Logo PaperseraPapersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
4 | |
4 | |
4 | |
4 | |
4 | |
4 | |
5 | |
3 | |
2 | |
4 | |
3 | |
4 | |
Disney Collection n°6 - Super Mickey - Recensione di Alessandro Mercatelli

L’uscita n°6 della collana Disney Collection è dedicata ad uno dei più eclettici autori fiamminghi del panorama fumettistico, che entra a gamba tesa nell’immaginario Disney/Glénat con Super Mickey, singolarissimo fumetto muto dai toni e dalle atmosfere talmente semplici e scanzonate da risultare difficile nella sua comprensione. Per poter apprezzare quest’opera è necessario conoscere il suo autore: Pieter de Poortere, classe 1976, esordisce nel 2001 con Dickie, fumetto dal tratto stilizzato, caratterizzato dall’assenza di dialoghi e da uno humor tanto diretto quanto cinico. L’opera porta il giovane autore a guadagnarsi nello stesso anno il premio per il miglior album in lingua olandese e la sua serie d’esordio prosegue inintettottamente fino ad oggi guadagnandosi anche una trasposizione animata in onda sul canale Adult Swim. Il marchio di fabbrica di de Poortere è un umorismo crudo, cattivo, fatto di scene estremamente dirette e talvolta anche violente, ma sempre realizzate con uno stile grafico infantile ed innocente, capace di creare un evidente contrasto che spiazza ancora di più l’occhio del lettore. il particolare humor di de Poortere Può quindi comprendersi che, affidare ad un autore come de Poortere la realizzazione di un fumetto Disney sia una grandissima scommessa. E riguardo la riuscita di questo arduo esperimento, a parere dello scrivente, il risultato appaga solo in parte. Dovendo comunque sottostare alla rigidità del mondo Disney, in cui i concetti di morte e sofferenza, tanto enfatizzati dall’autore nelle proprie opere originali, non possono esprimersi in modo diretto, l’impatto dell’opera sul lettore è più moderato. L’assenza di dialogo, unitamente all’estrema semplicità del tratto e delle situazioni in cui i protagonisti sono inseriti, spiazza ugualmente il lettore che, ad una prima occhiata, potrebbe pensare di trovarsi dinanzi ad un libro per bambini. Anche il soggetto è alquanto semplice ed immediato, degno davvero di un’avventura destinata all’infanzia. Superpippo e Topolino si trovano loro malgrado a gestire la fuga degli animali dallo zoo, occasione che Gambadilegno cerca di sfruttare per il proprio tornaconto personale. In realtà Super Mickey, come tutte le opere di de Poortere, maschera con un’ingenuità apparente elementi e situazioni indubbiamente forti che, se colte, risultano capaci di colpire l’animo del lettore, nonostante risultino smussate da questo stile essenziale ma sempre ricco di un’incredibile quantità di contenuti. Una delle tante scene corali a doppia tavola presenti nell’albo La vera essenza dell’autore viene infatti evocata solo in determinati momenti. Nel continuo gioco di contrasti che caratterizza il suo stile, de Porteere si diverte a giocare con l’occhio del lettore, disseminando microscopiche citazioni e riferimenti a personaggi, luoghi e film, abbattendo perfino la quarta parete. Vero pezzo forte dell’opera sono le grandi scene corali, realizzate su tavola doppia, che l’autore inserisce volutamente al centro di ogni capitolo in modo da sfruttare al meglio l’impaginazione e dare perfetta continuità all’immagine, che appare come un’unica grande illustrazione. All’intero di questi “poster centrali”, prende vita una miriade di personaggi, ognuno impegnato in un’azione o un mestiere, un po’ come nelle opere di Richard Scarry, che porta il lettore ad andare oltre alla semplice storia e lo induce a giocare alla ricerca del personaggio principale di questa scena collettiva, che fa da chiave di lettura dell’intera immagine. E’ indubbio che l’autore ami il divertimento: il racconto è strutturato come un semplice susseguirsi di gag interrotte solo dalla suddivisione in capitoli, ciascuno realizzato come un albo a fumetti singolo con tanto di copertina iniziale e, vero tocco di classe, giochi enigmistici e strisce di barzellette in quarta di copertina. Il tipico contrasto di atmosfere che contraddistingue l’autore Al di là dell’enorme limite dato da un’opera così ricca di stile, il più grande difetto che si ravvisa in questo volume è la totale assenza di un editoriale o di qualsiasi extra che possa permettere al lettore di comprenderne in pieno la giusta chiave di lettura. Super Mickey, lo ripeto, è un’opera tanto semplice nell’aspetto quanto difficile nella comprensione. Solo lo stile grafico può valere l’acquisto ma, se si è alla ricerca di contenuti, dubito che questo albo possa dare soddisfazioni a lungo termine. Personalmente, ritengo che il giusto modo per apprezzare Super Mickey sia quello di considerarlo un ibrido tra il mondo dell’infanzia e quello degli adulti, capace di suscitare tanta curiosità e di stimolare l’osservazione del lettore attraverso un continuo susseguirsi di gag e di personaggi disseminati in ogni pagina, un po’ come nel celebre “Where’s Wally” di Martin Handford, ma che all’improvviso è capace di interrompere quest’aura di leggerezza e divertimento con immagini più forti. Un’opera di nicchia, decisamente non per tutti, che va comunque ad arricchire il panorama degli autori d’oltralpe proposti da Glenàt in un modo indubbiamente originale e ricercato.

