Logo PaperseraPapersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Topolino 3555

Leggi la recensione
di Alberto Biscazzo

Voto del recensore:
Voto medio: (46)
Esegui il login per votare

Autenticati per poter votare le storie del Topolino!
Il corsaro
Pippo e l'incomprensibile insonnia
Orazio e Curiazio in Metodi di contenimento
Le GM e la pietra di paragone - Seconda parte

Topolino 3555

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Samu
Visir di Papatoa
PolliceSu   (1)

  • *****
  • Post: 2622
  • Amante del Bel Fumetto.
    • Offline
    • Mostra profilo
PolliceSu   (1)
    Topolino 3555
    Mercoledì 10 Gen 2024, 15:31:12
    Sommario

    Il Corsaro
    (Primo e secondo tempo)
    Soggetto e sceneggiatura di Vito Stabile
    Disegni, chine e supervisione colore di Mario Ferracina
    Colori di Emanuele Virzì

    Pippo e l'incomprensibile insonnia
    Soggetto e sceneggiatura di Rudy Salvagnini
    Disegni e chine di Ottavio Panaro
    Colori di Ilaria Castagna

    Orazio e Curiazio in: Metodi di contenimento
    Soggetto e sceneggiatura di Francesco Vacca
    Disegni e chine di Lucio Leoni
    Colori di Martina Andonova

    Le Giovani Marmotte e la pietra di paragone (Secondo episodio)
    Soggetto e sceneggiatura di Bruno Enna
    Disegni e chine di Alessandro Perina
    Colori di Diana Laudando

    Copertina (disegno di Andrea Freccero, colori di Andrea Cagol):
    « Ultima modifica: Mercoledì 10 Gen 2024, 15:33:00 da Samu »

    *

    scheggiaagm
    Papero del Mistero
    PolliceSu

    • **
    • Post: 230
    • Esordiente
      • Offline
      • Mostra profilo
    PolliceSu
      Re:Topolino 3555
      Risposta #1: Mercoledì 10 Gen 2024, 15:53:14
      copertina a vista molto bella
      Quantità Topolino n.3289 in soffitta più 68 Variant
      Mercatino: Mercatino Papersera
      Ebay: Mercatino Ebay (sconto per Utenti Papersera)

      *

      Samu
      Visir di Papatoa
      PolliceSu

      • *****
      • Post: 2622
      • Amante del Bel Fumetto.
        • Offline
        • Mostra profilo
      PolliceSu
        Re:Topolino 3555
        Risposta #2: Mercoledì 10 Gen 2024, 21:06:59
        Il numero si apre con una bella storia ambientata nel Cinquecento che vede come protagonista il giovane Malcolm McDuck, uno degli storici antenati della folta schiera di avi dello Zio Paperone e futuro luogotenente al servizio della marina inglese, ai comandi della regina Elisabetta I.
        Nell'episodio de Il Corsaro, il bravo Vito Stabile ci ripresenta il personaggio dai natali barksiani al tempo della sua giovinezza, vissuta tra il servizio alla locanda di famiglia cui adempie in maniera forzata e il desiderio intenso di assaporare una esistenza che possa essere per lui diversa, fuori dall'ambiente a lui conosciuto e che sappia rivelarsi appagante contribuendo in modo significativo ad arricchire la sua formazione di giovane alla ''scoperta del mondo".
        Il profilo dell'aspirante corsaro che ne emerge delinea i tratti di un sognatore, capace di cogliere la meraviglia della natura che gli sta attorno e puro nell'anima, seppure a seguito di questa avventura nella quale finalmente si ritrova a solcare i mari tanto agognati imparerà a uscire fuori quel carattere che contraddistingue la crescita di una persona, di chi cerca la sua affermazione e il proprio posto nel mondo.
        Oltre al somigliantissimo antenato dello Zione, vengono introdotti svariati nuovi personaggi atti a creare una nuova dimensione nella quale Malcolm può cominciare a prendere una certa confidenza con la vita da avventuriero che fino a poco tempo prima conosceva solo dalla lettura dei suoi amati romanzi.
        Bella storia, intrigante ed immersiva anche grazie alle matite di un Mario Ferracina in gran spolvero e che propone delle visualizzazioni grafiche sfaccettate e davvero piacevoli da osservare, le quali contribuiscono a calare anche visivamente il lettore nelle atmosfere della storia narrate con mestiere da Vito.

        Molto simpatiche le successive due storie di ambientazione topolinese, che vedono ambedue la presenza di Topolino, Pippo e Orazio con l'aggiunta (nella storia di Vacca/Leoni) dei personaggi di Clarabella e del cugino Curiazio.
        Quest'ultimo appare sulle pagine del libretto per la seconda volta a stretto giro dal suo esordio lanciato dalla medesima coppia di autori due settimane addietro e, pur nell'unica peculiarità che finora lo contraddistingue (quella di provocare danni con una naturalezza disarmante), riesce a rendere questa sua nuova incursione sul settimanale godibile e graziosa.
        Molto simpatico il coinvolgimento di Topolino e Pippo nelle disastrose movenze di Curiazio, fino a giungere ad un finale che ho apprezzato per come Mickey abbia travisato il significato di ciò che si cela dietro ai numerosi atti vandalici perpetrati a suo danno.
        I disegni briosi e intrisi di ragguardevole vividezza di Lucio Leoni sostengono in maniera azzeccata l'andatura dinamica della storia e dei personaggi che in essa si muovono, proponendo inoltre una costruzione della tavola fluida e squisitamente vivace.

        L'ultima storia è quella che mi ha lasciato meno soddisfatto, pur migliorando il mio grado di attenzione per il suo svolgimento rispetto al debutto della saga avvenuto lo scorso numero.
        Posso dire che fino al punto di svolta che avviene proprio in dirittura d'arrivo dell'episodio ho provato un discreto coinvolgimento per le dinamiche dell'avventura delle GM e Tycoon ma il colpo di scena finale più che intrigarmi per i futuri sviluppi della vicenda mi ha fatto storcere il naso per quanto l'escamotage presentato non rientra negli sviluppi narrativi che credo mi possano interessare.
        Resta una storia in divenire, che ha ancora due episodi da raccontare prima della sua conclusione ma al momento non mi posso dire soddisfatto di quel che la saga mi ha offerto finora.
        « Ultima modifica: Mercoledì 10 Gen 2024, 21:11:48 da Samu »

        *

        il Tommi
        Pifferosauro Uranifago
        PolliceSu

        • ***
        • Post: 429
          • Offline
          • Mostra profilo
        PolliceSu
          Re:Topolino 3555
          Risposta #3: Giovedì 11 Gen 2024, 09:35:59
          La storia "portante" del numero, oltre a essere disegnata divinamente, si fa notare perché riprende un avo di Paperone rendendolo protagonista assoluto, il che è inusuale e gustoso perché, in un periodo in cui il passato dello Zione è analizzato anche troppo, si preferisce premere il tasto rewind. Ovviamente lo stesso PdP sarebbe stato un ottimo soggetto per questa storia, ma oggi conosciamo un 'nuovo' personaggio e Stabile, nel suo descriverlo pecora nera di famiglia, fa centro perché siamo davanti a un paperotto che, cercando il suo posto nel mondo, è il personaggio principale di un appassionante romanzo di formazione che spero possa avere altri appuntamenti.
          Spoiler: mostra
          La rivelazione finale potrà colpire chi più e chi meno, leggendo la storia tutto d'un fiato mi è garbata molto ma, a mente fredda, per un attimo ho avuto l'impressione che i collegamenti tra de' Paperoni e Famedoro comincino a essere troppi, non so se servisse crearne uno anche nel passato, però nel racconto funziona a meraviglia e... va benissimo così.

