Logo PaperseraPapersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
3 | |
3.5 | |
3.5 | |
3 | |
4 | |
5 | |
3 | |
2 | |
3.5 | |
2 | |
3 | |
4 | |
Disney Special Events 34 - Biancaneve e i Sette Nani - Recensione di Alberto Biscazzo

A 85 anni dalla proiezione del primo lungometraggio della storia del cinema dell’animazione, Panini Comics pubblica uno speciale dedicato a Biancaneve e i Sette Nani dall’omonimo titolo. Il volume, che alterna storie a fumetti con protagonisti i personaggi del film ad articoli di approfondimento di Davide Del Gusto, si presenta, fin dalla copertina di Andrea Greppi con i colori di Maria Claudia Di Genova, ben curato. Il formato e l’impaginazione ricordano quelli dei Grandi Classici Disney, sebbene il monotematismo dell’opera ci conduca in un ambito ben diverso: quello di uno studio filologico e appassionato all’interno di un argomento che finora, in Italia, era stato principalmente curato solo nella sua forma animata. Insomma, il volume che ho per le mani e che mi appresto a recensire è sicuramente un’operazione coraggiosa, meritevole di plauso, sebbene non esente da alcune problematiche imputabili più alla sfera del contenuto che alla cura generale dell’opera. Partendo dall’indice è subito chiaro il taglio che viene dato al volume: a differenza di altre testate Disney che si occupano di materiale del passato, le storie presenti nella testata in questione seguono un percorso cronologico, che parte dal 1939 e termina nel 1988. Leggendo gli articoli di approfondimento si intuisce che la costruzione del volume ha a cuore soprattutto un’encomiabile ricerca di taglio progressivo, che coinvolge tanto le storie in sé quanto il contesto sociale nella quale esse furono scritte e pubblicate. Partendo dal lungometraggio animato del 1937 e terminando con accenni alle storie di Biancaneve prodotte per il mercato estero tra il 2011 e il 2022, il volume si presenta quindi quasi come un’enciclopedica fonte di informazioni per gli appassionati delle vicende di Biancaneve nel mondo del fumetto. Cucciolo, l’anima neraLa prima storia qui pubblicata è Biancaneve e il mago Basilisco (Pedrocchi/Pagot, 1939), la cui ultima ristampa risale al 2007, nel n. 30 de Le Imperdibili, dove tuttavia risultava monca di alcune tavole. Si tratta dunque di un prezioso recupero, non solo perché rappresenta la prima apparizione del personaggio di Biancaneve nel mondo dei fumetti italiano, ma anche perché rende giustizia alla tradizione spesso poco approfondita del fumetto Disney nostrano precedente al formato libretto di Topolino, non senza però alcuni limiti puramente tecnici: la storia di Federico Pedrocchi risulta qui sacrificata in un formato che non le si confà. Una conseguenza inevitabile, se si pensa alla differenza nelle dimensioni della carta rispetto a Topolino Giornale. Purtuttavia, la storia di Pedrocchi rappresenta un impreziosimento del volume di non poco conto. La lettura prosegue con due brevi americane, le uniche non italiane nel volume: Il compleanno di Cucciolo (?/Armstrong, 1950) e I sette nani e le monellerie di Pinocchio (?/Bradbury, 1952). Non particolarmente rilevanti da un punto di vista qualitativo, lo sono però in ambito di storia del fumetto, in quanto rappresentano la prosecuzione della tradizione fumettistica di Biancaneve fin negli anni ’50, e permettono di comprendere dunque le sue successive incarnazioni nel mercato italiano, che sono le due storie in questione nel volume: prima I sette nani e la fata incatenata (Martina/Scarpa/Gatto, 1959), storia particolarmente fantasiosa, in linea con un decennio fumettisticamente florido, con atmosfere piuttosto cupe e una prova ad ostacoli avvincente; poi I sette nani e l’anello di betulla (Scarpa/Cimino, 1960), in cui, nella speranza di rivitalizzare ulteriormente una tradizione fumettistica ormai già consolidata, fa la sua prima apparizione un presunto ottavo nano, Zenzero, che aveva abitato in tempi remoti con i sette più conosciuti. La storia in questione, pur presentando uno schema non troppo dissimile da quella che la precede, risulta meno cupa e più in linea con una sensibilità già evidentemente mutata in seno ai lettori di Topolino. Il tragico destino di Mammolo Chiude il volume Topolino e l’incredibile naniversario (Michelini/Gatto, 1988), storia in cui fa la sua ultima apparizione il personaggio di Pacuvio, questa volta alle prese con una riscrittura del lungometraggio animato ordita dalla perfida strega Grimilde. In ultima analisi, sento di consigliare questo volume ad ogni appassionato di materiale Disney, in quanto fondamentale contributo ad un tema, quello della trasposizione filmica nel mezzo fumettistico, fin troppo ignorata, nonostante questo sia alle origini del fumetto disneyano in toto.

