Logo PaperseraPapersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
4 | |
2 | |
3 | |
2 | |
3 | |
2 | |
5 | |
2 | |
4 | |
2 | |
4 | |
3 | |

Parenti di miss Paperett

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

  • ****
  • Post: 827
  • Eco del Mondo
    • Offline
    • Mostra profilo
    • Eco del Mondo
PolliceSu
    Re:Parenti di miss Paperett
    Risposta #15: Domenica 22 Mag 2022, 16:00:12
    Approvo l'Albero dello Spirito della Fattoria perché le due Miss Paperett segretarie di Paperone, al di là della loro omonimia (che fra parenti può anche accadere) non possono che essere due personaggi ben distinti e separati, zia e nipote nel caso specifico.
    L'omonimia tra le due non sembra così improbabile, considerando che probabilmente Emily è un nome che si tramanda nella famiglia (basta pensare che, canonicamente, la nonna si chiama Emilia Karena. Col tempo probabilmente si è anglicizzato in Emily, ma il fatto che sia la nipote che la pronipote prendano il nome dalla stessa ava non è strano, essendo di due rami diversi)

    Citazione
    Spero che questo topic aperto da Simone sia stimolante per qualche autore nell'approfondire i rapporti di parentela nati soprattutto da citazioni, camei, brevi apparizioni o presenze più dettagliate (come nel caso recente dei Diari con Brunilde, zia di Emily B. e prozia di Emily I.)

    Soprattutto il rapporto fra le due Emily zia e nipote, le Paperett più utilizzate e famose nelle storie a fumetti di tutto il mondo, potrebbe essere molto interessante nella narrazione di nuovi plot paperopolesi che coinvolgerebbero anche gli altri paperi, in primis Zio Paperone, datore e capoufficio di entrambe in epoche diverse.

    L'entrata in scena nelle storie italiane della Emily Senior come zia della Junior avrebbe consenso fra i lettori che ritroverebbero un personaggio comunque familiare (tra Don Rosa, storie egmontiane e qualche storia italo-spagnola) e che, per certe sue caratteristiche caratteriali, manca nell'odierno cartellone paniniano.

    In alcune occasioni particolari potrebbe affiancare la nipote al Deposito (magari richiamata proprio dallo zione che la conosce bene) oppure potrebbe dire la sua come zia in pensione coabitante con la nipote in sitcom specifiche del loro menage familiare.

    Anche a me farebbe piacere venissero usati questi personaggi, o in generale tutti quei personaggi secondari-terziari-quaternari. Nelle storie comuni trovo che, Paperopoli particolarmente, si faccia troppo spesso uso del cast principale, riducendo le possibilità ad un set trito e ritrito, facendoli interagire con generici tartufati (se ti serve per la storia una vecchietta-vicina di casa-giardinaggio&torte per Archimede/Paperina/Brigitta, perché inventare una nuova "anziana-generica", invece di riutilizzare una delle tante zie di Filo da Zio Paperone e il risponditore telefonico o qualsiasi altra storia simile?). Non sbandierando che quei nuovi personaggi faranno parte del nuovo universo fumettistico e poi relegandoli in una serie (per quanto mi piacciano i ragazzini dell'area 52, vederli fuori da quella serie fa strano, soprattutto perché capita troppo poco. Ugualmente per le giovani marmotte. Pensandoci fa strano che, due serie incentrate sui giovani e QQQ, uscite circa in contemporanea, non hanno mai interagito, a mia memoria). Mi piacerebbe vedere una graduale integrazione "silenziosa" di personaggi precedenti in nuove storie, senza sbandierare il rientro di tali. Per il lettore saltuale sembrerà un personaggio nuovo come altri, ma per chi se lo ricorda farà piacere vederlo riutilizzato. Un esempio è Topolino e il cugino preistorico. Storia sui generis, con un plot utilizzato già altre volte, spesso meglio (la Macchina del tempo porta un cavernicolo nel presente). Ma tale storia mi è rimasta a lungo nella mente perché ad un certo punto durante una festa, dal nulla, Minni viene mostrata insieme a sua zia Cloe. La sua presenza non è troppo importante ai fini della trama, poteva essere una qualsiasi contessa deSnobbis-Ricconi, ma lei è particolare perché il personaggio è preso direttamente da Topolino e l'incredibile Vladimir.
    1. Tecnicamente, in-universe, Emilia Kalena e la nipote non condividono lo stesso nome, poiché Miss Paperett in Olanda è conosciuta come Eugenia. Ovviamente, mantenendo il nome suggerito da Don Rosa, avrebbe invece senso (ed è come ho ragionato anche io).
    2. Mi pare che il nuovo Topo faccia rimbalzare personaggi da una storia all'altra in questa sorta di continuity orizzontale. Tra l'altro, Carlo Panaro ha inventato un prozio di Nonna Papera (tale Cirillo), che ha mostrato in flashback in almeno due storie.
    Il mio blog sui fumetti Disney: Eco del Mondo