          *

          Dippy Dawg
          Dittatore di Saturno
          PolliceSu

          • *****
          • Post: 3676
            • Offline
            • Mostra profilo
          PolliceSu
            Re:Topolino 3555
            Risposta #4: Giovedì 11 Gen 2024, 09:50:58
            Spoiler: mostra
            La rivelazione finale potrà colpire chi più e chi meno, leggendo la storia tutto d'un fiato mi è garbata molto ma, a mente fredda, per un attimo ho avuto l'impressione che i collegamenti tra de' Paperoni e Famedoro comincino a essere troppi, non so se servisse crearne uno anche nel passato, però nel racconto funziona a meraviglia e... va benissimo così.
            Spoiler: mostra
            Avevo intuito chi fosse appena l'ho visto!
            Sì, effettivamente la prima impressione che mi ha fatto è stata "Oh no, ancora!"... però, dopotutto, nelle storie in costume, e anche nella Storia & Gloria, abbiamo visto sosia e antenati di Rockerduck e Bassotti come se niente fosse, quindi in fondo non è poi così strano! Forse siamo noi che non siamo abituati a Famedoro, e vederlo così spesso ci sembra sbagliato...


            Comunque, mi è piaciuto molto...
            Spoiler: mostra
            ... che Malcolm sia considerato la pecora nera della famiglia perché non è interessato ai soldi! E' una bella idea! :D
            Io son nomato Pippo e son poeta
            Or per l'Inferno ce ne andremo a spasso
            Verso un'oscura e dolorosa meta

            *

            Filo Sganga
            Ombronauta
            PolliceSu

            • ****
            • Post: 758
            • Esordiente
              • Offline
              • Mostra profilo
            PolliceSu
              Re:Topolino 3555
              Risposta #5: Giovedì 11 Gen 2024, 10:54:34
              Ottima la storia di Vito Stabile. Mi ricorda molto l'incipit di Cornelius come liricità e mi piace il taglio che stanno dando a questo genere di storie dove c'è introspezione, personaggi ben scritti e qualcosa da dire. Ottimo il personaggio di Malcom nella complessità, nella ribellione e nell'ingenuità di un ragazzo che vuole scoprire di più e prima di tutto conoscere se stesso. Ottimo anche l'antagonista e alcuni dei comprimari. Non so se legge il forum, ma faccio davvero tanti complimenti a Vito, riconosco anche un evoluzione nella scrittura che decisamente sto apprezzando!

               
              Spoiler: mostra
               Che il personaggio di smith era Cuordipietra si capiva sin dall'inizio. Mi piace però tantissimo la sua caratterizzazione in questa storia.
              Viscido e manipolatore e disposto a tutto, quasi al limite della psicopatia. Caratterizzazione molto simile a quella che dette Don Rosa nella saga nei confronti di un ingenuo giovane Paperone. Cuoridipietra è quello, diverso da rockerduck e vito lo sa benissimo, non come altri autori che lo mettono come il prezzemolo ma non lo caratterizzano nel modo in cui è ;)
              « Ultima modifica: Giovedì 11 Gen 2024, 10:57:46 da Filo Sganga »

              *

              Paperdano
              Evroniano
              PolliceSu

              • **
              • Post: 85
              • Ridateci Jose Carioca nei fumetti
                • Offline
                • Mostra profilo
              PolliceSu
                Re:Topolino 3555
                Risposta #6: Giovedì 11 Gen 2024, 19:59:20
                La storia di Stabile stupenda, non c'è che dire, ma non sono riuscito a riconoscere l' antenato nella foto sotto quella del conte Braccio di Ferro...

                *

                Simone Cavazzuti
                Cugino di Alf
                PolliceSu   (1)

                • ****
                • Post: 1003
                • Eco del Mondo
                  • Offline
                  • Mostra profilo
                  • Eco del Mondo
                PolliceSu   (1)
                  Re:Topolino 3555
                  Risposta #7: Venerdì 12 Gen 2024, 00:06:39
                  La storia di Stabile stupenda, non c'è che dire, ma non sono riuscito a riconoscere l' antenato nella foto sotto quella del conte Braccio di Ferro...
                  Presumo che sia il Marchese Scarampola (Sir Stuft).

                  *

                  Ruhan
                  Evroniano
                  PolliceSu   (2)

                  • **
                  • Post: 109
                  • Eremita dell'Airone
                    • Offline
                    • Mostra profilo
                  PolliceSu   (2)
                    Re:Topolino 3555
                    Risposta #8: Venerdì 12 Gen 2024, 03:54:44
                    Al peggio non c'è mai fine!

                    Ma — per fortuna — la Redazione di Topolino ha preferito, questa settimana, non confermare questo detto.

                    Un numero (il 3555) che riesce ad essere meglio del precedente, anche se non brillante. Alle due storie posizionate ai suoi estremi, ne intervalla un paio senza pretese, dal tono puramente umoristico, ma che fanno il loro lavoro: essere delle gag organicamente costruite e non un blob di gag, come accaduto — lo scorso mercoledì — con la storia di Filo e Brigitta alle prese con i centravan... pardon... con i centrini della Tavola Rotonda.

                    "Il Corsaro"

                    Non una storia brillante.

                    Inizia benissimo. Non bene, ma proprio benissimo. I disegni e le chine di Ferracina e i colori di Virzì accompagnano, vignetta dopo vignetta (anche con vere e proprie splash page), la costruzione sapiente (bisogna riconoscerlo!) di un rapporto genitori/figlio burrascoso, fatto di aspettative non mantenute, di delusione genitoriale con cui fare i conti e senso di inadeguatezza da parte del discendente di una casata importante, ma — apparentemente — così dissonante rispetto alle sue inclinazioni.

                    Una dinamica ben costruita, anche perché le pretese dei genitori non appaiono assurde o stereotipate. Anzi. Sono assolutamente concrete. Condivisibili. Eppure, Stabile riesce a creare uno scambio di battute, scene e silenzi, in grado di catturare l'empatia del lettore. Si comprende il disagio del giovane Malcom. Si capisce come possa sentirsi, spaccato tra il voler essere un degno erede dei "de' Paperoni" e l'inseguire i suoi sogni.

