Logo PaperseraPapersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
TopoOscar 2022
Le nostre recensioni
4.5 | |
3 | |
3.5 | |
4.5 | |
4.5 | |
3 | |
4 | |
4 | |
4.5 | |
3 | |
4 | |
5 | |

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Mickey Mouse
Sceriffo di Valmitraglia
PolliceSu

  • ***
  • Post: 332
  • Gottfredson e Walsh = Epopea
    • Offline
    • Mostra profilo
PolliceSu
    Re: Bill Walsh
    Risposta #60: Martedì 18 Gen 2011, 18:34:32
    Io la macchina toc-toc e il terraplano le ho sempre considerate delle ottime storie, che forse non reggono il confronto con storie migliori scritte da Walsh, ma che sono gradevlissime, secondo me.

    Il fatto della ripetitività delle situazioni comunque è giustificabile dato che le storie venivano progettate passo per passo, ed essendo vietato l'uso della voce narrante del fumetto, Walsh, per far ricordare ai lettori di allora ciò che era avvenuto nelle strisce precedenti, dovette far compiere ai personaggi azioni ripetitive.
    15 novembre 1976: l'ultima striscia di Floyd Gottfredson, l'Uomo dei Topi.
    Grazie, Floyd.


    *

    Andrea87
    Uomo Nuvola
    PolliceSu

    • ******
    • Post: 6566
    • Il terrore di Malachia!
      • Offline
      • Mostra profilo
    PolliceSu
      Re: Bill Walsh
      Risposta #61: Mercoledì 19 Gen 2011, 02:03:44
      Non so voi, ma spesso mentre leggevo molte avventure scritte da Walsh, ad un certo punto mi veniva da chiedermi se stesse raccontando una storia disney, provo un certo senso estraniante.

      In effetti, se ci fate caso, raramente usa personaggi canonici (topolino pippo e pietro sono quelli più frequenti), mentre i personaggi di contorno erano umanoidi e quasi mai animali antropologizzati e questa è una delle cose che più risaltano agli occhi quando vado a leggere invece gli ultimi volumi de "Gli Anni d'Oro di Topolino" (i primi cioè del lavoro di Gottfredson), dove Topolinia è composta esclusivamente da animali.



      comunque, fosse vivo ai giorni nostri, lo vedrei benissimo come autore dei Griffin, capace come era di saltare di "palo in frasca" da una striscia all'altra spaziando dall'avventura tradizionale alla fantascienza al gotico (esattamente come i griffin passano da una gag all'altra spesso senza un vero filo logico :D)
      Nel tempo dell'inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario (G. Orwell)

      *

      pkthebest
      --
      PolliceSu

      PolliceSu
        Re: Bill Walsh
        Risposta #62: Mercoledì 19 Gen 2011, 08:46:36
        Non so voi, ma spesso mentre leggevo molte avventure scritte da Walsh, ad un certo punto mi veniva da chiedermi se stesse raccontando una storia disney, provo un certo senso estraniante.

        In effetti, se ci fate caso, raramente usa personaggi canonici (topolino pippo e pietro sono quelli più frequenti), mentre i personaggi di contorno erano umanoidi e quasi mai animali antropologizzati e questa è una delle cose che più risaltano agli occhi quando vado a leggere invece gli ultimi volumi de "Gli Anni d'Oro di Topolino" (i primi cioè del lavoro di Gottfredson), dove Topolinia è composta esclusivamente da animali.



        comunque, fosse vivo ai giorni nostri, lo vedrei benissimo come autore dei Griffin, capace come era di saltare di "palo in frasca" da una striscia all'altra spaziando dall'avventura tradizionale alla fantascienza al gotico (esattamente come i griffin passano da una gag all'altra spesso senza un vero filo logico :D)


        Verissimo, però la Topolinia molto umana non mi ha mai lasciato perplesso più di tanto... Ci può anche stare, direi!

