiscono la forza di questa ottima storia della quale attendiamo con gusto la conclusione e, verosimilmente, la collocazione in un meritato formato da collezione. Prosegue Amelia e la numero uno del numero due, giunta al suo secondo episodio: la storia di Roberto Gagnor e Marco Ponti si inserisce in un filone che cerca di sfruttare i pochi angoli rimasti in ombra dell’usuale cast paperopolese: Amelia, ottenuta la “numero uno” di Rockerduck, procede all’assalto del deposito. I disegni di Donald Soffritti, in grande spolvero, si infiltrano nell’espressività dei tre personaggi cardine e rivitalizzano una recitazione spesso ingessata in altre storie simili. Ecco che la “nuova Amelia”, sulla carta non particolarmente trascendente, respira nei disegni di Soffritti, con vari scorci del volto che richiamano intenzionalmente Barks, e il tratto deciso e vivido a supporto di una volontà ferrea e debordante. E di riflesso Paperone e Rockerduck, protagonisti di validi momenti di alleanza-distanza. L’apogeo della fattucchiera In attesa della conclusione, la puntata si configura di fatto come una diligente messa in atto dell’idea iniziale, fra le tipiche battute gagnoresche (che certo non giovano a stornare una vaga sensazione di manierismo dell’operazione) e qualche godibile idea come l’uso dei cunicoli scavati dai Bassotti sotto il deposito come rete stradale sotterranea ad uso privato di Paperone. Graditissimo il ritorno di Enrico Faccini con una sua brevissima perla, L’esperimento!: la tipica storia che, senza la sua regia e i suoi disegni, che spingono l’elementare fino allo svagato e al buffonesco, non sarebbe nemmeno lecito pensare, e che invece si trasforma nel vertice umoristico del numero. Teoria, prassi, divulgazione Si conclude con Indiana Pipps e la via dell’ambra. Matteo Venerus estrae dal cilindro una inattesa ispirazione tratta dalla storia romana, che convince molto a partire dalle implicazioni d’atmosfera, salvo poi perdere giri nella seconda parte, costringendo Indiana e Topolino a una rapida peregrinazione per l’Europa verso un finale volutamente (ma forse un poco forzatamente) anticlimatico. I virtuosi disegni di Alessandro Perina rispecchiano questa doppia natura della storia: magnificente nel momento in cui si tratta di raffigurare i momenti più vicini all’ispirazione storica e leggendaria, e un po’ soffocati nella goffaggine dell’antagonista nei punti meno ispirati della trama. Ed ora, non prima di aver segnalato gli approfondimenti sull’ambra (legato alla storia di chiusura), al prossimo Classico Disney Encanto, e alle ultime sonde su Marte, vi auguriamo buona lettura di questo valido e palindromo numero. Alla prossima settimana!

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (25)
Esegui il login per votare

Topolino 3445

Josanny e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Volkabug
Diabolico Vendicatore
   (1)

  • ****
  • Post: 1707
  • ex Paperinik il Templare
    • Offline
    • Mostra profilo
   (1)
    Re:Topolino 3445
    Risposta #15: Venerdì 3 Dic 2021, 23:41:13
    Se hai la sfera di cristallo, ti chiederei il favore di prestarmela: sarà interessante scoprire con una settimana di anticipo cosa mi riserva il futuro...  ;)
    Poi, "tanto pompata"... Un paio di preview, una citazione nell'editoriale e un'intervista agli autori: se questo è pompare tanto...

    Perché post sacrosanti come questo non vengono spolliciati mentre quando qualcuno se ne esce con l'ennesima lamentazione tutti mettono il like? SmRoll In questo forum non si è persa l'abitudine di divertirsi a commentare o dare sostegno solo quando si espongono i lati negativi delle cose...