                    L'autore riesce anche, senza citarla palesemente (cosa per la quale serve molta abilità!), a mostrare uno scontro tra la stagnazione del padre, fossilizzato sui risultati conseguiti dagli illustri antenati, e l'intrapendenza del figlio (non considerata tale dal genitore), il quale — proprio in questa voglia di rischiare — mostra la caratteristica principale che ha portato ai conseguimenti (anche finanziariamente concretissimi) sui quali il genitore si è seduto, quasi dimenticando che essi non sono piovuti dal cielo, ma sono stati, al contrario, generati da rischiose scommesse fatte dai 'de Paperoni del passato.
                    Insomma. L'apparentemente meno depaperonesco, in realtà, è colui il quale conserva maggiormente il reale nucleo caratteriale della propria casata, in modo fresco e vivo. Al contrario, il padre sembra aver perso il cuore del proprio cognome, sguazzando in una mortifera minestra riscaldata fatta di vecchie glorie, pronta ad esaurirsi come una pila ormai scarica.


                    Si diceva: inizia benissimo. E poi?
                    Sì, perché questa non è una storia scritta malissimo, intendiamoci. È semplicemente una storia che inizia in pompa magna, prosegue abbastanza bene con il primo evento che fa da motore per la trama (Malcom che viene accettato nell'equipaggio; cosa che accade con abbastanza naturalezza, senza forzature) e, poi, scorre — veloce veloce — verso la parola "fine", come su un nastro trasportatore. Si sente, ogni tanto, un "bip" — in sottofondo — che testimonia che tutto sta procedendo come deve, col minor sforzo possibile. Senza guai. E, in conclusione, ecco il prodotto finito e imballato.

                    Cerco di spiegarmi. L'inizio, come detto, va benissimo. Il proseguimento (tranne una forzatura di cui parleremo in seguito, per via del suo valore complessivo) va abbastanza bene: non è memorabile, ma fa il suo lavoro. Quando si trovano sulla nave, il ripensamento di Malcom è ottimo: credibile e in grado di donare umanità e normalità al Nostro.

                    Ma è il "dopo" il problema: c'è una città misteriosa da trovare? Bene. Trovata.. Nessun pericolo nel percorso. Poi?
                    Una popolazione ostile da convincere, dite? E che ci vuole? Fatto. Altro?
                    Ah. Un medaglione da trovare? Eccolo lì. In fondo, a sinistra. Chiudete la porta, quando avete concluso. Fate pure con calma eh...

                    Come dicevo: un nastro trasportatore.

                    Eppure ce n'era di carne sul fuoco! Possibili pericoli per mare; mostri marini; attacchi da parte di pirati; magari, nel tentativo di uscire dalla situazione (una ipotetica cattura della nave), Malcom poteva raccontare degli immensi tesori di Libertulla (forse, ispirata alla reale Repubblica di Nassau?) e attirarli — però — da tutt'altra parte, in una qualche trappola congegnata in itinere, prendendo tempo.
                    Spoiler: mostra
                    Oppure, si sarebbe potuto gestire in modo più burrascoso il rapporto con la popolazione locale, dato che risulta davvero poco credibile che il governo britannico invii una spedizione (stendiamo un velo di "sospensione d'incredulità" sui numeri dell'equipaggio...) retta da buonissime intenzioni, senza nessuna volontà predatoria.


                    Insomma. Erano molte le potenzialità narrative. Tutte annullate dal nastro trasportatore di una trama piatta. Ma perché così piatta?

                    Io ho una mia ipotesi. È solo un'ipotesi, sia chiaro o — se si preferisce — un sospetto. Questa storia sembra nata da un'idea iniziale ben precisa:
                    Spoiler: mostra
                    dare una fondazione, ancor più passata, al rapporto tra de' Paperoni e Famedoro. Sì. Ve ne siete accorti, vero? Un'altra volta Famedoro. Strano, eh? Non appare mai! Sì. Non proprio lui. Un parente. Ma siamo lì...
                    ... Ed è questa la forzatura che mezionavo qualche paragrafo più sopra:
                    Spoiler: mostra
                    Smith/Famedoro che entra nell'equipaggio, così, a caso. Sorpassando tutti gli altri candidati, i quali paiono — semplicemente — sparire nelle vignette successive. Perché? Perché deve entrare nella ciurma.
                    Fine.

                    E come mai deve entrare a tutti i costi?

                    Beh, non è un caso che l'unico guizzo di trama lo si abbia con lo scontro tra Malcom e Smith. Sembra quasi che l'idea iniziale fosse quella e, poi, le si sia costruita attorno una trama abbastanza non burrascosa da essere in grado di tenere tutti i riflettori sulla battaglia tra gli antenati delle due casate. Ovvio che, allora, risultava necessario far salire entrambi sulla stessa nave. A tutti i costi. Da qui, la forzatura.

                    Parliamo dell'incontro/scontro tra i due. Convince? Ebbene, come detto, la trama è piatta. Non è la trama il forte di questa storia che genera aspettative di mistero e se le gioca nel giro di una tavola. No. Il forte di questa storia sono i rapporti personali. Certo, non memorabile e stereotipato il Capitano (peccato, perché il suo essere un agente di uno degli imperi più criminali della storia avrebbe fornito molto materiale per uno sviluppo in tal senso). Dimenticabili gli altri personaggi: la Nami in versione papera, il Sanji/Balù (con tanto di citazione del Libro della Giungla) e il Timoniere.

                    Ma Joe Smith — che, tanto per rimanere in tema One Piece, cita Rufy, autoproclamandosi futuro Re dei Corsari — è costruito bene. Quasi quanto Malcom. O meglio: proprio attraverso il rapporto con quest'ultimo.

                    Sì. Perché ad essere buona è, soprattutto, la relazione tra i due personaggi. Non incredibile, eh! Ma buona. Relativamente realistica. È nella costruzione dei rapporti/scontri che Stabile dà il suo meglio, facendosi perdonare — in parte — la trama non eccezionale (per certi versi, noiosa).

                    Certo. Il rapporto tra i due non è sviluppato in modo perfetto. Si poteva fare meglio. E dico in che senso:

                    Spoiler: mostra
                    l'Autore ci mette addosso, fin da subito, il sospetto che Smith possa essere un poco di buono. Questo non va bene. E non va bene, perché non dà il tempo di affezionarsi e fidarsi di Smith, abbastanza da sentirsi traditi, in seguito. Sarebbe stato buono fornirci le prime avvisaglie, solo sulla nave, dopo la scena della tentata fuga di Malcom, magari con una vignetta o due raffiguranti uno Smith intento a guardarsi intorno, con circospezione; invece, ci viene suggerito fin da subito, con battute e frasi stereotipate del tipo "sembra uno di cui potersi fidare!", messa lì a mo' di occhiolino per bambini poco svegli, per imprimere l'idea contraria in chi legge. E questo rende impossibile, nel momento di massima intesa tra Joe e Malcom (da soli, sul ponte), credere che essa sia sincera e rimanerci male, successivamente.


