Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
3 | |
4 | |
5 | |
4 | |
3 | |
3 | |
4 | |
3 | |
2 | |
4 | |
3 | |
4 | |
Grandi Autori 90 – Topolino Writers Edition: Alessandro Sisti - Recensione di Manuel Crispo

Ha scritto Yukio Mishima: «L’istante in cui finisce un bacio è carico del malinconico dispiacere che comporta un risveglio forzato». Proprio come un bacio al culmine di una tiepida serata estiva, anche la collana denominata Writers Edition si conclude lasciando in noi un misto di emozioni contrastanti. Questo quarto volume, dedicato ad Alessandro Sisti, presenta due volte la parola “maestro”, che ritroviamo sia in copertina che in controcopertina, nelle parole del caporedattore Davide Catenacci. Non è scopo del presente articolo ragionare su cosa sia un maestro e se il brillante sceneggiatore lombardo meriti di essere definito tale (in questo caso sarebbe, secondo chi scrive, un maestro senza allievi all’altezza) ma ammetto di essere rimasto colpito da questa attestazione di stima. Un bel verde cinabro è il colore scelto per questo volume conclusivo che, nelle sue consuete 292 pagine, ci offre una selezione di nove storie preceduta da una prefazione di Gianni Bono, fondatore di Edizioni IF, in cui racconta il suo primo incontro con il futuro sceneggiatore; si chiude il tutto con una postfazione dello stesso Sisti. Come già accaduto per il primo volumetto della Writers Edition, il disegno di copertina è riciclato non da una storia interna, ma prelevato di peso da I Grandi Classici Disney 275 del 2009 e, di conseguenza, non rispondente in alcun modo al contenuto del volume. La prima avventura proposta è la divertente Zio Paperone e il premio… povertà illustrata da Massimo Dotta: pubblicata originariamente nel gennaio 1982, questa storia dallo svolgimento non proprio imprevedibile e dai disegni a dir poco datati rappresenta la primissima sceneggiatura Disney per l’autore lombardo ed è qui inclusa per ovvi e apprezzabili motivi. Metafumetto purissimo Diverso è il caso dell’interessantissima Topolino e il caso dei fumetti solidi, di due anni successiva. In questa bizzarra avventura, che considero una delle sue vette artistiche e che vede protagonisti Topolino e un Pippo in forma smagliante, Sisti si diverte a giocare con le potenzialità del medium, fra linee cinetiche solide, balloon potenzialmente letali e ben quattro tavole in bianco e nero per ragioni narrativamente impeccabili. Ai disegni di questo geniale thriller meta-fumettistico (che già da solo vale il prezzo dell’albo) un efficace Sandro Dossi, adeguato anche nelle scene di obbligato dinamismo. Per ciò che riguarda questo volume, Il caso dei fumetti solidi può essere considerato parte di una “trilogia ideale” caratterizzata dalla tematica fantascientifica e dalla determinante presenza del professor Enigm. Personalmente non disdegnerei una versione estesa e ridisegnata di questa storia, un “nuovo cut” nel quale Sisti possa divertirsi ancora di più, e noi con lui. A seguire la simpatica Paperino e il veloce velocipede del 1990, con soggetto di Guido Martina e disegni di un ottimo Valerio Held, apprezzabile per il ritmo sostenuto e per il parziale twist finale che dà un tocco di originalità a una storia di fatto molto semplice. Torniamo ai capolavori con la storia che considero a mani basse la migliore del volume: edita nel 1993, disegni di un impeccabile Massimo De Vita, Il fantasma di Topolino è la mia storia preferita di Sisti al di fuori del suo lavoro su PKNA. Lo spunto di partenza è assolutamente originale, ma lo sceneggiatore lombardo è eccezionale soprattutto nel riuscire a svilupparlo esplorando tutte le possibilità che questo offre, al punto che anche il lettore più esigente si ritrova alla fine del tutto sazio. Un velo di tensione, un bel po’ di malinconia, una sana dose di