Logo PaperseraPapersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
4 | |
4 | |
4 | |
4 | |
4 | |
4 | |
5 | |
3 | |
2 | |
4 | |
3 | |
4 | |
Box Topolino Detective – Supergiallo di Topolino - Recensione di Marco Travaglini

La riscoperta di un classico rappresenta, in qualunque contesto, un’operazione affascinante ma al tempo stesso delicata, foriera di aspettative ma non esente da rischi. In ambito disneyano il temine Classico (con la C maiuscola) ha un’accezione ben precisa, nell’animazione come nel fumetto. Quello a cui Panini ha scelto di rendere omaggio in questa sede è proprio un Classico con la C maiuscola, ovvero il dodicesimo albo dell’ambitissima collana che in seguito sarebbe stata conosciuta dagli appassionati come I Classici di Walt Disney – prima serie. Da Perego a Casty: vecchio e nuovo a confronto Per farlo l’editore ha scelto una veste nuova per i collezionisti disneyani, ma simile a quanto fatto nel recente passato da Bonelli. Un elegante cofanetto in legno dal titolo Topolino Detective (che riprende nella parte alta il personaggio nell’illustrazione di Corrado Mastantuono per la copertina di MMMM – Le Origini), al cui interno trova spazio un pocket cartonato dalle dimensioni leggermente maggiori rispetto all’albo a cui si ispira. Il nuovo Supergiallo di Topolino, sul retro identificato come Disney Special Books n. 5 – Topolino Detective, riprende la grafica di copertina dell’originale, con sfondo giallo e tondo rosso/bianco, a sua volta mutuata dalla celebre collana di gialli Mondadori. Come il suo illustre predecessore, già ristampato nel settembre 1978 come ventunesimo numero della seconda serie dei Classici Disney, l’albo ospita tre capolavori assoluti del Maestro Romano Scarpa, Topolino e la Dimensione Delta, Topolino e l’unghia di Kalì e Topolino e il Pippotarzan, oltre a Topolino e il tesoro degli Aztechi scritta da Guido Martina e disegnata da Giovan Battista Carpi. Le storie sono presentate nelle loro versioni rimaneggiate, prive dell’originaria divisione in due parti e totalmente a colori. Ma la vera novità è nella nuova storia di raccordo scritta e disegnata da Casty, autore anche della copertina di questa riedizione. Intitolata L’asse del tempo, la frame-story ha per protagonisti Topolino, Minni, Pippo, il Prof. Enigm e Atomino Bip-Bip, immersi in un contesto stile Twilight Zone e costretti a rievocare le quattro avventure per richiamare altrettanti elementi capaci di riallineare il normale flusso temporale. Nonostante sia affidato al più valido interprete contemporaneo dell’autentico Topolino, il racconto non risulta particolarmente avvincente, complici certamente le sole sedici tavole disponibili, di cui appena due tra ognuna delle storie. Basti pensare che l’originale Prologo a Supergiallo di Topolino, scritto da Gian Giacomo Dalmasso e disegnato da Giuseppe Perego, poteva beneficiare in tutto di ben venticinque tavole. Pur non sfuggendo alla tradizionale rievocazione di avventure del passato, lì inserite nel contesto di uno show televisivo in quattro puntate, la storia riusciva comunque a presentare un intreccio minimamente interessante con protagonista Pippo tra furti, sequestri e sparizioni. Anche gli editoriali disponibili sono pochissimi: tre pagine di introduzione, in cui Casty rievoca il suo grande amore per Scarpa e la scoperta del Supergiallo nella sua versione del 1978, e una pagina con quattro tavole del racconto inedito in versione preliminare. Tuttavia, all’interno del ligneo scrigno, sono presenti altri tre oggetti oltre al volumetto. Un distintivo della Polizia di Topolinia, di ottima fattura ma ben poco affine alle storie presentate, vista la marginalità (se non la totale assenza) delle forze dell’ordine nelle storie contenute, che richiama quello presente sul cappello di Topolino nella copertina originaria; una bella lente d’ingrandimento, più grande di quanto ci si immaginerebbe dall’immagine promozionale; una mini litografia (in carta del tutto simile a quella delle stampe distribuite in regalo per le prenotazioni dei volumi in fumetteria) con l’immagine di Topolino sovrapposta a quella di centinaia di copertine del settimanale. Il tutto rusticamente presentato all’interno del cofanetto con truciolo color paglia utilizzato normalmente per riempire cesti e confezioni enogastronomiche. Certo, poco pratico per conservarci un albo a fumetti e una litografia, in considerazione della polvere che produce. Un consiglio per conservare il tutto al meglio può essere il seguente: recuperare il truciolo all’interno di una normale busta per fumetti e ricollocarlo così nel cofanetto dopo averlo pulito per bene con l’aspirapolvere. I tre gadget inclusi nel box In definitiva un’operazione certamente interessante: le quattro storie rappresentano un must assoluto e l’inedita frame-story d’autore un valore aggiunto, così come gli oggetti e il cofanetto molto ben realizzati. Un prodotto nuovo dal sapore antico in una veste elegante: un genuino, gradito omaggio a un albo che è rimasto nella memoria di tanti appassionati.