                    Ma, per il resto, è un rapporto ben costruito. Nonostante il problema sopramenzionato, Smith appare come un personaggio carismatico, una canaglia affascinante [continua nello SPOILER]
                    Spoiler: mostra
                    e — sotto sotto — pure sapendo come andrà a finire, si spera che i due si alleino e rimangano amici. Quindi, Stabile è stato in grado di compensare una anticipazione prematura, con una dinamica niente male che porta il lettore a desiderare che Malcom passi al "lato oscuro" e che quel "lato", in fondo, non sia poi così oscuro come sembra.

                    La battaglia finale crea una discreta tensione; certo, attenuata dal fatto che già si sa che Malcom non potrà finire troppo male (essendo il protagonista ed essendo una storia Disney), ma questa cosa viene superata dal fatto che non si è sicuri che il Nostro avrà, immediatamente, la meglio. Potrebbero esserci delle complicazioni di trama.
                    Purtroppo, come anticipato, queste non arrivano. Il nastro trasportatore non s'inceppa nemmeno per un attimo e ci porta, indenni, verso la fine, senza ulteriori colpi di scena, se non un prevedibile atto di bontà da parte del de' Paperoni e la rivelazione — qui si ha il picco — del vero nome del carismatico farabutto: Cuordifiamma Famedoro. Ripeto. L'impressione è che questa sia stata l'idea iniziale e che il resto sia stato costruito dopo.

                    Bisogna dare atto all'Autore della sua buona abilità a non anticipare la cosa in alcun modo. Il fatto di non sapere chi sia (fino alla tavola finale), rende possibile chiedersi dove andrà a parare la questione. Si sa che è un poco di buono: ma che tipo di "poco di buono"? Con quali intenzioni? Ok. Di rubare il medaglione? Ma come? In che modo? Eccetera.



                    In sintesi: una storia che non convince del tutto, per via di una trama piatta, priva di particolari eventi "corsari" (come, invece, lasciava pregustare l'anteprima sul 3554 e l'ambientazione stessa), ma che compensa (in parte) con una buona costruzione dei rapporti tra i personaggi principali e con una eccellente introspezione del protagonista (alle prese con la sua dinastia e le aspettative paterne).

                    Nonostante ciò, una storia nella quale succede ben poco, cosa che la fa apparire più come un episodio introduttivo, piuttosto che una vera e propria avventura del depaperonesco antenato. Sembra quasi l'antipasto prima di un piatto forte (le vere e proprie avventure di Malcom) che non arriva. Arriverà? Probabilmente.



                    Fantastica la costruzione delle tavole: la presenza di splash page e buone trovate — da parte dello sceneggiatore —  per la sequenza delle scene, vengono valorizzate da disegni e colorazione magnifici. Unica pecca (ma è una questione di gusti): la gestione delle pupille in certe vignette.


                    Voto: 2/5, perchè la trama piatta e senza eventi e complicazioni mediane pesa troppo sulla riuscita complessiva, nonostante la buona caratterizzazione dei rapporti tra personaggi e le speranze che essi generano.



                    "Pippo e l'incomprensibile insonnia"

                    Storiella simpatica. Un intreccio di gag verbali e non che si conclude con una risoluzione pippo-logicamente illogica non scontata o intuibile. Avrei eliminato l'ultima tavola, perché diluisce l'effetto comico della trovata della penultima. Certo. Non si tratta di battute freschissime, ma sono simpatiche e alcune buone.


                    Voto: 2.5/5



                    "Orazio e Curiazio in: metodi di contenimento."

                    Anticipo: in alcune scene ho riso. Non a crepapelle, intendiamoci. Ma nemmeno solo sorriso. In quali vignette? In quelle che mostrano le reazioni di Pippo e Topolino. Specialmente il primo, con la gag sulle ipotesi... "zoologiche". Questa storia, infatti, avrebbe fatto meglio ad intitolarsi: "Topolino e Pippo in: l'attentatore in tenda".
                    La vera vicenda comica — che conclude anche la storia — è quella che vede loro due protagonisti. Curiazio e Orazio, al contrario e nonostante il titolo, finiscono solo per essere coloro i quali generano le situazioni che capitano ai due storici amici.

                    Avevo molto apprezzato la storia che introduceva il personaggio del cugino di Orazio, perchè mostrava delle dinamiche interessanti tra i due.

                    La storia di questa settimana, invece, la apprezzo, ma non per il personaggio di Curiazio o per il rapporto col cugino. Era questo l'intento di Vacca? Ne dubito. Spero, quindi, che non si voglia esagerare con le apparizioni di questo Paperoga (iperdistruttivo) versione equina, perché se questa volta la storia è stata salvata e resa gradevole/divertente da due "comprimari", mi chiedo se avverrà lo stesso anche la prossima volta.
                    Spoiler: mostra
                    La conclusione è molto divertente e interessante: una sorta di presa in giro del Topolino-Giallo resa tramite un Mickey che interpreta tutto in chiave criminale e misteriosa. Fino ad essere comicamente "ridicolo".


                    Voto: 3/5



                    "Le Giovani Marmotte e la Pietra di Paragone"

                    MAH. Un grosso MAH.

                    Il personaggio di Tycoon riceve un leggero guizzo in più (sottolineato dallo stesso autore, tramite le bocche di QQQ, quasi per paura che non si notasse...), ma non abbastanza da renderlo interessante. Se poteva esserlo — potenzialmente — nel primo episodio, ora (nel secondo) si doveva e poteva fare di più. In quest'ultimo, infatti, appare come un personaggio abile nell'intortare a parole, ma privo di spina dorsale, portato a spasso — trotterellante, come un capretto — da quattro ragazzetti, senza nessuna opposizione o dubbio.

                    I tre paperotti si sono dati una relativa svegliata, rispetto al primo episodio. Ma continuano a risultare abbastanza insulsi e poco caratterizzati, trainati — unicamente — dalle decisioni e trovate di Newton. Quest'ultimo, infatti, sembra essere l'unico personaggio dotato di un minimo di animazione e capacità di provare emozioni che non siano dei clichè.

                    Parliamo della trama: non è gestita malissimissimo. È scontata, eh. Si sa benissimo che dovranno andare indietro nel tempo e lo fanno. E va bene. S'era capito. Però, il modo in cui Enna amministra gli eventi, pur non essendo esaltante e nemmeno memorabile, è discreto. Lo è perché, pur sapendo benissimo che i cinque ce la faranno, non è scontato il COME e questo regala un poco di tensione. Specie nella dinamica principale dell'episodio.

                    Certo. Non abbastanza da rendere la situazione davvero interessante.

