Logo PaperseraPapersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato

I Diari di Paperone

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

paolobar
Visir di Papatoa
PolliceSu   (5)

  • *****
  • Post: 2764
    • Offline
    • Mostra profilo
PolliceSu   (5)
    I Diari di Paperone
    Giovedì 5 Ott 2023, 23:24:11
    I Diari di Paperone - Storie scritte e disegnate da Kari Korhonen
    edizione limitata per collezionisti - volume non vendibile separatamente dallo Scrigno di Zio Paperone

    *

    Cornelius
    Imperatore della Calidornia
    PolliceSu   (1)

    • ******
    • Post: 12748
    • Mais dire Mais
      • Offline
      • Mostra profilo
    PolliceSu   (1)
      Re:I Diari di Paperone
      Risposta #1: Venerdì 6 Ott 2023, 20:00:19
      Gli ultimi due capitoli dei Diari di Paperone sono inediti, pubblicati per la prima volta in Italia proprio in questo volumetto cartonato all'interno dello Scrigno. Tutti i precedenti Diari qui riuniti (del Klondike, di Paperopoli, di Paperone stesso) sono stati pubblicati nell'Almanacco Topolino e dunque penso che anche gli ultimi due capitoli, dopo questo esordio 'particolare', troveranno spazio in quell'albo. Magari non subito ma fra un po' (anche perché sono motivo di acquisto del contenitore in legno, al di là della moneta Numero Uno e della litografia allegate).

      Queste storie di Karl Khoronen sono in parte collegate alla Saga di Don Rosa, seguendo cronologicamente gli eventi di quella serie e inserendo in qualche 'buco' temporale lasciato dall'autore americano nuovi avvenimenti sia nel Klondike del periodo della Corsa all'Oro che in diversi paesi, alcuni dei quali mai toccati prima e antecedenti la famosa Corsa (collocati dunque alla fine del'800, con un Paperone ancora giovanissimo). Le sfide metropolitane con nuovi avversari in una Paperopoli in piena espansione sono invece di inizio '900.
                                                                                                       
                                                                                               Una Duckburg 'maltrattata'

      Proprio riguardo questo periodo alcuni interrogativi che avevo fin dai tempi della Saga sono tornati con il primo episodio dei Diari di Paperopoli. Che all'arrivo di Paperone in Calisota nel 1902 per vedere il terreno acquistato precedentemente da Clinton Coot (dove farà erigere il suo Deposito) ci siano ancora poche abitazioni, tanto da fargli dire "Ecco Paperopoli! Quattro case in croce! Bah!", mi è sempre sembrato molto strano. Quasi una critica a Cornelius Coot che avrebbe fatto poco o nulla per la sua città a più di 80 anni dalla fondazione. Considero questa visualizzazione fatta da Don Rosa stranamente 'anti storica' per un autore preciso come lui.

      In genere le città della West Coast hanno avuto due grandi periodi di espansione corrispondenti a due Corse all'Oro:
      quella in California del 1848 e quella nel Klondike mezzo secolo dopo. Dunque Paperopoli agli inizi del '900 (a più di 80 anni dalla sua fondazione) doveva già essere una città piuttosto sviluppata invece che un piccolo borgo, come si vede in uno degli ultimi capitoli della Saga donrosiana (prima foto allegata). Che poi Khoronen faccia esplodere questa espansione nell'arco di un solo anno (dal 1902 al 1903, quando nel primo capitolo dei Diari di Paperopoli lo zione torna in città) mi pare ancora più strano, come pare anche a Paperone (seconda foto allegata)
      _____________________________________________________________________________________

      Nella Saga Paperone arriva in Calisota nel 1902, rade al suolo quel che resta del Forte Paperopoli (occupato dalle GM dell'epoca) per costruirvi subito il Deposito per contenere il denaro e le ricchezze guadagnate fino a quel momento (la maggior parte delle quali provenienti dal Klondike da poco lasciato). Poi, non pago di vedere un Money Bin tanto grande quanto 'quasi vuoto', inizia una serie di viaggi intorno al mondo fino a quando non decide di tornare a Paperopoli dove, nel frattempo, le sorelle Ortensia e Matilda, Quackmore e Miss Paperett (senior) hanno fatto da custodi e da ragionieri su un capitale monetario sempre in aumento.