      Re:Parenti di miss Paperett
      Risposta #16: Domenica 22 Mag 2022, 20:39:19
      1. Tecnicamente, in-universe, Emilia Kalena e la nipote non condividono lo stesso nome, poiché Miss Paperett in Olanda è conosciuta come Eugenia. Ovviamente, mantenendo il nome suggerito da Don Rosa, avrebbe invece senso (ed è come ho ragionato anche io).
      Non sapevo questa cosa. Immagino comunque che, molto probabilmente, la scelta del nome sia stata influenzata dal nome inglese della segretaria. E se no, certamente è una curiosa coincidenza.

      Citazione
      2. Mi pare che il nuovo Topo faccia rimbalzare personaggi da una storia all'altra in questa sorta di continuity orizzontale. Tra l'altro, Carlo Panaro ha inventato un prozio di Nonna Papera (tale Cirillo), che ha mostrato in flashback in almeno due storie.
      Sì, attualmente ci sono gruppetti di personaggi che vengono usati nelle proprie serie, e centellinati in apparizioni su altre. Ma, appunto, hanno dovuto crearne di nuovi, con il rischio che tra 5-10 anni finiranno nel mucchio di personaggi inutilizzati. Quanti coetanei di QQQ già esistevano che potevano essere adattati? O perché non riprendere i ragazzini dal magazine delle Giovani Marmotte degli anni '90? Se un personaggio in un dato ruolo non viene usato con abbastanza frequenza, nuovi disegnatori/scrittori lo sostituiranno con un altro usa-e-getta inventato sul momento quando servirà qualcuno per tale ruolo. Personaggi come il sindaco di Paperopoli o il gran Mogol adesso sono abbastanza standardizzati come un maiale ed un papero antropomorfi rispettivamente, ma molte altre versioni sono state proposte di essi, tartufati, umanoidi, paperuti, ecc ecc.

      Edit: quello che mi piacerebbe vedere è ciò che stanno facendo ora, ma invece di creare nuovi personaggi e design, riadattare precedenti produzioni. Per quanto la serie Q-Galaxy non sia il pinnacolo della produzione fumettistica, apprezzo che, invece di creare un nuovo, generico alieno, per il personaggio di Zipp hanno ripreso un vecchio design delle storie '60-'70 di Strobl. Ho mai letto quelle storie? Non che io ricordi. Il non averle lette ha influenzato la mia comprensione della serie? Per niente.
      Eppure quando lessi, durante una rilettura dei topolini della mia infanzia, l'articolo introduttivo alla saga, apprezzai piacevolmente lo specchietto che spiegava come Zipp fosse un personaggio riadattano, non creato.
      « Ultima modifica: Domenica 22 Mag 2022, 22:24:25 da Spirito della Fattoria »

       

      Dati personali, cookies e GDPR

      Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

      Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

      Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.