L’opera omnia di Romano Scarpa vol. 7

03 MAR 2014
Voti del fascicolo: Recensore: Medio: (13 voti) Esegui il login per votare!

The Times They Are a-Changin’. Anche il lettore meno avvezzo si accorgerà che in questo volume cambia qualcosa. Le storie si fanno più brevi, il disegno più veloce e le trame più scanzonate. Per la prima volta tutte le avventure raccolte sono scritte da autori diversi da Romano Scarpa. Trattasi di: Abramo e Giampaolo Barosso, Osvaldo Pavese, Gian Giacomo Dalmasso e Rodolfo Cimino.

A pochi giorni dalla notizia della morte di Giampaolo e a un anno dalla scomparsa di Abramo, il volume offre la provvidenziale possibilità di ricordare i fratelli Barosso attraverso la ristampa di ben sei loro soggetti, a partire dal brillante giallo-comico Topolino e il pappagallo matematico.

Fra le altre storie, merita una menzione speciale Zio Paperone visir di Papatoa, che vede Rodolfo Cimino nella duplice veste di sceneggiatore e inchiostratore e offre spunti per una riflessione socio-politica sulle tasse.

Con Biancaneve e la Pasqua del bosco (Pavese), Romano Scarpa offre al lettore la sua migliore prova con i personaggi del primo lungometraggio animato di Walt Disney.

Da riscoprire Roberto Catalano, autore fin troppo dimenticato, qui presente con due storie ben congegnate: Zio Paperone e l’allergia discoica ed Eta Beta e la cometa al fenantrone.

Ridotto all’osso l’apparato editoriale. Copertina brutta e slegata dal contenuto del volume. Cinque avventure presentano una ricolorazione moderna e modifiche varie ed eventuali ereditate dal mensile “Paperino”. Valutazione generale doverosamente inferiore ai volumi precedenti.

Per quanto riguarda le edizioni, su questo volume mantengono la colorazione originale: il Pappagallo matematico, la Pasqua nel bosco, la Pista delle pistole, la Cometa al fenantrone, il Capro di Acatapulco e il Visir di Papatoa. Le altre storie provengono da ristampe ricolorate (tipicamente dalla testata Paperino).

Autore dell'articolo: Malachia