Logo PaperseraPapersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
4 | |
4 | |
4 | |
4 | |
4 | |
4 | |
5 | |
3 | |
2 | |
4 | |
3 | |
4 | |

Vito Stabile

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Vito
Flagello dei mari
PolliceSu   (1)

  • *****
  • Post: 4908
  • Life is like a hurricane
    • Offline
    • Mostra profilo
PolliceSu   (1)
    Re: Vito Stabile
    Risposta #480: Mercoledì 24 Mar 2021, 18:46:59
    Avendo un paio di giorni piuttosto liberi, ho ben pensato di fare una "maratona" di rilettura di quanto prodotto finora da Vito Stabile su Topolino.
    ...
    Riprendo questo commento del buon Bramo sulla produzione di Vito Stabile.
    L' ho letto oggi, a quasi cinque anni di distanza da quando è stato pubblicato, ma, secondo me, rimane molto attuale e mi trova d'accordo circa i punti distintivi che caratterizzano l'autore.
    Per quanto mi riguarda, devo ammettere che Vito Stabile ha saputo dare un'impronta personale e riconoscibile alla sua produzione.
    Ma andiamo con ordine.
    Ricordo che il 2014 fu l'anno del mio rinato interesse nei confronti del Fumetto Disney,  che tornai a seguire dopo un periodo di digiuno interrotto soltanto da qualche sporadico acquisto disneyano.
    Fu in quell'anno che ricominciai a comprare Topolino (e sempre in quell'anno ho conosciuto questo bellissimo forum di cui ora faccio orgogliosamente parte) e il nome di Vito Stabile era spesso presente.
    Ricordo che la sua prima storia che ho letto è stata Qui, Quo, Qua e gli spettacoli al buio, che, a differenza di Bramo, ho sempre trovato molto divertente e genuina.
    Credo che proprio questo sia uno dei tratti distintivi della produzione di Vito, la genuinità.
    Le sue storie infatti partono da spunti semplici e realistici ma non sono mai banali o poco ispirati.
    Io apprezzo davvero tanto l'abilità di un autore che parte da una situazione ordinaria, quotidiana (la sparizione di un carillon cui Nonna Papera era molto legata, il ritrovamento di un vecchio cucù nella soffitta di Pippo...) e che riesce a sviluppare una trama sempre più coinvolgente e che conduce il lettore verso una nuova ambientazione, densa di avventura, mistero e colpi di scena.
    Come riporta giustamente Bramo, i suoi personaggi sono estremamente spontanei, naturali ed è facile empatizzare con loro e ritrovarsi nelle situazioni da loro vissute.
    Come dimenticare la terribile sensazione del vuoto provata da Paperino mentre sta scendendo le scale?  ;D
    Mi piace molto l'umorismo che l'autore infonde nelle sue storie (che, per certi versi, mi ricorda quello irresistibile di Fausto Vitaliano) perché contribuisce a renderle più vivaci e briose.
    Ma oltre a tutto questo, ciò che apprezzo di più di Vito Stabile è il taglio introspettivo che spesso assumono le vicende da lui raccontate.
    Poco sopra ho citato il 2014 come anno del mio rinato interesse verso il mondo Disney.
    Proprio in quell'anno ho letto una storia che mi è sempre rimasta nel cuore e che ha contribuito ad alimentare la mia passione per il fumetto Disney.
    Una storia introspettiva, che scava dentro ai personaggi e non soltanto dello Zione.
    Una storia che pone degli interrogativi esistenziali a Paperone e che lo toccano nel profondo.
    Davvero il denaro rappresenta ciò che voglio inseguire per tutta la vita?
    Che cosa rappresenta il Deposito per me?
    È davvero questa la vita che volevo vivere?
    .
    Dei pensieri e delle riflessioni che mi hanno colpito sin dalla prima lettura perché, dopo un periodo di allontanamento dal Topo, mi ri-presentava quei personaggi conosciuti da bambino in un'ottica più intimistica e personale.
    E con ciò non voglio dire che prima non ci fossero storie introspettive ma quella storia lì ha sempre significato molto per me.
    Ma come dicevo non c'è solo lo Zione in quella storia.
    Non è solo lui a vivere dei travagli interiori.
    È la stessa coscienza del suo storico rivale a rimordere e a presentargli il conto della sua cattiva azione.
    Spetterà a Rockerduck scegliere a quale parte di sé dare ascolto, se all'istinto truffaldino o se alla parte migliore e genuina del suo animo.
    E come ho già avuto modo di dire a proposito di quest'altra storia, il suo Rockerduck rispecchia quella che, da sempre, è la mia personale visione del papero in bombetta.
    Un personaggio che è da sempre animato da una voglia di rivalsa nei confronti di Paperone ma che sa riconoscere il valore del suo avversario e rendersi capace di azioni tanto buone quanto inaspettate.