    Leggendo i vostri commenti a caldo ho molte aspettative per questa storia di Panaro ma mi sa che la leggerò quando la ripubblicheranno... la danese e Topolino le Origini mi scoraggiano troppo all'acquisto di questo numero.
    « Ultima modifica: Venerdì 3 Dic 2021, 23:43:06 da Volkabug »
    E paperibus unus

    *

    Anapisa
    Ombronauta
       (1)

    • ****
    • Post: 744
      • Offline
      • Mostra profilo
       (1)
      Re:Topolino 3445
      Risposta #16: Venerdì 3 Dic 2021, 23:54:57
      Numero (quasi ) senza storie a puntate, Paperino e il sigillo di Papero Magno si divide in due tempi ma si trovano entrambi nello stesso numero.
      La poco sopra menzionata, sceneggiata da Carlo Panaro, che non si leggeva da un po', e ne sentivo la mancanza, è scorrevolissima e anche se composta da molte tavole non ha tempi allungati.A me è piaciuta molto,ora non ricordo di aver letto le storie precedenti, ma è coinvolgente e ben scritta,oltre che ben disegnata.
      Le orripilanti bomboniere di Pico de Paperis troppo divertente, simpaticissima  :)) Anche qui i disegni di Surroz, molto espressivi,calzano a pennello, ce ne vuole di fantasia per creare una bomboniera con 3 teste di fenicottero rosa che sbucano da una simil-anfora .L'unica cosa mi ha fatto strano alla fine come Pico, plurilaureato e quindi si presume con una buona memoria,non si sia accorto di aver acquistato le sue vecchie bomboniere..anche se tutto può essere quando si è dei geni.
      Topolino le origini lasciamo perdere,non ci ho capito niente  ??? Rimandi su rimandi,intrecci su rimandi,rimandi al prossimo capitolo che non si sa quando ci sarà..boh.Rimandiamo al prossimo capitolo,con molto poco entusiasmo
      Le origini di Amelia gran bella storia, è stato carinissimo vedere Amelia da piccola,e successivamente vederla crescere, già motivata e sicura di sé stessa, che prova e riprova senza mollare mai.Una vera passione la sua.
      Grandissimi i disegni del maestro Cavazzano,ha reso splendida Amelia in tutte le sue ere.Qui vengono spiegate le origini di Gennarino,non ne ero a conoscere, e il primo "appuntamento" con Paperone.
      Che aria tira a Paperopoli buffissimo e divertente.
      Dopo un periodo che mi avevano un pochino stufato,sto rivalutando queste One Page della bravissima Silvia Ziche.
      Bene,quindi per concludere,sono molto soddisfatta di questo numero!
      Ah dimenticavo, effetto strepitoso per l' ultima tavola della storia di Amelia!
      « Ultima modifica: Venerdì 3 Dic 2021, 23:58:51 da Anapisa »

      *

      Texor
      Bassotto

      • *
      • Post: 5
      • Esordiente
        • Offline
        • Mostra profilo

        Re:Topolino 3445
        Risposta #17: Venerdì 3 Dic 2021, 23:57:12
        nel prossimo temo si ripiomberà nella mediocrità con la tanto pompata storia del duo Nucci Casty( ai disegni) mi vengono già i brividi.... in negativo .

        Ce ne fossero di autori così... mediocri.
        Casty come sceneggiatore lo adoro  Ma come disegnatore non mi piace non è nelle mie corde.... Nucci lo considero il re delle storie sconclusionate che è l'ideale per la linea Bertani che a quanto pare  ama non avere finali ma che personalmente non sopporto.

        *

        Anapisa
        Ombronauta
           (1)

        • ****
        • Post: 744
          • Offline
          • Mostra profilo
           (1)
          Re:Topolino 3445
          Risposta #18: Sabato 4 Dic 2021, 00:04:43
          Se hai la sfera di cristallo, ti chiederei il favore di prestarmela: sarà interessante scoprire con una settimana di anticipo cosa mi riserva il futuro...  ;)
          Poi, "tanto pompata"... Un paio di preview, una citazione nell'editoriale e un'intervista agli autori: se questo è pompare tanto...

