Logo PaperseraPapersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
4 | |
4 | |
4 | |
4 | |
4 | |
4 | |
5 | |
3 | |
2 | |
4 | |
3 | |
4 | |
Almanacco Topolino 8 - Recensione di Luigi Sammartino

Dopo un anno di grandi speranze, l’inizio del secondo anno di pubblicazioni dell’Almanacco Topolino non era stato dei migliori, ma questo nuovo albo dimostra come vi sia sempre la possibilità di recuperare e di ripercorrere la strada principale. Non solo si nota qualità nelle storie qui proposte, ma vi sono anche alcune sperimentazioni antologiche che possiamo apprezzare. La copertina di Emanuele Baccinelli con i colori di Mario Perrotta ci ricorda che questa stagione estiva si è fatta sentire molto presto e che urge trovare un refrigerio, anche in storie che siano sempre fresche e vitali. E l’introduzione di questa selezione parte da un grande e gradito ritorno, Paperino e la notte del Saraceno (testi e disegni di Marco Rota, apparsa su Topolino Più n. 9 del dicembre 1983). La storia di un amore antico e di un tesoro che si pensava perso, un’ambientazione cupa, ma soprattutto geograficamente e storicamente interessante: Marco Rota ha messo in piedi un piccolo capolavoro di artistica visione, dinamismo e impressione magistrale. E a ben dire viene considerato un epigono di Carl Barks, soprattutto nei dettagli a china, nei bellissimi sfondi e nella capacità di portare i personaggi delle storie in situazioni altrimenti impossibili. Un ottimo inizio di selezione. Un’interessante sequenza cartoonesca di Rota. La sezione delle storie straniere inedite si avvia con un altro capolavoro artistico, Zio Paperone in: Qualche nota sul Klondike (Knut Nærum/Arild Midthun, apparsa sul settimanale tedesco Micky Maus n. 5 del febbraio 2018). Storia che segue l’impostazione donrosiana della vita di Paperone, vista l’ambientazione, la caratterizzazione dei personaggi e le relazioni tra gli stessi. Narrativamente parlando, rimane una storia con una trama abbastanza semplice (e a tratti anche scontata, benché alcune implicazioni etiche iniziali – come quella di mandare in prigione un innocente teatrante – siano discutibili), ma dove l’arte di Midthun esprime un profondo dinamismo delle scene e si arricchisce in dettagli, sulla scia delle storie di Don Rosa. Il meraviglioso dinamismo di Midthun.

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (18)
Esegui il login per votare

Almanacco Topolino - Annata 2022

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

    Re:Almanacco Topolino - Annata 2022
    Risposta #45: Martedì 28 Giu 2022, 20:07:53
    Curioso di sapere, riguardo al trafiletto finale, se per ultimi contributi di Boschi si intendono solo gli articoli o anche la selezione delle storie. Curioso di sapere anche a chi passerà la selezione ( tra i contributori c'è sempre menzionato Andrea Ripamonti, non so però chi sia e se intervenga anche lui nell'indice).
    Luca Giacalone

    *

    hendrik
    Dittatore di Saturno
    PolliceSu

    • *****
    • Post: 3347
    • W Carlo Barx!
      • Offline
      • Mostra profilo
    PolliceSu
      Re:Almanacco Topolino - Annata 2022
      Risposta #46: Mercoledì 29 Giu 2022, 08:47:27
      Più che un editoriale, quello di Boschi mi pare una bozza. Forse si è deciso di pubblicarlo così com'era stato lasciato da Luca. E forse era il caso di segnalarlo...

      Numero mediocre, con alcune storie che personalmente ho trovato noiosette.
      ... non ferma a Verkuragon!