        *

        Mickey Mouse
        Sceriffo di Valmitraglia
        PolliceSu

        • ***
        • Post: 332
        • Gottfredson e Walsh = Epopea
          • Offline
          • Mostra profilo
        PolliceSu
          Re: Bill Walsh
          Risposta #63: Mercoledì 19 Gen 2011, 17:24:42
          Mi pare comunque molto triste che i suoi film siano sempre stati considerati noiosi e piatti...
          A me sono sembrati degli ottimi film, con livelli pari a quelli delle storie a fumetti. Un vero peccato che non abbia avuto il successo che meritava.
          15 novembre 1976: l'ultima striscia di Floyd Gottfredson, l'Uomo dei Topi.
          Grazie, Floyd.


          *

          Andrea87
          Uomo Nuvola
          PolliceSu   (1)

          • ******
          • Post: 6566
          • Il terrore di Malachia!
            • Offline
            • Mostra profilo
          PolliceSu   (1)
            Re: Bill Walsh
            Risposta #64: Giovedì 20 Gen 2011, 16:13:35
            Mi pare comunque molto triste che i suoi film siano sempre stati considerati noiosi e piatti...
            A me sono sembrati degli ottimi film, con livelli pari a quelli delle storie a fumetti. Un vero peccato che non abbia avuto il successo che meritava.

            intendi i meravigliosi "Mary Poppins", "Il Fantasma del Pirata Barbanera", Pomi d'Ottone e Manici di Scopa", "Herbie", "FBI Operazione Gatto" e altri che al momento non mi sovvengono? :P
            Nel tempo dell'inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario (G. Orwell)

            *

            Mickey Mouse
            Sceriffo di Valmitraglia
            PolliceSu

            • ***
            • Post: 332
            • Gottfredson e Walsh = Epopea
              • Offline
              • Mostra profilo
            PolliceSu
              Re: Bill Walsh
              Risposta #65: Giovedì 20 Gen 2011, 16:39:34
              Mary Poppins, no.
              Gli altri, sì.
              15 novembre 1976: l'ultima striscia di Floyd Gottfredson, l'Uomo dei Topi.
              Grazie, Floyd.


              *

              pkthebest
              --
              PolliceSu

              PolliceSu
                Re: Bill Walsh
                Risposta #66: Giovedì 20 Gen 2011, 16:47:40
                FBI Operazione Gatto sarebbe un film piatto?!? Ma se è tra i miei preferiti (vedi scena del drive in!)?

                Come si fa a dire che è piatto un film del genere? Chi lo dice, con tale sicumera, magari neanche plutocratica?!? >:(

                *

                Mickey Mouse
                Sceriffo di Valmitraglia
                PolliceSu

                • ***
                • Post: 332
                • Gottfredson e Walsh = Epopea
                  • Offline
                  • Mostra profilo
                PolliceSu
                  Re: Bill Walsh
                  Risposta #67: Giovedì 20 Gen 2011, 16:54:00
                  A memoria, ricordo alcune recensioni (no ricordo dove, forse su MyMovies) che dicevano che il film "era un'ottimo rimedio contro l'insonnia". Ma forse mi sto confondendo.
                  Comunque, sono sicuro di aver letto vari commenti che criticavano i film.
                  15 novembre 1976: l'ultima striscia di Floyd Gottfredson, l'Uomo dei Topi.
                  Grazie, Floyd.


                  *

                  Andrea87
                  Uomo Nuvola
                  PolliceSu   (2)

                  • ******
                  • Post: 6566
                  • Il terrore di Malachia!
                    • Offline
                    • Mostra profilo
                  PolliceSu   (2)
                    Re: Bill Walsh
                    Risposta #68: Venerdì 21 Gen 2011, 07:35:37
                    A memoria, ricordo alcune recensioni (no ricordo dove, forse su MyMovies) che dicevano che il film "era un'ottimo rimedio contro l'insonnia". Ma forse mi sto confondendo.
                    Comunque, sono sicuro di aver letto vari commenti che criticavano i film.

                    e quindi, non sei capace di pensare con la tua testa? ::)
                    Nel tempo dell'inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario (G. Orwell)

                    *

                    FL0YD
                    Dittatore di Saturno
                    PolliceSu

                    • *****
                    • Post: 3147
                    • non sono uomini che muoiono, ma mondi
                      • Offline
                      • Mostra profilo
                    PolliceSu
                      Re: Bill Walsh
                      Risposta #69: Venerdì 21 Gen 2011, 16:04:25
                      Forse mi sono perso, o forse s'è perso qualcun altro...

