Logo PaperseraPapersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
2 | |
3 | |
2 | |
3 | |
2 | |
5 | |
2 | |
4 | |
2 | |
4 | |
3 | |
3 | |
Topolino 3466 - Recensione di Andrea Pasti

Se è norma di questi articoli analizzare direttamente il contenuto di un albo, è impossibile, a questo giro, non soffermarsi sulla copertina del 3466. Sotto la sapiente matita di Francesco D’Ippolito (nonostante l’errata corrige che riporta, invece, Andrea Freccero) e i colori di Andrea Cagol, esplode la bellezza del remake del Ritratto di Adele Bloch-Bauer I, nota opera di Gustav Klimt. Al centro del quadro c’è “Adele” Senape, mentre all’esterno Fantomius e Lady Paprika vigilano (o forse ne pianificano il furto). A completare, si affianca la scelta della carta “anticata”: la copertina è stampata su un particolare cartoncino ruvido molto gradevole al tatto. Tra questa, le copertine degli albi precedenti e la variant del Comicon, in tre settimane abbiamo visto ben quattro copertine speciali. La cover, ovviamente, accompagna la storia d’apertura: La notte di Fantomius, della notoria serie di Marco Gervasio. Primo episodio di una doppia storia in due parti (!), vede come protagonista effettivo l’ispettore Pinko, impegnato a redimersi dell’ennesima strabiliante impresa del ladro gentiluomo. Al centro dell’azione vediamo però un ritorno… dal futuro: Fantomius si è infatti appropriato della Bella Addormentata di Doug Duckan! Questo doppio riferimento carpiato affonda le radici nella serie parallela di Paperinik dove, proprio di recente, abbiamo finalmente visto il quadro raggiungere la pace nel deposito di Paperone dopo cinquant’anni di vagabondaggio. Spostandoci nel passato scopriamo quindi anche le sue origini. La storia fila liscia e funge da inizio di un giro di danze di cui ancora non si comprende bene il percorso. A valorizzare l’impalcatura, un’affascinante riproposizione della mappa di Paperopoli e dintorni. Era da molto che un intero numero non era composto solo da storie a puntate. Proseguiamo infatti con il secondo episodio de Gli urbani paperi, Il grande circo. Sempre scritta a due mani da Alex Bertani-Mattia Venerus, la storia continua nel suo ritmo totalmente diverso da quello della prima saga. Sacrificando le molteplici scenette umoristiche tipiche della scrittura di Venerus, infatti, la trama prosegue fitta su ben quattro livelli, uno per protagonista. Vien voglia di andarci a mangiare I ripetuti stacchi funzionano bene e non confondono il lettore accompagnandolo da Gastone a Nonna Papera o ai nipotini. E anche Tizio Caio conquista un ruolo da protagonista che non dipende esclusivamente dall’ex socio Paperone. Ai disegni un Emanuele Baccinelli sempre più una gioia per gli occhi, ed ormai saldo nell’Olimpo della generazione moderna. Le sue architetture sono solide, la sua griglia libera, i suoi paperi vivi. Chiude la prima parte dell’albo il terzo e penultimo episodio di Amelia e le 7 streghe vulcaniche di Bruno Enna. La storia entra nel vivo e si avvia verso la chiusura, con un veloce excursus sulle varie spedizioni papere e la presa di posizione delle varie incantatrici. Ma, soprattutto, col ritorno in campo di Amelia, che finalmente lascia la casa della nonna per intervenire personalmente al fianco di Grilla, e di cui finalmente scopriamo il sogno segreto e che forse era meglio fosse rimasto tale. Ciò che risulta evidente di queste sette streghe è che la loro fama di potenze della natura non regge davvero nel momento in cui andiamo a vedere le loro azioni, ma soprattutto le loro ambizioni. L’ultima, proprio Grilla, ci rivela infatti di avere una… cotta per Babbo Natale. Si affianca quindi alle altre e la loro funzione di personaggi secondari con gag allegate, lasciando solo Irma ad essere davvero una figura minacciosa per i lettori. Ai disegni Roberto Vian mantiene la qualità mostrata fino ad ora, senza particolari guizzi, se non l’abuso del puntinato, tecnica che se potrebbe dare un valore aggiunto ad alcune atmosfere della storia, inizia ad affaticare la vista. La seconda parte dell’albo è composta da una sola storia divisa in quattro parti. Pluto e l’inseguimento canino è una storia da magazzino di Gabriele Panini e Libero Ermetti, probabilmente ideata per essere distribuita su altrettanti albi. La storia è lineare, senza particolari inversione di marcia o twist, ma è interessante confrontarla con la più recente produzione di Ermetti, anni luce avanti queste già validissime pagine. Divertenti alcune gag, che rientrano nel generale tono allegro della trama.