      *

      Karabandagore
      Brutopiano
      PolliceSu   (2)

      • *
      • Post: 29
      • Esordiente
        • Offline
        • Mostra profilo
      PolliceSu   (2)
        Re:Almanacco Topolino - Annata 2022
        Risposta #47: Mercoledì 29 Giu 2022, 14:42:52
        Buon pomeriggio a tutti, vorrei dire che invece a me è parso un buon numero, in cui la parte del leone la fa ovviamente "Paperino e la notte del saraceno", un autentico capolavoro firmato da Marco Rota autore completo che in trentadue tavole sa coniugare con grande maestria tutti gli elementi caratteristici di una grande narrazione, che rimane impressa nella memoria: avventura, umorismo, mistero e sentimento. I disegni di Rota sono spettacolari, di chiaro stampo barksiano, volti a una resa realistica dei paesaggi liguri e della natura, ma al contempo privilegiando sempre una chiara lettura della tavola.
        "Zo Paperone in: qualche nota sul Klondike" presenta invece una trama banalotta, a cui non basta ispirarsi alle storie di Don Rosa per salvare la storia dalla mediocrità. Magnifici invece i disegni di Arild Midthun, iperdettagliati e con personaggi fluidi, dinamici e armoniosi. Le successive due brevi di Paperoga sono invece ottime storielle di intrattenimento, con la sceneggiatura di Kinney che presenta un fuoco di fila di trovare paradossali e situazioni umoristiche, e gli ottimi disegni, molto morbidi, di Hubbard. Pippo esploratore perfetto è divertente, una classica riempitiva, ma i disegni di Strobl mi sono parso sottotono. Topolino e il mistero del ranch dell'inganno è un classico western che giova dei disegni di un Paul Murry in ottima forma; la storia è senza particolari guizzi ma si attesta su un buon livello. Dimenticabile la breve su Sonny il gabbiano. Topolino e il gran Vergilius presenta una trama che avrebbe delle buone potenzialità, ma è troppo confusionaria e con passaggi logici mancanti; sprecati quindi i disegni di un ottimo Carpi, con il suo tratto fresco e guizzante.

        *

        Luca255
        Evroniano
        PolliceSu   (2)

        • **
        • Post: 76
          • Offline
          • Mostra profilo
        PolliceSu   (2)
          Re:Almanacco Topolino - Annata 2022
          Risposta #48: Mercoledì 29 Giu 2022, 22:11:02
          Ho letto per ora solo le prime 2 storie, compresa "Paperino e la notte del saraceno" di Marco Rota qui autore completo, e devo dire che per me solo questa storia vale l'acquisto dell'albo. Per una volta le aspettative che avevo non sono state tradite.

          Si tratta di una storia che parte da un presupposto classico come quello della caccia al tesoro da parte di Zio Paperone e nipoti, anche se in questo caso è Paperino che propone allo zio di partire. La scena si sposta fin dalle prime pagine a Genova (di cui è presente una bellissima veduta dall'alto) e in generale sul litorale ligure, dove avvengono i fatti principali. Senza fare spoiler posso dire solamente che l'intera vicenda è in decisamente interessante e suggestiva, con un giusto equilibrio tra azione ed emozioni.
          Sul lato grafico non posso far altro che apprezzare i disegni stupendi di Rota, qui decisamente ispirato, ma degni di nota sono anche i colori: c'è poco da fare, per quanto mi riguarda i colori sono essenziali per costruire un'atmosfera suggestiva come questa... ombre azzeccate, chiaroscuri ma soprattutto le scene ambientate di notte trasmettono tutto il senso della vicenda.
          Consiglio vivamente di recuperarla :-)