          Perché post sacrosanti come questo non vengono spolliciati mentre quando qualcuno se ne esce con l'ennesima lamentazione tutti mettono il like? SmRoll In questo forum non si è persa l'abitudine di divertirsi a commentare o dare sostegno solo quando si espongono i lati negativi delle cose...

          Leggendo i vostri commenti a caldo ho molte aspettative per questa storia di Panaro ma mi sa che la leggerò quando la ripubblicheranno... la danese e Topolino le Origini mi scoraggiano troppo all'acquisto di questo numero.
          Per me questo è un bel numero, a parte Topolino le origini,le altre storie valgono per tutto il settimanale!
          Se sei indeciso, se puoi leggilo! Hai in un solo numero tutte le storie che iniziano e finiscono, a parte Topolino le origini ma che non considererei più di tanto (io mi ci son persa nella lettura)

          *

          conker
          Diabolico Vendicatore
             (1)

          • ****
          • Post: 1886
          • Listen to many, speak to a few.
            • Offline
            • Mostra profilo
             (1)
            Re:Topolino 3445
            Risposta #19: Sabato 4 Dic 2021, 07:26:44
            da Luciano Bottaro, l’artista più fuori dall’ordinario tra i Disney italiani, a due tra i più ordinari in forza al Topo… scelta quantomeno singolare, visto che di artisti con spiccata personalità ce ne sarebbero

            la lettura è per me complessivamente gradevole, ma senza guizzi… credo comunque porterà nuovi lettori ad avvicinarsi alle storie classiche (da poco ristampate in volume), quindi bene così

            apprezzabile la breve bene illustrata da Surroz, al limite del fastidio quella sulle origini di Topolino (come un po’ tutte le altre della serie)

            la più interessante del numero resta quindi la Egmont splendidamente illustrata da Cavazzano (pur con qualche “singhiozzo”), anche se noi “italiani” immaginiamo un passato differente per la fattucchiera che abita sulle pendici del Vesuvio



            "Si 50 millions de personnes disent une bêtise, c'est quand même une bêtise." - Anatole France

            *

            Volkabug
            Diabolico Vendicatore

            • ****
            • Post: 1707
            • ex Paperinik il Templare
              • Offline
              • Mostra profilo

              Re:Topolino 3445
              Risposta #20: Sabato 4 Dic 2021, 13:16:54
              Per me questo è un bel numero, a parte Topolino le origini,le altre storie valgono per tutto il settimanale!
              Se sei indeciso, se puoi leggilo! Hai in un solo numero tutte le storie che iniziano e finiscono, a parte Topolino le origini ma che non considererei più di tanto (io mi ci son persa nella lettura)

              Grazie Anapisa! :D

              Il problema è che adesso leggo anche altri pareri più contrastanti sulla Paperingia... dopotutto mi fa "paura" l'idea di non trovare qualcosa che sia almeno vagamente all'altezza di Bottaro.

              Per il resto, la danese non mi attira per nulla e il fatto che ci siano solo storie che iniziano e finiscono in questo numero non mi interessa... so che qualcuno in questo forum grida allo scandalo per le storie a puntate "spalmate", ma non ci sarebbe motivo di lamentarsene se non che per tirchieria non si volessero comprare più numeri. La qualità di una storia non si vede da queste cose.
              E paperibus unus

              *

              Anapisa
              Ombronauta

              • ****
              • Post: 744
                • Offline
                • Mostra profilo

                Re:Topolino 3445
                Risposta #21: Sabato 4 Dic 2021, 13:31:49
                Per me questo è un bel numero, a parte Topolino le origini,le altre storie valgono per tutto il settimanale!
                Se sei indeciso, se puoi leggilo! Hai in un solo numero tutte le storie che iniziano e finiscono, a parte Topolino le origini ma che non considererei più di tanto (io mi ci son persa nella lettura)

                Grazie Anapisa! :D

                Il problema è che adesso leggo anche altri pareri più contrastanti sulla Paperingia... dopotutto mi fa "paura" l'idea di non trovare qualcosa che sia almeno vagamente all'altezza di Bottaro.