    In conclusione, penso che Vito Stabile sia un autore veramente in gamba che ha saputo distinguersi per uno stile personale e riconoscibile.
    Un autore che ama profondamente i personaggi che scrive e che ha dato prova di mostrare appieno lo spirito disneyano ereditato dai Maestri, tra umorismo, gusto dell'avventura e affascinanti analisi introspettive.  :inLove:

    Mi sento un po' in imbarazzo quando devo rispondere a dei complimenti indiretti e quindi se posso leggo, gradisco e taccio.

    Ma stavolta come si fa a non dirti grazie?

    *

    Samu
    Diabolico Vendicatore
    PolliceSu

    • ****
    • Post: 1501
    • Amante del bel fumetto
      • Offline
      • Mostra profilo
    PolliceSu
      Re: Vito Stabile
      Risposta #481: Mercoledì 24 Mar 2021, 21:12:40
      Avendo un paio di giorni piuttosto liberi, ho ben pensato di fare una "maratona" di rilettura di quanto prodotto finora da Vito Stabile su Topolino.
      ...
      Riprendo questo commento del buon Bramo sulla produzione di Vito Stabile.
      L' ho letto oggi, a quasi cinque anni di distanza da quando è stato pubblicato, ma, secondo me, rimane molto attuale e mi trova d'accordo circa i punti distintivi che caratterizzano l'autore.
      Per quanto mi riguarda, devo ammettere che Vito Stabile ha saputo dare un'impronta personale e riconoscibile alla sua produzione.
      Ma andiamo con ordine.
      Ricordo che il 2014 fu l'anno del mio rinato interesse nei confronti del Fumetto Disney,  che tornai a seguire dopo un periodo di digiuno interrotto soltanto da qualche sporadico acquisto disneyano.
      Fu in quell'anno che ricominciai a comprare Topolino (e sempre in quell'anno ho conosciuto questo bellissimo forum di cui ora faccio orgogliosamente parte) e il nome di Vito Stabile era spesso presente.
      Ricordo che la sua prima storia che ho letto è stata Qui, Quo, Qua e gli spettacoli al buio, che, a differenza di Bramo, ho sempre trovato molto divertente e genuina.
      Credo che proprio questo sia uno dei tratti distintivi della produzione di Vito, la genuinità.
      Le sue storie infatti partono da spunti semplici e realistici ma non sono mai banali o poco ispirati.
      Io apprezzo davvero tanto l'abilità di un autore che parte da una situazione ordinaria, quotidiana (la sparizione di un carillon cui Nonna Papera era molto legata, il ritrovamento di un vecchio cucù nella soffitta di Pippo...) e che riesce a sviluppare una trama sempre più coinvolgente e che conduce il lettore verso una nuova ambientazione, densa di avventura, mistero e colpi di scena.
      Come riporta giustamente Bramo, i suoi personaggi sono estremamente spontanei, naturali ed è facile empatizzare con loro e ritrovarsi nelle situazioni da loro vissute.
      Come dimenticare la terribile sensazione del vuoto provata da Paperino mentre sta scendendo le scale?  ;D
      Mi piace molto l'umorismo che l'autore infonde nelle sue storie (che, per certi versi, mi ricorda quello irresistibile di Fausto Vitaliano) perché contribuisce a renderle più vivaci e briose.
      Ma oltre a tutto questo, ciò che apprezzo di più di Vito Stabile è il taglio introspettivo che spesso assumono le vicende da lui raccontate.
      Poco sopra ho citato il 2014 come anno del mio rinato interesse verso il mondo Disney.
      Proprio in quell'anno ho letto una storia che mi è sempre rimasta nel cuore e che ha contribuito ad alimentare la mia passione per il fumetto Disney.
      Una storia introspettiva, che scava dentro ai personaggi e non soltanto dello Zione.
      Una storia che pone degli interrogativi esistenziali a Paperone e che lo toccano nel profondo.
      Davvero il denaro rappresenta ciò che voglio inseguire per tutta la vita?
      Che cosa rappresenta il Deposito per me?
      È davvero questa la vita che volevo vivere?
      .
      Dei pensieri e delle riflessioni che mi hanno colpito sin dalla prima lettura perché, dopo un periodo di allontanamento dal Topo, mi ri-presentava quei personaggi conosciuti da bambino in un'ottica più intimistica e personale.
      E con ciò non voglio dire che prima non ci fossero storie introspettive ma quella storia lì ha sempre significato molto per me.
      Ma come dicevo non c'è solo lo Zione in quella storia.
      Non è solo lui a vivere dei travagli interiori.
      È la stessa coscienza del suo storico rivale a rimordere e a presentargli il conto della sua cattiva azione.
      Spetterà a Rockerduck scegliere a quale parte di sé dare ascolto, se all'istinto truffaldino o se alla parte migliore e genuina del suo animo.
      E come ho già avuto modo di dire a proposito di quest'altra storia, il suo Rockerduck rispecchia quella che, da sempre, è la mia personale visione del papero in bombetta.
      Un personaggio che è da sempre animato da una voglia di rivalsa nei confronti di Paperone ma che sa riconoscere il valore del suo avversario e rendersi capace di azioni tanto buone quanto inaspettate.