            Re:Almanacco Topolino - Annata 2022
            Risposta #49: Sabato 2 Lug 2022, 09:10:28
            Devo dire che sono rimasto un po' deluso, avevo aspettative più alte per tutto l'albo. L'unica vera grande storia è la Notte del Saraceno, che aspettavo da anni di leggere perché trovavo il titolo e l'ambientazione della prima tavola molto affascinante; tuttavia alcune storie di Rota che avevo letto mi avevano annoiato parecchio (Il Pendolare e quella del compleanno di Paperino), per cui avevo anche qualche timore in tal senso. Per fortuna non mi ha annoiato affatto e si tratta di una bellissima storia, che sembra cominciare in un modo per poi andare a parare completamente in un altro. Una storia dall'atmosfera magica, misteriosa e poetica.
            Passiamo all'enorme delusione del numero: Topolino e il ranch dell'inganno. Vista la lunghezza della storia, i bellissimi disegni di Murry e l'alta valutazione di inducks mi aspettavo qualcosa di molto più elaborato; è invece una storiellina molto semplice, a tratti anche ripetitiva e un po' noiosa.
            Riguardo alle inedite: interessante dal punto di vista filologico una delle versioni della storia di Paperoga prese da un misconosciuto albetto americano, ma la storia in se in entrambe le sue versioni non mi ha lasciato granché, mi è sembrata abbastanza sottotono. Molto semplici e a tratti infantili le altre due inedite di matrice egmontiana. La storia che chiude il volume è un mezzo delirio e anche abbastanza noiosa e legnosa nei dialoghi.
            Luca Giacalone

            *

            MarioCX
            Diabolico Vendicatore
            PolliceSu

            • ****
            • Post: 1644
              • Offline
              • Mostra profilo
            PolliceSu
              Re:Almanacco Topolino - Annata 2022
              Risposta #50: Sabato 2 Lug 2022, 17:05:24
              L'ho comprato per la storia del saraceno ed ho scoperto che si svolge a Varigotti nell'ambito della Baia Dei Saraceni a pochi minuti da casa mia.
              Vicenda carina, ma onestamente niente di più.
              Sicuramente meglio del resto dell'albo in cui non c'è nulla che si fa ricordare.
              ...ho la febbre, ma ti porto fuori a bere...

              *

              Samu
              Diabolico Vendicatore
              PolliceSu

              • ****
              • Post: 1501
              • Amante del bel fumetto
                • Offline
                • Mostra profilo
              PolliceSu
                Re:Almanacco Topolino - Annata 2022
                Risposta #51: Sabato 2 Lug 2022, 22:16:42
                Posso dire che la cosa che mi è piaciuta di più di questo numero è stato l'editoriale di Davide sul suo ricordo rivolto a Luca Boschi?
                Da questa pagina di apertura del volume viene fuori il ritratto della persona di Boschi oltre che del suo essere uno dei più autorevoli e stimati conoscitori e divulgatori di Fumetto a livello mondiale.
                E il ricordo di Davide mi ha restituito tutta la simpatia che traspariva dall'affabilità e dalla generosa opera di divulgazione dell'esperto fiorentino che già da quelle dirette cui ho avuto modo di assistere e in cui lui era ospite si rispecchiava nel suo elargire chicche, aneddoti, curiosità e soprattutto una sterminata competenza della materia che non poteva che indurmi a guardare a lui con stima, simpatia ed affetto.
                E tutto questo è venuto fuori dal pensiero di Davide, riportando anche quanto sia stato determinante l'apporto di Boschi per due testate che godono di un certo apparato redazionale di approfondimento che accompagna le storie e, spesso, la stessa "anima" di quel singolo numero delle testate in questione ovvero i Grandi Classici Disney e, appunto, l'Almanacco Topolino.

                In merito alle storie, non ho molto di positivo da segnalare per quanto mi riguarda.
                Nessuna - a parte quella del "Gran Vergilius" che vale solo per i disegni di un sempre istrionico e brillante Gibì Carpi - mi ha annoiato, è vero, ma d'altro canto non ho trovato alcuna storia particolarmente memorabile o che si sia impressa nella mia mente per la sua qualità.
                Le mie preferite del lotto sono state la breve danese con protagonista Zio Paperone (supportata dal bel tratto grafico di un Arild Midthun che sto imparando a conoscere e ad apprezzare sempre più) e la lunga con Topolino protagonista nel "Ranch del doppio inganno", che si è fatta leggere in modo scorrevole e mi ha strappato qualche sorriso in qui e là soprattutto grazie a Pippo.
                La vicenda di apertura la ritengo una buona storia, gradevole da leggere ma mi ha lasciato poco una volta conclusa e mi ha entusiasmato di più dal punto di vista visuale - specie nella tavola della mareggiata che sembra inghiottire il saraceno Paperdin - rispetto alla sua componente narrativa.
                Simpatica la storia di Kinney e Al Hubbard con Paperino e Paperoga protagonisti (e della quale ho apprezzato di più la seconda versione rispetto a quella a strisce) e ho trovato caruccia quella che mi ha presentato il personaggio di Sonny Gabbiano - amico di Qui Quo Qua che non avevo ancora avuto modo di incontrare nelle mie letture.