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (11)
Esegui il login per votare

Biancaneve e i sette nani- Disney Special Events 34

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

    Re:Biancaneve e i sette nani- Disney Special Events 34
    Risposta #30: Giovedì 22 Dic 2022, 21:04:00
    Il TG1 dedica un servizio agli 85 anni di Biancaneve (con contestuale 'marchetta' per il volume Panini).
    https://www.youtube.com/watch?v=ykfziIwNX0U

    quando ho sentito del remake per il 2024 mi sono venuti i brividi... non oso pensare cosa faranno dei sette nani!

    *

    bunny777
    Ombronauta
    PolliceSu   (1)

    • ****
    • Post: 967
    • Strapapero
      • Offline
      • Mostra profilo
    PolliceSu   (1)
      Re:Biancaneve e i sette nani- Disney Special Events 34
      Risposta #31: Venerdì 23 Dic 2022, 09:57:12
      quando ho sentito del remake per il 2024 mi sono venuti i brividi... non oso pensare cosa faranno dei sette nani!
      Non li chiameranno neanche 'nani' per timore del politically correct, tipo i 'sette diversamente alti'.


      *

      Dippy Dawg
      Dittatore di Saturno
      PolliceSu   (2)

      • *****
      • Post: 3433
        • Offline
        • Mostra profilo
      PolliceSu   (2)
        Re:Biancaneve e i sette nani- Disney Special Events 34
        Risposta #32: Venerdì 23 Dic 2022, 11:04:13
        quando ho sentito del remake per il 2024 mi sono venuti i brividi... non oso pensare cosa faranno dei sette nani!
        Non li chiameranno neanche 'nani' per timore del politically correct, tipo i 'sette diversamente alti'.
        ;D

        E Biancaneve? Un nome evidentemente razzista!
        Oltretutto, la faranno sicuramente nera, perché l'andazzo è quello, quindi il nuovo titolo sarà "Neve e i sette diversamente alti", oppure "Neve e i sette microsomici"!

        Bellissimo, non vedo l'ora di NON andarlo a vedere neanche se mi pagano! :laugh:
        Io son nomato Pippo e son poeta
        Or per l'Inferno ce ne andremo a spasso
        Verso un'oscura e dolorosa meta

        *

        Donald112
        Pifferosauro Uranifago
        PolliceSu   (2)

        • ***
        • Post: 441
          • Offline
          • Mostra profilo
        PolliceSu   (2)
          Re:Biancaneve e i sette nani- Disney Special Events 34
          Risposta #33: Venerdì 23 Dic 2022, 12:08:10
          quando ho sentito del remake per il 2024 mi sono venuti i brividi... non oso pensare cosa faranno dei sette nani!
          Non li chiameranno neanche 'nani' per timore del politically correct, tipo i 'sette diversamente alti'.
          ;D

          E Biancaneve? Un nome evidentemente razzista!
          Oltretutto, la faranno sicuramente nera, perché l'andazzo è quello, quindi il nuovo titolo sarà "Neve e i sette diversamente alti", oppure "Neve e i sette microsomici"!