                    L'episodio, infatti, è frettoloso. Succede poco e si arriva alla fine chiedendosi "di già? Tutto qui?".
                    La poca tensione creata viene sciupata nel giro di qualche vignetta, senza creare nessun evento "catastrofico" o imprevisto in grado di dare davvero problemi alla banda di cronoviaggiatori. I cinque sono nei guai, certo, anche sul filo del rasoio (a differenza della banda di corsari nella storia di Stabile), ma ne escono comunque indenni, senza troppi attriti. Il risultato, insomma, è che la tensione viene spenta ancor prima di diventare concreta

                    Spoiler: mostra
                    L'essere tenuti ostaggi di Creso pare soltanto l'incipit di una serie di guai e imprevisti che, semplicemente, non arrivano: e tutti felici e contenti!


                    Mi chiedo se l'idea di dividere la storia in una precisa scansione in tre viaggi nel tempo (per tre pietre) sia stata una trovata azzeccata: rende impossibile creare una situazione problematica/imprevista di mezzo in grado di durare abbastanza da essere credibile e in cui inserire guai e controguai che separino da una sua risoluzione.

                    Tutto scorre liscissimo, perché deve arrivare l'episodio dopo, con un nuovo viaggio e una nuova pietra. Non possono esserci ritardi sulla tabella di marcia. Precisione svizzera e noia conseguente.

                    L'autore tenta di mascherare il guaio in cui s'è cacciato con alcuni momenti di tensione (come dicevo). Tutti risolti senza reali attriti o conseguenze. L'antagonista agita il pugno: ma per finta.

                    Ci solo due cose che mi fanno sperare:

                    1) il finale di questo episodio 2. Spero che crei qualche situazione non facilmente risolvibile. Che sia un imprevisto e non una facilitazione (come sembrerebbe).

                    2) la scena di Pico; spero sia un tassello che dia al plurilaureato personaggio un ruolo risolutivo nella trama, per tirare fuori dai guai gli altri.

                    Spoiler: mostra
                     Il fatto di inserire un Paperone "in costume" non mi fa ben sperare, perché potrebbe essere una cosa (parenti e parentado allargato in versione antica) ricorrente, anche nei prossimi due episodi. Il che, per quanto mi riguarda, rende tutto (come se ce ne fosse bisogno!) ancor più scontato e non idoneo al rendersi interessante; se pure i comprimari o antagonisti saranno incapaci di comportarsi diversamente dal set abituale dei parenti di cui portano le sembianze, non solo si saprà in anticipo come andrà a finire (con il recupero di una pietra dopo l'altra), ma sarà impossibile sperare in un qualche guizzo impresso da personaggi imprevisti.


                    Voto: scendiamo a 2/5, rispetto al 2.5/5 della scorsa settimana; non c'è più la scusa del "siamo solo al primo episodio". Se le cose non cambieranno, il voto potrebbe scendere ulteriormente. Presa da sola, questa storia sarebbe da 1.5. Metto un 2, solo perchè siamo ancora al secondo episodio.



                    Voto finale del numero:
                    un arrotondato (per eccesso) 2.5/5 di media. Meglio della scorsa settimana (cosa incoraggiante), ma si può fare di più. Speriamo che sia un inizio di anno a diesel, allora.



                    Bonus:

                    - Fa davvero ben sperare l'anteprima de "Le nebbie di Meyrink", storia in due episodi che sarà presente nel 3556. Finalmente, si osa un pochino di più? E chi può dirlo? Speriamo di non rimanere delusi. Mentre la leggevo, ho pensato: non so se sarà sostenuta da una buona sceneggiatura... ma i disegni di Celoni sono tali da meritare (pure da soli) l'acquisto.

                    - Bellissima la copertina di Freccero.
                    « Ultima modifica: Venerdì 12 Gen 2024, 10:07:40 da Ruhan »

                    *

                    Cornelius
                    Imperatore della Calidornia
                    PolliceSu

                    • ******
                    • Post: 12773
                    • Mais dire Mais
                      • Offline
                      • Mostra profilo
                    PolliceSu
                      Re:Topolino 3555
                      Risposta #9: Venerdì 12 Gen 2024, 12:46:31
                                                                                               
                                                                                                               

                      Una bellissima copertina della consolidata coppia Freccero/Cagol (azzardo tra le possibili vincitrici del prossimo TopoOscar 2024 - ma siamo appena al'inizio) presenta la storia di Vito Stabile che approfondisce la figura di questo Malcolm, antenato dello zione che inizialmente Carl Barks aveva introdotto come figura dalla quale Paperone si era reincarnato ("Il Tesoro della Regina" del 1957). Dunque un filo più che diretto fra i due paperi, senza dimenticare che anche Paperino si era parallelamente reincarnato dal pirata Paperinocchio Codacorta, sottoposto del tenente Malcolm.

                      Da come si svolgono le vicende de "Il Corsaro" (il passaggio del giovanissimo antenato dalla locanda di famiglia alla prima nave sulla quale iniziare a girare sui mari del Nuovo Continente) si ha l'impressione che questa sia la prima di una serie di avventure che il buon Vito potrebbe ripresentare con una certa scadenza, vista anche la possibile evoluzione del rapporto inizialmente amichevole ma poi antagonistico fra Malcolm e un certo Joe Smith (nome in effetti troppo banale) alias...? Oltre alla eventuale ripresa di Paperinocchio, ovviamente.

                      Nel precedente utilizzo del personaggio da parte di Stabile ("La Corona dei Desideri" di sei anni fa) l'antenato e il discendente avevano interagito proprio grazie a quella corona e a un desiderio dello zione. Il tema della reincarnazione mi sembra sia stato eliminato anche perché fu lo stesso Don Rosa il primo a ricondurre a 'semplice' antenato colui al quale ha dato il nome di Malcolm nel suo famoso Albero Genealogico.

                      E, a proposito dell'Albero, mai come in questi ultimi tempi sembra rifiorire e 'rivitalizzarsi' visto che diversi parenti e antenati sono sotto la lente d'ingrandimento di alcuni autori: se in Panini Alessandro Sisti ci sta raccontando le avventure del giovane Cornelius e Vito Stabile potrebbe essere intenzionato a seguire le gesta del giovane Malcolm, in Egmont Kari Khoronen ha già scritto storie sul Conte Braccio di Ferro de' Paperoni (vissuto nella Scozia medievale) e su Geltrude Folaga (moglie di Clinton Coot e fondatrice del corpo femminile scoutistico di Paperopoli).

                      Khoronen dovremmo continuare a leggerlo per un po' (almeno 4 volte l'anno) sull'Almanacco, auspicando di poter continuare a seguire le gesta sia degli antenanti che dei parenti più prossimi anche sul libretto, da parte degli stessi autori se non di altri che potrebbero rendere questo famoso Albero sempre più 'familiare'. E' sicuramente una fonte inesauribile di stimolazioni narrative che speriamo il direttore Alex Bertani colga: come ha 'sdognato' l'idea di Stabile (ipotizzando che il suo interesse verso Malcolm possa diventare una serie) così potrebbe fare verso altre figure 'appese all'albero', magari anche più vicine ai nostri attuali paperi.

