Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
3 | |
4 | |
5 | |
4 | |
3 | |
3 | |
4 | |
3 | |
2 | |
4 | |
3 | |
4 | |

THE SPIRIT OF 43

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

alec
Dittatore di Saturno

  • *****
  • Post: 3883
  • Novellino
    • Offline
    • Mostra profilo

    THE SPIRIT OF 43
    Mercoledì 4 Feb 2009, 20:32:32
    In questo contestato cartoon l'anima nera di Paperino veste con strani abiti abbondanti, simili a quelli indossati dal lupo di Tex Avery: mi hanno detto che si chiama stile "zootie", e che è legato ai musicisti jazz dell'epoca.  E'vero?

    *

    Andrea87
    Uomo Nuvola

    • ******
    • Post: 6566
    • Il terrore di Malachia!
      • Offline
      • Mostra profilo

      Re: THE SPIRIT OF 43
      Risposta #1: Giovedì 5 Feb 2009, 06:45:14
      In questo contestato cartoon l'anima nera di Paperino veste con strani abiti abbondanti, simili a quelli indossati dal lupo di Tex Avery: mi hanno detto che si chiama stile "zootie", e che è legato ai musicisti jazz dell'epoca.  E'vero?
      a quanto pare si  :D
      Nel tempo dell'inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario (G. Orwell)

      *

      Cornelius Coot
      Imperatore della Calidornia

      • ******
      • Post: 11007
      • Mais dire Mais
        • Offline
        • Mostra profilo

        Re:THE SPIRIT OF 43
        Risposta #2: Domenica 14 Giu 2020, 13:28:31
        Come ricordato in una pagina fb dei Ventenni, riguardo questo breve cartone di guerra, come non retrodatare la prima apparizione di Zio Paperone di 4 anni, dal 1947 (nei fumetti) al 1943 (nell'animazione)? Se la prima apparizione di Pippo viene collegata a quel vecchio canide del '32 (con pizzetto e occhiali) non vedo perchè non si possa dire la stessa cosa (e a maggior ragione) per lo zione: bastone, basette, occhialini pince nez e accento scozzese incluso (che oggi sentiamo nelle DuckTales). Si dirà che rappresenta solo una parte della coscienza di Paperino ma in genere le coscienze (angeli e diavoli, di solito) hanno lo stesso aspetto del protagonista.

        In questo caso abbiamo due coscienze molto 'indipendenti' (sia fisicamente che caratterialmente) dal soggetto centrale, al punto che si può dire che diverranno suo cugino Gastone (per quanto meno evidente, comunque un dandy più alto, col becco più lungo e le spalle più larghe come le prime apparizioni del fortunato, fra l'altro con una svastica che sembra un papillon a quadrifoglio) e suo zio Paperone, solo pochi anni dopo. E ciò non dovrebbe rischiare di tradire l'origine barksiana dei due paperi, dal momento che Barks dovrebbe aver preso parte (più nella grafica che nei testi, visto che non amava molto il coivolgimento bellico dell'animazione Disney) a questo breve cartone, prima di lasciare il reparto animazione. Portando con se queste due 'coscienze' per poi farle diventare autentiche star del panorama disneyano.

        Un terzo personaggio, se vogliamo, potrebbe aver preso forma da questo Spirit of '43: se osserviamo il bastone ondulato e il basco non possiamo non pensare a Cuordipietra Famedoro, sebbene le sue origini scozzesi siano state recentemente sostituite da quelle boere del Sudafrica dove è sempre stato posizionato, fin dalla prima storia di Barks. Curioso pensare come questo breve cartoon anti-hitleriano (ad un certo punto sul becco della coscienza spendacciona di Paperino compaiono gli inequivocabili baffetti) fatto in pieno periodo bellico (l'America era entrata in guerra alla fine del '41) abbia potuto dare origine, diretta o indiretta, a parte di quella che sarà la Paperopoli a venire.

        https://www.youtube.com/watch?v=XNMrMFuk-bo




        « Ultima modifica: Martedì 23 Giu 2020, 22:10:53 da Cornelius Coot »

        *

        clinton coot
        Pifferosauro Uranifago

        • ***
        • Post: 448
        • Novellino
          • Offline
          • Mostra profilo

          Re:THE SPIRIT OF 43
          Risposta #3: Venerdì 19 Giu 2020, 23:58:41
          Barks dovrebbe aver preso parte (più nella grafica che nei testi, visto che non amava molto il coivolgimento bellico dell'animazione Disney) a questo breve cartone, prima di lasciare il reparto animazione.
          C'è una fonte per questo fatto? Il cortometraggio non compare nell'elenco, presente nell'ultimo volume della "grande dinastia dei paperi", dei cartoni a cui Barks ha lavorato.

          *

          Cornelius Coot
          Imperatore della Calidornia

          • ******
          • Post: 11007
          • Mais dire Mais
            • Offline
            • Mostra profilo

            Re:THE SPIRIT OF 43
            Risposta #4: Sabato 20 Giu 2020, 00:28:44
            Era una mia supposizione, considerando le affinità estetiche e caratteriali dei due personaggi del breve cartone con quelli poi creati da Barks. Certo, se Spirit of '43 non compare nell'elenco dei cartoni in cui Barks ha collaborato, potremmo dedurre che, non tanto Gastone ma soprattutto Zio Paperone, il personaggio più importante dell'autore ed uno dei più importanti non solo dell'universo disneyano ma del fumetto in generale, non sia una sua creazione molto 'originale', sia nel nome che nelle caratteristiche caratteriali e sociali (Scrooge, preso dal Canto di Natale di Dickens dove c'era il personaggio di Ebenezer Scrooge, avaro finanziere) oltre che nella figura estetica, visto il filmato del cartone.

            Che poi Scrooge McDuck si sia velocemente 'liberato' di queste varie 'eredità', diventando un personaggio talmente particolare e popolare da surclassare (se non mettere in ombra o addirittra far dimenticare) non tanto la coscienza parsimoniosa di Paperino in Spirit of '43 (che in fondo è solo un corto animato a fini propagandistici e bellici) quanto il personaggio dickensiano, questo lo dobbiamo sicuramente alla genialità e alla fantasia del "più grande narratore del '900", Carl Barks.
                                                 
                                                 
                                                 
            « Ultima modifica: Martedì 23 Giu 2020, 22:08:50 da Cornelius Coot »

            *

            Volkabug
            Diabolico Vendicatore

            • ****
            • Post: 1706
            • ex Paperinik il Templare
              • Offline
              • Mostra profilo

              Re:THE SPIRIT OF 43
              Risposta #5: Domenica 5 Lug 2020, 12:53:00
              Dopotutto per ideare una "coscienza buona" risparmiatrice e dall'aspetto scozzese, era logico all'epoca disegnare un paio di basettoni, degli occhialetti dallo stile arcaico, bastone e cappello dall'aspetto europeo... quindi se da un lato persino nel cappello Barks sembra ricalcare il papero di questo corto, è altrettanto ipotizzabile che possa aver avuto tantissime altre fonti d'epoca in cui, che fossero paperi o umani, questa era la rappresentazione dello stereotipo dello scozzese tirchio. Più originale da questo punto di vista la sua versione di Gastone, che infatti è più spesso collegata al borioso papero comparso nel cortometraggio Chicken Little più che a questo.
              E paperibus unus

               

              Dati personali, cookies e GDPR

              Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

              Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

              Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.