Papersera.net

Le Pubblicazioni => Topolino => Topic aperto da: Juro - Mercoledì 29 Ago 2018, 15:07:14

Titolo: Topolino 3275
Inserito da: Juro - Mercoledì 29 Ago 2018, 15:07:14
(http://www.topolino.it/assets/COVER/1WTOPO32750.jpg)
Cover di Marco Gervasio


STORIE

Le strabilianti imprese di Fantomius – I due vendicatori (primo tempo)
Soggetto, sceneggiatura e disegni di Marco Gervasio

Topolino, Pippo e il torbido inganno
Soggetto e sceneggiatura di Marco Bosco, disegni di Giampaolo Soldati

Paperino e la marionetta simbiotica
Soggetto e sceneggiatura di Carlo Panaro, disegni di Ottavio Panaro

Zio Paperone racconta – Seccature da manuale
Soggetto e sceneggiatura di Vito Stabile, disegni di Giulio Chierchini

Gambadilegno e la scoperta dell’acqua fredda
Soggetto e sceneggiatura di Tito Faraci, disegni di Giuseppe Zironi

Le strabilianti imprese di Fantomius – I due vendicatori (secondo tempo)
Soggetto, sceneggiatura e disegni di Marco Gervasio

Terza tappa del Topotravel con Pippo, ad opera di Blasco Pisapia






Next>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> Topolino e la profezia dei Saurotechi e una nuova serie intitolata Whizzkids






Gradite del tè?
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: Mortimer.M - Mercoledì 29 Ago 2018, 16:17:19
Questa storia di Fantomius ci sarà nel prossimo (e ultimo, allo stato attuale  :'() numero della Definitive?
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: Max - Mercoledì 29 Ago 2018, 21:20:35
Vorrei fare un plauso a Marco Gervasio per la qualita della storia e per le citazioni donrosiane presenti (oltre a quelle di Martina e Carpi, ovviamente). Un solo piccolo appunto riguarda la pepita uovo d'anatra, che è apparsa di forma e dimensioni diverse rispetto a come è stata raffigurata da Don Rosa.

Riguardo la storia di Chierchini invece (che forse ha qualche anno, dato lo stile: a proposito, Chierchini realizza ancora storie?) cosa sarebbe quel pelo strano posto sui copricapi delle GM, al posto della consueta coda? Non ditemi che è stata eliminata pure quella per ragioni di ecologismo o politically correct.
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: Lucandrea - Mercoledì 29 Ago 2018, 23:06:44
Il mio commento:
Le strabilianti imprese di Fantomius – I due vendicatori voto 9
Voglio fare un grande plauso a Gervasio per questa storia, per avere fuso insieme i due mondi di Fantomius e del Paperinik stile Martina. Le citazioni si sprecano, tutto si svolge con ordine, ci sono molte sorprese e anche il titolo è evocativo. La migliore storia dell'estate
Topolino, Pippo e il torbido inganno voto 8
Storia degli equivoci dove Bosco utilizza argutamente molti personaggi di Topolinia e trascina il lettore nelle risate
Paperino e la marionetta simbiotica voto 8
L'accoppiata Panaro&Panaro presenta una storia molto frizzante e simpatica dove anche un pupazzo dalle proprietà "speciali" si rende protagonista per colpa di.... E non lo dico sennò vi perdete la storia
Zio Paperone racconta – Seccature da manuale voto 6,5
Continuano i brevi racconti di Vito: ai disegni c'è Chierchini che rende queste quattro pagine ricche di atmosfera e di storia del fumetto
Gambadilegno e la scoperta dell’acqua fredda voto 6
Breve divertissement di Faraci che ci presenta uno spaccato della vita di coppia tra Gambadilegno e Trudy
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: Vito65 - Giovedì 30 Ago 2018, 08:17:10
Marco Gervasio può considerarsi il Don Rosa di Paperinik :)
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: anapisa - Giovedì 30 Ago 2018, 15:27:26
Scusate ma in questo numero c'è in allegato la penna?Perché sono abbonata ma la andrei a prendere in edicola..volevo quella gialla :P
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: anapisa - Giovedì 30 Ago 2018, 15:52:19
Scusate ma in questo numero c'è in allegato la penna?Perché sono abbonata ma la andrei a prendere in edicola..volevo quella gialla :P

Mi rispondo da sola è in edicola dal prossimo numero
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: rikki-tikki-tavi - Giovedì 30 Ago 2018, 18:05:26
Ma la statuetta del Gongoro nello studio di Curdipietra Famedoro?.....

E anche la vignetta dedicata ai viaggi nel Tempo con "Ritorno al futuro", "Doctor Who" e "La macchina del tempo".

Episodio di Fantomius per me strabiliante, mi è piaciuto tantissimo!
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: Paper_Butler - Giovedì 30 Ago 2018, 18:39:25
Davvero fantastica l'avventura dei due vendicatori, a partire dal titolo! Ricchissima di citazioni di vario genere, tutte molto gustose (e anche stimolanti da trovare!), senza però appesantire minimamente il dipanarsi della trama.

Ottima l'interazione tra i protagonisti, molto affiatati,  che collaborano alla perfezione, aiutandosi a vicenda e compensando l'uno le mancanze dell'altro.
Brillante e sempre affascinante Dolly, che, se ce ne fosse stato bisogno, dimostra di sapersela cavare alla grande anche "in proprio".
E poi un nemico pienamente all'altezza, tanto divertimento fin dalle prime tavole (con l'arrivo notturno a casa di Paperino), diversi momenti suggestivi e un finale memorabile ed emozionante.