                Per il resto, la danese non mi attira per nulla e il fatto che ci siano solo storie che iniziano e finiscono in questo numero non mi interessa... so che qualcuno in questo forum grida allo scandalo per le storie a puntate "spalmate", ma non ci sarebbe motivo di lamentarsene se non che per tirchieria non si volessero comprare più numeri. La qualità di una storia non si vede da queste cose.
                Beh allora pensaci  ;) io purtroppo non posso fare un confronto con il ciclo di Bottaro perché non me lo ricordo proprio se le ho lette..devo recuperare su inducks dove sono state pubblicate per vedere se riesco a rinfrescarmi la memoria  :P
                Magari qualcun'altro con buona memoria o lettura recente qui ti darà un parere migliore mettendo a confronto le storie..
                Anche perché poi ognuno ha i suoi gusti quello che magari diverte a me può non piacere ad altri,e viceversa..
                 :D

                *

                Samu
                Ombronauta
                   (2)

                • ****
                • Post: 978
                • Amante del bel fumetto
                  • Offline
                  • Mostra profilo
                   (2)
                  Re:Topolino 3445
                  Risposta #22: Sabato 4 Dic 2021, 21:33:21
                  Casty come sceneggiatore lo adoro  Ma come disegnatore non mi piace non è nelle mie corde.... Nucci lo considero il re delle storie sconclusionate che è l'ideale per la linea Bertani che a quanto pare  ama non avere finali ma che personalmente non sopporto.
                  Non è che se una storia non ha un finale univoco e definitivo la si può marchiare come sconclusionata.
                  Una storia è sconclusionata se non ha né capo né coda e Nucci, in questi suoi primi due anni di collaborazione con la Disney, ha dimostrato di sapere scrivere e bene.
                  Poi, tra le sue storie (a parte Mister Vertigo che è stata effettivamente pensata come saga più duratura e "seriale") l'unica storia che ha lasciato un finale aperto è proprio Io sono Macchia Nera.
                  Tutte le altre storie che ha scritto e che sono state pubblicate finora hanno un inizio e una fine, sono comprensibilissime e le trovo pure parecchio intriganti e anche variegate.

                  *

                  Texor
                  Bassotto

                  • *
                  • Post: 5
                  • Esordiente
                    • Offline
                    • Mostra profilo

                    Re:Topolino 3445
                    Risposta #23: Oggi alle 00:05:05
                    Casty come sceneggiatore lo adoro  Ma come disegnatore non mi piace non è nelle mie corde.... Nucci lo considero il re delle storie sconclusionate che è l'ideale per la linea Bertani che a quanto pare  ama non avere finali ma che personalmente non sopporto.
                    Non è che se una storia non ha un finale univoco e definitivo la si può marchiare come sconclusionata.
                    Una storia è sconclusionata se non ha né capo né coda e Nucci, in questi suoi primi due anni di collaborazione con la Disney, ha dimostrato di sapere scrivere e bene.
                    Poi, tra le sue storie (a parte Mister Vertigo che è stata effettivamente pensata come saga più duratura e "seriale") l'unica storia che ha lasciato un finale aperto è proprio Io sono Macchia Nera.
                    Tutte le altre storie che ha scritto e che sono state pubblicate finora hanno un inizio e una fine, sono comprensibilissime e le trovo pure parecchio intriganti e anche variegate.
                    Te le trovi intriganti e variegati io no, i suoi finali a mio parere non sono dei finali ,avrà tutte le qualità come sceneggiatore di questo mondo ma personalmente i finali delle sue storie quasi sempre li ho trovato insoddisfacenti.