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (7)
Esegui il login per votare

Disney Collection - Panini pubblica i volumi Glenat - Discussione Generale

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

V
Dittatore di Saturno
PolliceSu   (2)

  • *****
  • Post: 3753
  • Torino
    • Offline
    • Mostra profilo
PolliceSu   (2)
    Mancava un topic per questa buona idea di Panini di stampare anche in Italia i volumi editi da Glenat in Francia con autori estranei al mondo disney.

    Qui il link inducks italiano: https://inducks.org/publication.php?c=it%2FDCLL&pg=img&num=1
    Qui le uscite francesi: https://inducks.org/publication.php?c=fr%2FDBG
    Qui le prime uscite Giunti: https://inducks.org/publication.php?c=it%2FDCC&pg=img&num=1

    Qua le nostre recensioni: https://www.papersera.net/wp/tag/glenat/

    Buona lettura (se dovesse esserci gia un topic esistente, accorpatelo) :)
    Quando hai capito che è tutto uno scherzo, essere Il Comico è l'unica cosa sensata.
    Watchmen, Alan Moore and Dave Gibbons

    Disney Compendium Floyd Gottfredson: http://www.ilsollazzo.com/c/disney/lista/fumetti-gottfredson

    Il mio mercatino: https://www.papersera.net/forum/index.php/topic,6635.0.html

    *

    sandrinobipbip
    Allegro Castoro
    PolliceSu

    • *
    • Post: 4
    • Esordiente
      • Offline
      • Mostra profilo
    PolliceSu
      Disney Collection n°6 - Super Mickey
      Risposta #1: Mercoledì 20 Lug 2022, 11:57:58
      Recensione Disney Collection n°6 - Super Mickey


       L’uscita n°6 della collana Disney Collection è dedicata ad uno dei più eclettici autori fiamminghi del panorama fumettistico, che entra a gamba tesa nell’immaginario Disney/Glénat con Super Mickey, singolarissimo fumetto muto dai toni e dalle atmosfere talmente semplici e scanzonate da risultare difficile nella sua comprensione.

       Per poter apprezzare quest’opera è necessario conoscere il suo autore: Pieter de Poortere, classe 1976, esordisce nel 2001 con Dickie, fumetto dal tratto stilizzato, caratterizzato dall’assenza di dialoghi e da uno humor tanto diretto quanto cinico. L’opera porta il giovane autore a guadagnarsi nello stesso anno il premio per il miglior album in lingua olandese e la sua serie d’esordio prosegue inintettottamente fino ad oggi guadagnandosi anche una trasposizione animata in onda sul canale Adult Swim.

       Il marchio di fabbrica di de Poortere è un umorismo crudo, cattivo, fatto di scene estremamente dirette e talvolta anche violente, ma sempre realizzate con uno stile grafico infantile ed innocente, capace di creare un evidente contrasto che spiazza ancora di più l’occhio del lettore.

       
      il particolare humor di de Poortere

       Può quindi comprendersi che, affidare ad un autore come de Poortere la realizzazione di un fumetto Disney sia una grandissima scommessa. E riguardo la riuscita di questo arduo esperimento, a parere dello scrivente, il risultato appaga solo in parte. Dovendo comunque sottostare alla rigidità del mondo Disney, in cui i concetti di morte e sofferenza, tanto enfatizzati dall’autore nelle proprie opere originali, non possono esprimersi in modo diretto, l’impatto dell’opera sul lettore è più moderato. L’assenza di dialogo, unitamente all’estrema semplicità del tratto e delle situazioni in cui i protagonisti sono inseriti, spiazza ugualmente il lettore che, ad una prima occhiata, potrebbe pensare di trovarsi dinanzi ad un libro per bambini.