I miei complimenti a Marco Gervasio, la cui sincera passione traspare da ogni vignetta! :)
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: appelkurt - Venerdì 31 Ago 2018, 07:14:50
secondo me la storia migliore di questo anno, complimenti a Marco Gervasio!
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: Dr. Talos - Venerdì 31 Ago 2018, 09:02:20
Le strabilianti imprese di Fantomius - I due vendicatori: bella storia, tra le migliori della serie. Ben amalgamati i due protagonisti. E prelude ad una o più future avventure, nel passato, contro il nemico di questa. Voto 9
Topolino & Pippo e il torbido inganno: Poteva essere il solito gioco degli equivoci, ma Bosco al lettore lo svela subito, non alla fine e sa imbastire una storia divertente con diversi personaggi. Voto 7
Paperino e la marionetta simbiotica: Un po' stereotipata e Archimede non è un mago vudu. Voto 5,5
Zio Paperone racconta... Seccature da manuale: Breve simpatica, sempre bello rivedere Chierchini. Voto 6,5
Gambadilegno e la scoperta dell'acqua fredda: Non è riuscita a divertirmi. Voto 5
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: GrouchoMarx81 - Venerdì 31 Ago 2018, 14:57:31
e niente, quando metti i miei 2 personaggi preferiti nella stessa storia, costruisci una bella trama, e la riempi di citazioni mi hai reso la persona più felice della terra  ;D il resto del numero rimane molto buono ma la storia di apertura stavolta giganteggia (semicit.) tra l'altro non vedevo proprio l'ora di leggerla e, da abbonato, la copia mi è arrivata lunedì quindi ora posso morire felice!  ;D
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: Vincenzo - Venerdì 31 Ago 2018, 18:59:43
Molto simpatica la storia di Bosco, che imbastisce una bella commedia degli equivoci partendo dall'interessante spunto dell'inossidabile amicizia fra Topolino e Pippo che gli altri percepiscono in pericolo, provando a rimediare.
Adoro le storie in cui il gruppo di amici di Topolinia interagisce al gran completo.
Simpatiche le due brevi di Stabile e Faraci (tra l'altro quest'ultima mi ha ricordato quella di Vito con protagonista Paperone e disegnata da Faccini di qualche anno fa), così come interessante è la storia di Panaro, anche se devo dire che l'oggetto protagonista della vicenda sembra più attinente alla magia di Amelia che al genio creativo di Archimede.

Per quanto riguarda i Due vendicatori, la considero decisamente una storia riuscita, fra le migliori della serie. L'incontro fra i protagonisti è indubbiamente d'effetto e la trama ha buoni punti di forza,
Spoiler: mostra
fra cui un ottimo utilizzo di Famedoro, la cui comparsa era stata preannunciata dal finale dello scorso episodio
.
Avrei solo qualche appunto sul rapporto di fiducia che si instaura praticamente subito fra Fantomius e Paperone e su Paperinik che si fa intimorire da quest'ultimo, aspetti che ho trovato un po' forzati.
Visto che Marco Gervasio è fra noi mi piacerebbe domandargli quando ha pensato di far avvenire questo fatidico crossover, se è un'idea recente o l'aveva in mente già agli albori della serie.
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: Mortimer.M - Venerdì 31 Ago 2018, 20:06:50
Da quante tavole è composta la storia di Fantomius di questo numero?
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: Vito65 - Venerdì 31 Ago 2018, 21:31:20
Da quante tavole è composta la storia di Fantomius di questo numero?
52 in totale.
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: Tapirlongo Fiutatore - Venerdì 31 Ago 2018, 22:09:03
Posso andare contro corrente rispetto alla maggior parte dei commenti del topic?
La storia di Fantomius non mi è piaciuta.
Ma perché?
Le motivazioni sono più di una, e le vado ad esplicitare:

Prima di tutto, gli spiegoni. Nelle prime 15 pagine abbiamo spiegoni lunghi e noiosi da parte di Fantomius, di Paperinik, di Archimede... e l’azione stagna, la storia non si muove. E questo avviene per metà del primo tempo della storia. Un po’ tanto, a mio avviso.

Sempre secondo il mio parere personale, trovo tutta la prima parte abbastanza inutile. Si poteva iniziare direttamente con la seconda, con il ladro che aveva già rubato la pepita (e non mi si dica che dovevano essere in due se no non ci riuscivano; Fantomius dimostra di farcela ampiamente da solo e Paperinik risulta inutile, tranne nell’essere il tramite per permettere a Fantomius di contattare Archimede.)

Ecco, parlando dei personaggi tocchiamo un altro tasto dolente: i due protagonisti interagiscono male. Fantomius l’ho trovato... boh, direi artefatto e Paperinik ci fa la figura sia del beota che dell’inutile, visto che non fa nulla e procura solo guai.

La trama non ha colpi di scena, scorre piatta e banale, senza sorprese di alcun tipo. Non solo, alcuni passaggi sono affrettai e potevano essere sviluppati meglio: il primo che mi viene in mente è l’arrivo di Fantomius alla villa, ritrovandola distrutta. Un momento che poteva essere molto intenso e che viene liquidata in un paio di vignette in flashback.

Concludiamo con le citazioni. Tralasciando che mi chiedo quale possa essere l’utilità di inserire un Gongoro nell’ufficio di Cuordipietra, trovo che sia inutile dedicarsi a pensare di inserire riferimenti a storie di Barks e di altri autori se poi la storia non è all’altezza. Trovo che le citazioni sia giusto inserirle (senza esagerare, e trovo che nella serie di Fantomius si esageri non poco) ma devono essere dei piccoli contorni, pochi e sobri, di una storia che sia meritevole. Bisognerebbe dedicarsi di più alla trama della storia che alle citazioni varie, messe solo per fare contenti un gruppo di nerd e appassionati che, parole della Redazione, costituiscono solo un gruppo sparuto e meno considerevole, in quantità, di lettore.

Questo è tutto. Probabilmente sto dimenticando qualcosa, ma grosso modo le cose che, secondo me, non vannno sono queste. Poi, ovviamente, vale sempre la buona, cara, vecchia legge del “De Gustibus”, per cui ognuno ha il suo parere. Io ho solo dato il mio, sperando di aver argomentato a sufficienza e di avere esposto in maniera comprensibile.  ;)
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: brigo - Venerdì 31 Ago 2018, 23:20:53
Io ho trovato la storia di Gervasio gustosa, sicuramente differente dalle ultime. Anch'io sarei curioso di sapere il perché del Gongoro, sperando non si sia trattato di una semplice strizzata d'occhio fine a se stessa.