      Capitale che avrebbe contribuito a far arricchire e ingrandire anche la città (quando Paperone torna nel 1930 ci sono diverse industrie e fabbriche con il suo nome) e questo proverebbe un collegamento anche 'a distanza' (magari con qualche puntata sporadica in loco) fra il papero viaggiatore e i suoi parenti e le autorità cittadine nel corso di quel quarto di secolo in cui Paperopoli si sarebbe espansa in maniera tanto inesorabile quanto veloce, sempre in relazione a quel periodo trascorso.
      _____________________________________________________________________________________

      Invece Khoronen fa 'esplodere' la città in un solo anno (1902-1903) e questa cosa, come la precedente, non mi torna.  Anche perché se per Don Rosa Paperone ha contribuito notevolmente alla trasformazione radicale di quel borgo, per l'autore finlandese Paperopoli diventa una metropoli grazie ad altri magnati, senza che lo zione abbia contribuito alla sua repentina trasformazione, contribuendo alla sua successiva evoluzione dopo, quando 'il grosso' era stato già fatto.

      Mi chiedo perché Don Rosa  abbia visualizzato Paperopoli come un borgo di quattro case quando già doveva essere una città più grande (dopo quasi un secolo di vita e per tutte le conseguenze di ben due corse all'oro) e perché Karl Khoronen l'abbia fatta sviluppare enormemente in solo anno, quando il Don, al di là di un 'errore temporale iniziale', l'ha poi fatta ingrandire in un quarto di secolo. Mi chiedo come due grandi autori 'storici', molto attenti all'evolversi temporale e sociale dei luoghi che descrivono, abbiano potuto commettere questi errori.

      Foto  1 - Paperopoli 1902  (Saga)       :-0
      Foto 2 - Paperopoli 1903  (Diari)      :shocked:
      « Ultima modifica: Venerdì 6 Ott 2023, 22:56:14 da Cornelius Coot »

      *

      Tenebroga
      Pifferosauro Uranifago
      PolliceSu

      • ***
      • Post: 518
        • Offline
        • Mostra profilo
      PolliceSu
        Re:I Diari di Paperone
        Risposta #2: Venerdì 6 Ott 2023, 21:41:25
        Non conosco né le storie né l'autore ma vorrei sapere se a uno a cui piace Don Rosa come me potrebbe trovarle interessanti.

        *

        Karabandagore
        Sceriffo di Valmitraglia
        PolliceSu   (3)

        • ***
        • Post: 291
        • Esordiente
          • Offline
          • Mostra profilo
        PolliceSu   (3)
          Re:I Diari di Paperone
          Risposta #3: Sabato 7 Ott 2023, 09:52:31
          Non conosco né le storie né l'autore ma vorrei sapere se a uno a cui piace Don Rosa come me potrebbe trovarle interessanti.
          Personalmente i primi due cicli(Klondike journals e Duckburg journals) li ho scarsamente apprezzati, ritenendoli insipidi sul piano narrativo e grezzi su quello grafico, un mero inserirsi negli spazi bianchi lasciati da Don Rosa nella sua cronologia con storie pretenziose  di pura fan service, con alcuni collegamenti, apparizioni e innesti di continuità quantomeno implausibili. Questo vale soprattutto per il primo ciclo, mentre il successivo Duckburg journals, benché non esente da difetti, si segnala per l'introduzione di un personaggio interessante e dalle buone potenzialità narrative come Samuele Rockerduck.
          Il terzo ciclo, complice anche un aumentato numero di pagine, raggiunge e si attesta su dei buoni livelli, grazie a trame più complete e avvincenti e a un comparto grafico finalmente all'altezza nell'evocare i paesaggi delle terre visitate da un giovane Paperone.
          Tieni comunque presente che, aldilà di similitudini nella continuità interna delle loro storie e nell'uso del medesimo cast di personaggi, gli stili di Don Rosa e  Khoronen, sia narrativamente e graficamente, sono molto diversi tra loro.
          Oh! Date un posto al cimitero...Yùuuuuu! Al mio cuore di vaquero...Yùuu! Egli è morto e lascia sola, uèeeee! La sua casa, la cavalla e la pistola, uèeee!