                    *

                    Micio Nero
                    Giovane Marmotta
                       (1)

                    • **
                    • Post: 132
                      • Offline
                      • Mostra profilo
                       (1)
                      Re:Topolino 3445
                      Risposta #24: Oggi alle 14:55:36
                      Molto bella la storia di Papero Magno, con un sapore d'altri tempi che davvero mi fa piacere leggere. Magari non all'altezza delle precedenti storie di Bottaro, ma scorre bene. Una vera boccata d'aria in questo periodo di bertaniverso purtroppo sempre più presente... queste sono le storie che mi piace leggere e che a suo tempo, molti anni fa, mi hanno fatto innamorare della rivista. Le introspezioni dei personaggi e le varie serie tutte più o meno collegate tra loro ogni tanto vanno anche bene, ma personalmente quando sono troppo presenti (quasi invadenti, direi) mi infastidiscono, dato che ormai quasi non si può più leggere un numero di Topolino senza previa conoscenza dei numeri precedenti (e io li leggo tutti).

                      Simpatica anche la storia di Pico, e ottima quella sulle origini di Amelia.

                      Dimenticabile quella di Topolino le Origini che, mi perdonino gli autori, è una delle serie più inutili viste di recente sul Topo, insieme a Young Donald Duck. L'unico punto positivo è che a quanto pare sta per finire...
                      Alla barba spaziale!

                      *

                      Bunz
                      Evroniano
                         (1)

                      • **
                      • Post: 82
                      • Esordiente
                        • Offline
                        • Mostra profilo
                         (1)
                        Re:Topolino 3445
                        Risposta #25: Oggi alle 14:58:48
                        Casty come sceneggiatore lo adoro  Ma come disegnatore non mi piace non è nelle mie corde....
                        Pensa tu che è considerato uno dei migliori di tutti i tempi...

                        *

                        Micio Nero
                        Giovane Marmotta
                           (2)

                        • **
                        • Post: 132
                          • Offline
                          • Mostra profilo
                           (2)
                          Re:Topolino 3445
                          Risposta #26: Oggi alle 15:22:09
                          Pensa tu che è considerato uno dei migliori di tutti i tempi...

                          De gustibus...  :)

                          Ognuno ha i suoi autori più o meno preferiti, ed è davvero una questione di gusti. Che un autore non piaccia non vuole dire che non lo si ritenga bravo. Per dire, qui in Finlandia Don Rosa viene considerato quasi dio del fumetto, ma a me non è mai piaciuto, nonostante come tecnica lo ritenga un bravissimo disegnatore. Stessa cosa vale ad esempio per Chierchini (tanto per fare un esempio italiano), fin da piccolo non mi sono mai piaciuti molto i suoi disegni, anche se certamente è stato un grande artista e ha creato diverse storie che sono diventate veri e propri classici.
                          « Ultima modifica: Oggi alle 16:33:34 da Micio Nero »
                          Alla barba spaziale!

                          *

                          Gumi
                          Cugino di Alf
                          Moderatore
                             (1)

                          • ****
                          • Post: 1398
                            • Online
                            • Mostra profilo
                             (1)
                            Topolino 3445
                            Risposta #27: Oggi alle 16:18:34
                            Recensione Topolino 3445


                             Il ruolo del recensore è sempre particolarmente delicato. Egli è spesso è ignaro dell’amore e dell’impegno che gli autori e i redattori mettono per produrre un numero di Topolino e, trovandosi davanti l’albo, crede di poter giudicare l’operato dell’autore “in generale”, di poter ipotizzare mancanze di tecnica o di zelo, di ergersi dunque non solo come giudice, ma come anche esecutore materiale di sentenze di condanna.

                             Non è così ovviamente, e il ruolo del recensore, quando si trova costretto a non giudicare positivamente una storia o un albo, secondo l’opinione di chi scrive è solo di prendere atto del risultato più o meno soddisfacente e di individuare quali, a suo avviso, siano state le problematiche che non gli hanno permesso di elargire un giudizio positivo.

                             Questa premessa si rende necessaria in quanto, purtroppo, quella che state per leggere sarà una recensione molto negativa, in controtendenza rispetto al felice periodo che il settimanale sta vivendo ultimamente, in cui, nonostante poche stonature, le storie sono mediamente appassionanti e soddisfacenti sia dal punto di vista dei testi che dei disegni. 