      In conclusione, penso che Vito Stabile sia un autore veramente in gamba che ha saputo distinguersi per uno stile personale e riconoscibile.
      Un autore che ama profondamente i personaggi che scrive e che ha dato prova di mostrare appieno lo spirito disneyano ereditato dai Maestri, tra umorismo, gusto dell'avventura e affascinanti analisi introspettive.  :inLove:

      Mi sento un po' in imbarazzo quando devo rispondere a dei complimenti indiretti e quindi se posso leggo, gradisco e taccio.

      Ma stavolta come si fa a non dirti grazie?
      Ciao Vito!
      Mi fa davvero piacere conoscerti qui sul forum!
      Sono contento che tu abbia letto e apprezzato ciò che ho scritto sul tuo lavoro.
      Si sente che nelle tue storie metti tutta la passione che nutri per questi personaggi immortali, cercando anche di rivelare aspetti poco noti o "nascosti" del loro carattere.
      L'inventiva e la freschezza di una storia dipendono anche e soprattutto dalla capacità di trovare modi diversi di raccontare un personaggio e di presentarlo al lettore nella sua "umanità".
      E in questo, per quanto mi riguarda, ci sei sempre riuscito benissimo!
      Posso chiederti se ci sono altre storie della serie Pianeta Paperone in programma con Marco Rota di prossima pubblicazione?
      Tutte e tre le storie frutto della tua collaborazione con questo Maestro uscite finora mi hanno colpito molto per il tuo modo di raccontare lo Zione e poi il tratto di Rota le valorizza al massimo, con il suo stile barksiano che è una gioia per gli occhi e che si adatta benissimo alle tue sceneggiature.  :inLove:

      *

      Vito
      Flagello dei mari
      PolliceSu   (1)

      • *****
      • Post: 4908
      • Life is like a hurricane
        • Offline
        • Mostra profilo
      PolliceSu   (1)
        Re:Vito Stabile
        Risposta #482: Giovedì 25 Mar 2021, 11:43:30
        Certo, sono in programma altri episodi di Pianeta Paperone che dovrebbero uscire prossimamente, anche se non so quando di preciso. :)

        *

        Samu
        Diabolico Vendicatore
        PolliceSu

        • ****
        • Post: 1501
        • Amante del bel fumetto
          • Offline
          • Mostra profilo
        PolliceSu
          Re:Vito Stabile
          Risposta #483: Giovedì 25 Mar 2021, 19:44:56
          Certo, sono in programma altri episodi di Pianeta Paperone che dovrebbero uscire prossimamente, anche se non so quando di preciso. :)
          Grazie per la risposta!
          Non vedo l'ora di leggerli!  O0