          *

          clinton coot
          Pifferosauro Uranifago
          PolliceSu   (2)

          • ***
          • Post: 466
          • Novellino
            • Offline
            • Mostra profilo
          PolliceSu   (2)
            Re:I Diari di Paperone
            Risposta #4: Martedì 10 Ott 2023, 23:15:46
            Proprio riguardo questo periodo alcuni interrogativi che avevo fin dai tempi della Saga sono tornati con il primo episodio dei Diari di Paperopoli. Che all'arrivo di Paperone in Calisota nel 1902 per vedere il terreno acquistato precedentemente da Clinton Coot (dove farà erigere il suo Deposito) ci siano ancora poche abitazioni, tanto da fargli dire "Ecco Paperopoli! Quattro case in croce! Bah!", mi è sempre sembrato molto strano. Quasi una critica a Cornelius Coot che avrebbe fatto poco o nulla per la sua città a più di 80 anni dalla fondazione. Considero questa visualizzazione fatta da Don Rosa stranamente 'anti storica' per un autore preciso come lui.
            Attenzione però che a vendere a Paperone il terreno su cui sorge il Deposito non fu Clinton Coot ma suo figlio Casey Coot.

            Riguardo alla scelta di rappresentare in quel modo la Paperopoli del 1902, penso sia dipeso da fatto che nella storia di Barks "Zio Paperone e i guai del progresso" Paperone afferma che ha comprato il terreno in questione quando tutt'attorno, per un raggio di cinquanta miglia, esisteva solo un vecchio forte sulle rive del fiume Tulebug.

            *

            Cornelius
            Imperatore della Calidornia
            PolliceSu

            • ******
            • Post: 12748
            • Mais dire Mais
              • Offline
              • Mostra profilo
            PolliceSu
              Re:I Diari di Paperone
              Risposta #5: Mercoledì 11 Ott 2023, 13:55:35
              Sicuramente Don Rosa sarà stato fedele alla narrativa barksiana anche in questo caso. Però se in qualche rara e sporadica occasione l'ha 'tradita' (o non considerata), avrebbe potuto farlo anche in questa. Non so se Barks pensasse agli inizi del '900 per quella citazione paperoniana (il 1902 come anno dell'arrivo di Paperone e sorelle in Calisota potrebbe essere una iniziativa donrosiana collegata ad un Barks non così preciso).

              Se così fosse, posta la fondazione della città nel 1818 (altro dato riconducibile a Barks? Sicuramente anche a Don Rosa) e la successiva crescita dovuta al suo fondatore e alle due corse all'oro del '48 e del '96, anche il Maestro dell'Oregon avrebbe dovuto meglio considerare quel secolo ottocentesco in cui la città, per forza di avvenimenti oggettivi, sarebbe dovuta essere più di un vecchio forte e quattro case in croce.

              *

              clinton coot
              Pifferosauro Uranifago
              PolliceSu   (1)

              • ***
              • Post: 466
              • Novellino
                • Offline
                • Mostra profilo
              PolliceSu   (1)
                Re:I Diari di Paperone
                Risposta #6: Mercoledì 11 Ott 2023, 23:03:13
                Sicuramente Don Rosa sarà stato fedele alla narrativa barksiana anche in questo caso. Però se in qualche rara e sporadica occasione l'ha 'tradita' (o non considerata), avrebbe potuto farlo anche in questa. Non so se Barks pensasse agli inizi del '900 per quella citazione paperoniana (il 1902 come anno dell'arrivo di Paperone e sorelle in Calisota potrebbe essere una iniziativa donrosiana collegata ad un Barks non così preciso).
                Nella storia che ho citato ieri Paperone afferma che il suo Deposito è a Paperopoli da settant'anni, affermazione che se interpretata alla lettera sarebbe problematica: ipotizzando per semplicità che la storia fosse ambientata nel 1956, anno di pubblicazione, e andando indietro di settant'anni si arriverebbe al 1886, anno in cui Paperone non era nemmeno diventato ricco. Don Rosa ha quindi scelto di interpretare quel "settant'anni" come un'iperbole per indicare un evento di molti decenni prima, e ha scelto il 1902 come anno di arrivo a Paperopoli in quanto prima data utile dopo la corsa all'oro del Klondike.

                posta la fondazione della città nel 1818 (altro dato riconducibile a Barks? Sicuramente anche a Don Rosa)
                Il riferimento al 1818 nasce nella storia di Don Rosa "Sua Maestà De' Paperoni" (1989):

                 

                Dati personali, cookies e GDPR

                Questo sito per poter funzionare correttamente utilizza dati classificati come "personali" insieme ai cosiddetti cookie tecnici.
                In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni.
                Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai trovare il dettaglio di quanto riassunto in queste righe.

                Per continuare con la navigazione sul sito è necessario accettare cliccando qui, altrimenti... amici come prima! :-)