Leggi la recensione
Voto del recensore:
Voto medio: (7)
Esegui il login per votare

Topolino Detective Box (nuova edizione del Supergiallo di Topolino) - Unboxing

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

    Ciao a tutti! Nei miei canali, sui social e anche nelle chat con amici molti mi hanno chiesto foto o dettagli sulla scatola di legno fatta da Panini che contiene il nuovo Supergiallo di Topolino più altri oggetti. Ho colto la palla al balzo per farne un video unboxing. La qualità generale del cofanetto, dei contenuti e del volume è molto buona e per me giustifica pienamente il prezzo (anche se comprendo che c'è chi possa essere interessato solo al volume). Buona visione! E se volete altri dettagli o che, chiedete pure :D

    https://www.youtube.com/watch?v=pXERjQlpxRM

    « Ultima modifica: Mercoledì 8 Dic 2021, 18:09:55 da UomoCheSapevaTroppo »

      Ci puoi dire le misure del volume? Larghezza x altezza? Grazie

        Bellissimo il disclaimer nella pagina del sommario e mitica la dimensione della litografia: 14x19 quando le cornici sono di formato standard 13x18.

          Io l'ho prenotato su amazon dal 10 novembre ed ancora non l'hanno spedito, spero lo spediscano presto

            A me è arrivato ieri in fumetteria...

            La scatola di legno è carina; molto rustica, se vogliamo, ma fa la sua figura...

            Il distintivo della Polizia di Topolinia è la cosa più inutile che abbia mai visto, però è fatto bene!

            La lente di ingrandimento personalizzata con il logo di Topolino è forse un po' più utile, ma ne avrei fatto anche a meno! Comunque, sembra un oggetto solido e utilizzabile, ecco!

            La litografia mi piace come immagine (queste composizioni a mosaico sono molto belle!), ma così piccola non rende granché; comunque, non è male.

            Le storie, a memoria, e guardate molto superficialmente, mi sembrano quelle del Supergiallo originale (con la differenza che le pagine sono tutte a colori): c'è il "S'era d'agosto", e anche "Lo ammazzo! Lo ammazzo!" e "Qui dicono che uccidere un avvoltoio..." (quest'ultima frase, se non sbaglio, era già modificata rispetto al Topolino originale, dove è "I negri dicono..."); a tal riguardo, apprezzo al 1000% il disclaimer iniziale, che ci permette finalmente di vedere le storie com'erano veramente! Ottimo così! :)

            Manca solo il motivo principale per cui ho comprato tutto ciò, e cioè le tavole di raccordo di Casty...

            Allora, come posso dirlo in maniera gentile?... :P
            ... nulla da dire sugli ottimi disegni, ovviamente, ma...
            ... per il resto, ecco...
            ... diciamo che pensavo che fosse MOLTO migliore rispetto all'originale! ;D

            Dai, tutto sommato sono comunque soddisfatto dell'acquisto! :)


            EDIT: Riguardando meglio il Pippotarzan, temo che qualche magagna censoria ci sia!
            Se riesco, faccio un confronto con l'originale (o meglio, la versione classico seconda serie che ho io)...
            « Ultima modifica: Venerdì 17 Dic 2021, 13:07:40 da Dippy Dawg »
            Io son nomato Pippo e son poeta
            Or per l'Inferno ce ne andremo a spasso
            Verso un'oscura e dolorosa meta

              La litografia mi piace come immagine (queste composizioni a mosaico sono molto belle!), ma così piccola non rende granché; comunque, non è male.
              Manca solo il motivo principale per cui ho comprato tutto ciò, e cioè le tavole di raccordo di Casty...
              Quali sono le misure della litografia?
              Riguardo Casty non ho capito la questione delle tavole di raccordo: erano state annunciate e poi non ci sono più?

