Logo PaperseraPapersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Topolino 3547

Leggi la recensione
di Fabrizio Fidecaro

Voto del recensore:
Voto medio: (42)
Esegui il login per votare

Autenticati per poter votare le storie del Topolino!
Topolino e la profezia del cavaliere scarlatto - Terza parte
Ritorno a Ducktopia: L'imperatrice dei fiori
Cornelius: La fattoria dei bambini

Topolino 3547

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Cornelius
Imperatore della Calidornia
PolliceSu

  • ******
  • Post: 12679
  • Mais dire Mais
    • Offline
    • Mostra profilo
PolliceSu
    Re:Topolino 3547
    Risposta #60: Venerdì 24 Nov 2023, 14:41:29
    Citazione
    Certo, una città comunque sviluppatasi, può ridursi all'inizio del '900 a 'quattro case in croce'?
    Sì: https://it.wikipedia.org/wiki/Bodie
    Le ghost town del West legate a specifiche miniere che una volta esaurite... Però io mi riferivo a grandi città sulla costa non legate ad una specifica attività commerciale ma con una economia variegata ed eterogenea. Per quanto possano anch'esse attraversare dei periodi meno floridi, credo sia raro che scompaiano quasi del tutto. Tuttalpiù restano dei centri piccoli, poco abitati, come nel caso di Eureka ricordato da Andy che da 6.000 anime nell'800 è arrivata oggi a 25.000: da borgo a cittadina.
    « Ultima modifica: Venerdì 24 Nov 2023, 14:48:34 da Cornelius »

    *

    Fantasio
    Brutopiano
    PolliceSu

    • *
    • Post: 59
    • Esordiente
      • Offline
      • Mostra profilo
    PolliceSu
      Re:Topolino 3547
      Risposta #61: Venerdì 24 Nov 2023, 15:51:55
      io mi riferivo a grandi città sulla costa non legate ad una specifica attività commerciale ma con una economia variegata ed eterogenea.
      Sei tu che hai legato lo sviluppo di Paperopoli alla corsa all'oro:
      Citazione
      Personalmente ho sempre preferito la comparazione con San Francisco, sia per posizione geografica che per storia, visto che la città della baia iniziò ad espandersi proprio dopo la corsa all'oro del 1849 che interessò la parte settentrionale dello stato che, nei nostri comics, corrisponde al Calisota.
      Per cui in una storia geo-politico-economica disneyana ci sta che Duckburg abbia avuto un notevole sviluppo nella seconda metà dell'800
      Se poi vogliamo pensare che Paperopoli abbia avuto altri "motori" di espansione economica oltre a quello della corsa all'oro, ci sta tranquillamente, ma se si vuole giustificare l'aspetto che ha nella storia di Don Rosa sembra più plausibile che esaurita questa corsa non sia rimasto molto per tenere in piedi una città di media grandezza. Si può ipotizzare che Paperopoli, essendo sulla costa, fosse diventata un importante nodo di scambio per il trasporto e il commercio dell'oro pur non avendo miniere nelle immediate vicinanze (a differenza di Bodie) e che finito questo specifico commercio sia stata soppiantata, come nodo di scambi commerciali, dalla vicina San Francisco.
      Questo spiegherebbe anche come mai Casey sia andato a cercare nuovo oro nello Yukon e come mai abbia ceduto a Paperone il suo terreno, che con ogni evidenza riteneva avesse ormai perso di valore con la decadenza della città.
      "I social danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Ora hanno lo stesso diritto di parola dei premi Nobel"

      *

      Cornelius
      Imperatore della Calidornia
      PolliceSu

      • ******
      • Post: 12679
      • Mais dire Mais
        • Offline
        • Mostra profilo
      PolliceSu
        Re:Topolino 3547
        Risposta #62: Venerdì 24 Nov 2023, 17:37:12
        io mi riferivo a grandi città sulla costa non legate ad una specifica attività commerciale ma con una economia variegata ed eterogenea.
        Sei tu che hai legato lo sviluppo di Paperopoli alla corsa all'oro:
        Certo ma non solo. Non possiamo paragonare una città della costa con altre nel deserto o isolate fra le montagne. Queste ultime avranno sicuramente maggiori rischi di scomparire o ridimensionarsi una volta estinta la loro unica (per quanto pregiata) fonte di sviluppo. Soprattutto in un periodo in cui i collegamenti ferroviari erano nel loro boom iniziale e strettamente legati a valide ragioni di espansione: se una zona risultava poco appetibile, veniva 'bypassata' mentre una città portuale con più possibilità di movimenti economici aveva valide ragioni per essere ben collegata anche via terra.

        Nel caso specifico la tua disamina sulle possibili ragioni di un ipotizzato ridimensionamento di Paperopoli collegato anche alla vendita del terreno della Collina AmmazzaMotori da parte di Casey a Paperone sono più che valide. La differenza tra i nostri ragionamenti è che, per quanto 'storicizzata' dalla saga di Don Rosa, io 'rifiuto' l'idea di una Paperopoli villaggio agli albori del XX° secolo. Khoronen non ha cambiato molto la narrazione nei suoi Diari, se non che lo sviluppo della città è stato improvviso (da un anno all'altro) e non spalmato nei primi decenni del '900, come raccontato da Don Rosa. Confermando lo status di 'villaggio' riguardo la Paperopoli di inizio secolo ventesimo.
        « Ultima modifica: Venerdì 24 Nov 2023, 17:58:09 da Cornelius »

        *

        Bunz
        Papero del Mistero
        PolliceSu   (1)

        • **
        • Post: 232
        • Esordiente
          • Offline
          • Mostra profilo
        PolliceSu   (1)
          Re:Topolino 3547
          Risposta #63: Sabato 25 Nov 2023, 16:24:44
          i piccoli mostri che accerchiano Pippo menestrello (per intenderci i "conigli mannari") sono uguali uguali a quelli che Jeff Smith creò in Bone.

          Mi fa piacere notare che non solo io avevo notato la somiglianza tra i conigli mannari e i rattodonti di Smith... anzi per me è una vera e propria citazione, nemmeno troppo nascosta.

          E già che ci sono mi va di far notare altre citazioni sparse sul numero.

          Il Vecchio della Montagna è, innegabilmente, Christopher Lee / Saruman, non ci piove (ma non l'ha notato nessuno? se mi sono perso qualche post mi farebbe piacere)  :-) :thankYou:
          La somiglianza è sottolineata dallo stesso Pippo con la sua battuta nella quinta vignetta a pag. 17, quindi direi che la cosa è ufficiale.

          Mentre il Cavaliere è... anche qui nessuno?
          L'ultimo dei tre cavalieri che scoprirono il Graal in Indiana Jones e l'Ultima Crociata. Forse la citazione non è voluta, ma la somiglianza tra i due diversi cavalieri è innegabile: stessa barba, stesso naso, stesso portamento, stesso taglio degli occhi, stesse sopracciglia, persino lo stesso elmo o cotta che sia. Immagino anche la stessa voce, a questo punto.

          Ci sarebbe anche la nave volante di Ducktopia ma mi fermo qui.
          Concludo dicendo che il twist di questa storia era un po' telefonato, visto che
          Spoiler: mostra
          il personaggio di Bocciolo
          l'ho trovato sgradevole fin da subito...

           

          Dati personali, cookies e GDPR

          Questo sito per poter funzionare correttamente utilizza dati classificati come "personali" insieme ai cosiddetti cookie tecnici.
          In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni.
          Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai trovare il dettaglio di quanto riassunto in queste righe.

          Per continuare con la navigazione sul sito è necessario accettare cliccando qui, altrimenti... amici come prima! :-)