          *

          Samu
          Diabolico Vendicatore
          PolliceSu

          • ****
          • Post: 1501
          • Amante del bel fumetto
            • Offline
            • Mostra profilo
          PolliceSu
            Re:Vito Stabile
            Risposta #484: Martedì 30 Mar 2021, 13:55:03
            Certo, sono in programma altri episodi di Pianeta Paperone che dovrebbero uscire prossimamente, anche se non so quando di preciso. :)
            Ed uscirà molto presto, cioè la prossima settimana!
            Sono davvero contento di aver dovuto attendere così poco per rivedere un episodio di questa serie che, già dalla sua prima storia, si è rivelata veramente interessante e appassionante!  :inLove:

            *

            Samu
            Diabolico Vendicatore
            PolliceSu   (1)

            • ****
            • Post: 1501
            • Amante del bel fumetto
              • Offline
              • Mostra profilo
            PolliceSu   (1)
              Re:Vito Stabile
              Risposta #485: Giovedì 9 Giu 2022, 18:48:49
              Premessa: qualche giorno fa ho voluto rileggermi una storia scritta da Vito con Paperino protagonista e pubblicata qualche anno fa.
              La storia in questione è Paperino e il tele-rilancio, che gode dei bei disegni di Emilio Urbano.
              Pensavo nei giorni scorsi di poterle dedicare un commento apposito ripescando il thread del Topolino in cui fu pubblicata come inedita ma impegni di studio mi hanno portato a rimandare questo mio proposito...