                                                                                                       

                      Probabile prima apparizione di Malcolm De Paperoni e Paperinocchio Codacorta su una copertina italiana.
                                                                                                 Quella dell'Albo della Rosa di ottobre 1961
                      « Ultima modifica: Domenica 14 Gen 2024, 11:16:09 da Cornelius »

                        Topolino 3555
                        Risposta #10: Venerdì 12 Gen 2024, 17:14:49
                        Recensione Topolino 3555


                         Se il primo numero dell’anno non era partito come ci si aspettava, neanche Topolino 3555 brilla particolarmente. Ancora una volta, ci sentiamo di dire, nonostante la bella copertina con un Paperone corsaro realizzata da Freccero e Cagol potesse far presagire diversamente.

                         Ad aprire il numero ci pensa Il corsaro, con Vito Stabile alla sceneggiatura, Mario Ferracina ai disegni e alle chine ed Emanuele Virzì ai colori. La storia, suddivisa in due episodi entrambi presenti all’interno di questo numero, ci fa rivivere le vicende giovanili di Malcom de’ Paperoni, antenato di Paperone, che, come ci ricorda l’editoriale di Alex Bertani, fa la sua prima comparsa in Zio Paperone e il tesoro della regina di Carl Barks, per poi tornare, appena accennato, nella Saga di Don Rosa e poi, più di recente e con un maggior approfondimento, in Zio Paperone e la corona dei desideri dello stesso Stabile e di Alessandro Perina.

                         La storia scorre piuttosto bene, complici i bei disegni di Ferracina e gli altrettanto bei colori di Virzì, ma non svetta. Com’è ormai d’uso da qualche anno sulle pagine di Topolino, la vicenda è incentrata sui dilemmi e le lacerazioni interiori del protagonista, lasciando così poco spazio all’avventura vera e propria.

                         Sebbene l’utilizzo del metodo introspettivo nella struttura narrativa del fumetto sia, a giudizio di chi scrive, apprezzabile, permangono comunque dei dubbi sull’uso pervicace che se ne sta facendo negli ultimi tempi, soprattutto quando è proiettato sul personaggio di Paperone o sui suoi antenati, come in questo caso. Come se non bastasse, la storia di Stabile si sviluppa quasi pedissequamente ricalcando il sesto capitolo della Saga, con tanto di sequenza finale con una visione del futuro. Insomma, sa tutto di già fin troppo visto.

                         Il resto del numero deve inevitabilmente fare i conti con il poco spazio a disposizione rimasto, a partire da Pippo e l’incomprensibile insonnia, con Rudy Salvagnini alla sceneggiatura e Ottavio Panaro ai disegni. La breve vicenda prettamente umoristica ci regala un finale piuttosto anticlimatico, dove l’unica reazione consentita al lettore non si discosta troppo da quella che gli si presenta agli occhi nell’ultima vignetta.

                         
                        Metodi di contenimento trova il suo punto di forza nell’assenza di una discorsività eccessiva[/size][/i]

                         Diversamente, Orazio e Curiazio in Metodi di contenimento, con Francesco Vacca alla sceneggiatura e Lucio Leoni ai disegni, sfrutta delle divertenti e dinamiche gag slapstick, con un finale da classica commedia degli equivoci, sempre efficace quando si tratta di storie brevi.

                         A chiudere il numero ci pensa il secondo episodio de Le GM e la pietra di paragone, di Bruno Enna per la sceneggiatura e Perina per i disegni. Astenendoci dal lasciare giudizi affrettati, ben consapevoli di dover attendere che la storia sia completa, questo episodio, eminentemente didattico, non regala particolari emozioni.

                         Continuiamo dunque a sguazzare nell’insufficienza, sperando che si tratti solo di una falsa partenza per il 2024.



                        Voto del recensore: 2/5
                        Per accedere alla pagina originale della recensione e mettere il tuo voto:
                        https://www.papersera.net/wp/2024/01/12/topolino-3555/


                        Ora è possibile votare anche le singole storie del fascicolo, non fate mancare il vostro contributo!


                        *

                        Cornelius
                        Imperatore della Calidornia
                        PolliceSu

                        • ******
                        • Post: 12773
                        • Mais dire Mais
                          • Offline
                          • Mostra profilo
                        PolliceSu
                          Re:Topolino 3555
                          Risposta #11: Sabato 13 Gen 2024, 11:44:13
                          Bruno Enna continua ad usare i 'suoi' occhiali particolari già visti nelle trasferte italiane con Adalbecco Quagliaroli e la 'trovata' non mi convince perché se da un lato spettacolarizza il racconto, dall'altro tende a banalizzarlo. Il senso di avventura dei viaggi nel tempo è totalmente scomparso, diventando una prassi normale. Ma non da ora, da molto più tempo. Che io ricordi, negli anni 60/70 era un plot ovviamente presente ma meno utilizzato.

                          Un po' come la Macchina del Tempo di Zapotec e Marlin dove, premendo qualche tasto, si può andare senza problemi dove si vuole anche più volte, con andate e ritorni frenetici (per quanto gli esimi ci tengano a precisare che nel passato nulla deve essere cambiato per non pregiudicare il presente, rendendo un po' più 'complicato' il tutto).

                          Però c'è anche da dire che in queste situazioni così banali (come quelle degli incontri extraterrestri) l'invenzione di Archimede (pericolosamente riveduta e corretta dal nipote Newton) può essere considerata un surplus interessante, se vogliamo. Anche perché bisogna stare attenti a come indossarli questi occhiali e, soprattutto, a non farli cadere. Per cui, visto che tanto i viaggi nel tempo non si ridurranno in avvenire, tanto vale arricchirli con qualche trovata particolare.

                          Fra le altre 'trovate' di Enna e Perina anche la paperonizzazione di Re Creso non mi ha convinto del tutto : può risultare vagamente simpatica ma ricondurre tutta la civiltà globale. storica e mitologica ad una serie di pseudo antenati (fra l'altro un vero antenato dello ziastro l'abbiamo già visto precedentemente) mi sembra un po' limitante. Ad ogni modo confido nella capacità narrativa dell'autore per un prosieguo interessante e avvincente.
                          __________________________________________________________________________________________________________

                          Il nuovo personaggio di Curiazio non è tanto interessante in se ma per le dinamiche che riesce a creare involontariamente con gli altri, a cominciare dal cugino Orazio. Se nel precedente episodio è stato l'artefice (sempre involontario) della crescita caratteriale e lavorativa del giovane Cavezza, in questo coinvolge 'violentemente' ma indirettamente Topolino e Pippo, creando situazioni divertenti (non per loro) che sfoceranno poi in un finale 'estremo'.