                             Tra le caratteristiche del settimanale odierno è certamente riscontrabile una progressiva decompressione delle storie, di cui si è già trattato, ma che viaggia sempre pericolosamente sul filo del concetto di “allungamento del brodo”.

                             Apre il numero Paperino e il sigillo di Papero Magno, coi testi di Carlo Panaro e i disegni di Marco Palazzi. La storia va a ripescare il cosiddetto “Ciclo Paperingio” con protagonista Paperino il paladino, uno dei picchi della ancora troppo sottovalutata produzione Disney del grandissimo Luciano Bottaro, aiutato nella sceneggiatura della prima avventura della serie da Carlo Chendi

                             Essere all’altezza delle storie precedenti del ciclo era sfida ardua, sia nei testi che nei disegni. E, purtroppo, il confronto che già in principio sembrava ingeneroso si è rivelato ancora più impari di quanto preventivato. 

                             
                            Prospettive bottariane

                            La prima tavola, raffigurante una bella veduta del castello di Papero Magno, lasciava ben sperare nel suo ricordare indiscutibilmente lo stile bottariano. Ma, già dalla seconda, un Rockerduck travestito male prende a sassate i sogni di lettore ancora in volo, riportando il tutto a una classica avventura in costume.

                             La storia infatti non presenta particolari guizzi, e anzi i personaggi sembrano ricalcare pedissequamente un copione che li incasella nei loro tratti più caratteristici: Paperino fa danni, Ciccio mangia, Archimede inventa, i Bassotti bassotteggiano, eccetera. 

                             La suddivisione in due parti (apprezzabile il fatto di averle pubblicate entrambe in questo numero) ha poi avuto l’effetto di dilatare la vicenda senza riuscire ad appassionare. 

                             Per il resto, confrontare i disegni con l’opera del maestro di Rapallo sarebbe comunque fuori luogo, data la profonda differenza stilistica tra Bottaro e Palazzi. Quest’ultimo tuttavia si esprime al meglio in alcune inquadrature e vignette che richiamano molto la regia dell’originale epopea paperingia

                             Il numero prosegue senza scossoni con la breve Le orripilanti bomboniere di Pico de Paperis della coppia Vacca/Surroz che, ipotizzando gusti discutibili in termini di pensierini da parte del plurilaureato disneyano per antonomasia, si dipana in maniera buffa e lineare ma presenta il rischio di non rimanere particolarmente impressa nel lettore. 

                             I problemi veri però giungono con Topolino le origini: Con gli occhi del nemico. La storia, nell’opinione di chi scrive, presenta criticità su due fronti: quello della narrazione e quello dell’opportunità. 

                             
                            Un ricordo… inusitato

                             Dal punto di vista narrativo la storia non decolla, il racconto è frammentato e sono molti, financo troppi, i riferimenti a storie precedenti della serie. Ma anche sorvolando su questo aspetto sembra mancare quel mordente in grado di catturare il lettore e farlo appassionare fino al climax finale. 

                             I problemi relativi all’opportunità, invece, sembrano poter essere estesi, ancora una volta, alla serie nella sua interezza.

                             Si è già detto in passato delle perplessità derivanti dal voler raccontare la giovinezza di Topolino: la pretesa di narrare fatti rilevanti, incontri, situazioni, al di là della qualità delle storie, ha da subito generato mormorii di disapprovazione tra il pubblico. Lo smacco supremo finora era stata la riscrittura dell’incontro tra Mickey e il professor Zapotec, che nella realtà avvenne in Topolino e l’enigma di Mu di Massimo de Vita. Delitto di lesa maestà

                             In un Topolino che oggigiorno tende sempre più a ricercare una stretta continuity e la costruzione di un universo coerente questa serie ha indiscutibilmente fallito nello stabilire una base di appoggio per il passato di Mickey Mouse, risultando, in fin dei conti, un elenco non esaustivo di citazioni e personaggi.

