Logo PaperseraPapersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
3 | |
3 | |
4 | |
3 | |
4 | |
3 | |
3 | |
3 | |
3 | |
3 | |
3 | |
4 | |

Lode a Topolino, Le origini (Deninotti)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Atius
Gran Mogol
PolliceSu   (5)

  • ***
  • Post: 692
    • Offline
    • Mostra profilo
PolliceSu   (5)
    Re:Lode a Topolino, Le origini (Deninotti)
    Risposta #30: Venerdì 7 Gen 2022, 13:53:32
    Vabbè ragazzi, ci rinuncio, è come parlare al muro, io parlo a picche e voi rispondete a fiori. Onestamente mi sono stancato di ripetere che non è una riscrittura in chiave moderna di qualcosa di già visto, che non è una saga in cui ci si aspettano avventure rocambolesche, che non è un attentato ai brocardi della (finta) letteratura topolinesca, e soprattutto non è qualcosa di cui ci debba essere o meno bisogno. Sarà che forse non mi so spiegare o scrivo messaggi troppo lunghi e intere parti le ignorate proprio. Io ho voluto dare il mio punto di vista, in modo da far poter rivalutare questa serie alla luce di nuovi aspetti e tematiche, nuovi spunti di riflessioni oltre le solite critiche(alcune pure giuste, ripeto, non è la saga della vita, solo una buona). Invece, nonostante io cerchi di descrivere le cose positive che mi hanno convinto a non mettere alla forca Deninotti e company, vedo che i punti su cui vi attaccate sono sempre gli stessi, quindi credo sia una battaglia persa in partenza, come vi siete fossilizzati sulle vostre opinioni circa le prime storie marchiando a fuoco le altre in modo anche superficiale(avendo partito preso), così state facendo in questa discussione. Io sono dell’idea che un lavoro, a maggior ragione artistico, debba essere visto da più angolazioni, così da avere un’idea complessiva di ciò che sia o meno, e soprattutto apprezzare eventualmente aspetti che prima erano mancati. Non ci vedo nulla di male nel provarci, a condizione che si rilegga senza pregiudizi i quali, a quanto pare, sono molto difficili da eradicare. Sulla questione che pure Bertani abbia fatto finire la serie, ci credo: ci mancavano solo le minacce sotto casa a Deninotti. Gli standard sono cambiati e il direttore pensa a cose più commerciali ora, novità e sperimentazioni sono un azzardo che non è ancora pronto a correre. Pazienza, spero diano un degno finale ad una buona serie, che nulla voleva fare che raccontare qualcosa di diverso di Topolino in modo originale (che poi piaccia o meno, è una questione diversa) e senza le solite avventurone in cui Topolino con il Q.I>300 riusciva a districare in modo anche stupidotto (il bianco e nero infatti è stata una delusione, ad iniziare dalla storia a finire ai disegni).

    Perdonami, ma non capisco il perché di questo tono supponente, alla "se non capite non ci posso fare niente". Io ti ho spiegato perché la saga non mi è piaciuta (storie soporifere, prive di avventura e in cui non accade nulla di rilevante). Se a te è piaciuta, contento per te, ma adesso non è che siamo tutti cretini perché non abbiamo gradito Topolino le Origini.
    O Patria, mia solleva il capo affranto / Sorridi ancora, o bella tra le belle / o madre delle madri asciuga il pianto! / Il ciel per te s'accenda di fiammelle / Splendenti a rischiarar ancor la via / Sì che tu possa riveder le stelle! / Dio ti protegga Italia, così sia.

    *

    ilFumettista
    Gran Mogol
    PolliceSu   (2)

    • ***
    • Post: 548
    • Appassionato di storia e di mare
      • Offline
      • Mostra profilo
    PolliceSu   (2)
      Re:Lode a Topolino, Le origini (Deninotti)
      Risposta #31: Venerdì 7 Gen 2022, 13:53:44
      [...] non è una saga in cui ci si aspettano avventure rocambolesche [...] ci mancavano solo le minacce sotto casa a Deninotti. [...]
      Eppure nell'episodio in edicola questa settimana si parla di un piano criminale a stampo quasi mafioso! Se non è rocambolesco questo...
      Detto ciò, le critiche, se ben argomentate (come la totalità di quelle presenti in questa discussione), sono lecite: nessuno sta attaccando personalmente Deninotti, anzi! tu stesso prendendo la sua difesa così impetuosamente dai l'impressione di essere parziale, come ti è stato fatto notare scherzosamente dal Grande Tiranno. Forse l'autore di cui ti sei fatto avvocato ha accettato le opinioni negative e le terrà in considerazione nei suoi lavori futuri.
      -ilFu

      *

      Cornelius Coot
      Imperatore della Calidornia
      PolliceSu

      • ******
      • Post: 11365
      • Mais dire Mais
        • Offline
        • Mostra profilo
      PolliceSu
        Re:Lode a Topolino, Le origini (Deninotti)
        Risposta #32: Venerdì 7 Gen 2022, 14:07:39
        Cronologicamente c'è una certa confusione che, in un fumetto standardizzato sul presente mutante negli anni, è impossibile evitare. Teoricamente un Topolino oggi ultra trentenne dovrebbe veder ambientate queste storie in anni poco oltre il 2000 (e i cellulari disegnati sembrano ricollegarsi a quel periodo). Di fatto diversi personaggi hanno dei look anni '70 (il 'giovane' Basettoni lo è di nome e di fatto, come Manetta dalla chioma a cespuglio stile afro) come se oggi fossimo nei '90. Senza dimenticare che il 'primo' Mickey ha vissuto la sua gioventù sbarazzina (l'unica senza problemi di ordine cronologico) negli anni '30 del secolo scorso.