       Anche il soggetto è alquanto semplice ed immediato, degno davvero di un’avventura destinata all’infanzia. Superpippo e Topolino si trovano loro malgrado a gestire la fuga degli animali dallo zoo, occasione che Gambadilegno cerca di sfruttare per il proprio tornaconto personale.

       In realtà Super Mickey, come tutte le opere di de Poortere, maschera con un’ingenuità apparente elementi e situazioni indubbiamente forti che, se colte, risultano capaci di colpire l’animo del lettore, nonostante risultino smussate da questo stile essenziale ma sempre ricco di un’incredibile quantità di contenuti.

       
      Una delle tante scene corali a doppia tavola presenti nell’albo

       La vera essenza dell’autore viene infatti evocata solo in determinati momenti. Nel continuo gioco di contrasti che caratterizza il suo stile, de Porteere si diverte a giocare con l’occhio del lettore, disseminando microscopiche citazioni e riferimenti a personaggi, luoghi e film, abbattendo perfino la quarta parete. Vero pezzo forte dell’opera sono le grandi scene corali, realizzate su tavola doppia, che l’autore inserisce volutamente al centro di ogni capitolo in modo da sfruttare al meglio l’impaginazione e dare perfetta continuità all’immagine, che appare come un’unica grande illustrazione.

       All’intero di questi “poster centrali”, prende vita una miriade di personaggi, ognuno impegnato in un’azione o un mestiere, un po’ come nelle opere di Richard Scarry, che porta il lettore ad andare oltre alla semplice storia e lo induce a giocare alla ricerca del personaggio principale di questa scena collettiva, che fa da chiave di lettura dell’intera immagine.

       E’ indubbio che l’autore ami il divertimento: il racconto è strutturato come un semplice susseguirsi di gag interrotte solo dalla suddivisione in capitoli, ciascuno realizzato come un albo a fumetti singolo con tanto di copertina iniziale e, vero tocco di classe, giochi enigmistici e strisce di barzellette in quarta di copertina.

       
      Il tipico contrasto di atmosfere che contraddistingue l’autore

       Al di là dell’enorme limite dato da un’opera così ricca di stile, il più grande difetto che si ravvisa in questo volume è la totale assenza di un editoriale o di qualsiasi extra che possa permettere al lettore di comprenderne in pieno la giusta chiave di lettura.

       Super Mickey, lo ripeto, è un’opera tanto semplice nell’aspetto quanto difficile nella comprensione. Solo lo stile grafico può valere l’acquisto ma, se si è alla ricerca di contenuti, dubito che questo albo possa dare soddisfazioni a lungo termine.

       Personalmente, ritengo che il giusto modo per apprezzare Super Mickey sia quello di considerarlo un ibrido tra il mondo dell’infanzia e quello degli adulti, capace di suscitare tanta curiosità e di stimolare l’osservazione del lettore attraverso un continuo susseguirsi di gag e di personaggi disseminati in ogni pagina, un po’ come nel celebre “Where’s Wally” di Martin Handford, ma che all’improvviso è capace di interrompere quest’aura di leggerezza e divertimento con immagini più forti.

       Un’opera di nicchia, decisamente non per tutti, che va comunque ad arricchire il panorama degli autori d’oltralpe proposti da Glenàt in un modo indubbiamente originale e ricercato.

       



      Voto del recensore: 3,5/5
      Per accedere alla pagina originale della recensione e mettere il tuo voto:
      https://www.papersera.net/wp/2022/07/20/disney-collection-n6-super-mickey/

       

      Dati personali, cookies e GDPR

      Questo sito per poter funzionare correttamente utilizza dati classificati come "personali" insieme ai cosiddetti cookie tecnici.
      In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni.
      Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai trovare il dettaglio di quanto riassunto in queste righe.

      Per continuare con la navigazione sul sito è necessario accettare cliccando qui, altrimenti... amici come prima! :-)