                La litografia mi piace come immagine (queste composizioni a mosaico sono molto belle!), ma così piccola non rende granché; comunque, non è male.
                Manca solo il motivo principale per cui ho comprato tutto ciò, e cioè le tavole di raccordo di Casty...
                Quali sono le misure della litografia?
                Riguardo Casty non ho capito la questione delle tavole di raccordo: erano state annunciate e poi non ci sono più?
                Ci sono ma sembra migliore la storia di raccordo dell'originale supergiallo di Romano Scarpa

                *

                il grillo atomico
                Pifferosauro Uranifago
                PolliceSu   (1)

                • ***
                • Post: 467
                • Riprendete assolutamente le TOPOSTORIE
                  • Offline
                  • Mostra profilo
                PolliceSu   (1)
                  Ma la storia di raccordo era di DALMASSO-PEREGO
                  come faccio a mettere immagine qui

                    Ma la storia di raccordo era di DALMASSO-PEREGO
                    Si, hai perfettamente ragione. Non possedendo l'albo dei classici in questione, mi basavo su quanto appreso da alcuni recensori online che evidentemente erravano.

                      Ma la storia di raccordo era di DALMASSO-PEREGO
                      Si, hai perfettamente ragione. Non possedendo l'albo dei classici in questione, mi basavo su quanto appreso da alcuni recensori online che evidentemente erravano.
                      Ne ho sentite di tutti i colori da parte di gente che doveva essere competente..storia originale di raccordo di Scarpa, le 4 storie che sono 4 capolavori di Scarpa (poveri Martina e Carpi)...non ho capito il perché di questa enorme disinformazione
                      Luca Giacalone

                        Ci sono ma sembra migliore la storia di raccordo dell'originale supergiallo di Romano Scarpa

                        1) Se vi aspettate che una frame story sia i Dipinti che fingono, o il Mondo di Tutor, o il Raggio di Atlantide c'è qualcosa che non torna. Una buona frame story è composta da tavole che raccordano le storie in questione senza snaturarle, senza trasformarle in qualcosa di finto e senza rovinarne i finali. Niente di più, niente di meno. E questa frame story di Casty fa queste cose perfettamente.

                        2) L'originale di Dalmasso era una porcheria illeggibile (come praticamente tutte quante) che non sarebbe stata degna di essere pubblicata nemmeno in un'altra rivista presente nella stessa edicola che vendeva quelle storie da tanto era brutta. Per sicurezza l'ho riletta ora... e confermo. Sessismo, Topolino perfettino antipatico insopportabile, trama gialla campata in aria, personaggi orribili, storie finte (è la solita scusa dei film del grande attore Topolino). Il peggio del peggio in assoluto.

                        L'effetto nostalgia andrebbe tenuto un po' a bada. Per fortuna non ne soffro in questo caso, avendo preso il classico originale solo da adulto e avendo subito vomitato leggendo la frame story.

                        Che poi questo cofanetto non valga il suo prezzo perché tutto il resto oltre al volumetto è inutile, siamo sicuramente tutti d'accordo. Ma non prendiamocela con l'unica cosa che invece è valida. E speriamo finisca anche in edicola prima o poi, perché è il posto dove dovrebbe essere.
                        Sprea
                        [Scarpa] [Doctor Who] [Old Bricks]
                        "Bah!"

                          Purtroppo, la mia memoria è fallace, e mi sono sbagliato completamente...

                          ... (quest'ultima frase, se non sbaglio, era già modificata rispetto al Topolino originale, dove è "I negri dicono...")...
                          Invece no, anche nel supergiallo originale ci sono i negri!
                          Inoltre, ci sono anche altre modifiche, di cui alcune fatte malissimo...
                          Quindi, almeno il Pippotarzan NON è la versione originale!
                          Io son nomato Pippo e son poeta
                          Or per l'Inferno ce ne andremo a spasso
                          Verso un'oscura e dolorosa meta

                            Purtroppo, la mia memoria è fallace, e mi sono sbagliato completamente...