                In definitiva, non lo giudico un albo scadente o sotto la soglia della sufficienza ma d'altra parte posso dire che mi aspettavo di più da questa lettura, qualcosa che mi lasciasse un ricordo più intenso di sé.
                Cosa che effettivamente non è avvenuta e, a questo proposito, spero che il prossimo numero si riveli per me una lettura più intrigante e vivace di quanto non è stata questa ottava uscita dell'Almanacco.

                *

                paolo87
                Gran Mogol
                PolliceSu   (2)

                • ***
                • Post: 707
                  • Offline
                  • Mostra profilo
                PolliceSu   (2)
                  Re:Almanacco Topolino - Annata 2022
                  Risposta #52: Sabato 2 Lug 2022, 22:58:04
                  La notte del saraceno è stata una delle storie che ho più amato nella mia infanzia, di quelle che ti lasciano una suggestione profonda per anni. Se non l'avete mai letta, prendete assolutamente questo numero. La storia di Rota, da sola, lo vale già tutto.

                    Re:Almanacco Topolino - Annata 2022
                    Risposta #53: Domenica 3 Lug 2022, 16:17:10
                    La notte del saraceno è stata una delle storie che ho più amato nella mia infanzia, di quelle che ti lasciano una suggestione profonda per anni. Se non l'avete mai letta, prendete assolutamente questo numero. La storia di Rota, da sola, lo vale già tutto.
                    Si, vero, storia molto bella e che mi era piaciuta tanto anche perché nascondeva varie gag di Rota, come le caricature di suoi colleghi dell'epoca, un quadretto a pag.9 firmato Marks ,  altre sue firme sparse qua e là ( pag.15 nel piccolo tabernacolo in basso e pag.25 sul muro a dx di Paperdin) e soprattutto le varie scritte  in dialetto milanese di ciò che dice Menzognin  come ad es.  quella  a pag.13 quando vede Paperone " Tel lì Paperoun! Me te sté?"
                    È un peccato però non aver inserito qualche pagina in più con le spiegazioni di tutte queste gag di Rota come venne fatto ai tempi per Zio Paperone n.81.

                      Re:Almanacco Topolino - Annata 2022
                      Risposta #54: Martedì 5 Lug 2022, 22:32:22
                      La storia di Rota, rispetto alle altre, impera e giganteggia: non c'è confronto.
                      Io leggo con interesse tutte le storie, ancorché se selezionate per una rivista come Almanacco, però in questo numero ce ne sono di brutte (al mio gusto, ovviamente) come quella di Murray, di Strobl e, soprattutto, Topolino e il Gran Vergilius.

                      Dai brevi articoli di approfondimento, ma qui ci sono tutte le scusanti del caso, io non ho capito bene da dove arrivi il personaggio di Sonny Gabbiano (certo non dall'Almanacco n.71 del 1962, lo stesso della storia di Pippo, come indicato sull'indice). Inoltre, io non ho capito la questione della doppia versione della storia con Paperino e Paperoga.
                      PB

                      *

                      LCV.11
                      Brutopiano
                      PolliceSu

                      • *
                      • Post: 74
                      • Esordiente
                        • Online
                        • Mostra profilo
                      PolliceSu
                        Re:Almanacco Topolino - Annata 2022
                        Risposta #55: Martedì 5 Lug 2022, 22:43:45
                        Leggendo le recensioni ed i commenti sto cercando di farmene un'idea: quali numeri del nuovo Almanacco Topolino mi consigliate di recuperare?