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (28)
Esegui il login per votare

Topolino 3466

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Cornelius Coot
Imperatore della Calidornia
PolliceSu

  • ******
  • Post: 11431
  • Mais dire Mais
    • Offline
    • Mostra profilo
PolliceSu
    Re:Topolino 3466
    Risposta #30: Domenica 1 Mag 2022, 19:46:37
    Sono d'accordo con Tang riguardo un maggior approfondimento delle 7 streghe e dei loro rispettivi miliardari (oltre che dei paesi di origine). Mi sembrano tutte dei personaggi abbastanza interessanti, alcuni inevitabilmente più approfonditi di altri proprio per questioni di spazio non eccessivo rapportato al numero di nuovi character.

    Character che anche in seguito potrebbero arricchire le vite di Amelia e Paperone, allargando o variegando i plot che li vedono spesso protagonisti. Soprattutto con l'americana Irma, vista la vicinanza geografica e la sua particolare 'grinta', lo zione potrebbe avere più volte a che fare, trovando una nuova nemica ancor più pericolosa di Amelia.

    Notando una maggior propensione a questa 'attitudine', sia da parte di alcuni autori che del direttore, ecco che una 'standardizzazione' in continuity di alcuni di questi personaggi potrebbe essere una cosa realizzabile molto più facilmente che in passato (quanti interessanti 'one shot' non hanno fatto il bis nel corso dei passati decenni di narrazione disneyana?)
    « Ultima modifica: Domenica 1 Mag 2022, 19:52:35 da Cornelius Coot »

    *

    Anapisa
    Cugino di Alf
    PolliceSu

    • ****
    • Post: 1180
      • Offline
      • Mostra profilo
    PolliceSu
      Re:Topolino 3466
      Risposta #31: Domenica 1 Mag 2022, 23:41:41
      Bene bene..Fantomius è tornato in grande stile, a me stanno piacendo tutte le storie sue che leggo, e anche questo nuovo primo tempo non mi delude per niente.Una buona trama,scorrevole,chiara,dei piccoli colpi di scena..una buona atmosfera creata dal gioco luci ombre e colori..ottime tavole che rappresentano il periodo storico..peccato essermi persa l'uscita sul classico d'autore di qualche tempo fa.. cercherò di tenere a mente lo speciale che uscirà a luglio sempre su di lui.
      Gli urbani paperi invece.. peggiorano..mi pareva di aver un telecomando in mano,quando non si sa cosa guardare in televisione,e ti ritrovi a girare canali senza neanche renderti conto di cosa stai guardando..forse sarà una nuova tecnica narrativa, ma io ho faticato a seguirla,questo cambio di "regia" ad ogni due/tre tavole,stai seguendo la vicenda di Paperone,giri pagina,e ti trovi la sottotrama di Gastone,giri pagina,arriva quella dei nipotini,giri pagina,Tizio Caio si innamora..aiuto,che fatica star dietro a tutti.
      Le sette streghe proseguono sempre ottimamente.Narrazione impeccabile, colpi di scena,rivelazioni.C'è tanta roba qui, ma si riesce a seguire bene.
      Pluto e l'inseguimento canino? Ci sta,qualche gag simpatica(Divertente l'espressione di Pluto,nella prima tavola,quando scopre che la desiderata sorpresa non è altro che un collare nuovo :)) ).Storia leggera, simpatica, che mi ha portata a simpatizzare maggiormente con il quattro zampe.

      *

      fab4mas
      Sceriffo di Valmitraglia
      PolliceSu   (1)

      • ***
      • Post: 367
      • Swim-Bike-Run-Disney
        • Offline
        • Mostra profilo
      PolliceSu   (1)
        Re:Topolino 3466
        Risposta #32: Lunedì 2 Mag 2022, 12:25:52
        Mi aspettavo una mia personale bocciatura visto le premesse del numero scorso e cos' confermo.

        Il personaggio di Fantomius non riesce davvero a piacermi. Ci poteva stare qualche storia ma il peso datogli lo trovo eccessivo ma mi rendo conto sia personale e non mi strappo i capelli di sicuro.

        Gli urbani paperi davvero mi son ritrovato a metà storia pregando (si fa per dire) che la pagina successiva fosse l'ultima. Mi pare un puzzle di roba assemblata senza un idea precisa dietro, spero fili più liscia nelle prossime.

        Salvo le sette streghe ma anche qui non trovo picchi particolari se non alcune tavole di Vian davvero belle.