                      Sbaglio o MickeyMouse ha "solo" detto che è un peccato che i film di Walsh non abbiano ricevuto il successo meritato, a parte Mary Poppins? E. di fronte allo stupore di pkthebest (che in parte condivido: anche a me i film di Walsh, lontani dall'essere capolavori, sono sempre sembrati così belli e divertenti che trovo impossibile che possano non piacere), ha citato a sostegno di questa tesi un caso ("FBI operazione gatto") in cui qualcuno (un circuito forse non così raffinato nel fare critiche, ma con una certa visibilità come MyMovies) lo ha definito un film noioso.
                      Poi magari MickeyMouse si sbaglia/confonde e non è così (in effetti su MyMovies non ho trovato questa critica, ma nulla vieta ci sia o che l'abbia letta altrove), ma la sua posizione mi sembrava chiara ("ottimi film, con livelli pari a quelli delle storie a fumetti").
                      --- Andrea

                      *

                      Mickey Mouse
                      Sceriffo di Valmitraglia
                      PolliceSu   (1)

                      • ***
                      • Post: 332
                      • Gottfredson e Walsh = Epopea
                        • Offline
                        • Mostra profilo
                      PolliceSu   (1)
                        Re: Bill Walsh
                        Risposta #70: Venerdì 21 Gen 2011, 16:24:56
                        Sì, il mio pensiero è quello che hai detto tu, più o meno.
                        Ma non ho detto che Mary Poppins non mi piacesse! Ho detto semplicemente che ho letto dei commenti negativi su tutti i film di Walsh, tranne appunto Mary Poppins che è sempre stato considerato un grandissimo film.
                        15 novembre 1976: l'ultima striscia di Floyd Gottfredson, l'Uomo dei Topi.
                        Grazie, Floyd.


                        *

                        FL0YD
                        Dittatore di Saturno
                        PolliceSu

                        • *****
                        • Post: 3147
                        • non sono uomini che muoiono, ma mondi
                          • Offline
                          • Mostra profilo
                        PolliceSu
                          Re: Bill Walsh
                          Risposta #71: Venerdì 21 Gen 2011, 16:30:00
                          Ma non ho detto che Mary Poppins non mi piacesse! Ho detto semplicemente che ho letto dei commenti negativi su tutti i film di Walsh, tranne appunto Mary Poppins che è sempre stato considerato un grandissimo film.
                          Ehm... avrò scritto male, ma era proprio quello che volevo dire: che il tuo discorso esulava da Mary Poppins, dato che era evidente che il giusto riconoscimento lo aveva ricevuto.

                          Questa discussione ormai è segnata dai fraintendimenti plurimi :D
                          --- Andrea

                          *

                          Dominatore delle Nuvole
                          Diabolico Vendicatore
                          PolliceSu   (8)

                          • ****
                          • Post: 1429
                          • Guazzabù!
                            • Offline
                            • Mostra profilo
                          PolliceSu   (8)
                            Re: Bill Walsh
                            Risposta #72: Mercoledì 20 Lug 2016, 13:26:28
                            Bill Walshfredson, o l'umorismo in agguato.

