Logo PaperseraPapersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
3 | |
2 | |
3 | |
2 | |
5 | |
2 | |
4 | |
2 | |
4 | |
3 | |
3 | |
4 | |

Topolino e il regalo dell'ultimo minuto

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Samu
Diabolico Vendicatore
PolliceSu

  • ****
  • Post: 1412
  • Amante del bel fumetto
    • Offline
    • Mostra profilo
PolliceSu
    Topolino e il regalo dell'ultimo minuto
    Martedì 21 Giu 2022, 21:38:34
    https://inducks.org/story.php?c=I+TL+3141-2

    Ideata da Francesco Artibani per i disegni di Marco Mazzarello, "Topolino e il regalo dell'ultimo minuto" è una vicenda che merita di essere letta e conosciuta.
    La storia è semplice partendo da una situazione che può capitare a chiunque e in cui stavolta incappa Topolino, nel fatto cioè di avere preparato ed organizzato in modo certosino ogni aspetto della serata romantica che ha intenzione di passare con Minni dimentico però della cosa più importante: il regalo per festeggiare l'anniversario del loro fidanzamento!
    Il Topo dalle grandi orecchie, in vista dell'imminente appuntamento con la fidanzata, si precipita dunque a rotta di collo verso il centro commerciale per procurarsi la borsetta che Minni aveva già da qualche tempo adocchiato con interesse, intenzionato a comprarla come dono per la propria amata.
    Purtroppo per lui le cose si metteranno in maniera decisamente imprevista e, preso da altri avvenimenti che accadono nel giro di pochi minuti nella sua visita al centro commerciale, Topolino finirà con l'essere a tutti gli effetti fuori tempo in quanto, a questo punto, non solo si presenterà in ritardo all'appuntamento con Minni ma ci andrà anche a mani vuote facendo una ben magra figura.
    Ecco quindi che la storia ci offre un uso insolito della macchina del tempo, che per una volta non lo rispedirà indietro di secoli, di millenni e neanche di anni ma solo di qualche minuto.
    Facendo tesoro delle esperienze negative da lui vissute nel giro di questi piccoli balzelli temporali nel suo recentissimo passato, Topolino alla fine troverà il modo di chiudere la vicenda in maniera positiva seppur molto lontana da come avrebbe potuto immaginare la conclusione di tale disavventura quotidiana.
    La storia è veramente un bel leggere e ci restituisce un Topolino umano nei suoi errori e nelle sue dimenticanze ma che viene difficile da non guardare con simpatia data la sua propulsione a cercare di fare sempre e comunque il bene, anche nelle piccole cose quando si sente chiamato in causa dalle circostanze.
    Francesco Artibani sviluppa una avventura dal taglio urbano che considero brillante nella sua semplicità e nella sua intensa piacevolezza e non solo al riguardo del carattere centrato ed amabile del suo protagonista.
    La storia è bella e mi è piaciuta particolarmente anche e soprattutto per il focus su quel personaggio che sembra, in apparenza, essere soltanto un poco di buono e disonesto ma che in realtà è di tutt'altra pasta.
    E la scena in cui questo signore parla con il figlio al telefono è veramente costruita bene e si rivela carica di significato nella sua genuinità e nella prospettiva di quello che potrebbe accadere di lì a poco se al fianco di questa persona non ci fosse stato un Topolino così umano ed aperto nella riflessione che gli lascia per il proprio bene e di chi lo ama e lo aspetta a casa.

    "Topolino e il regalo dell'ultimo minuto" non sarà forse una delle storie più ricordate ed acclamate di un autore che ha scritto nel corso degli anni storie iconiche e ben più lunghe come l'Ultima Avventura, il Segreto di Cuordipietra o anche le tre con Topalbano, Moby Dick e via dicendo...
    Eppure io, questa storia (classica nella sua lunghezza standard delle 30 tavole e in una trama del taglio cittadino) la considero un vero gioiello per la bellezza di come è stata scritta, per il significato che assume nel confronto tra Topolino e l'altro personaggio  che vi appare e per un finale dolce nel modo più naturale che ci sia, senza risultare per niente artificioso o posticcio.
    Una prova davvero meritevole di uno sceneggiatore che conferma, ancora una volta, la sua grande abilità nel muovere i personaggi Disney e nell'ideare delle storie significative come questa che mi è rimasta particolarmente impressa nella mente e "dentro" nel cuore di quanto è fatta bene nel suo insieme, nel suo dipanarsi ed in un finale che considero davvero azzeccato e memorabile nella sua deliziosa semplicità.
    « Ultima modifica: Martedì 21 Giu 2022, 21:43:55 da Samu »

     

    Dati personali, cookies e GDPR

    Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

    Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

    Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.