                            ... (quest'ultima frase, se non sbaglio, era già modificata rispetto al Topolino originale, dove è "I negri dicono...")...
                            Invece no, anche nel supergiallo originale ci sono i negri!
                            Inoltre, ci sono anche altre modifiche, di cui alcune fatte malissimo...
                            Quindi, almeno il Pippotarzan NON è la versione originale!

                            come dicevo, la 'pappardella' chilometrica del disclaimer alla luce di ciò è semplicemente risibile.

                            *

                            Nataniele Ragnatele
                            Papero del Mistero
                            PolliceSu   (1)

                            • **
                            • Post: 216
                            • Fan di Mezzavilla!
                              • Offline
                              • Mostra profilo
                            PolliceSu   (1)
                              Ci sono ma sembra migliore la storia di raccordo dell'originale supergiallo di Romano Scarpa

                              1) Se vi aspettate che una frame story sia i Dipinti che fingono, o il Mondo di Tutor, o il Raggio di Atlantide c'è qualcosa che non torna. Una buona frame story è composta da tavole che raccordano le storie in questione senza snaturarle, senza trasformarle in qualcosa di finto e senza rovinarne i finali. Niente di più, niente di meno. E questa frame story di Casty fa queste cose perfettamente.

                              2) L'originale di Dalmasso era una porcheria illeggibile (come praticamente tutte quante) che non sarebbe stata degna di essere pubblicata nemmeno in un'altra rivista presente nella stessa edicola che vendeva quelle storie da tanto era brutta. Per sicurezza l'ho riletta ora... e confermo. Sessismo, Topolino perfettino antipatico insopportabile, trama gialla campata in aria, personaggi orribili, storie finte (è la solita scusa dei film del grande attore Topolino). Il peggio del peggio in assoluto.

                              L'effetto nostalgia andrebbe tenuto un po' a bada. Per fortuna non ne soffro in questo caso, avendo preso il classico originale solo da adulto e avendo subito vomitato leggendo la frame story.

                              Che poi questo cofanetto non valga il suo prezzo perché tutto il resto oltre al volumetto è inutile, siamo sicuramente tutti d'accordo. Ma non prendiamocela con l'unica cosa che invece è valida. E speriamo finisca anche in edicola prima o poi, perché è il posto dove dovrebbe essere.
                              A parte l'ingeneroso commento nei confronti di Dalmasso, che non condivido assolutamente, quella di Casty non mi sembra tanto migliore. Non posseggo l'originale, ma l ho sfogliato più e più volte alle fiere (non compro albi con storie che ho già) e la frame-story, non mi sembra un granché. Come quella di Casty! Va bene essere fan, ed io lo sono! Ma paragonarlo a Re Mida....
                              Aiotto! Aiotto! Sono... Crack! https://inducks.org/story.php?c=I+TL+1834-AP

                                Che c'entra Re Mida? Re Mida sarebbe se si dicesse "Oh mio Dio, questa frame story è un capolavoro assoluto, una delle storie migliori del decennio". Invece no, bisognerebbe essere pazzi per dirlo di una qualsiasi frame story. Questa è una buona frame story che fa quello che deve fare, fine.

                                E Dalmasso... lasciamo stare, non mi piace la negatività. Ma mamma mia, mamma mia. Anche la prima storia del nuovo Almanacco, che imbarazzo. A parte il Corriere dello Zar, capolavoro, fatico a trovare altro di memorabile. Ma sono fuori tema.
                                Sprea
                                [Scarpa] [Doctor Who] [Old Bricks]
                                "Bah!"

                                 

                                Dati personali, cookies e GDPR

                                Questo sito per poter funzionare correttamente utilizza dati classificati come "personali" insieme ai cosiddetti cookie tecnici.
                                In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni.
                                Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai trovare il dettaglio di quanto riassunto in queste righe.

                                Per continuare con la navigazione sul sito è necessario accettare cliccando qui, altrimenti... amici come prima! :-)