                             Da segnalare l’omaggio alla Collana Chirikawa, inserito nel contesto di questo tentativo quasi donrosiano di armonizzazione delle varie storie. Il problema è che il riferimento risulta scollegato, fine a sé stesso e peraltro non si capisce il motivo per cui Trudy debba ricordare un evento passato raffigurandolo con la “soggettiva di Topolino”, ricalcata maldestramente direttamente dalle tavole di Scarpa da Ottavio Panaro.

                             Saranno i posteri a stabilire se Topolino le origini sarà ricordata o presto dimenticata. Certo è che il passato di un personaggio come Mickey viene comunque continuamente arricchito dalle storie e dalle avventure memorabili e di successo pubblicate nel corso degli anni.

                             Va a finire, insomma, che la storia migliore del numero sia proprio una delle tanto bistrattate danesi. 

                             
                            Qui comincia l’avventura…

                             Amelia in: Le origini di una fattucchiera ripercorre a modo suo il passato della strega, seppure certe situazioni non combacino con alcune storie italiane e con la famiglia attribuitagli in passato da Francesco Artibani e Lello Arena. Il racconto è piacevolmente convincente, anche commovente a tratti, e si ricollega nel finale direttamente con Zio Paperone e la fattucchiera, la storia d’esordio del personaggio. 

                             La sceneggiatura di Maya Åstrup è aiutata dagli splendidi disegni di Giorgio Cavazzano che, soprattutto in alcune tavole, è sembrato particolarmente ispirato.

                             Da segnalare infine la doppia intervista a Marco Nucci e Casty, autori della storia Il bianco ed il nero, in uscita la prossima settimana, che riporterà nuovamente Topolino alla mercé del più imperscrutabile tra i suoi avversari: Macchia Nera. 



                            Voto del recensore: 2/5
                            Per accedere alla pagina originale della recensione e mettere il tuo voto:
                            https://www.papersera.net/wp/2021/12/05/topolino-3445/


                            Ora è possibile votare anche le singole storie del fascicolo, non fate mancare il vostro contributo!


                            *

                            conker
                            Diabolico Vendicatore
                               (1)

                            • ****
                            • Post: 1886
                            • Listen to many, speak to a few.
                              • Offline
                              • Mostra profilo
                               (1)
                              Re:Topolino 3445
                              Risposta #28: Oggi alle 17:15:23
                              Casty come sceneggiatore lo adoro  Ma come disegnatore non mi piace non è nelle mie corde....
                              Pensa tu che è considerato uno dei migliori di tutti i tempi...

                              ma dove, da chi?  :o

                              "Si 50 millions de personnes disent une bêtise, c'est quand même une bêtise." - Anatole France

                              *

                              conker
                              Diabolico Vendicatore

                              • ****
                              • Post: 1886
                              • Listen to many, speak to a few.
                                • Offline
                                • Mostra profilo

                                Re:Topolino 3445
                                Risposta #29: Oggi alle 17:37:36
                                Pensa tu che è considerato uno dei migliori di tutti i tempi...

                                De gustibus...  :)

                                Ognuno ha i suoi autori più o meno preferiti, ed è davvero una questione di gusti. Che un autore non piaccia non vuole dire che non lo si ritenga bravo. Per dire, qui in Finlandia Don Rosa viene considerato quasi dio del fumetto, ma a me non è mai piaciuto, nonostante come tecnica lo ritenga un bravissimo disegnatore.

                                che intendi per tecnica?

                                che personalmente tutto mi sembra il Don, tranne che eccellere da un pdv tecnico :)

                                meticoloso su certi aspetti, lacunoso su molti altri… trovi sue commission a colori che sembrano realizzate coi colori a spirito che si usavano all’asilo, i famosi Carioca :D
                                "Si 50 millions de personnes disent une bêtise, c'est quand même une bêtise." - Anatole France

                                 

                                Dati personali, cookies e GDPR

                                Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                                Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                                Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.