Spoiler: mostra
Forse Famedoro lo ammira e venera perché la sua missione era quella di uccidere Paperone?


Sul "Topolino" di questa settimana ho anche imparato una cosa nuova: a Topolinia è impossibile farsi i... fatti propri!  ;D
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: Cornelius Coot - Sabato 1 Set 2018, 00:09:33
Interessanti le critiche di Tapirlongo anche se, in alcuni punti, è come vedere un bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto.

Gli spiegoni 'storici' non sono sempre inutili per il lettore perché anche il più informato avrà comunque piacere a rileggere di avvenimenti entrati nel 'mito' della storiografia fumettistica Disney (senza contare i più distratti o ignari che resterebbero con diversi punti interrogativi). Uno di questi riguarda poi la modalità di un passaggio temporale sicuramente interessante da conoscere considerando che il luogo di partenza sono gli anni '20 del secolo scorso.

Per quanto poco 'utile' alle dinamiche della storia, l'incontro tra Fantomius e Paperino a casa di quest'ultimo è comunque importante, anche solo per la reazione di Lord Quackett nel constatare che il suo erede sembra tutto meno che un tipo sveglio, provocandogli forti dubbi sulla possibilità di un valido aiuto.

Il Fantomius 'artefatto' rispetto al Paperinik 'beota' sono comunque la 'chiave' che Gervasio utilizza nel marcare la differenza fra i due 'vendicatori': John e Donald, sotto le maschere che indossano, sono meno simili di quanto si possa pensare (almeno dal mio punto di vista). Il primo lo vedo meno inetto e pasticcione del secondo, per quanto l'autore lo descriva così ad ogni inizio di una nuova puntata. Quantomeno rispetto ai primi episodi: quel suo sguardo deciso e tagliente, anche senza maschera, è ben diverso da quello più bonario di Paperino. Inoltre John è un Lord e, insieme a Dolly, ha uno stile di vita (e una dimora) ben diverso da quello del suo erede.

E non dimentichiamo che in Paperinik, quando ha a che fare con lo zione, riaffiora a volte quel nipote notoriamente 'in debito' col magnate, forse più adesso che nei primi episodi di Martina. Al contrario, Lord Quackett/Fantomius ha un rapporto 'alla pari' con Paperone, come quest'ultimo sottolinea dicendo che lui e Fantomius sono fatti della stessa pasta, respingendo così le 'garanzie' di Paperinik su un certo accordo (non sono necessarie: la sua parola gli basta!). Al di là dell'origine martiniana, Fantomius è una creatura (ottimamente riuscita) di Marco Gervasio e si potrebbe dire che l'autore tenda a 'favorirlo' rispetto ad un 'competitor' molto 'relativo', vista la differenza spazio-temporale.

Sicuramente la scoperta della distruzione di Villa Rosa poteva essere elaborata meglio dall'autore, magari tracciando alcune vignette colme di rabbia e dolore da parte di Fantomius nel vedere lo splendido nido d'amore, suo e di Dolly, ridotto in macerie. In questo caso lo 'spiegone' di come sia potuto accadere un simile disastro Gervasio ce lo ha risparmiato ("E' una lunga storia" si limita a dire Paperinik).

Riguardo le citazioni, barksiane e martiniane, non credo che nel caso specifico (come in tutta la 'storiografia gervasiana') siano servite a riempire dei 'vuoti': la storia, ben articolata nel delicato compito di descrivere un clamoroso incontro spazio-temporale che poteva rischiare, come tutti i grandi eventi, di essere banalizzato, sarebbe riuscita comunque, anche senza quel Gongoro nello studio di Famedoro: qui i miei interrogativi si allargano alla passata conoscenza tra CF e Fantomius che i due confermano nel loro inaspettato incontro: credevo fosse la prima volta che il miliardario sudafricano interagisse con il ladro gentiluomo ma evidentemente non è così: dovrò rileggermi qualche capitolo passato, sempre che tutto ciò non sia un espediente dell'autore per riproporre Cuordipietra in qualche prossimo episodio.

Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: Tapirlongo Fiutatore - Sabato 1 Set 2018, 00:28:49
Cornelius non ti quoto se no i moderatori ci buttano fuori.   ;D

Il discorso sugli spiegoni storici posso tranquillamente ribaltarlo dicendo che non tutti hanno piacere a rileggerli. Ovviamente è giusto che Gervasio spieghi come mai Fantomius è arrivato nel nostro presente, ma a mio avviso il tutto poteva essere maggiormente compresso in un numero minore di pagine, permettendo alla storia di scorrere meglio.

L’incontro tra Paperinik e Fantomius non l’ho trovato inutile (e infatti non l’ho scritto): poteva, però, avvenire con la pepita già rubata dal ladro gentiluomo.

La differenza fra i due paperi (soprattutto nella vita privata) direi che è netto. Quello che io rimprovero però è che Fantomius risulta, secondo me, molto antipatico, perfettino, acido (avviene spesso nella prima parte) nei confronti dell’erede. Ma ancora peggiore è il ruolo di Paperinik; perché non solo appare un po’ scemo  :P, ma anche... inutile! Non fa nulla! Cercando di rubare la pepita rischia di combinare un disastro e a salvare la situazione ci pensa l’altro papero; per quanto riguarda Dolly, lei si libera da sola! Insomma, oserei affermare che è quasi una comparsa!