              Rimedio oggi, cogliendo l'occasione di parlare di una storia di Vito nel giorno del suo compleanno e che coincide con l'anniversario della nascita di Paperino, il quale oggi compie la bellezza di 88 anni dalla sua prima apparizione nel mondo Disney.
              Una bella coincidenza, che meglio non potevo sfruttare!  :rotfl:
              Premesse e coincidenze a parte, quello che voglio sottolineare in questo mio messaggio è in realtà una cosa che penso da parecchio e che non so quanto effettivamente abbia lasciato trasparire in passato dall'apprezzamento che nutro nei confronti del modo di scrivere Disney di Stabile.
              Tendenzialmente ciò che si nota di lui qui sul Forum è la capacità che dimostra nel sapere rendere al meglio un personaggio in particolare: Zio Paperone!
              Non è un mistero che lo Zione rappresenti il personaggio preferito del buon Vito e l'amore che nutre nei suoi confronti traspare - sincero e genuino - dal suo modo di calarlo nelle avventure disneyane che idea e che sceneggia, riuscendo a conferirgli un carattere tridimensionale - e per questo umano e realistico - che lo rende a tutti gli effetti paritetico al modo di comportarsi di una persona in carne ed ossa e non di un *semplice* personaggio dei fumetti, la cui funzione è soltanto quella di fare ridere i lettori e niente più.
              Vito è bravo davvero nel restituire un piglio vivido e dinamico allo Zione e questo l'ho notato sin dalle sue prime storie così come ciò emerge ugualmente in quelle più recenti.
              Eppure, io al giovane autore riconosco un altro grande merito che me lo fa apprezzare con tutto il cuore!
              E cioè la capacità di muovere in modo altrettanto genuino e pieno di potenzialità un altro personaggio dell'universo Disney e in particolare dei Paperi.
              E sì, mi riferisco proprio a Donald Duck.
              Il Paperino di Vito Stabile è forse quello che più mi ha appassionato in questi anni di letture del Topolino settimanale perché ne sa cogliere tutto ciò che me lo rende amabile.
              Prendo in considerazione proprio la storia di "Paperino e il tele-rilancio" che citavo all'inizio di questo messaggio a supporto di quanto voglio esternare.
              Ebbene, il papero che emerge da questa storia è un personaggio completo, ricco di sfaccettature e che - anche e soprattutto per questo - sento molto vicino ai miei gusti di lettore.
              È preda di vizi e di difetti banali, della vita di tutti i giorni e in cui il lettore si può riconoscere come ad esempio l'instancabile maratona televisiva che si concede giorno e notte finendo per trascurare anche gli affetti più cari come la fidanzata, solo perché non riesce a staccarsi dal vedere e rivedere le stagioni della sua serie TV preferita.
              Persona poco saggia quella che arriva a tanto, no?
              Eppure, Vito nel giro di poche tavole in questa storia nello specifico riesce a fare riscattare Paperino del suo comportamento inadatto restituendo al lettore un personaggio sfaccettato che ne sa di più di tutti quelli che si credono i più esperti nel rilancio delle serie televisive più popolari negli anni addietro e da riportare sulla cresta dell'onda nei tempi moderni.
              Gli dà saggezza, gli dà sicurezza, gli dà fiducia nei propri mezzi, lo rende protagonista della storia nel suo carattere bilanciato tra difetti e virtù, tra punti di forza e punti di debolezza...
              Gli dà tanto la capacità di commuoversi quando lo aspetta una delusione tremenda per il suo cuore di appassionato spettatore quanto quella di indignarsi nei confronti del comportamento altrui che più lo ha ferito nella sua genuinità e semplicità d'animo.
              È questo il Paperino che più mi piace leggere e che me lo rende un personaggio intrigante sin da quando l'ho conosciuto da piccolo e che leggo ancora con grande piacere grazie agli autori che lo sanno rendere e muovere al meglio come Vito è riuscito a fare in questa storia nella quale è protagonista, così come quando le usa come semplice spalla dello Zione.
              Un papero cui dà un'impronta e un carattere umano e assennato nei momenti più appropriati, dote che gli viene riconosciuta anche dai più insospettabili come lo stesso Paperone, molto spesso propenso a coglierne i lati negativi per buona parte della storia ma che alla fine è pure disposto a dichiararne platealmente e sotto agli occhi di tutti la sua saggezza e il suo valore.
              Ed è questo modo di muovere il personaggio uno dei motivi principali per cui seguo con passione le sue storie e le sue vicissitudini anche oggi che di anni ne ho quasi ventidue, con la stessa empatia e lo stesso trasporto che me lo facevano amare negli anni della mia infanzia.
              A Vito riconosco un grande merito in tutto questo e chiudo questo mio pensiero con una chiosa che mi preme sottolineare.
              Che se è vero che un personaggio come Paperino ha alle spalle ben 88 anni di carriera disneyana tra fumetti e animazione, d'altra parte con storie come "Paperino e il tele-rilancio" e con autori capaci e brillanti come Vito questo stesso personaggio non ha paura di risultare vecchiotto, demodé oppure esaurito nel suo potenziale.
              Perché storie come quella che ho abbondantemente citato restituiscono al personaggio una vitalità che lo rendono giovane ai giorni nostri e amabile dai lettori e dagli appassionati del mondo Disney nel nostro attuale presente, un interprete senza età di valori positivi e di un carattere sfaccettato in cui ci di può largamente riconoscere non solo nelle proprie virtù ma anche nelle proprie debolezze e nei lati meno virtuosi del proprio carattere.

              Grazie Vito e grazie Paperino,
              senza di voi avrei meno bellezza dentro oggi e il mondo Disney non mi avrebbe restituito parte di quella stessa bellezza e di quella passione che ricordo con più affetto quando penso all'amore che nutro nei confronti del Fumetto disneyano.
              Buon compleanno Vito e tanti Auguri al papero in blusa da marinaio che oggi spegne un numero considerevole di candeline ma che rimarrà giovane nel cuore e sempre attuale finché ci saranno autori bravi come Vito Stabile a scrivere per loro le avventure più simpatiche, riuscite e memorabili per noi affezionati lettori del mondo Disney!  ;)

               

              Dati personali, cookies e GDPR

              Questo sito per poter funzionare correttamente utilizza dati classificati come "personali" insieme ai cosiddetti cookie tecnici.
              In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni.
              Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai trovare il dettaglio di quanto riassunto in queste righe.

              Per continuare con la navigazione sul sito è necessario accettare cliccando qui, altrimenti... amici come prima! :-)