                        *

                        Samu
                        Diabolico Vendicatore
                        PolliceSu   (1)

                        • ****
                        • Post: 1501
                        • Amante del bel fumetto
                          • Offline
                          • Mostra profilo
                        PolliceSu   (1)
                          Re:Almanacco Topolino - Annata 2022
                          Risposta #56: Sabato 9 Lug 2022, 16:12:30
                          Leggendo le recensioni ed i commenti sto cercando di farmene un'idea: quali numeri del nuovo Almanacco Topolino mi consigliate di recuperare?
                          Il primo numero è sicuramente il mio preferito ed è quello che ricordo con più piacere grazie ad una gran bella storia d'apertura (Paperino e l'antidollarossera di Scarpa) e ad una memorabile vicenda di chiusura che è "Zio Paperone e le cianfrusaglie vittoriose" del duo Pezzin/Cavazzano ma non solo.
                          Infatti il primo numero è, secondo me, bello e valido in ogni sua componente - anche per le storie inedite e per le vicende riproposte come la divertente "Paperino e quel matto d'un cugino".
                          Come altre uscite, ho apprezzato molto anche i due numeri successivi e i numeri #6 e #7, per cui sono questi quelli che, da parte mia, ti consiglio di recuperare.  ;)

                          *

                          GaeT
                          Gran Mogol
                          PolliceSu

                          • ***
                          • Post: 716
                          • Il dente del giudizio nella mascella di un caimano
                            • Offline
                            • Mostra profilo
                          PolliceSu
                            Re:Almanacco Topolino - Annata 2022
                            Risposta #57: Sabato 9 Lug 2022, 19:22:57
                            Apprezzo che l'attuale Almanacco ristampi anche storie che non erano presenti nella sua prima incarnazione.
                            In fin dei conti lo scopo dell'Almanacco Topolino originale era trovare una casa alle storie su quattro strisce, quindi ben vengano le ultime pubblicazioni di Scarpa e Rota.
                            Se ce ne fossero di valide non vedrei male nemmeno storie inizialmente pubblicate su Paperino mese (che di fatto, a partire dal 1985, è stato in un certo senso la prosecuzione dell'Almanacco stesso).
                            Essere originale è un pregio; volerlo essere è un difetto


                            *

                            Cornelius Coot
                            Imperatore della Calidornia
                            PolliceSu

                            • ******
                            • Post: 11523
                            • Mais dire Mais
                              • Offline
                              • Mostra profilo
                            PolliceSu
                              Re:Almanacco Topolino - Annata 2022
                              Risposta #58: Giovedì 14 Lug 2022, 15:43:16
                              Curiosa la doppia pubblicazione a distanza di 5 anni di una storia di Kinney/Hubbard in cui scenggiatura e testi sono piuttosto simili (almeno nella traduzione italiana mentre in quella americana potrebbero essere identici) mentre nei disegni si nota l'evoluzione delle matite di Al che nel 1969 era decisamente al top, con un tratto guizzante e spigoloso, sia nei personaggi che negli sfondi e nelle ambientazioni. La doppia tavola di apertura della storia "Paperino e il cugino che... trama nell'ombra" (che ho fotografato) pubblicata sul giveway Wonderful World of Disney del '69 mi è rimasta impressa per le illustrazioni, i colori e le piccole vignette incluse. Mentre la storia simile e precedente ("Paperino e Paperoga in: tessere o non tessere?" del '64) era stata pubblicata su Topolino in quello stesso anno e nel 2008 su ZP, questa del giveway è alla sua prima in Italia, proprio per la sua origine particolare.

                              'Qualche nota sul Klondike' vede la presenza di una Doretta barista, meno vamp e più donna spiritosa. Anche l'acconciatura dei capelli è diversa, meno pomposa e più pratica. In effetti nella quotidianità di Dawson immagino che le ballerine della Bolla d'Oro si dessero da fare anche durante il giorno, magari per arrotondare i compensi o proprio per insufficienza di personale. Si faceva un po' di tutto e Doretta era barista diurna e ballerina notturna. Una cosa a cui non avevo mai pensato e che Knut Naerum e Arild Midthun hanno visualizzato, credo, per la prima volta.