          Bellissimo, non vedo l'ora di NON andarlo a vedere neanche se mi pagano! :laugh:

          Ho letto che l'attrice di Biancaneva sarà latinoamericana e che il titolo del film sarà solo Biancaneve e scomparirà ogni riferimento ai nani.

          Tempo fa la Disney aveva annunciato addirittura che i sette nani sarebbero stati sostituiti da sette "non meglio definite" creature magiche: tutto questo per venire incontro alle proteste di Peter Dinklage (il Tyrion Lannister del Trono di spade) il quale aveva criticato la Disney per la sua scelta di rifare un film dove a suo dire si ridicolizzano i nani.
          Fortunatamente sembra che tale oscenità delle creature magiche sia stata rimossa in quanto lo stesso Dinklage era stato pesantemente criticato dai suoi colleghi attori affetti da nanismo che lo avevano accusato di essersi fatto pubblicità con il politically correct e di aver messo a rischio la possibilità per molti di loro di poter recitare in un film importante con parti di alto rilievo.
          Pertanto alla fine la Disney ha scelto di affidare le parti a sette attori affetti da nanismo anche se solo un nome è stato ufficializzato: Martin Klebba (che aveva recitato nei Pirati dei Caraibi) nel ruolo di Brontolo. Però nel titolo è scomparso ogni riferimento ai sette nani.

          Detto questo sto leggendo il volume celebrativo su Biancaneve (sono arrivato fino alla fata incatenata) e mi voglio unire anche io ai complimenti per il curatore di questo albo che ritengo, per qualità dei contenuti e per il prezzo molto basso, uno dei migliori degli ultimi anni.
          Biancaneve e il mago Basilisco, oltre ad essere una bella storia, è anche un reperto storico, una delle prime storie Disney italiane ed è ottimo che sia stata riproposta.
          La fata incatenata è un capolavoro e tratta un tema oggi tabù, quello della morte, che aleggia in tutta la storia. E' stato davvero struggente vedere
          Spoiler: mostra
          i nani sacrificarsi e morire uno ad uno e addirittura vedere uno di essi finire in cenere.
          Sono stupito che siano riusciti a pubblicarla e per fortuna direi.
          Inoltre i redazionali sono tanti e davvero interessanti. Ancora complimenti.

            Re:Biancaneve e i sette nani- Disney Special Events 34
            Risposta #34: Venerdì 23 Dic 2022, 12:51:32
            pesantemente criticato dai suoi colleghi attori affetti da nanismo che lo avevano accusato di essersi fatto pubblicità con il politically correct e di aver messo a rischio la possibilità per molti di loro di poter recitare in un film importante con parti di alto rilievo.
            Del resto la Disney propone oggi sulla sua piattaforma una serie dedicata al film Willow, dove il protagonista è proprio un nano (e non so se ce ne siano altri).
            Vuoi vedere che fra poco non potremo neanche più parlare di Tolkien? O censureranno i film di Jackson?
            Non ho capito poi in quale punto sarebbero ridicolizzati i nani nel film di Biancaneve.


              Re:Biancaneve e i sette nani- Disney Special Events 34
              Risposta #35: Venerdì 23 Dic 2022, 13:32:16
              quando ho sentito del remake per il 2024 mi sono venuti i brividi... non oso pensare cosa faranno dei sette nani!
              Non li chiameranno neanche 'nani' per timore del politically correct, tipo i 'sette diversamente alti'.
              ;D

              E Biancaneve? Un nome evidentemente razzista!
              Oltretutto, la faranno sicuramente nera, perché l'andazzo è quello, quindi il nuovo titolo sarà "Neve e i sette diversamente alti", oppure "Neve e i sette microsomici"!

