Logo PaperseraPapersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato

Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - Grande Tiranno

Pagine: [1]  2  3  ...  199 
1
Off Topic / Re:Calcio: campionato, coppe, Nazionale 2023/2024
« il: Martedì 16 Lug 2024, 01:10:54 »
🇪🇦🇪🇦🇪🇸

2
Off Topic / Re:Calcio: campionato, coppe, Nazionale 2023/2024
« il: Giovedì 11 Lug 2024, 13:41:57 »
Tre anni fa il calcio lo abbiamo salvato noi.
Ora tocca agli spagnoli.

Forza Furie Rosse!

Perché "salvato"? :-?
Abbiamo impedito agli inglesi di vincere!   :tongue:

3
Off Topic / Re:Calcio: campionato, coppe, Nazionale 2023/2024
« il: Giovedì 11 Lug 2024, 11:22:50 »
Tre anni fa il calcio lo abbiamo salvato noi.
Ora tocca agli spagnoli.

Forza Furie Rosse!

4
Off Topic / Re:Calcio: campionato, coppe, Nazionale 2023/2024
« il: Mercoledì 10 Lug 2024, 01:30:46 »
Punto in un remake della finale della Coppa del Mondo del 2010, purtroppo con lo stesso esito a favore degli spagnoli.

5
Topolino / Topolino 3575
« il: Mercoledì 3 Lug 2024, 14:48:07 »
Recensione Topolino 3575


 Topolino 3575 si caratterizza come uno dei numeri meno riusciti dell’ultimo periodo. La copertina, disegnata da Ivan Bigarella e colorata da Andrea Cagol, è comunque ottima, dedicata a quella che ritengo essere la storia migliore dell’albo. 

 Zio Paperone e l’oro trasmigrante ci offre una classica caccia al tesoro con i paperi protagonisti. Bruno Enna dimostra come si possano ancora scrivere storie da inserire in questo filone, ultimamente un po’ trascurato, senza risultare banali e ripetitivi. Il tutto in sole ventidue tavole, illustrate da un buon Giampaolo Soldati.

 Quando si parla di caccia al tesoro nell’ambito della produzione fumettistica disneyana, soprattutto in Italia, il pensiero non può che andare a Rodolfo Cimino. Le sue sceneggiature presentavano degli stilemi caratteristici: i romiti, i mezzi speciali, le strane popolazioni in cui si imbattevano i personaggi. Per molto tempo, prima e dopo la sua scomparsa, si è fatto l’errore di sovrapporre il suo modo di intendere e proporre questo genere di storie con il genere stesso.  

 
C’era davvero bisogno di spiegarlo?[/size][/i]

 Intendiamoci: sono un grande estimatore di Cimino, lo ritengo uno dei più grandi Maestri della scuola italiana, e adoro le sue cacce al tesoro, tuttavia credo che Enna abbia fatto bene a distaccarsi dalle caratteristiche tipiche sopra citate. Questa nuova avventura non è una storia dal sapore ciminiano: ha qualche elemento in parte debitore di quella poetica, specialmente l’azzeccatissimo finale portatore di un importante messaggio fortunatamente non espresso con pedanteria, ma in generale se ne allontana abbastanza, svelando l’esistenza di potenzialità che il genere potrà ancora esprimere in futuro.

 Il resto del numero, purtroppo, non offre spunti altrettanto interessanti.

 La storia d’apertura, la terza della serie Cavezza di Giuseppe Zironi, non brilla rispetto alle già non riuscitissime due precedenti. Innanzitutto, permangono delle perplessità di fondo, già riscontrate nei precedenti episodi. Perché ambientare ai giorni nostri, tra smartphone e dirette streaming, storie che dovrebbero raccontare la giovinezza di un personaggio come Orazio, saldamente inserito nel contesto di Topolinia da molti decenni?

 Tuttavia, il problema principale della vicenda risiede in alcuni passaggi di trama che proprio non funzionano. Diventa praticamente impossibile per me, infatti, mantenere la sospensione dell’incredulità nel momento in cui ben tre personaggi mettono a repentaglio la propria vita per salvare un piccione, svilendo anche alcuni picchi di tensione ben rappresentati fino a quel momento. Ed è un peccato.