                            Quello di Bill Walsh (e dell'insostituibile Floyd Gottfredson alle matite, con il quale si crea una delle più venerate e leggendarie simbiosi del fumetto Disney, paragonabile solo a Chendi/Bottaro e Pezzin/Cavazzano; da cui la fusione dei due nomi) è un umorismo diverso da tutti gli altri umorismi Disney. Non è un umorismo d'assalto, soprattutto, come quello del Topolino originario o quello, che so, di Silvia Ziche (per prendere due estremi temporali, molto diversi fra loro). Non è un umorismo di maniera, del resto, di quello propinato dagli autori dell'era Muci (e anche da molti dell'era De Poli), subordinato a poche battute e situazioni classiche e schiacciato dall'incuria del linguaggio e della messa in scena.
                            Quello di Bill Walsh e Floyd Gottfredson è un umorismo tipicamente da strisce, che però si muove per trappole. Se in precedenza la striscia aveva un meccanismo più serrato, del tipo ripresa-azione-sorpresa, qui capita talvolta che l'azione manchi del tutto, lasciando il posto ad un altro elemento, sinora mai così accentuato. L'osservazione.
                            Il Topolino di Bill Walsh (e Floyd Gottfredson) è un viaggiatore instancabile, spesso non per sua volontà ma comunque instancabile, come lo era sempre stato, e combatte le ingiustizie come e più di sempre; ma sono ingiustizie che quasi mai lo riguardano da vicino: non c'è nessuno zio Volabasso o capitano Radimare, nessun padre di Minni da aiutare, nessuna minaccia diretta come i ricatti domestici di Silvestro Lupo; ma se mai sono Giac e Gas a prelevarlo di peso dal letto, in una memorabile scena con Pippo, e trascinarlo in una delle sue avventure più pericolose, in cui rischierà più volte di finire "bucato":




                            Oppure, sarà il piccolo Wing Ding a trasportarlo giù a capofitto con il terraplano a combattere contro i terribili esseri a due dimensioni. E il bello è che Topolino, controvoglia, tirato dentro suo malgrado ma costituzionalmente incapace di dire di no, di volta in volta prende su di sé il destino e la libertà di popoli interi.
                            Ma attenzione: il Topolino di Walsh (e Gottfredson) è precisamente l'antitesi (e l'antidoto, mi sia permesso) agli aniteroi-eroi che, scontrosi, inquieti e minimalisti per tutta la storia, fumano la loro sigaretta, salvano il mondo e tornano a bere per dimenticare. Il Topolino di Walsh è sorridente, positivo come lo è sempre stato, e soprattutto, molto più che in origine, è gentile.
                            Ma come? Un martiniano come te elogia la gentilezza, il buon carattere di un personaggio? Sì, perché quel personaggio è Topolino, e Topolino è il personaggio, l'unico, fra tutti, che ha le carte per essere un modello. E il fatto che con questo carattere così universale, illuminato, eppure talvolta pensieroso al limite dello schivo, coraggioso e deciso come pochi (ricordiamolo in Mook al cospetto di Gambadilegno - la firma di Eli) eppure quasi tenero quando prende a pugni qualcuno con la furia di un nanerottolo, il fatto che questa persona viva fra avventure più belle e imprevedibili, pericolose e affascinanti del fumetto Disney, è tutt'altro che strano: il Tesoro di Mook, il Terraplano, il Buffone del Re, la Scarpa magica, il Deserto del nulla, la Città subacquea e la Mosca Zeta-Zeta, e ancora...
                            E poi ricordiamo l'Orfanello riformato, in cui viceversa la vicenda resta tutta in città ma si tinge di surreale, ridicolo e inquietante, tutto insieme.
                            E poi ci sono le storie in cui il pericolo non è esotico né domestico, né cercato né imposto. Semplicemente non c'è. È il caso di Topolino e l'uomo del 2000, storia-miracolo in cui l'unico vero pericolo è rappresentato dai due scienziati, testimoni del fatto che, dopo l'Uomo Nuvola, la scienza va assomigliando a una manica di incorreggibili manipolatori. Ma per il resto la storia di Eta Beta è tutta filosofica, spiazzante, per situazioni, e soprattutto terribilmente divertente.

