Logo PaperseraPapersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Topolino 3577

Leggi la recensione
di Paolo Castagno

Voto del recensore:
Voto medio: (19)
Esegui il login per votare

Autenticati per poter votare le storie del Topolino!
Una amica a motore - Gli anni ruggenti della 313
Una amica a motore - Paperinik e il furto storico
Pianeta Paperino - Quale nipotino?
Pippo Garage Sale
Paperino e i cronopasticci
Procope Topen e la dolce freschissima novità

Topolino 3577

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Samu
Visir di Papatoa
PolliceSu

  • *****
  • Post: 2616
  • Appassionato scarpiano
    • Offline
    • Mostra profilo
PolliceSu
    Re:Topolino 3577
    Risposta #30: Domenica 16 Giu 2024, 17:31:11
    Credo che rimanga invariata col passare degli anni, perché è diventata un simbolo iconico da associare a Paperino, così come quella di Zio Paperone. Invece altri personaggi quali Rockerduck hanno progressivamente impiegato auto più simili ai design contemporanei.
    Anche perché, diciamocela tutta, Rockerduck è assai più spendaccione di Paperone e Paperino e quindi può permettersi di cambiare limousine come gli pare!  ;D

    *

    Fantasio
    Evroniano
    PolliceSu

    • **
    • Post: 82
    • Esordiente
      • Offline
      • Mostra profilo
    PolliceSu
      Re:Topolino 3577
      Risposta #31: Giovedì 20 Giu 2024, 14:56:06
      Se ipotiziamo che in futuro tutte le auto comuni saranno elettriche e quelle termiche rimarranno come beni di lusso per appassionati, dovremmo ancora vedere lo squattrinato Paperino guidare la sua carretta a benzina?
      Si può ipotizzare che il Calisota rimanga l'unico stato al mondo a permettere la circolazione di auto a benzina (magari grazie alle pressioni del club dei miliardari, tra i quali ci saranno molti petrolieri). Alla peggio, Archimede ci metterebbe ben poco a trasformare il motore della 313 in uno elettrico, magari con autonomia infinita o quasi.
      "I social danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Ora hanno lo stesso diritto di parola dei premi Nobel"

      *

      Paolo
      Flagello dei mari
      Moderatore
      PolliceSu

      • *****
      • Post: 4740
      • musrus adroc
        • Offline
        • Mostra profilo
      PolliceSu
        Topolino 3577
        Risposta #32: Lunedì 8 Lug 2024, 17:37:29
        Recensione Topolino 3577


        La copertina di Topolino 3577 celebra i Campionati Europei di calcio.

        Uno spunto semplice: il rapporto tra Paperino e la sua 313. Due autori molto diversi tra loro: Fabio Michelini e Marco Gervasio. Questi gli originali ingredienti di apertura di Topolino 3577.

         Il primo dei due non si è mai posto il problema di ingabbiare i suoi racconti in schemi vincolati dalla coerenza o dalla razionalità, di definirli in una sequenza di eventi credibili e di verosimiglianti; ha invece sempre dato libero sfogo alla sua fantasia, preferendo l’emisfero della sensibilità e del richiamo alla fanciullezza e al Disney più classico e nel senso più ampio del termine, realizzando così storie dalla forte impronta autoriale. Michelini conosce e apprezza tutto il pregresso del mondo del fumetto Disney, ed è anche un collezionista di Topolino.

         Il secondo è sul fronte opposto: trae piacere dal collegare eventi accaduti in storie passate, dal fornire razionalità e coerenza interna non solo alle sue storie ma anche a tutto l’universo dei personaggi attuali (anche di sua creazione), dal rendere credibili i comportamenti e le scelte dei personaggi che anima, arrivando anche a condividere con il lettore in maniera esplicita il “viaggio interiore” di un personaggio, realizzando così storie dalla forte impronta autoriale. Gervasio conosce e apprezza tutto il pregresso del mondo del fumetto Disney, ed è anche un collezionista di Topolino.

         
        Citazioni dal mondo di Frozen e un’ambientazione che sembra ispirata dalle copertine dei dischi psichedelici fine anni Sessanta.

        Sembrano due autori diversissimi (e lo sono!), al punto che si direbbe impossibile che entrambi riescano a far coesistere i loro spunti creativi sulla stessa rivista, usando gli stessi personaggi stavolta addirittura nella stessa storia! Ma è questo uno dei più noti punti di forza dei personaggi Disney, duttili al punto di poter essere gestiti da entrambi gli autori senza per questo sfigurare o sembrati poco calati nel ruolo.

         Le due storie, Gli anni ruggenti della 313 e Paperinik e il furto storico, con la scusa di celebrare il 55.mo anniversario della creazione di Paperinik, portano al centro della narrazione la vecchia 313 di Paperino, sua compagna sin dal cartone del 1937 Don Donald, per poi essere inserita quasi casualmente nel mondo del fumetto da Al Taliaferro nella striscia quotidiana del 1° luglio 1938.

         La storia di Michelini si snoda come fosse un cartone animato su 28 tavole infarcite da riferimenti al mondo dell’animazione, dalle ambientazioni messicane dell’esordio nel già citato Don Donald, passando per la barksiana Paperino in vacanza, alle immancabili (per l’autore) citazioni da Frozen e regalandoci una vera e propria chicca per appassionati: Susie the Little Blue Coupé, dal poco noto cartone del 1952.

         
        Paperinik in azione con la sua pistola a raggi.