        Quella di Pluto credo lasci il tempo che trova però poteva andare peggio....potevano spalmare pure questa su più numeri.  ;D

        Discorso ciclico ma se da una parte storie con un maggior numero di tavole possono portare a trame più complesse e varie, dall altro per quella che è la mia personale opinione trovo siano abusate e finiscano per 'meritarsi' questo trattamento storie dimenticabili. Personalmente è un andamento che non apprezzo
        « Ultima modifica: Lunedì 2 Mag 2022, 12:42:18 da fab4mas »
        Grazie Babbo anche per quella volta nel 1980 in cui sei tornato a casa con un Topolino in mano chiedendomi se mi andava di leggerlo...non ho più smesso.

        *

        Davison
        Giovane Marmotta
        PolliceSu   (1)

        • **
        • Post: 138
        • Lettore e lurkatore
          • Offline
          • Mostra profilo
        PolliceSu   (1)
          Re:Topolino 3466
          Risposta #33: Lunedì 2 Mag 2022, 12:56:24
          Mi aspettavo una mia personale bocciatura visto le premesse del numero scorso e cos' confermo.

          Il personaggio di Fantomius non riesce davvero a piacermi. Ci poteva stare qualche storia ma il peso datogli lo trovo eccessivo ma mi rendo conto sia personale e non mi strappo i capelli di sicuro.

          Gli urbani paperi davvero mi son ritrovato a metà storia pregando (si fa per dire) che la pagina successiva fosse l'ultima. Mi pare un puzzle di roba assemblata senza un idea precisa dietro.

          Salvo le sette streghe ma anche qui non trovo picchi particolari se non alcune tavole di Vian davvero belle.

          Quella di Pluto credo lasci il tempo che trova però poteva andare peggio....potevano spalmare pure questa su più numeri.

          Discorso ciclico ma se da una parte storie con un maggior numero di tavole possono portare a trame più complesse e varie, dall altro per quella che è la mia personale opinione trovo siano abusate e finiscano per 'meritarsi' questo trattamento storie dimenticabili. Personalmente è un andamento che non apprezzo

          Quoto tutto ma vorrei dire che, secondo me, il problema non risiede solo nel fatto che ci siano molte storie a puntate. Il vero problema sta, secondo me, in quel che si racconta.

          Gli Urbani Paperi, diciamocela tutta, è una roba estremamente noiosa. Il problema secondo me non consiste nemmeno nel modo in cui è narrata o, almeno, non è solo quello. Il vero tasto dolente è ciò che viene narrato. Vicende inutili e con poca anima.
          Spoiler: mostra
          Partendo da Gastone che fa restaurare randomicamente una casa non sua, da Nonna Papera che vuole nascondere il fatto che lavori allo stesso modo in cui un serial killer vorrebbe nascondere il cadavere della persona che ha ucciso. E poi i pezzi dedicati a Paperone senza alcun mordente, un sacco di personaggi di cui personalmente non mi frega nulla e senza alcun appeal come Tizio Caio, Ottavio Ottimo, Cesare Augusto, Giulio Cicerone, Attilio Genoveffo, Ciccio Pasticcio e chi più ne ha più ne metta 


          Davvero, io sto leggendo sta roba solo per senso di completezza, per poter dire di averci almeno provato e per dare un minimo di rispetto agli ottimi disegni.


          Ah, un pelino meglio è la miniserie di Amelia. Ma giusto un pelino. Non è riuscita proprio a decollare. 74839 nuovi personaggi a cui è difficile affezionarsi e di cui non ne sentivo il bisogno. Ma poi, mi fate girare per il mondo Paperone, Pico, Paperino e nipotini senza approfondire meglio le varie situazioni? Io avrei cercato di creare una ministoria per ogni coppia, dedicandogli quindi un episodio ciascuna. E, sfortunatamente, le due nuove streghe maggiormente necessarie allo sviluppo della trama (Irma e Grilla) sono anche quelle meno graficamente interessanti...

          *

          Anapisa
          Cugino di Alf
          PolliceSu   (2)

          • ****
          • Post: 1180
            • Offline
            • Mostra profilo
          PolliceSu   (2)
            Re:Topolino 3466
            Risposta #34: Lunedì 2 Mag 2022, 14:48:24
            Citazione
            .... E, sfortunatamente, le due nuove streghe maggiormente necessarie allo sviluppo della trama (Irma e Grilla) sono anche quelle meno graficamente interessanti...
            Posso dire una cosa?Senza nulla togliere a Vian..che ha ricreato atmosfere e paesaggi strepitosi..ma...certe storie, tipo questa ad esempio,dove vi è lo studio di ben 7 nuovi personaggi femminili..streghe..secondo me si potrebbe ottenere un buon risultato affidando il lavoro ad una disegnatrice..o avere un consulto..la forza lavoro femminile sul settimanale scarseggia ultimamente..

             

            Dati personali, cookies e GDPR

            Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

            Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

            Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.