                            Ed eccoci alla frase di apertura: Bill Walsh o l'umorismo in agguato; in questa storia, come in tante altre, la risata è veicolata dalla stranezza, dallo stupore, dall'inatteso, che si fa di volta in volta ridicolo, catastrofico, filosofico; e così pure nel Terraplano Topolino scopre una civiltà nuova attraverso continui capovolgimenti del punto di vista (anche del corpo, in realtà...), frecciatine alla società, ironia sulle situazioni, il tutto con un'eleganza che farebbe invidia a qualunque sceneggiatore.
                            E la celestiale battuta de La banda della morte: "Io dono un milione e... ne rubo cinquanta, capite?", che mi ha fatto capire tante ma tante cose su tanta gente; e che compensa una certa "americanità" forse un po' superficiale di cui i due autori vengono talvolta accusati non senza qualche ragione, insieme a Barks, nel loro trattamento dell'estero (che pure - Mook - riserva comunque delle perle almeno comiche).

                            Uno degli umorismi più sottili e pervasivi che conosca, personalmente, e che personalmente adoro. Un umorismo, appunto, che prende in trappola il lettore (in ciò perfettamente in sintonia con la struttura a strisce), che gli tende un agguato ad ogni passo, accompagnandolo dall'inizio alla fine (che fine poi non è, perché la striscia successiva inizia un altro capolavoro) persino nei nodi fondamentali della trama.

                            Bill Walsh è parte integrante del mito di Gottfredson e Floyd Gottfredson è parte integrante dell'arte di Walsh.
                            Ed io personalmente mi sono formato fumettisticamente (e mi formo tuttora) sulle storie dei due Grandi ristampate sui Grandi Classici, nelle quali ho trovato tanto buonumore, tanta avventura, e persino - più o meno in parte - me stesso:




                             ;D
                            « Ultima modifica: Mercoledì 20 Lug 2016, 13:33:12 da A.Basettoni »

                            *

                            Monkey_Feyerabend
                            --
                            PolliceSu

                            PolliceSu
                              Re: Bill Walsh
                              Risposta #73: Mercoledì 20 Lug 2016, 14:40:23
                              Però lì il pippoide sta facendo dell'analisi. Tu dovresti essere dalle parti della geometria algebrica se ricordo bene.

                              (scusate, confidenze tra matematici, piccoli pessimi uomini nuvola  ;D)



                              Uno degli umorismi più sottili e pervasivi che conosca, personalmente, e che personalmente adoro. Un umorismo, appunto, che prende in trappola il lettore (in ciò perfettamente in sintonia con la struttura a strisce), che gli tende un agguato ad ogni passo, accompagnandolo dall'inizio alla fine (che fine poi non è, perché la striscia successiva inizia un altro capolavoro) persino nei nodi fondamentali della trama.

                              Vedi che anche un martiniano come te ci arriva che l'umorismo deve aderire al formato fumettistico per funzionare. Quello che qui tu chiami "umorismo pervasivo" io lo chiamo "umorismo".
                              « Ultima modifica: Mercoledì 20 Lug 2016, 16:16:54 da Monkey_Feyerabend »

                              *

                              Dominatore delle Nuvole
                              Diabolico Vendicatore
                              PolliceSu

                              • ****
                              • Post: 1429
                              • Guazzabù!
                                • Offline
                                • Mostra profilo
                              PolliceSu
                                Re: Bill Walsh
                                Risposta #74: Mercoledì 20 Lug 2016, 16:32:30
                                Però lì il pippoide sta facendo dell'analisi. Tu dovresti essere dalle parti della geometria algebrica se ricordo bene.

                                (scusate, confidenze tra matematici, piccoli pessimi uomini nuvola  ;D)

                                Infatti è un "più o meno in parte". :P Topologia algebrica, comunque. Con una grande passione per la logica.


                                Per l'altra cosa, vedi post due piani più in basso. ;)
                                « Ultima modifica: Mercoledì 20 Lug 2016, 16:33:10 da A.Basettoni »

                                 

                                Dati personali, cookies e GDPR

                                Questo sito per poter funzionare correttamente utilizza dati classificati come "personali" insieme ai cosiddetti cookie tecnici.
                                In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni.
                                Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai trovare il dettaglio di quanto riassunto in queste righe.

                                Per continuare con la navigazione sul sito è necessario accettare cliccando qui, altrimenti... amici come prima! :-)