violenza e qualche ottima gag rendono Il fantasma di Topolino una delle mie storie Disney italiane preferite degli ultimi anni. Seconda apparizione di Enigm in questo volume, lo ritroveremo poi in un’altra splendida occasione. Tsk! Tsk! Subito dopo possiamo apprezzare una parodia non dichiarata di Dylan Dog, Topolino e il talismano elfico. Numerose le citazioni al celebre personaggio bonelliano, frontespizio, font e il tema stesso della storia, legata al mondo dell’occulto e della magia. Splendidi i disegni di De Vita, per un giallo fantasy estremamente interessante con una Minni ben utilizzata e una gestione dell’“aspetto indagine” impeccabile, cosa che sulle pagine del settimanale non si vede ormai da diversi anni. Simpatiche anche le tre avventure successive, veloci e ricche di citazioni: Paperino e il Grande Zio del 2000, disegni di Lara Molinari; la non riuscitissima Topolino e l’ora illegale del 2010, illustrata da Ettore Gula (che si fa apprezzare anche solo per la gag finale e per la presenza dei comprimari del Commissariato di Topolinia, purtroppo mere comparse); Qualcuno volò dal nido del Bassotto del 2014, disegnata da Giada Perissinotto. La perfetta regia di Cavazzano Ultima storia, ultimo capolavoro, ultima apparizione del professor Enigm in questo volume: si tratta di Topolino e il naufrago dell’abisso, saggiamente posizionata in chiusura nonostante sia del 2011 e quindi precedente al Nido del Bassotto. Seconda miglior storia di questa selezione, di pochissimo inferiore al Fantasma di Topolino, questa avventura vede la compresenza di un soggetto interessantissimo, di uno svolgimento ricco di tensione e dei disegni di un Giorgio Cavazzano all’apice della propria bravura tecnica: le tavole sono ricche di sfumature, la “regia” è una gioia per gli occhi e per il cuore. Perfetto il finale. Chiude il volume, come detto, una simpatica postfazione di Sisti in cui spiega un po’ il criterio scelto per selezionare le storie. In apertura di recensione ho parlato di emozioni contrastanti. Non c’è dubbio, per quanto mi riguarda, che vi sia un abisso qualitativo fra i primi due e gli ultimi due numeri di questa collana. Banale e poco ragionata la selezione delle storie di Pezzin e Martina, interessanti gli albi dedicati a Salvagnini e a Sisti, l’ultimo dei quali si presta forse ad essere definito il migliore dei volumi Writers. È la conclusione “al bacio” di una serie nel complesso non esaltante, il miglior modo che ha attualmente a disposizione un nuovo lettore per conoscere lo stile, le passioni e i personaggi di Alessandro Sisti, autore dotato di una solidità incredibile, capace di generare soggetti di estrema originalità e sceneggiature blindate, dal ritmo perfetto e ricche di dettagli (spesso scientifici) che a fine lettura sanno lasciarci soddisfatti e, perché no, felici. Ma alla felicità si mescola il malinconico dispiacere per una collana che avrebbe potuto e forse dovuto dare molto di più. Se non altro, per rispetto ai grandi nomi coinvolti. Vorrei concludere questa mia disamina con una piccola nota relativa al cofanetto dedicato ai quattro volumi Writers. Da tempo Panini non realizzava un prodotto del genere per una serie Special Edition e, visto il risultato finale, sarebbe stato meglio proseguire su quella linea. Il cofanetto cartonato risulta scomodo (i volumi vanno inseriti o estratti dall’alto), presenta una incomprensibile “finestra” che lascia di fatto sguarnita una buona porzione della costa degli albi e, per di più, nel realizzare il motivo colorato che dovrebbe andare a continuarsi con le coste stesse sono stati invertiti Martina (rosso) con Pezzin (giallo), modificando l’ordine delle uscite nella logica estetica del cofanetto stesso. Si spera che in futuro l’editore riesca a confezionare un prodotto più curato e dotato di maggiore senso.