        Tolto il problema temporale, impossibile da risolvere (è anche per questo che Don Rosa preferì ambientare tutte le sue storie nei primi anni '50), resta quello dei contenuti, delle situazioni, dei personaggi. Riguardo questi ultimi, la serie poteva essere una 'scusa' per riprendere dei character che hanno caratterizzato le origini di Topolino. Di questi mi pare che solo lo zio Mortimer abbia avuto un paio di camei (si poteva fare di più) mentre Topesio è stato maggiormente coinvolto. Gli altri personaggi sono gli stessi che vediamo ancor oggi nel 'circuito' di Mickey (Gancio, Sgrinfia, Gamba, Macchia, Trudy, Indiana, Zapotec, Marlin... questi ultimi con una 'riscrittura' circa il primo incontro che ha provocato diversi malumori).

        La puntata attualmente in edicola, ad esempio, approfondisce la figura di un malfattore, non stereotipata ma coinvolta in debiti, ricatti, collaborazioni con la polizia, programmi di protezione per i testimoni... argomenti che non sempre vengono trattati nelle storie poliziesche 'normali', mi pare. Dunque qualcosa di buono c'è sicuramente in questa serie anche se personalmente avrei preferito una maggiore caratterizzazione proprio a livello di amicizie, conoscenze e 'inimicizie' dell'epoca: se si tira fuori Mortimer (relativamente, prelevandolo oltretutto dal suo ranch nel West per trasferirlo in una gioielleria di Topolinia) allora lo si poteva fare con Zia Topolinda, Musone, Setter, Squinch, Shister... tutti personaggi che hanno caratterizzato, nel bene e nel male, la gioventù di Mickey, le sue 'origini'.

        *

        Savor
        Brutopiano
        PolliceSu   (1)

        • *
        • Post: 27
        • Esordiente
          • Offline
          • Mostra profilo
        PolliceSu   (1)
          Re:Lode a Topolino, Le origini (Deninotti)
          Risposta #33: Venerdì 7 Gen 2022, 14:14:29
          Molte storie di questa saga io le ho trovate sciatte e insapori. Con questo intendo che non le ho trovate né divertenti, né interessanti, né emozionanti. Potrei dire che non mi hanno lasciato proprio un bel niente.
           Ed io non sono certo un purista, avendo letto solo i Topolini più recenti e quelli della mia infanzia (dal 2007 al 2012) e conoscendo quindi ben poco dei grandi classici di Gottfredson o chicchessia...

          *

          Gumi
          Diabolico Vendicatore
          Moderatore
          PolliceSu   (3)

          • ****
          • Post: 1448
            • Offline
            • Mostra profilo
          PolliceSu   (3)
            Re:Lode a Topolino, Le origini (Deninotti)
            Risposta #34: Venerdì 7 Gen 2022, 14:17:20
            Ci si concentra contestando il nostro limitato orizzonte mentale, senza capire che il problema NON è in prima battuta la riscrittura. A me non importa particolarmente della continuity e della fedeltà a questo o quell'autore. Se la storia merita, merita a prescindere.
            Solo che, sfortunatamente, in questo caso per me la storia non merita. Né nelle sceneggiature, né nei disegni.
            INDIPENDENTEMENTE.
            Poi, in aggiunta, si concentra nella presentazione di nuovi personaggi, tipo indiana o zapotec, che semplicemente sono messi lì per fanservice.