              Bellissimo, non vedo l'ora di NON andarlo a vedere neanche se mi pagano! :laugh:

              Ho letto che l'attrice di Biancaneva sarà latinoamericana e che il titolo del film sarà solo Biancaneve e scomparirà ogni riferimento ai nani.

              Tempo fa la Disney aveva annunciato addirittura che i sette nani sarebbero stati sostituiti da sette "non meglio definite" creature magiche: tutto questo per venire incontro alle proteste di Peter Dinklage (il Tyrion Lannister del Trono di spade) il quale aveva criticato la Disney per la sua scelta di rifare un film dove a suo dire si ridicolizzano i nani.
              Fortunatamente sembra che tale oscenità delle creature magiche sia stata rimossa in quanto lo stesso Dinklage era stato pesantemente criticato dai suoi colleghi attori affetti da nanismo che lo avevano accusato di essersi fatto pubblicità con il politically correct e di aver messo a rischio la possibilità per molti di loro di poter recitare in un film importante con parti di alto rilievo.
              Pertanto alla fine la Disney ha scelto di affidare le parti a sette attori affetti da nanismo anche se solo un nome è stato ufficializzato: Martin Klebba (che aveva recitato nei Pirati dei Caraibi) nel ruolo di Brontolo. Però nel titolo è scomparso ogni riferimento ai sette nani.

              Detto questo sto leggendo il volume celebrativo su Biancaneve (sono arrivato fino alla fata incatenata) e mi voglio unire anche io ai complimenti per il curatore di questo albo che ritengo, per qualità dei contenuti e per il prezzo molto basso, uno dei migliori degli ultimi anni.
              Biancaneve e il mago Basilisco, oltre ad essere una bella storia, è anche un reperto storico, una delle prime storie Disney italiane ed è ottimo che sia stata riproposta.
              La fata incatenata è un capolavoro e tratta un tema oggi tabù, quello della morte, che aleggia in tutta la storia. E' stato davvero struggente vedere
              Spoiler: mostra
              i nani sacrificarsi e morire uno ad uno e addirittura vedere uno di essi finire in cenere.
              Sono stupito che siano riusciti a pubblicarla e per fortuna direi.
              Inoltre i redazionali sono tanti e davvero interessanti. Ancora complimenti.


              Sono scioccata che non si possa più raccontare e disegnare temi normali , armi, sigari..

              *

              Donald112
              Pifferosauro Uranifago
              PolliceSu   (2)

              • ***
              • Post: 441
                • Offline
                • Mostra profilo
              PolliceSu   (2)
                Re:Biancaneve e i sette nani- Disney Special Events 34
                Risposta #36: Venerdì 23 Dic 2022, 14:41:18
                Non ho capito poi in quale punto sarebbero ridicolizzati i nani nel film di Biancaneve.
                Ti riporto quanto detto da Dinklage:
                Davvero non voglio offendere nessuno, ma sono rimasto un po’ sconcertato quando si sono detti fieri di aver preso un’attrice latino-americana per il ruolo di Biancaneve ma hanno lasciato che il film raccontasse ancora una volta la storia di Biancaneve e dei sette nani. Un momento, fermi tutti, guardate cosa state facendo. Per me non ha alcun senso. Siete progressisti da una parte ma poi continuate con quella backstory del c… sui sette nani che vivono insieme in una caverna? Ma che c… state facendo? Significa forse che la mia battaglia non è servita a niente? Forse non mi sono fatto sentire abbastanza. Non so quale studio ci sia dietro, ma come sono orgogliosi! Tutto il mio affetto e il mio rispetto per l'attrice e per tutte le persone che hanno pensato di aver fatto la cosa giusta, ma cosa state facendo?