Sulla questione delle citazioni, il problema è che ci troviamo in disaccordo: per te è un’ottima storia, per me è assolutamente banale e scontata. Trovo che pensare ad inserire riferimenti che magari non paiono avere veri e propri significati senza una trama che regga bene e che funzioni, allora bisognerebbe pensare prima alla storia che a mettere statuette raffiguranti personaggi di vecchie storie in giro fra le pagine. Non voglio dire che Gervasio non abbia pensato alla storia, tutt’altro: ma questa è l’impressione che mi giunge.
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: matti157 - Sabato 1 Set 2018, 00:36:33
Bellissima la storia di Gervasio, troppo breve purtroppo...si sarebbe evoluta bene in almeno 4 puntate. Adoro il suo Paperone e tutti i riferimenti al passato

Ma la conoscenza tra Fantomius e CF? E tra Dolly e CF?
Approfondiremo vero??

Come diceva un altro utente, che è successo ai copricapi delle Marmotte? :(
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: Cornelius Coot - Sabato 1 Set 2018, 00:59:14
Cornelius non ti quoto se no i moderatori ci buttano fuori.   ;D

Cioè?  ???

Riguardo la visione 'gervasiana' di Paperinik, come scrivevo prima, un 'papà' tende comunque a far risaltare il proprio figlio ed inoltre c'è la necessità di ben distinguere personaggi che, per certi versi, potrebbero essere considerati simili, magari a torto. Ad esempio Artibani, nel rilanciare Cuordipietra, nel confrontarlo con Rockerduck dipinse quest'ultimo un po' più bonario ed umano, oltre che insicuro, di come eravamo abituati a conoscerlo. Questo per far risaltare la spietatezza estrema di CF oltre che nel voler dare, probabilmente, un carattere più articolato a RK. 
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: Luxor - Sabato 1 Set 2018, 02:06:14
My two cents sulla storia crossover di Fantomius, molto attesa da chi segue le gesta del ladro gentiluomo.

Premessa doverosa, l'esperimento era davvero difficile, quasi un azzardo, e credo che Gervasio alla fine abbia ottenuto un bel risultato, anche se qui e lì qualche scelta, pur se necessaria ai fini della trama, non mi ha convinto fino in fondo.

La perplessità più grande riguarda il diario di Paperinik, grazie al quale Fantomius lo rintraccia fino a casa sua. Capisco che in un modo i due dovessero incontrarsi, ma per quanto sbadato e imprudente possa essere Paperino non me lo vedo proprio a lasciare una roba così pericolosa in giro, tanto è vero che probabilmente l'avrebbe trovato Famedoro se non fosse arrivata Dolly.

L'idea del diario in sè, per chiudere il cerchio ideale citato dall'autore nella storia, mi è piaciuta, ma forse andava gestita diversamente, così il tutto sembra davvero troppo casuale. Personalmente avrei fatto interagire Fantomius con l'unica persona che poteva conoscere anche nel 2018, ovverosia Paperone, d'altronde anche il Deposito è sempre rimasto lo stesso, e da lì avrei fatto incontrare Fantomius con Paperinik tramite Paperino, allertato dallo zione.

Il secondo grosso dubbio riguarda la Pepita Uovo d'Anatra, se il piano prevedeva di realizzare una copia non si poteva chiedere a Paperone di studiarla piuttosto che provare a rubarla? Se fosse stato solo Fantomius allora il tentativo era obbligatorio, ma se a Paperone la richiesta l'avesse fatta Paperinik non credo l'avrebbe rifiutata...

Per il resto, partendo dall'analisi dettagliata di Tapirlongo, concordo sul fatto che l'inizio è un po' lento e che certe scene come quella di Villa Rosa potevano essere più intense, dissento invece su come interagiscono i due protagonisti perchè nella seconda parte cooperano bene per salvare Dolly e ingannare Famedoro, senza contare che i siparietti comici della prima parte a me hanno fatto ridere :D

In generale, tra pregi e difetti, mi sento di promuovere la storia, alla fine l'ho letta con piacere e alla fine è questo quello che conta :)

P.S. sul flashback di pagina 135 ho qualche riserva, posto che ricordo diversamente la scena, Doretta se ne va rifiutando la paga di Paperone e il suo allontanamento non dipende dalla Pepita, credo che la suddetta Pepita sia piuttosto stata utile per avvicinare Doretta e Paperone, d'altronde il loro sentimento nasce in quel periodo durante il quale Paperone la tiene segregata e ciò avviene  dopo che Doretta droga Paperone per derubarlo della Pepita.

Mi rendo conto che il mio pensiero può sembrare arzigogolato e spero di essermi spiegato bene, ma comunque non direi che sia stata la Pepita ad allontanare Paperone e Doretta, quanto il contrario.
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: Tapirlongo Fiutatore - Sabato 1 Set 2018, 11:52:51
Cioè?  ???

Ero ironico: se ci quotassimo a vicenda i messaggi (lunghi non poco) renderemmo il caricamento della pagina lungo e difficoltoso per gli utenti che ci vorrebbero leggere.  ;D