              Re:Lode a Topolino, Le origini (Deninotti)
              Risposta #35: Venerdì 7 Gen 2022, 14:37:46
              Nessun tono supponente, anzi, mi dispiace se sia parso questo di me. Io non dico che non abbiate capito Topolino le Origini (si tratta di una storia su topolino, figuratevi se voglio fare retorica, cosa c’è da capire ahah), dico che molti non hanno compreso il mio punto di vista dato che io dicevo una cosa e loro rispondevano un’altra. Inoltre questa è una discussione sul perchè sia piaciuta o meno la serie, difendo la storia e l’autore (il disegnatore manco a me è piaciuto tanto) da critiche troppo severe che secondo me sono ingiuste, ma è un “secondo me”, non voglio fare l’avvocato di nessuno. Mi sono “applicato” perchè ero l’unica voce fuori coro, e volevo aprire una parentesi più ampia su una serie che mi era piaciuta e speravo di far cogliere aspetti che io ho notato ponendomi da un’altra prospettiva. Tutto qui, nulla di accademico, ci mancherebbe altro. Se dite che avete trovato le storie noiose, amen, ci sta, sono gusti, a voi piacciono storie più dinamiche in cui deve succedere un colpo di scena memorabile, e va benissimo. Se fosse stato così dall’inizio, non avrei parlato oltre. Ciò che mi dava fastidio, era l’atteggiamento di disgusto basato su continui paragoni con altre storie che io reputavo inconcepibile, proprio perchè avevo visto altre qualità oltre la continuity, la genealogia, e la storia in sè di Topolino che poco ci azzecca. Nulla di più, nulla di meno. È una serie lenta (e neanche tanto) che racconta un’altra sfumatura di topolino, un lato nascosto, quello dell’omino contro la vita caotica da adulti e le difficoltà che incontra (vedi storia con Pippo e Paperino, oppure l’appuntamento con Minni, ma anche quando deve fare il suo primo report). E ce n’era bisogno, perchè fa notare come il passaggio da adolescente a giovane adulto possa cambiare le persone, nel bene e nel male, e che è giusto concedersi errori, fallimenti, cadute, perdite, in un mondo che va a 3000 all’ora come il nostro. Ci sono episodi inutili, ma altri invece da cui ho evinto tutte queste qualità sono ben scritti, e, nel complesso, mi dispiaceva che fosse bollata come una serie “dimenticabile, inutile e irrispettosa” perchè c’è dell’altro (a mio parere) e mi sembrava giusto, così come sottolineare alcune criticità, evidenziare anche qualche aspetto positivo. Che poi non vi interessi la sua storia, la narrazione che trovata lenta, non trovate un significato e quindi non vi piace, ci può stare, ripeto, nulla da dire in proposito. Avevo letto recensioni unicamente su confronti inutili, e solo in ultimo si inneggiava la pessima qualità dalla saga che faceva da corollario alla critica, invece di essere elemento centrale. Per questo volevo far soffermare l’attenzione sul contenuto e il significato, magari da intravedere qualcos’altro che prima era eventualmente sfuggito (come a me è successo in altre saghe, non c’è nulla di male).
              A me è importato poco di sapere come ha conosciuto tutti quanti, non volevo un “facebook” a fumetto, sti cavoli anche di Zapotec , Merlin ecc. Io mi sono concentrato su Topolino, le sue caratteristiche, le sue difficoltà, la sua fragilità, le sue insicurezze ma anche il germoglio del suo coraggio (vedi storia dell’aeroplano) e del suo ingegno (vedi ultime storie). Ad essere interessati, lo sono stato, volevo vedere come fosse forgiato il topo che conosciamo, divertito in alcuni episodi anche, non ho pianto dalle risate, ma mi ha strappato un sorriso (l’unica che mi fa morire dalla risate è Silvia Ziche, la adoro ahah) e in ultimo poche scene mi hanno davvero emozionato, ma ben scritte e ben piazzate. Per questo non dico che sarà una serie supermegaextragalattica, ma non dico neanche che fa schifo perchè ho visto altro e mi faceva piacere condividere queste impressioni e far concentrare l’attenzione sulla storia in sè e non su paragoni fuorvianti.

              *

              Garalla
              Flagello dei mari
              PolliceSu   (3)

              • *****
              • Post: 4104
              • ex Topo_Nuovo ex ASdrubale
                • Online
                • Mostra profilo
                • La soffitta di Camera Mia
              PolliceSu   (3)
                Re:Lode a Topolino, Le origini (Deninotti)
                Risposta #36: Martedì 11 Gen 2022, 10:22:52
                Che poi si poteva approfittare della serie per raccontare avventure del giovane Topolino SENZA star lì a raccontare come ha conosciuto tizio, Caio, sempronio...

                Parole sacrosante.
                E sai cosa? Ci stava anche raccontare il disagio del non trovare un lavoro, o fare lavoretti mal retribuiti o in cui veniva sfruttato.
                Delle problematiche legate al diventare adulti e indipendenti.
                Del come abbia affinato il suo spirito da giornalista e da il suo intuito.
                Focalizzarsi su questi elementi e renderli introspettivi il giusto per far sentire a casa il lettore 20enne che si trova in quelle situazioni, ma con quel brio che potesse coinvolgere i lettori più giovani.
                Far vedere un Topolino che sbaglia e che impara dai suoi errori grazie a qualche mentore (Basettoni, il direttore del giornale, un amico che da il giusto consiglio).
                Volendo si poteva trovare pure un escamotage per far incontrare senza farli incontrare i personaggi storici, così da giustificare ad esempio perché Zapotec si affidasse a Topolino per l'enigma di Mu (così da fare sì fanservice ma al tempo stesso non scardinare i vecchi canoni)
                La Soffitta di Camera Mia è un canale youtube che tratta di fumetti.
                Ogni Venerdì il video sul Topolino della settimana.

                https://www.youtube.com/lasoffittadicameramia

                 

                Dati personali, cookies e GDPR

                Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.