Logo PaperseraPapersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
2 | |
4 | |
5 | |
2.5 | |
4 | |
3.5 | |
4.5 | |
5 | |
4 | |
3 | |
4.5 | |
4 | |

Paolo Lo Galbo - "Qualcosa s'è mosso"

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Samu
Diabolico Vendicatore
PolliceSu   (1)

  • ****
  • Post: 1646
  • Impegnato a scrivere
    • Offline
    • Mostra profilo
PolliceSu   (1)
    Paolo Lo Galbo - "Qualcosa s'è mosso"
    Sabato 9 Apr 2022, 19:15:27
    Oggi sono stato in libreria e, nella sezione dedicata ai fumetti e alle graphic novel d'autore, quello che ha catturato sin da subito la mia attenzione è il libro oggetto di questo topic che mi permetto di aprire in questo spazio Non-Disney del Forum.
    Il libro a fumetti, di stampo fortemente autobiografico, si intitola (per l'appunto) "Qualcosa s'è mosso", edito dalla Casa Editrice BeccoGiallo per la collana "Rami".
    È suddiviso in quattro capitoli per un totale di poco più di un centinaio di pagine ed ogni capitolo racconta una giornata particolarmente importante ed incisiva nel processo di crescita e di consapevolezza del protagonista del racconto,Saro.
    Saro è un ragazzo siciliano, originario di Bagheria (paese a pochi chilometri dal capoluogo palermitano), che, sin da giovanissimo, si trova costretto a fare i mestieri più umili per potersi mantenere gli studi, prima al liceo e poi all'Università.
    Il contesto e l'ambiente in cui si ritrova a vivere (pregni di degrado e desolazione, sia paesaggistica che morale) e la voglia di riuscire lo spingono ad abbandonare non solo il suo paese natio ma ad allontanarsi anche dal clima asfissiante che si respira nella sua famiglia, indebitata fino al collo con i debiti e con il perenne rischio di perdere la casa dove ha vissuto fino ad ora con il padre e la madre.
    La narrazione si rivela essere particolarmente "catturante", nel senso che sia dal punto di vista della sceneggiatura che per quanto riguarda il comparto grafico, non c'è mai un attimo di stanca o di fiacchezza che vada a minare la bontà del ritmo della storia.
    Ed è importante far notare che la storia non procede seguendo un binario lineare, che parta da A fino ad arrivare a B senza sussulti o scossoni, ma al contrario presenta una narrazione frastagliata, fatta di momenti di ricordi e di flashback che dal passato irrompono sul presente di Saro.
    È una lettura che mi è rimasta particolarmente dentro non solo per la storia in sé ma anche per come viene raccontata e per il carattere fortemente descrittivo delle sue immagini, alcune delle quali mi sono rimaste tanto impresse che, se provo a chiudere gli occhi, me le ritrovo palesarsi davanti a me.
    Giusto per rendere l'idea di quanto il comparto grafico della storia si rivela essere d'effetto, dal taglio realistico e "vivo" dei personaggi del racconto e degli scenari che in cui essi si muovono, tanto che sembra di poterli toccare con mano di quanto sono palpabili e "reali".

    Una lettura che consiglio a tutti gli amanti del Bel Fumetto e che si connota di un taglio decisamente più "sporco" e crudo rispetto alle vicende di Paperi e Topi di cui siamo abituati a discutere (io per primo!) qui sul Forum ma che ritengo significativa per i temi che tratta e per il suo realismo.
    Alcune dinamiche della storia le conoscevo già, seppur all'epoca dei fatti raccontati io ero più piccolino ed a questo punto vi starete chiedendo..."Come facevi a conoscere già queste dinamiche se il libro lo hai letto solo oggi ?"
    Ebbene, parte di quello che ho letto lo sapevo già perché l'autore del libro (sia per i testi che per i fumetti), quel Paolo Lo Galbo di cui ho scritto anche nel titolo di questo topic, beh, è mio CUGINO !
    Potete quindi immaginare quale grande soddisfazione sia stata per me, oggi, il ritrovarmi di fronte il suo nome scritto sopra la copertina di un libro a fumetti da lui totalmente realizzato (e peraltro, ripeto, intriso di vita vissuta in prima persona e di stampo assolutamente autobiografico) ed ho pensato fosse una cosa carina parlarne in questo spazio con degli appassionati di Fumetto con cui ho avuto piacere di parlare e confrontarmi sin dalla mia iscrizione al Papersera, soprattutto per parlare di Topi e Paperi.

    Oggi vi ho parlato d'altro ma spero davvero che qualche utente del Forum si interessi a questo lavoro e alla storia di questo romanzo a fumetti che, per molti versi, rispecchia in pieno la storia della vita di chi, questo libro, lo ha scritto e disegnato.

    Spero che possiate trovarlo nelle librerie delle vostre città ma ho visto che è disponibile anche su Amazon.

    Questa la copertina del libro:  ;)

    *

    Anapisa
    Cugino di Alf
    PolliceSu   (1)

    • ****
    • Post: 1348
      • Offline
      • Mostra profilo
    PolliceSu   (1)
      Re:Paolo Lo Galbo - "Qualcosa s'è mosso"
      Risposta #1: Sabato 9 Apr 2022, 22:27:05
      Ciao Samu, questa accurata recensione permette di farsi un'idea di quanto accade anche nella vita reale, in effetti il fumetto Disney,quello recente almeno, è molto più soft ,questo mi sembra di capire sia più "crudo"  e diretto.
      Una storia diversa e attuale.
      Alle volte non fa male guardarsi anche in torno e conoscere diverse realtà.

       

      Dati personali, cookies e GDPR

      Questo sito per poter funzionare correttamente utilizza dati classificati come "personali" insieme ai cosiddetti cookie tecnici.
      In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni.
      Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai trovare il dettaglio di quanto riassunto in queste righe.

      Per continuare con la navigazione sul sito è necessario accettare cliccando qui, altrimenti... amici come prima! :-)