Per il resto, posso condividere che Gervasio dia a Fantomius (sua creatura in tutto e per tutto tranne nella nascita) maggiore spicco, ma non che Paperinik si ritrovi ad essere un personaggio che combina solo disastri e che si rivela inutile, soprattutto nella seconda parte, visto che dovrebbe, in teoria, liberare Dolly, mentre la papera ci riesce benissimo da sola. L'esempio dell'ultima avventura è, secondo me, poco calzante, visto che all'interno della storia di Artibani Rockerduck ha un ruolo importante nella sconfitta-vittoria di Paperone, nonostante rimanga leggermente in secondo piano rispetto al rilanciato Cuordipietra.
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: MG - Sabato 1 Set 2018, 13:14:31
Ciao a tutti. Mi posso trattenere pochissimo, scusatemi. Ringrazio tutti coloro che mi hanno riempito di complimenti e ringrazio anche chi non ha apprezzato del tutto e ha esposto le sue critiche.
A tal proposito, non posso dire nulla sulla trama (è giusto che possa piacere o meno, così come gli "spiegoni"). Volevo solo far notare che (secondo il mio punto di vista) Paperinik non è assolutamente inutile. Anzi, posso affermare con sicurezza che senza di lui Fantomius non avrebbe potuto farcela (e forse avrebbe rischiato la vita). Infatti, a parte l'importanza di Paperinik nel mettere in contatto Fantomius con Archimede (fatto essenziale per poter conoscere le difese del deposito), vi ricordo due passaggi basilari: 1) Fantomius (non avvezzo alle modernità) sta per passare sotto i raggi laser(!!!) e a fermarlo è Paperinik! (non aggiungo altro). 2) Paperinik arriva a liberare Dolly che lei lo ha già fatto da sola (già mi immagino se invece l'avesse liberata lui poi le critiche "eh ma Dolly fa la figura della fidanzatina inutile" etc, ;), ma poi è fondamentale per addormentare il tipo che sta puntando la pistola contro fantomius. E inoltre il suo arrivo (pianificato) funge da diversivo e non fa esaminare bene la pepita a Cuordipietra.
Riguardo il Diario di Paperinik, (che ugualmente può piacere o meno come idea, è giusto) vorrei solo specificare che Famedoro non sa dell'esistenza dei sotterranei e quindi non l'avrebbe trovato. Forse se avesse acquistato il terreno e poi fatto degli scavi, ma nel frattempo Paperinik si sarebbe di certo accorto di averlo lasciato là e sarebbe andato a recuperarlo. Sempre ammesso poi che Paperinik avrebbe "permesso" a Famedoro di trasformare le rovine di Villa Rosa in un parco a tema!;)
Ah, a questo crossover penso da tanto tempo e (con alterne vicende e cambi di viaggio) ho faticato parecchio per realizzarlo. Sono contento davvero del generale apprezzamento del mio lavoro. Un carissimo saluto e ci si vede a qualche fiera!:)
P.s. dimenticavo: il Gongoro ha un significato. Come (quasi) tutto quello che metto nelle mie storie...:)
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: Tapirlongo Fiutatore - Sabato 1 Set 2018, 13:34:11
Ringrazio Marco Gervasio per avere dedicato un po' del suo tempo per rispondere ai miei quesiti e ai miei dubbi.

Per quanto riguarda Paperinik, nei passaggi che ha citato certamente c'è un intervento dell'eroe mascherato, ma si tratta di cose piuttosto piccole e che potevano essere risolte anche in altri modi (sperando di spiegarmi il meglio possibile, intendo dire che Paperinik non ne è il fulcro, svolge l'azione ma poteva essere tranquillamente sostituito senza problemi.)

Immagino che ovviamente lei non volesse ridurre il papero a semplice comparsa, ma questa è l'impressione che mi è giunta! Chissà, forse sono solo io...
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: Andy98 - Sabato 1 Set 2018, 13:35:01
Riguardo la storia di Chierchini invece (che forse ha qualche anno, dato lo stile: a proposito, Chierchini realizza ancora storie?) cosa sarebbe quel pelo strano posto sui copricapi delle GM, al posto della consueta coda? Non ditemi che è stata eliminata pure quella per ragioni di ecologismo o politically correct.

Credo che sia stata una scelta grafica di Chierchini, dettata, magari, dall'ambientazione montana in cui si svolge la vicenda. Inoltre, nella storia di Panaro le GM compaiono alla fine e indossano l'usuale copricapo, anche se le storie appartenessero a due tempi differenti, se ci fosse una censura l'avrebbero già applicata (recentemente c'è stato tra le pagine del Topolino un imbarazzante editing della pipa di Nonno Bassotto, un lavoretto con Paint lo avrebbero fatto se lo avessero reputato necessario...). Anche perché che senso avrebbe far parte delle Giovani Marmotte senza avere un copricapo o comunque un qualcosa che ne identifichi l'appartenenza (un po' come le Coccinelle negli Scout che indossano il cappellino rosso coi pois neri, per intenderci)? Spero che almeno su questo gli improbabili censori (visti certi ritocchi, alcuni dei quali accennati sopra...) abbiano un minimo di buon senso...

Avrei voluto fare un appunto sullo Sgrunt di questa settimana, tuttavia la buona creanza mi impone di tacere e di passare oltre, pertanto preferisco lasciare qualche (forse più gradito) appunto sulle varie storie, a cominciare da Topolino e il torbido inganno, frizzante commedia degli equivoci già dichiarata all'inizio che culmina in un finale spassoso e che sfocia anche nell'assurdo: quel "Tacete, cafona!" detto a Minni, poi, è stato veramente impagabile da leggere. Il bello della vicenda, inoltre, sta nel suo dinamismo, nella sua forza centrifuga che prende tanti personaggi e li rende partecipi senza farli apparire superficiali, e ne viene fuori un bello scorcio "quotidiano" di Topolinia che si discosta dalle usuali avventure di Topolino e Pippo.
Inutile dirlo: le commedie degli equivoci, se scritte a dovere, riescono sempre ad intrattenere il lettore, e già Vitaliano ne ha dato una convincente prova in almeno due storie coi paperi (Paperino e il quadriequivoco, di diversi anni fa, e Paperino e il ballo peperonato, molto più recente) e una piuttosto vecchia coi topi (Topolino e la filiera del passaparola, se non mi sbaglio): di conseguenza, è bello vedere altri autori cimentarsi su questo genere e, soprattutto, dare più spazio a Clarabella, Orazio e Minni.
Ottima prova anche per Soldati, espressivo al punto giusto, porta avanti con maestria una regia che non risente di troppe spiegazioni, tant'è che l'equivoco si risolve off-screen, ed è giusto così in questo caso.
Unico neo: si poteva benissimo lasciare Stanislavskij anziché storpiarlo come si è soliti fare, cioè Topo/Paper + pezzo conclusivo del nome/cognome. Questa, purtroppo, è una costante di troppi autori, e pertanto manca proprio di originalità.