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (11)
Esegui il login per votare

Il giochetto dei film Disney

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Ciube27
Papero del Mistero
   (1)

  • **
  • Post: 208
  • Una posa così meriterebbe almeno una foto ricordo!
    • Offline
    • Mostra profilo
   (1)
    Re:Il giochetto dei film Disney
    Risposta #2325: Lunedì 9 Lug 2018, 10:29:51
    Gli Aristogatti?
    Lettore convinto...

    *

    Tapirlongo Fiutatore
    Pifferosauro Uranifago

    • ***
    • Post: 492
    • Orrido bestio!
      • Offline
      • Mostra profilo

      Re:Il giochetto dei film Disney
      Risposta #2326: Lunedì 9 Lug 2018, 11:38:29
      Neppure. Altro indizio: è un film del decennio seguente
      Sérait-t-il impossible de vivre debout?

      *

      Mortimer.M
      Sceriffo di Valmitraglia
         (1)

      • ***
      • Post: 293
      • SShhhh
        • Offline
        • Mostra profilo
         (1)
        Re:Il giochetto dei film Disney
        Risposta #2327: Lunedì 3 Set 2018, 14:21:00


        Ovviamente sì, a te! :)

        "Il fortissimo duo è diventato un fortissimo assolo."
        Oliver & Company?

        *

        Tapirlongo Fiutatore
        Pifferosauro Uranifago
           (1)

        • ***
        • Post: 492
        • Orrido bestio!
          • Offline
          • Mostra profilo
           (1)
          Re:Il giochetto dei film Disney
          Risposta #2328: Lunedì 3 Set 2018, 18:47:43
          Sérait-t-il impossible de vivre debout?

          *

          Mortimer.M
          Sceriffo di Valmitraglia
             (1)

          • ***
          • Post: 293
          • SShhhh
            • Offline
            • Mostra profilo
             (1)
            Re:Il giochetto dei film Disney
            Risposta #2329: Martedì 11 Set 2018, 09:51:25
            Ecco qua, abbastanza semplice da ricordare, se avete visto il cartone:

            "ridete, la vita è dura... bevete, senza paura"

            *

            Tapirlongo Fiutatore
            Pifferosauro Uranifago

            • ***
            • Post: 492
            • Orrido bestio!
              • Offline
              • Mostra profilo

              Re:Il giochetto dei film Disney
              Risposta #2330: Martedì 11 Set 2018, 10:26:19
              Ecco qua, abbastanza semplice da ricordare, se avete visto il cartone:

              "ridete, la vita è dura... bevete, senza paura"

              Basil l'investigatopo?
              Sérait-t-il impossible de vivre debout?

              *

              Mortimer.M
              Sceriffo di Valmitraglia
                 (1)

              • ***
              • Post: 293
              • SShhhh
                • Offline
                • Mostra profilo
                 (1)
                Re:Il giochetto dei film Disney
                Risposta #2331: Martedì 11 Set 2018, 11:00:39
                Esattamente!

                *

                Tapirlongo Fiutatore
                Pifferosauro Uranifago
                   (1)

                • ***
                • Post: 492
                • Orrido bestio!
                  • Offline
                  • Mostra profilo
                   (1)
                  Re:Il giochetto dei film Disney
                  Risposta #2332: Mercoledì 12 Set 2018, 09:38:11
                  "Si può sempre averne più di niente."
                  Sérait-t-il impossible de vivre debout?

                  *

                  Maximilian
                  Dittatore di Saturno
                     (1)

                  • *****
                  • Post: 3590
                  • Innamorato di Bill Walsh
                    • Offline
                    • Mostra profilo
                     (1)
                    Re:Il giochetto dei film Disney
                    Risposta #2333: Domenica 28 Ott 2018, 15:33:49
                    E' degli anni '70?

                    *

                    Tapirlongo Fiutatore
                    Pifferosauro Uranifago
                       (1)

                    • ***
                    • Post: 492
                    • Orrido bestio!
                      • Offline
                      • Mostra profilo
                       (1)
                      Re:Il giochetto dei film Disney
                      Risposta #2334: Martedì 20 Nov 2018, 10:41:29
                      E' degli anni '70?

                      No.
                      È un film degli anni '50.
                      Sérait-t-il impossible de vivre debout?

                      *

                      bunny777
                      Ombronauta
                         (1)

                      • ****
                      • Post: 746
                      • Strapapero
                        • Offline
                        • Mostra profilo
                         (1)
                        Re:Il giochetto dei film Disney
                        Risposta #2335: Martedì 20 Nov 2018, 10:59:44
                        Il Tenente Comandante Worf in "Star Trek - Primo Contatto".
                        Lo so, non è Disney, ma la tentazione è stata forte e ho ceduto.
                        Scusate l'intromissione.


                        *

                        Grande Tiranno
                        Ombronauta

                        • ****
                        • Post: 777
                        • Sfortunato creaturo!
                          • Online
                          • Mostra profilo

                          Re:Il giochetto dei film Disney
                          Risposta #2336: Martedì 3 Nov 2020, 16:59:57
                          "Si può sempre averne più di niente."
                          Alice nel Paese delle Meraviglie.

                          Ciao!

                          Il Grande Tiranno
                          Catturamento Catturamento!

                           

                          Dati personali, cookies e GDPR

                          Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                          Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                          Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.