 È un peccato soprattutto perché ci sarebbero anche dei pregi da evidenziare. Per esempio, il personaggio di Sam Donnoletti, nuovo collaboratore di Orazio: in poche tavole Zironi riesce a tratteggiare una caratterizzazione per nulla banale come quella di una brava persona, ora in difficoltà, che vuole riscattarsi da alcune cattive azioni commesse in passato. Ma è un elemento che passa un po’ in secondo piano rispetto ad alcune illogiche sequenze narrate.

 
Un pregevole esperimento di regia, come questa bella soggettiva[/size][/i]

 La storia successiva vede invece la prosecuzione della collaborazione di Topolino con l’Archivio di Stato di Napoli. Stavolta è la fattucchiera partenopea a vestire i panni della protagonista in Amelia e la città della seta, scritta da Marco Bosco e disegnata dal sempre ottimo Blasco Pisapia.

 La trama è incentrata su di un viaggio nel tempo, nella Napoli del XVIII secolo per l’esattezza, che la strega campana compie per recuperare un abito dorato da indossare in occasione del prossimo galà delle fattucchiere. Lo spunto, pur piuttosto labile, si risolve con un paradosso spazio-temporale che ho trovato riuscito.

 Non c’è tanto altro da segnalare, se non che la caratterizzazione positiva di un’Amelia completamente disinteressata alla Numero Uno sembra percorrere il solco tracciato da Enna con la sua biologia sulle streghe vulcaniche.

 Superando l’innocua riempitiva calcistica di Bosco/Panaro, si arriva infine all’ultima storia dell’albo, la terza puntata di Area 15: La corona di Tirnan

 Anche in questo conclusivo episodio traspare l’amore dello sceneggiatore Giovanni De Feo per il mondo dei giochi di ruolo: tuttavia, non è forse abbastanza per evitare il disinteresse e la sensazione di noia che si viene a ingenerare a chi, come me, non sia particolarmente appassionato a questo passatempo. Ho apprezzato molto, in compenso, la gestione della sottotrama di Mooz, con il suo allontanamento e riavvicinamento ai tre nipotini e ai loro amici.

 Il comparto grafico è inoltre più che valido. È davvero un piacere ritrovare ormai stabilmente sul settimanale i disegni di Alessandro Pastrovicchio, e per quanto questa storia non raggiunga le vette creative e le sperimentazioni di alcune sue prove passate, abbiamo la fortuna di ammirare anche in questa occasione, per esempio, alcune splash page davvero d’impatto.



Voto del recensore: 2/5
Per accedere alla pagina originale della recensione e mettere il tuo voto:
https://www.papersera.net/wp/2024/07/03/topolino-3575/


Ora è possibile votare anche le singole storie del fascicolo, non fate mancare il vostro contributo!


6
Topolino / Re:Topolino 3577
« il: Giovedì 13 Giu 2024, 11:15:25 »
ho appena solo sfogliato il numero, ma purtroppo ho visto che è tornato licari per il redazionale sugli europei di calcio... peccato! (spero non ci siano strafalcioni)
C'è scritto letteralmente ZENIT LENINGRADO.

7
Le altre discussioni / Re:Bloopers nei fumetti Disney...
« il: Giovedì 6 Giu 2024, 09:16:33 »
T3576, redazionale introduttivo sui 90 anni di Paperino.

Si dice ancora che Archimede prende le Car-Can per dimenticare che Paperino è Paperinik. Ma sappiamo da "Paperinikland" che non è affatto così.

Errore ripetuto nel giro di poco tempo, peraltro.
Sì, e si dice anche che l'universo di Pk sia alternativo a quello classico, cosa falsa.

8
Topolino / Re:Topolino 3573
« il: Domenica 19 Mag 2024, 12:30:22 »
Penso che il Grande Tiranno si riferisse alla censura Disney e non alla censura sul forum.
Naturalmente è così.  :D

9
Topolino / Re:Topolino 3573
« il: Domenica 19 Mag 2024, 11:21:46 »
Incredibili le polemiche per la bombetta di Rockerduck. Ci meritiamo ogni censura possibile.