Segue Paperino e la marionetta simbiotica, una prova abbastanza buona ma troppo didascalica su certi punti, e l'azione ne risente: bisognerebbe puntare di più sulla gestione delle vignette in modo da snellire le spiegazioni. Ad esempio, non è necessario che i Bassotti debbano dare una giustificazione al lettore del perché si trovavano lì (o comunque tagliare corto con frasi più incisive, altrimenti sembra poco naturale), allo stesso modo non vedo perché debba esserci sempre la scena in cui i colpevoli vengono catturati e parte la spiegazione su come li hanno rintracciati: una maggiore linearità darebbe dinamismo, perché, onestamente, avrei fatto dire ad Archimede "Il vostro errore è stata la voglia di strafare!" lasciando che i Bassotti meditassero in prigione su quella frase, mentre le vignette dedite alla spiegazione le avrei dedicate a far vedere Paperino e Archimede che agiscono nel concreto fino al momento in cui piombano nella fabbrica abbandonata con la polizia, tanto in questo caso i colpevoli erano noti, quindi si sarebbe potuto giocare di più sul movimento che si respira soprattutto nelle tavole in cui è presente Paperone.
Inoltre, sono anch'io perplesso dal funzionamento della marionetta: Archimede è un inventore, non è, come già si diceva in passato e in questo topic, né un mago vudu né tantomeno Doraemon che sforna improbabili congegni. Controllare una persona mediante una marionetta che funziona inserendo una foto è qualcosa di magico, non c'è nessuna scienza dietro: un conto sono i caschi coi recettori o i chip che permettono di controllare il soggetto, un congegno che pare assorbire l'essenza di una foto... ogni personaggio ha il suo perché, e anche qui con Archimede diverse volte si è esagerato fin troppo, rendendolo alle volte un pesante deus ex machina per risolvere problemi altrimenti insolubili. Tra l'altro, un congegno creato per puro divertimento ha, guarda caso, una batteria capace di durare per mesi...
Ottimi i disegni, caratterizzano alla perfezione le scene movimentate, che sono comunque il punto forte della storia.

La storia di Fantomius è un'avventura godibile fino ad un certo punto, poiché paga anch'essa di troppe spiegazioni che ne rallentano l'azione più e più volte, con i due protagonisti che anche questa volta ne escono indiscussi vincitori senza che si trovino davvero in difficoltà: è ovvio che Fantomius si trovi spaesato nella Paperopoli contemporanea, ma appena si dota dei giusti congegni diventa quasi uno scherzetto; lo stesso per Dolly Paprika: appena capisce come funzionano le cose, è un gioco da ragazzi riuscire a liberarsi. Cuordipietra è stato un avversario all'altezza fino al punto in cui non ha controllato la pepita perché preso a farneticare con Fantomius e poi perché distratto da Paperinik: avrei preferito che Fantomius si trovasse davvero alle strette con l'inganno svelato, tanto poi le cose per forza di cose sarebbero dovute andare in quel modo.
Per il resto, penso che anche qui ponendo più attenzione all'azione e tagliando corto su certe spiegazioni si possa veramente fare la differenza: in questo caso sarebbe anche più facile visto che Gervasio è il disegnatore della sua stessa sceneggiatura e non deve coordinarsi con nessuno.
Sul Gongoro nell'ufficio di Famedoro: da una parte risponde al gusto boero del personaggio (notando anche come è arredato l'ufficio), d'altro canto, se si ha ben presente Paperino e il feticcio, verrebbe spontaneo pensare che Famedoro sappia della vicenda e nutra rispetto nei riguardo del Gongoro stesso, dal momento che a differenza di Rockerduck il suo odio verso Paperone è tale da volerlo anche ammazzare.
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: V - Sabato 1 Set 2018, 14:39:01
Mi trovo d'accordo con tapirlongo. La storia di fantomius manca purtroppo di epicita e di emozioni. È tutto piuttosto freddo e monocorde. Troppo semplice per fantomius, poco influente paperinik, come si è detto artefatto. La collaborazione tra i due manca di pathos, e non vi è una gran trama, alla fine.
Inoltre, a fronte del finale tutto il furto al deposito appare assolutamente inutile,  e poteva essere o saltato o modificato. Peccato, sinceramente, perché l'idea del crossover è molto buona, ma manca di verve, di sentimento.
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: Luxor - Sabato 1 Set 2018, 17:01:48
Ringrazio anch'io Marco Gervasio per la cortese risposta, la perplessità sul diario mi resta, anche se l'autore cita episodi già successi in passato, quando Paperinik è sempre intervenuto per preservare i luoghi di Fantomius fino a prenderne possesso, ma apprezzo il confronto sereno e ricambio il saluto, alla prossima occasione :)
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: R-Westbrook0 - Domenica 2 Set 2018, 15:07:16
SPOILER i due vendicatori

Sarà che avevo grandi aspettative, dopo aver letto i primi commenti del topic, ma anche per me il nuovo episodio di Fantomius non è perfettamente riuscito.

Come detto, se l'idea era quella di usare una pepita finta, perché sbattersi a " rubarla " ? E poi Paperone che accetta di prestare/impegnare (quindi rischiare di non rivedere) uno dei suoi tesori più preziosi non ce lo vedo proprio, anche se Fantomius gli ha restituito il rubino striato in passato. Magari poteva essere proprio Paperone a suggerire di usare un falso, boh.

Arrivando alla pepita fake, poteva essere realizzata un po meglio. Prima che arrivino Pk e Dolly a distrarlo (come spiegato da Gervasio), Famedoro la prende in mano e comunque non capisce che è un involucro vuoto (la differenza di peso ? :D )… Mi sembra un po troppo facile, considerando con chi abbiamo a che fare. Diciamo che poteva andar bene con un Filo Sganga, ma non con Cuodipietra.