        La parte di Gervasio, invece, è estremamente razionale, nulla è lasciato all’immaginazione o al caso, sin dalla prima tavola dove Paperinik commenta en passant il malfunzionamento del sistema GPS, che si rivelerà elemento importante nello svolgimento “logico” della storia, così come l’incastro degli atri pezzi della trama, l’utilizzo dei classici gadget di Paperinik come il lapis bicolore e la pistola a raggi.

         Due modi opposti di intendere il fumetto Disney che però riescono a dare ai lettori un buon risultato, godevole da leggere, e con un’aria di novità – seppure su solide basi filologiche per entrambi – che giova alla causa del settimanale!

         Poco da dire sui disegni di Emmanuele Baccinelli, è la seconda volta consecutiva che mi trovo a recensire un numero di Topolino con una sua storia e rischio di diventare ripetitivo nel lodarne le capacità, l’inventiva anche nelle piccole cose, la passione che traspira dal suo lavoro e la consapevolezza che con lui Topolino ha un campione di assoluto valore tra le sue fila. Prospettive, espressioni, inquadrature… tutto contribuisce a migliorare le storie che passano sotto le sue sapienti matite… mi incuriosisce solo la seconda vignetta di pagina 43, che non mi sembra sua!

         
        Scena molto classica con Paperino e Malachia.

        Il resto del fascicolo, ahimè, non mantiene il livello delle prime due storie, in un calando che lascia un po’ di amaro in bocca (nonostante la storia di chiusura abbia come tema la creazione del gelato!). Di certo ben oltre la sufficienza si colloca la storia di Vito Stabile e Marco e Stefano Rota, forse anche per l’effetto vintage, che a me a piccole dosi piace, ma il cui senso in un settimanale che si è parecchio rinnovato negli ultimi anni continua a stonare: sembra quasi di leggere la ristampa di un qualcosa inizio anni Ottanta. La trama di Quale nipotino? è semplice, l’obiettivo della storia viene centrato senza dubbio, ci sono alcuni particolari tipo il riprendere i pensieri di Malachia e i quadri alle pareti che mi piacciono molto; si tratta di dieci pagine ambiziose e ben realizzate nella loro semplicità.

         Pippo garage sale invece è una delle classiche storie dove il talento di Tito Faraci si percepisce appena, senza però riuscire a far decollare il racconto, nella storia non si individuano battute memorabili o spunti interessanti; la trama si trascina senza sussulti, cosa dannosissima per una storia comica, ispirandosi a cliché e situazioni già viste; i disegni classici e rassicuranti di Alessandro Perina mal si adattano a qualcosa che dovrebbe essere folle, destabilizzante e surreale come il contenuto della soffitta di Pippo, e il risultato è nel complesso noioso.

         Più dinamica, ma confusionaria, la storia straniera Paperino e i cronopasticci. Abbiamo visto nel passato come storie che trattano di viaggi e paradossi nel tempo siano difficilissime da fare, e quella propostaci su Topolino 3577 spiega bene il perché: incoerenze, scelte illogiche, situazioni e finale scontati… il risultato è dar pregio e maggior lustro a tutte quelle storie che si sono cimentate con successo nell’affrontare situazioni del genere e giustificare il loro titolo di “capolavori”.

         
        Così, de botto, senza senso!

        L’ultima storia, infine, è un susseguirsi di accadimenti senza un minimo di trama, una narrazione didascalica e assolutamente non coinvolgente, una trasformazione del siciliano Procopio nel francese Procope Topen senza ragione apparente; il tutto permeato dalla sensazione di una storia rattoppata, modificata e adattata più volte, che lascia pezzi di trama isolati e dialoghi riscritti senza una rilettura o visione d’insieme (per quale motivo un tale chiede ai due appena sbarcati se sono interessati ad un’imbarcazione in ottimo stato?). Storie del genere non rendono merito al settimanale, anzi, e pubblicarle addirittura in chiusura del fascicolo fa sì che si corra il rischio di congedarsi dal lettore con una scarsissima voglia di acquistare il numero successivo.

         Extra fumetto, però, Topolino 3577 è interessante per gli articoli su Paperinik e sull’avvio del Campionato Europeo di calcio ma soprattutto per l’album allegato sulla storia di Paperino: 100 figurine per descrivere le caratteristiche del personaggio. Un’iniziativa piacevole che accompagnerà i lettori per quattro settimane.



        Voto del recensore: 3/5
        Per accedere alla pagina originale della recensione e mettere il tuo voto:
        https://www.papersera.net/wp/2024/07/08/topolino-3577/


        Ora è possibile votare anche le singole storie del fascicolo, non fate mancare il vostro contributo!


        *

        Anapisa
        Diabolico Vendicatore
        PolliceSu

        • ****
        • Post: 1851
          • Offline
          • Mostra profilo
        PolliceSu
          Re:Topolino 3577
          Risposta #33: Giovedì 11 Lug 2024, 22:38:11
          Mi trovo concorde con la recensione del Papersera.
          Prima parte del libretto con la doppia storia sulla 313 interessante.
          La prima parte mentre la leggevo mi pareva un po' assurda, ma tutti i dubbi che avevo sono andati svanendo leggendo la versione di Gervasio che va a spiegare quanto veramente successo quello che prima ci era stato fatto vedere dagli occhi di una...macchina.
          Peccato per la parte finale del libretto, che nonostante l'idea del racconto dell'invenzione del sorbetto ci si perda in una narrazione difficile da seguire e poco chiara.

           

          Dati personali, cookies e GDPR

          Questo sito per poter funzionare correttamente utilizza dati classificati come "personali" insieme ai cosiddetti cookie tecnici.
          In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni.
          Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai trovare il dettaglio di quanto riassunto in queste righe.

          Per continuare con la navigazione sul sito è necessario accettare cliccando qui, altrimenti... amici come prima! :-)