                Peraltro si sbaglia grossolanamente quando afferma che i sette nani vivono in una caverna, segno che probabilmente non ha mai guardato il cartone. Perché essi sono tra i personaggi meglio tratteggiati dalla Disney:  sono onesti lavoratori, hanno una bella e grande casa, sono pure abbastanza ricchi e ognuno ha una diversa personalità.

                Aggiungo che se il film originale ha avuto un grande successo è anche merito dei sette nani che divennero subito dei personaggi iconici (basti pensare che quando Walt Disney vinse l'oscar onorario per Biancaneve ricevette anche sette mini statuine dell'Oscar ad omaggiare i coprotagonisti del film). E, dopo Topolino, è stato il film di Biancaneve l'artefice della potenza che è diventata oggi la Disney. Se Biancaneve e i sette nani fosse stato un flop la Disney sarebbe fallita e oggi il mondo sarebbe diverso.
                Quindi è una vergogna vedere oggi la Disney sempre pronta a rinnegare il suo passato pur di evitare qualsiasi polemica, pure quelle più ridicole e che non hanno senso.

                Del resto la Disney propone oggi sulla sua piattaforma una serie dedicata al film Willow, dove il protagonista è proprio un nano (e non so se ce ne siano altri).
                Vuoi vedere che fra poco non potremo neanche più parlare di Tolkien? O censureranno i film di Jackson?
                Nel film di Willow (anni 80') ci sono molti nani tra i personaggi e furono interpretati tutti da attori affetti da nanismo. Invece non ho ancora avuto modo di vedere la nuova serie (dove il protagonista è sempre lo stesso attore Warwick Davies che negli ultimi 20 anni è diventato famosissimo grazie alla saga di Harry Potter).

                  Re:Biancaneve e i sette nani- Disney Special Events 34
                  Risposta #37: Venerdì 23 Dic 2022, 15:13:06
                  Bellissimo il volume di Biancaneve, ottimi i redazionali. Peccato solo per la mancanza di alcune storie fondamentali, come verde fiamma, cristallo di re Arbor ecc che si potevano aggiungere togliendo l'ultima storia, molto meno interessante.

                  Spero in un secondo volume che colmi questo gap!

                  Voi che ne pensate?


                    Re:Biancaneve e i sette nani- Disney Special Events 34
                    Risposta #38: Venerdì 23 Dic 2022, 15:31:11
                    Peraltro si sbaglia grossolanamente quando afferma che i sette nani vivono in una caverna, segno che probabilmente non ha mai guardato il cartone. Perché essi sono tra i personaggi meglio tratteggiati dalla Disney:  sono onesti lavoratori, hanno una bella e grande casa, sono pure abbastanza ricchi e ognuno ha una diversa personalità.
                    ...
                    Quindi è una vergogna vedere oggi la Disney sempre pronta a rinnegare il suo passato pur di evitare qualsiasi polemica, pure quelle più ridicole e che non hanno senso.
                    Infatti, concordo su tutto.
                    Nel film di Willow (anni 80') ci sono molti nani tra i personaggi e furono interpretati tutti da attori affetti da nanismo. Invece non ho ancora avuto modo di vedere la nuova serie (dove il protagonista è sempre lo stesso attore Warwick Davies che negli ultimi 20 anni è diventato famosissimo grazie alla saga di Harry Potter).
                    In realtà anch'io parlavo della nuova serie, mentre il film l'ho visto svariate forse quand'ero ragazzino (anzi, non perdevo i passaggi in tv, solitamente nel periodo natalizio, se non sbaglio).


                      Re:Biancaneve e i sette nani- Disney Special Events 34
                      Risposta #39: Sabato 24 Dic 2022, 09:50:35
                      Bellissimo il volume di Biancaneve, ottimi i redazionali. Peccato solo per la mancanza di alcune storie fondamentali, come verde fiamma, cristallo di re Arbor ecc che si potevano aggiungere togliendo l'ultima storia, molto meno interessante.

                      Spero in un secondo volume che colmi questo gap!