                              Interessante la one page olandese di Paperino e Della bambini: lo zio Paperone bussa alla loro porta chiedendo se la mamma è in casa e scopriamo che anche lei è piuttosto tirchia (d'altronde sorella di suo fratello, entrambi scozzesi): non permette ai figli di andare a letto con la borsa d'acqua calda perché costa troppo. Paperone reagisce con stupore, visto il gelo che c'è fuori. Non tanto per i nipotini ma pensando a come sfruttare la cosa. Ordina che siano riempite di acqua calda tutte le borse che hanno in casa (tante, stranamente) per poi darle ai clienti infreddoliti che aspettano di entrare in un suo cinema. Il tutto per due ghinee.

                              La ghinea era stata abolita da tempo ma restava l'abitudine di nominarla, equivalendo a 21 scellini, quasi una sterlina. Questo credo in Gran Bretagna più che in America dove solo un nostalgico emigrato scozzese poteva evocarla, di fronte a dei clienti che sarebbero dovuti restare quantomeno perplessi.
                              https://it.wikipedia.org/wiki/Ghinea

                                                                                                                             

                              Si rivede Sonny, un amico gallinaceo di QQQ uscito in Italia in una dozzina di storie fra Mega e ZP e adesso sull'Almanacco. Personaggio esclusivamente egmontiano, visto che dal '97 al '20 le sue 25 storie complessive sono state prodotte solo in Danimarca. Potrebbe essere utilizzato dagli autori italiani come nuova Marmotta nelle attuali storie delle GM.
                              « Ultima modifica: Giovedì 14 Lug 2022, 16:21:15 da Cornelius Coot »

                                Re:Almanacco Topolino - Annata 2022
                                Risposta #59: Venerdì 15 Lug 2022, 12:47:04


                                'Qualche nota sul Klondike' vede la presenza di una Doretta barista, meno vamp e più donna spiritosa. Anche l'acconciatura dei capelli è diversa, meno pomposa e più pratica. In effetti nella quotidianità di Dawson immagino che le ballerine della Bolla d'Oro si dessero da fare anche durante il giorno, magari per arrotondare i compensi o proprio per insufficienza di personale. Si faceva un po' di tutto e Doretta era barista diurna e ballerina notturna. Una cosa a cui non avevo mai pensato e che Knut Naerum e Arild Midthun hanno visualizzato, credo, per la prima volta.


                                Interessante la tua interpretazione riguardo la figura di Doretta barista, Cornelius. Io però penso, dato che la storia di Midthurn è stata prodotta per la ultra-donrosiana Egmont,, che faccia riferimento al capitolo 8 della Saga di Don Rosa, "L'argonauta del fosso dell'Agonia bianca", in cui inizialmente si vedeva Doretta che gestiva un piccolo bar; successivamente, con l'inizio della corsa all'oro e l'affluire di migliaia di cercatori a Dawson, il locale si è ampliato divenendo il saloon Bolla d'oro, con la stella del Polo quale ballerina principale. Dato che la storia contenuta nell'Almanacco narra dei primi tempi di Paperone nel Klondike, potrebbe far riferimento alla situazione iniziale di una città più povera, prima del sopraggiungere della ricchezza. Detto ciò, io comunque penso che la tua chiave di lettura sia più accurata storicamente e credibile!

                                 

                                Dati personali, cookies e GDPR

                                Questo sito per poter funzionare correttamente utilizza dati classificati come "personali" insieme ai cosiddetti cookie tecnici.
                                In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni.
                                Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai trovare il dettaglio di quanto riassunto in queste righe.

                                Per continuare con la navigazione sul sito è necessario accettare cliccando qui, altrimenti... amici come prima! :-)