                          Da notare che nel prossimo libretto Orazio sarà oggetto di studio particolareggiato da parte di Giuseppe Zironi (almeno sembrerebbe così). "Strade Future" potrebbe essere la storia dell'approfondimento del personaggio, come già accaduto per altri, da Gastone a Macchia Nera, da Reginella a Rockerduck.

                          La breve sull'insonnia di Pippo non è male: mi ha addirittura strappato una risata quando il protagonista realizza che forse il miglior sonnifero è dato dal suo ciarlare continuamente al telefono elucubrando svariate ipotesi con i pazienti Topolino e Orazio (quest'ultimo forse mai così presente nelle storie del libretto, considerando anche la prossima 'strada futura').
                          « Ultima modifica: Sabato 13 Gen 2024, 12:06:04 da Cornelius »

                          *

                          fab4mas
                          Ombronauta
                          PolliceSu

                          • ****
                          • Post: 795
                          • Swim-Bike-Run-Disney
                            • Offline
                            • Mostra profilo
                          PolliceSu
                            Re:Topolino 3555
                            Risposta #12: Domenica 14 Gen 2024, 10:06:49
                            Questo 2024 non ingrana o , per meglio dire...non incontra il mio gusto personale.

                            Il corsaro ha disegni stupendi, non è il tipo di tratto che preferisco ma poco da dire sulla mano. Da un po di tempo poi vedo che c'è sempre molto lavoro sulle ombreggiature che una volta non notavo, era tutto più piatto mi pare, ma questa è una parentesi che chiudo velocemente. La storia la metto nel calderone di quelle da 'agenzia viaggi'. Accade poco ma quel poco è distribuito su molti km. Mi pare si badi più al 'dove' che al 'cosa' succede, sicuramente sono soggetti ben serviti da certi disegni ma mi lasciano sempre poco.

                            per me il pezzo migliore è quella di curiazio ...ma non per curiazio. La presenza di topolino e pippo ha dato quella comicità che i triti&ritriti disastri del ennesimo parente pasticcione simili-paperoga per me non hanno. La conclusione da basettoni mi ha strappato un sorriso, in definitiva almeno una storia che centra l obiettivo per me

                            Parlo invece di quella delle GM che boccio sempre di più, se già avevo parlato male del discorso occhiali, che continuo a pensare tolgano il bello delle storie a tema 'caccia al tesoro antico' qui abbiamo poi passato il limte (sempre per il mio gusto) con la fantascientifica trovata finale. Non so quante possibilità abbia di risollevarsi con il finale ma ad ora mi ha deluso.

                            « Ultima modifica: Domenica 14 Gen 2024, 10:08:34 da fab4mas »
                            Grazie Babbo anche per quella volta nel 1980 in cui sei tornato a casa con un Topolino in mano chiedendomi se mi andava di leggerlo...non ho più smesso.

                            *

                            Tenebroga
                            Gran Mogol
                            PolliceSu

                            • ***
                            • Post: 537
                              • Offline
                              • Mostra profilo
                            PolliceSu
                              Re:Topolino 3555
                              Risposta #13: Domenica 14 Gen 2024, 11:53:36
                              Anch'io sono molto critico verso la storia delle GM. I viaggi nel tempo andrebbero dosati con molta attenzione.
                              Quando fatti bene possono regalare trame interessanti e ingarbugliate ma il più delle volte invece banalizzano il tutto. Qui, a mio avviso, siamo in questo caso perché sono solo un mezzo di trasporto da un'ambientazione e l'altra.
                              Tra l'altro quegli occhiali sarebbero un artefatto in grado di risolvere praticamente ogni avventura dei Paperi e dei Topi perfino nella modalità di sola visualizzazione. Me ne sarei ben guardato da metterli in continuity.

                              Insomma questa storia non fa per me e dubito che le prossime puntate possano farmi ricredere. Peccato perché l'inizio della prima puntata mi aveva coinvolto per bene fino a quando non sono saltati fuori gli occhiali.

                              *

                              luciochef
                              Cugino di Alf
                              PolliceSu

                              • ****
                              • Post: 1366
                                • Offline
                                • Mostra profilo
                              PolliceSu
                                Re:Topolino 3555
                                Risposta #14: Lunedì 15 Gen 2024, 16:51:00
                                - La storia "Il Corsaro" con protagonista Malcolm De Paperoni di Vito Stabile è paragonabile ad un romanzo di formazione, uno di quei racconti storici in cui si indicavano le vicende avvenute nella caratterizzazione psicologica e cognitiva di un determinato personaggio. In questa avventura in due parti infatti si possono ammirare i primi passi che hanno "iniziato" Malcolm alla sua vita da corsaro.
                                Una vicenda gradevole, scorrevole e che è riuscita nello scopo nonostante una minore ampiezza narrativa propria dei romanzi citati in precedenza.
                                Se conoscevo le abilità di Stabile, sono rimasto piacevolmente sorpreso dalle capacità dirompenti di Mario Ferracina !
                                Un lavoro d'insieme che raggiunge un risultato complessivo ottimo e che si esalta soprattutto nella bellissima tavola completa di pagina 29 e nella visione d'insieme di pagina 62. Interessante la folta presenza di animali di vario genere, sia come personaggi antropomorfi che come fauna popolante le tavole. Il tutto suggellato da una colorazione vivida, splendente e molto ariosa.
                                - "Pippo e l'incomprensibile insonnia" devo dire purtroppo che è una breve che mi ha lasciato davvero freddo, quasi interdetto alla fine della lettura...
                                - La nuova storia con Curiazio ricalca le vicissitudini che vedono protagonista il cugino improvvido di Orazio ma non riescono ad avere la giusta freschezza per renderle simpatiche. Molto meglio invece la sottotrama legata a Topolino e Pippo. Originali e sorprendenti nella rottura della gabbia i disegni di Lucio Leoni.
                                - Seconda parte delle storie sulle GM di Enna che prende binari troppo usuali e che quindi non riesce a far decollare la serie dopo il promettente inizio. Poi il pasticcio di Newton era quotato a 1,01.....
                                Insomma un Topo che non riesce a svettare come qualità e che si poggia quasi unicamente sulla storia di Stabile. Un giudizio che non può essere superiore alle 2 stelle.
                                Io sono un cattivo... e questo è bello! Io non sarò mai un buono e questo non è brutto! Io non vorrei essere nessun altro... a parte me.

                                *

                                Simone Cavazzuti
                                Cugino di Alf
                                PolliceSu

                                • ****
                                • Post: 1003
                                • Eco del Mondo
                                  • Offline
                                  • Mostra profilo
                                  • Eco del Mondo
                                PolliceSu
                                  Re:Topolino 3555
                                  Risposta #15: Martedì 16 Gen 2024, 10:36:37
                                  Il Corsaro[/b] (Primo e secondo tempo)
                                  Soggetto e sceneggiatura di Vito Stabile
                                  Disegni, chine e supervisione colore di Mario Ferracina
                                  Colori di Emanuele Virzì
                                  Che dire di questa storia? Disegni e colori molto belli, come del resto è solito, ma finalmente anche dei testi validi. Non ho mai nutrito particolare interesse per le avventure ambientate nel passato, ma sono contento di fare un'eccezione e sono curioso di conoscere le sorti di questi personaggi. Sarà l'atmosfera, che richiama la prima storia a fumetti di Paperino, nonché L'isola del tesoro di Stevenson (nome che ho dato al mio scoiattolo)? Restiamo a vedere, dunque, e speriamo bene.