Poi la passione che Gervasio mette nella sua serie è da apprezzare come sempre, e alla fine la storia è abb gradevole, anche con questi difettucci e tutti gli spiegoni, necessari e non. Plauso per le varie citazioni :D

Per il resto numero un po piatto, niente di che, con la storia dei Panaro (30 pagine decisamente troppe per questo soggetto) che mi ha ricordato : Paperino e il raggio gommopongo di Faccini https://inducks.org/s.php?c=I%20TL%202296-7  che era molto più divertente, imho.
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: Vito65 - Lunedì 3 Set 2018, 00:48:27
Riguardo a I due vendicatori: la prima parte della storia non mi è sembrata affatto inutile o superflua anzi, al contrario:  necessaria a gettare le basi logiche dell' azione che poi si sviluppa nella seconda parte; in particolare ho trovato eccellente il prologo, con quel sapiente equilibrio fra l'atmosfera inquietante delle prime tavole, con Fantomius che appare in scena sotto la tempesta della notte, e la comicità delle tavole successive, dove avviene l'incontro con un Paperino che è...più Paperino che mai.
Il fatto che Paperinik in questa prima parte appaia un po' superficiale nel valutare la situazione nella stanza della pepita, dove invece certamente Fantomius mostra più acume, discende secondo me dalla situazione psicologica di Paperinik, che cede di fronte al suo maestro ispiratore, come succederebbe per qualunque allievo di fronte al suo maestro; e poi non dimentichiamo che Fantomius è pur sempre un ladro e, come tale, ha più fiuto nel percepire le situazioni pregiudizievoli al realizzando furto; Paperinik non è un ladro, lo è stato solo alle origini della sua vicenda, e solo al ristretto scopo di vendicare il suo alter ego Paperino dai torti subiti in famiglia. Il pasticcio che Paperinik realizza, poi, con la trivella di Fantomius prima dell'accesso al deposito è comicissimo, ed è inserito felicemente nello svolgimento dell'azione.
Riguardo alla presunta irrilevanza del suo intervento nella seconda parte della storia, bisogna invece notare che Paperinik svolge benissimo la sua parte, secondo i piani concordati con Fantomius, ed il fatto che Dolly riesca a liberarsi da sola prima che lui arrivi non toglie che Paperinik comunque la avrebbe liberata: Dolly è brava di suo, e lo sappiamo bene, ma Paperinik comunque non sbaglia niente nel suo intervento: prende una vassoiata, è vero, ma mi sembra chiara la volontà dell'autore di stemperare, in alcuni passaggi, i ritmi dell'azione con momenti esilaranti.
Il fatto che la pepita consegnata a Cuordipetra sia falsa non rende inutile, a mio parere, il tentato furto della stessa ai danni di Paperone: è invece probabile che l'idea di sostituire la pepita vera con un falso sia stata concepita da Fantomius dopo averla ricevuta spontaneamente da Paperone, come ulteriore cautela adottata dal nostro ladro, che si preoccupa di essere leale nei confronti di chi gli ha dato fiducia ed escogita questo espediente per essere sicuro, in ogni caso, di mantenere la parola data: un'ulteriore conferma, quindi, del suo animo di ladro gentiluomo.
Molto interessanti, in questa seconda parte, le tavole che rappresentano i momenti in cui i nostri protagonisti restano intrappolati nella stanza di Cuordipietra: sappiamo tutti che i nostri eroi non soccomberanno, ma la sensazione di rischio e di pericolo che corrono è palpabile e si tocca comunque con mano.
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: Cornelius Coot - Lunedì 3 Set 2018, 11:25:07
Riguardo la pepita, è vero che poteva essere subito concepita l'idea di portarne a CF una falsa, però così non ci sarebbe stato il... 'colpo di scena'
(al di là delle giuste considerazioni di Westbrook). Inoltre, decidendo inizialmente di dare a Fantomius quella vera, Paperone ha la possibilità di avere un flashback klondikiano ("Quella pepita, tanto tempo fa, allontanò due cuori! Ora potrebbe fare ammenda avvicinandone altrettanti!") nel quale sembra che Doretta sia arrabbiata per il prezioso negatole mentre in realtà lo è soprattutto per il duro trattamento ricevuto come conseguenza del suo precedente gesto predatorio. E' ovvio che Gervasio abbia dovuto condensare in una sola vignetta un significato generale non ulteriormente dettagliabile che ha però un gran fondo di verità: quella pepita carpita con l'inganno (il caffè con sonnifero) ha sicuramente rovinato, sin dall'inizio, i rapporti fra Paperone e Doretta. I dubbi, le insicurezze, i freni che lo zione ha sempre avuto nei successivi episodi di riavvicinamento nei riguardi di Doremì sono dovuti, di base, alla mancanza di fiducia per quel gesto: nonostante restino l'infatuazione, l'affetto e un'attrazione fisica, resta comunque, forse più forte degli altri sentimenti, quel non fidarsi di una papera scaltra che potrebbe sempre rivelare qualche brutta sorpresa, anche in età avanzata (la scaltrezza di solito aumenta con l'esperienza e la maturità).

Condivisibili anche le considerazioni di Vito65 riguardo i rapporti tra i due vendicatori: si è portati a vederli 'alla pari' non considerando che di fronte ci sono un 'maestro' e un 'allievo'. Per Paperinik Fantomius è anche un vero e proprio mito e realizzare di trovarselo davanti non invecchiato e in declino (sempre che possa essere considerato attualmente vivente: ma se lo è Paperone perché non potrebbe esserlo Lord Quackett?) ma nel pieno della sua giovinezza e del suo vigore è sicuramente uno choc, anche in un mondo - quello disneyano - abituato ai viaggi nel tempo e nello spazio.
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: marco3189 - Lunedì 3 Set 2018, 15:41:12
Io mi sono riavvicinato al mondo Disney da poco quindi è la prima storia della serie Fantomius che leggo... Molto bella come storia, sicuramente ci sono punti un po' troppo veloci ma non era semplice condensare in tutto in poche vignette :)
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: Bramo - Martedì 4 Set 2018, 23:48:49
È quasi tardi per parlare di questo numero del "Topo", ma due parole le dico comunque.
Non è certo un albo memorabile: Seccature da manuale di Vito Stabile non risulta brillante come il primo episodio di Zio Paperone racconta, e a parte il buon uso dei personaggi non risulta granché efficace, benché accompagnata da un buon Chierchini ai disegni. D'altronde, anche la breve di Faraci non spicca, risultando poco unitaria e coerente nello svolgimento.
Paperino e la marionetta simbiotica è invece una storia che mi sembra andare col pilota automatico: la trama scorre in modo fin troppo prevedibile, alcune scene risultano didascaliche e il soggetto in sé non mi ha coinvolto particolarmente.