10
Commenti sugli autori / Re:Casty
« il: Lunedì 13 Mag 2024, 07:02:15 »
"Mickey Mouse and the vestiges of Z" è il titolo inglese che Casty ha dato alla fanzine tedesca Bertel-Express nel 2018.
Nella tavola a matita c'era Zenda, però non so se sia precedente o successivo alla fanzine tedesca. Tra l'altro lateralmente c'è scritto pure un secondo titolo: " o il coral castle di .... (non si capisce)"
Guarda che in quella tavola il titolo è "Le vestigia di Zeda", non "Zenda". A matita mi pare ci sia scritto "qui il Coral Castle di Leedskalnin".

11
Topolino / Re:Topolino 3572
« il: Martedì 7 Mag 2024, 16:48:54 »
Spoiler: mostra
E niente, Casty mi ha fregato. Mi ha fregato alla grandissima. Che bravo che è, mancava da troppo. :heart:
Mi riservo di commentare più approfonditamente in futuro, ma ho adorato questa storia, e aspetto trepidante la prossima.

12
Commenti sulle storie / Re:La Saga della Bella Addormentata
« il: Venerdì 3 Mag 2024, 20:11:01 »
Ricapitolando, la saga in ordine cronologico degli avvenimenti si svolge così:
La notte di Fantomius (T3466-3467);
L'alba di Fantomius (T3469-3470);
Paperinik e la bella addormentata (T884-885);
Caccia a Paperinik (T3391-3392);
Paperinik, i giorni del disonore (T3460-3461);
Zio Paperone re del Klondike (T3479).
Gervasio, da un semplice MacGuffin, ha tirato fuori un intero ciclo di storie spin-off con sequel e prequel.
Il numero di tavole a fumetti è 52+52+61+46+61+42=312. Direi che uno Special Book ci starebbe bene...  :james:
Sei certo che non manchino raccordi dei classici?
Grazie mille comunque, riassunto utilissimo.

13
Testate Straniere / Re:Uncle Scrooge and the Infinity Dime
« il: Mercoledì 1 Mag 2024, 23:05:27 »
Adoro quella di Young.

14
Voglio sperare che sia una copia difettosa.

15
Topolino / Re:Topolino 3571
« il: Mercoledì 1 Mag 2024, 13:20:53 »
Di solito la seconda puntata delle storie in tre parti è quella meno riuscita: se l'inizio di un'avventura lascia spesso curiosità per il prosieguo e con il finale (se ben riuscito) si rimane con una sensazione di meraviglia e soddisfazione, è spesso difficile realizzare un ponte fra questi due episodi che risulti comunque interessante.
Casty ci è riuscito. Infatti, è veramente bella e affascinante la seconda puntata della "Spectralia", che tiene costantemente alta l'attenzione del lettore grazie a una sceneggiatura sempre movimentata e qualche piccolo colpo di scena. Casty inizia inoltre a rispondere ad alcune delle domande lasciate dal primo episodio, riservandosi così un finale probabilmente prevalentemente d'azione, come consuetudine castyana, peraltro (basti pensare al Raggio di Atlandide). Molto interessanti le rivelazioni sulle tecnologie atlantidee, ho molta curiosità per la prossima puntata.

Spoiler: mostra
Per rispondere a chi considera il ritrovamento della Spectralia troppo facile, c'è da dire che Topolino, Pippo ed Eurasia si erano perduti, e se qualcuno (presumibilmente il piubarone) non avesse acceso i fari per guidarli lì sarebbero rimasti. Inoltre essendo sulla rotta della Inkombentz, di cui Blandau NON conosceva l'ubicazione, non potevano certamente essere troppo lontani.
E poi bisogna sempre considerare che l'Antartide è enorme, è dunque perfettamente credibile che Blandau non fosse riuscito a trovare la nave e la città in anni di ricerche.

Pagine: [1]  2  3  ...  199 

Dati personali, cookies e GDPR

Questo sito per poter funzionare correttamente utilizza dati classificati come "personali" insieme ai cosiddetti cookie tecnici.
In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni.
Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai trovare il dettaglio di quanto riassunto in queste righe.

Per continuare con la navigazione sul sito è necessario accettare cliccando qui, altrimenti... amici come prima! :-)