                      Voi che ne pensate?

                      Infatti io da non conoscitrice delle storie di Biancaneve pensavo ci fossero tutte, sarebbe stato meglio. Non penso ce ne sarà un altro, sembra un volume unico per l’anniversario.

                        Disney Special Events 34 - Biancaneve e i Sette Nani
                        Risposta #40: Sabato 31 Dic 2022, 13:18:59
                        Recensione Disney Special Events 34 - Biancaneve e i Sette Nani


                        A 85 anni dalla proiezione del primo lungometraggio della storia del cinema dell’animazione, Panini Comics pubblica uno speciale dedicato a Biancaneve e i Sette Nani dall’omonimo titolo. Il volume, che alterna storie a fumetti con protagonisti i personaggi del film ad articoli di approfondimento di Davide Del Gusto, si presenta, fin dalla copertina di Andrea Greppi con i colori di Maria Claudia Di Genova, ben curato. Il formato e l’impaginazione ricordano quelli dei Grandi Classici Disney, sebbene il monotematismo dell’opera ci conduca in un ambito ben diverso: quello di uno studio filologico e appassionato all’interno di un argomento che finora, in Italia, era stato principalmente curato solo nella sua forma animata. Insomma, il volume che ho per le mani e che mi appresto a recensire è sicuramente un’operazione coraggiosa, meritevole di plauso, sebbene non esente da alcune problematiche imputabili più alla sfera del contenuto che alla cura generale dell’opera.

                         Partendo dall’indice è subito chiaro il taglio che viene dato al volume: a differenza di altre testate Disney che si occupano di materiale del passato, le storie presenti nella testata in questione seguono un percorso cronologico, che parte dal 1939 e termina nel 1988. Leggendo gli articoli di approfondimento si intuisce che la costruzione del volume ha a cuore soprattutto un’encomiabile ricerca di taglio progressivo, che coinvolge tanto le storie in sé quanto il contesto sociale nella quale esse furono scritte e pubblicate. Partendo dal lungometraggio animato del 1937 e terminando con accenni alle storie di Biancaneve prodotte per il mercato estero tra il 2011 e il 2022, il volume si presenta quindi quasi come un’enciclopedica fonte di informazioni per gli appassionati delle vicende di Biancaneve nel mondo del fumetto.

                         
                        Cucciolo, l’anima nera

                        La prima storia qui pubblicata è Biancaneve e il mago Basilisco (Pedrocchi/Pagot, 1939), la cui ultima ristampa risale al 2007, nel n. 30 de Le Imperdibili, dove tuttavia risultava monca di alcune tavole. Si tratta dunque di un prezioso recupero, non solo perché rappresenta la prima apparizione del personaggio di Biancaneve nel mondo dei fumetti italiano, ma anche perché rende giustizia alla tradizione spesso poco approfondita del fumetto Disney nostrano precedente al formato libretto di Topolino, non senza però alcuni limiti puramente tecnici: la storia di Federico Pedrocchi risulta qui sacrificata in un formato che non le si confà. Una conseguenza inevitabile, se si pensa alla differenza nelle dimensioni della carta rispetto a Topolino Giornale. Purtuttavia, la storia di Pedrocchi rappresenta un impreziosimento del volume di non poco conto.