                                  *

                                  fab4mas
                                  Ombronauta
                                  PolliceSu

                                  • ****
                                  • Post: 795
                                  • Swim-Bike-Run-Disney
                                    • Offline
                                    • Mostra profilo
                                  PolliceSu
                                    Re:Topolino 3555
                                    Risposta #16: Mercoledì 17 Gen 2024, 14:13:36
                                    Scusate se non è la sede ma fatico a capire una cosa del forum:

                                    vedo ultimo post di 'simone cavazzuti' entro e vedo fino a quello di luciochef (a cui simone risponde). Penso 'ok mi avrà bloccato o roba simile magari, no so perchè ma è un diritto'.... ma poi in fase di edit vedo davvero il post di Simone.
                                    Grazie Babbo anche per quella volta nel 1980 in cui sei tornato a casa con un Topolino in mano chiedendomi se mi andava di leggerlo...non ho più smesso.

                                    *

                                    Grande Tiranno
                                    Diabolico Vendicatore
                                    PolliceSu

                                    • ****
                                    • Post: 1963
                                    • Sfortunato creaturo!
                                      • Offline
                                      • Mostra profilo
                                    PolliceSu
                                      Re:Topolino 3555
                                      Risposta #17: Mercoledì 17 Gen 2024, 14:19:11
                                      Scusate se non è la sede ma fatico a capire una cosa del forum:

                                      vedo ultimo post di 'simone cavazzuti' entro e vedo fino a quello di luciochef (a cui simone risponde). Penso 'ok mi avrà bloccato o roba simile magari, no so perchè ma è un diritto'.... ma poi in fase di edit vedo davvero il post di Simone.
                                      Dev'essere un bug del forum, tra l'altro non esiste la possibilità di bloccare gli utenti.
                                      Catturamento Catturamento!

                                      *

                                      Simone Cavazzuti
                                      Cugino di Alf
                                      PolliceSu

                                      • ****
                                      • Post: 1003
                                      • Eco del Mondo
                                        • Offline
                                        • Mostra profilo
                                        • Eco del Mondo
                                      PolliceSu
                                        Re:Topolino 3555
                                        Risposta #18: Mercoledì 17 Gen 2024, 15:04:04
                                        Scusate se non è la sede ma fatico a capire una cosa del forum:

                                        vedo ultimo post di 'simone cavazzuti' entro e vedo fino a quello di luciochef (a cui simone risponde). Penso 'ok mi avrà bloccato o roba simile magari, no so perchè ma è un diritto'.... ma poi in fase di edit vedo davvero il post di Simone.
                                        Sì, non so a cosa sia dovuto. Effettivamente, ci avevo fatto caso anche io, ieri. Credevo si trattasse di un bug temporaneo e che si sarebbe risolto se magari qualcun altro avesse risposto al topic, e invece pare non essere così.

                                        *

                                        Samu
                                        Visir di Papatoa
                                        PolliceSu   (1)

                                        • *****
                                        • Post: 2622
                                        • Amante del Bel Fumetto.
                                          • Offline
                                          • Mostra profilo
                                        PolliceSu   (1)
                                          Re:Topolino 3555
                                          Risposta #19: Mercoledì 17 Gen 2024, 15:04:41
                                          Scusate se non è la sede ma fatico a capire una cosa del forum:

                                          vedo ultimo post di 'simone cavazzuti' entro e vedo fino a quello di luciochef (a cui simone risponde). Penso 'ok mi avrà bloccato o roba simile magari, no so perchè ma è un diritto'.... ma poi in fase di edit vedo davvero il post di Simone.
                                          Questo succede al primo messaggio delle pagine successive alla prima delle discussioni dopo che nel thread viene inserita la recensione del numero.
                                          Non so come mai ciò avvenga ma già in passato questa cosa accadeva e ricordo di averlo segnalato a suo tempo.
                                          Se si clicca su "Tutto", invece, il messaggio appare regolarmente.

                                          *

                                          Geronimo
                                          Cugino di Alf
                                          PolliceSu

                                          • ****
                                          • Post: 1118
                                            • Offline
                                            • Mostra profilo
                                          PolliceSu
                                            Re:Topolino 3555
                                            Risposta #20: Mercoledì 17 Gen 2024, 16:51:36
                                            Scusate se non è la sede ma fatico a capire una cosa del forum:

                                            vedo ultimo post di 'simone cavazzuti' entro e vedo fino a quello di luciochef (a cui simone risponde). Penso 'ok mi avrà bloccato o roba simile magari, no so perchè ma è un diritto'.... ma poi in fase di edit vedo davvero il post di Simone.
                                            Questo succede al primo messaggio delle pagine successive alla prima delle discussioni dopo che nel thread viene inserita la recensione del numero.
                                            Non so come mai ciò avvenga ma già in passato questa cosa accadeva e ricordo di averlo segnalato a suo tempo.
                                            Se si clicca su "Tutto", invece, il messaggio appare regolarmente.
                                            Il famoso bug del messaggio n.15... come hai giustamente detto, purtroppo non è la prima volta che accade
                                            Luca Giacalone

                                            *

                                            Fantasio
                                            Evroniano
                                            PolliceSu

                                            • **
                                            • Post: 82
                                            • Esordiente
                                              • Offline
                                              • Mostra profilo
                                            PolliceSu
                                              Re:Topolino 3555
                                              Risposta #21: Mercoledì 17 Gen 2024, 20:39:20
                                              vedo ultimo post di 'simone cavazzuti' entro e vedo fino a quello di luciochef (a cui simone risponde). Penso 'ok mi avrà bloccato o roba simile magari, no so perchè ma è un diritto'.... ma poi in fase di edit vedo davvero il post di Simone.
                                              Stavolta mi trovo d'accordo con fab4mas, anzi, pensavo già ieri di segnalare il problema. Poi ho pensato che forse Simone aveva cancellato il suo intervento ma nell'indice ne fosse rimasta traccia per qualche bug innescato dall'operazione.
                                              "I social danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Ora hanno lo stesso diritto di parola dei premi Nobel"

                                               

                                              Dati personali, cookies e GDPR

                                              Questo sito per poter funzionare correttamente utilizza dati classificati come "personali" insieme ai cosiddetti cookie tecnici.
                                              In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni.
                                              Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai trovare il dettaglio di quanto riassunto in queste righe.

                                              Per continuare con la navigazione sul sito è necessario accettare cliccando qui, altrimenti... amici come prima! :-)