Già meglio Topolino, Pippo e il torbido inganno: Marco Bosco imbastisce una commedia degli equivoci non particolarmente originale ma ben trattata, celebrando in maniera simpatica la storica e inossidabile amicizia tra i due protagonisti. Buono l'uso della combriccola formata da Minni, Orazio e Clarabella e divertenti alcune situazioni. Lettura che scorre, anche se non memorabile.

Poche scosse anche dalla storia di punta del numero, I due vendicatori di Marco Gervasio. Per quanto mi riguarda, l'avventura mi appare come un grosso fan-service che procede a suon di citazioni e rimandi. Li apprezzo come li apprezzano in tanti, ma quando diventano così preponderanti mi disturbano e mi sembrano distogliere l'attenzione dalla trama che, difatti, mi è apparsa priva di mordente, con un primo tempo a conti fatti ininfluente ai fini del racconto, una missione dove difficilmente si teme per il suo esito, un trucco che cozza con quanto visto nel primo tempo
Spoiler: mostra
(la pepita finta)
e una risoluzione poco avvincente. È carino il team-up tra Fantomius e Paperinik, benché risulti sbilanciato verso il primo dei due, ma nel complesso la storia non mi ha convinto e mi ha lasciato pochino, priva peraltro (e giocoforza) del consueto fascino degli anni Venti che tanto creava atmosfera.
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: Dippy - Giovedì 6 Set 2018, 17:49:43
Volevo scrivere un commento a questo numero, in particolare alla storia di Gervasio, ma la posta ultimamente arriva in ritardo e mi avete preceduto dicendo di tutto un po' di quello che avrei voluto scrivere. La storia a me comunque è piaciuta moltissimo, diciamo che sto "da quella parte" del gruppo di lettori.
Topolino, Pippo e il torbido inganno è davvero molto bella, complimenti anche all'altro Marco che ha intessuto un divertente intreccio.
Di maniera e di mestiere, direi, la storia di Panaro; si svolge tranquillamente senza colpi né alti né bassi.
Mi ha detto poco invece la storia di Faraci (così come quella del numero precedente). Evidentemente è un autore più a suo agio con un numero maggiore di tavole.
Infine Vito, in una breve carina soprattutto per il finale, leggermente acidulo e atipico per i giorni nostri.
(Ecco, alla fine un commento l'ho scritto lo stesso...).
Una cosa che vedo non avete fatto notare, invece, riguarda l'iniziativa ioleggoperché. Davvero cercasi lettori per una tale iniziativa...? ::)
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: Hero of Sky - Venerdì 7 Set 2018, 20:07:10
Aspettavo da anni che Fantomius  e Paperinik  si incontrassero  e  Gervasio,  non  avevo dubbi, mi ha ampiamente soddisfatto.  Pur comprendendo (e condividendo) la filosofia e il messaggio di fondo alla base del finale (ovvero che è meglio non conoscere il proprio futuro, ma scoprirlo giorno per giorno) io non avrei fatto dimenticare a Fantomius l'accaduto. Non si tratta di una critica, volevo semplicemente far rilevare la mia differenza di sensibilità rispetto all'autore. Anche se si tratta  di due storie  completamente diverse, credo, dal mio modesto punto di vista, che sia la miglior storia dedicata a Paperinik dai tempi di Timecrime (anche lì, peraltro, era il coprotagonista), che nel finale si allacciava proprio alla nascita del personaggio a Villa Rosa. Ciò che ammiro molto, in Gervasio, è essere riuscito a costruire un universo coerente e ben caratterizzato partendo praticamente da zero (di  Fantomius,  sapevamo solo che era un ladro e che abitava a Villa Rosa) e che in questa storia trova la sua ideale conclusione, anche se non sarà così.
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: anapisa - Lunedì 10 Set 2018, 22:32:20
X me, che sono alla seconda storia letta su fantomius,ritengo davvero bella la storia di Gervasio!!
Gli "spiegoni" come sono stati chiamati, a me sono stati utili, perché non ricordo o non conosco tanti dettagli di quello che è accaduto nella serie precedente..magari le storie le ho lette e nn lo ricordo, o si trovano in quella "pila" di topolini che devo ancora sfogliare.. oppure me le sono perse semplicemente..ecco volevo esprimere il mio punto di vista  ;D
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: Dmenini - Mercoledì 12 Set 2018, 16:37:13
Voglio dare un giudizio a i due vendicatori io penso che fino ad ora sia stata la migliore storia dei paperi di questo anno e anche dellle migliori di paperinik per me al altezza di paperinik e il ritorno a villa rosa di  carpi.Ottimi i disegni e la trama
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: effebi - Lunedì 17 Set 2018, 14:32:02
SPOILER

Spoiler: mostra
a me la storia di paperinik con fantomius è piaciuta, però 'sta cosa della macchina del tempo che al momento giusto riporta tutto in ordine (era apparsa anche nella storia dello scorso anno di topolino e minnie con gambadilegno che li voleva far fuori e poi arriva pippo ecc ecc - ora non ricordo il titolo) evitando la catastrofe per i protagonisti, avrebbe anche un po' stufato.
Titolo: Re:Topolino 3275
Inserito da: cianfa88 - Lunedì 3 Dic 2018, 17:36:22
Complimenti a Gervasio per quella che secondo me è una delle migliori storie dell'anno. E non perché ci siano citazioni e inutile roba simile, ma perché mette in scena i personaggi in modo credibile e costruisce una storia.

A volte viene preso un po' in giro, ma mi pare uno dei pochi che abbia le idee chiare in testa.