                         La lettura prosegue con due brevi americane, le uniche non italiane nel volume: Il compleanno di Cucciolo (?/Armstrong, 1950) e I sette nani e le monellerie di Pinocchio (?/Bradbury, 1952). Non particolarmente rilevanti da un punto di vista qualitativo, lo sono però in ambito di storia del fumetto, in quanto rappresentano la prosecuzione della tradizione fumettistica di Biancaneve fin negli anni ’50, e permettono di comprendere dunque le sue successive incarnazioni nel mercato italiano, che sono le due storie in questione nel volume: prima I sette nani e la fata incatenata (Martina/Scarpa/Gatto, 1959), storia particolarmente fantasiosa, in linea con un decennio fumettisticamente florido, con atmosfere piuttosto cupe e una prova ad ostacoli avvincente; poi I sette nani e l’anello di betulla (Scarpa/Cimino, 1960), in cui, nella speranza di rivitalizzare ulteriormente una tradizione fumettistica ormai già consolidata, fa la sua prima apparizione un presunto ottavo nano, Zenzero, che aveva abitato in tempi remoti con i sette più conosciuti. La storia in questione, pur presentando uno schema non troppo dissimile da quella che la precede, risulta meno cupa e più in linea con una sensibilità già evidentemente mutata in seno ai lettori di Topolino.

                         
                        Il tragico destino di Mammolo[/size][/i]

                         Chiude il volume Topolino e l’incredibile naniversario (Michelini/Gatto, 1988), storia in cui fa la sua ultima apparizione il personaggio di Pacuvio, questa volta alle prese con una riscrittura del lungometraggio animato ordita dalla perfida strega Grimilde.

                         In ultima analisi, sento di consigliare questo volume ad ogni appassionato di materiale Disney, in quanto fondamentale contributo ad un tema, quello della trasposizione filmica nel mezzo fumettistico, fin troppo ignorata, nonostante questo sia alle origini del fumetto disneyano in toto.



                        Voto del recensore: 4.5/5
                        Per accedere alla pagina originale della recensione e mettere il tuo voto:
                        https://www.papersera.net/wp/2022/12/31/disney-special-events-34-biancaneve-e-i-sette-nani/

                        *

                        Piccola Pker
                        Diabolico Vendicatore
                        PolliceSu   (1)

                        • ****
                        • Post: 1442
                        • Fantasia portami via!
                          • Offline
                          • Mostra profilo
                        PolliceSu   (1)
                          Re:Biancaneve e i sette nani- Disney Special Events 34
                          Risposta #41: Domenica 12 Feb 2023, 12:47:57
                          Un altro dei pochissimi volumi che ho preso in questo periodo (ragazzi, Panini, però, mi state complicando la vita, per dirvi i pareri dei tipo 2 volumi letti negli ultimi due anni sto faticando a trovarli fra le mille mila testate e sezioni del sito, argh!), concordo in generale con il commento. Prima volta per me per leggere il mago Basilisco, di cui avevo sempre sentito parlare, e non mi ha affatto deluso. Mi era salita la curiosità a mille quando intervistando Teresa Radice mi parlò di questi diamanti sugli occhi come una delle scene che più le rimasero impresse da bambina e finalmente ho potuto soddisfarla.
                          Immancabile la ristampa della mia storia del cuore di Biancaneve, la fata incatenata, di cui avevo già parlato. Sarà strana, ma è genuinamente spaventosa, come le fiabe da cui prende spunto. Mi rimarrà sempre il monito di non avvicinarmi troppo a un campo di papaveri.
                          Avevo letto anche l'anello di Betulla, per la stessa ragione, strano il concetto di "ottavo nano", che sembra più adatto a una parodia che a una storia seria come questa, ma adoro lo svolgimento e l'escalation del comportamento dei nani.
                          Le altre storie le ho apprezzate più per la completezza storica che per l'effettivo contenuto (senza offesa per l'utente omonimo, le storie con Pacuvio non sempre le apprezzo, questa in particolare mi sembrava meno godibile del solito). Speravo ammetto anche nell'inclusione di Verde Fiamma, ma sono ugualmente contenta.

                           

                          Dati personali, cookies e GDPR

                          Questo sito per poter funzionare correttamente utilizza dati classificati come "personali" insieme ai cosiddetti cookie tecnici.
                          In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni.
                          Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai trovare il dettaglio di quanto riassunto in queste righe.

                          Per continuare con la navigazione sul sito è necessario accettare cliccando qui, altrimenti... amici come prima! :-)