Logo PaperseraPapersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato

Post recenti

1
Testate Speciali / Re:Paper mitologia 1
« Ultimo post da R7cky il Oggi alle 15:34:06 »
Grazie, aspettavo questo topic!
Non ho preso il primo numero, sebbene mi mancassero varie storie, per la questione delle "inedite".
Trovo che pubblicarne una qualche settimana prima dell'uscita ed un il giorno stesso, così da "venderle" come entrambe inedite sul topo e una inedita sul volumetto sia una tecnica discutibile.
Per il resto l'indice come è? Le storie buone? E gli articoli?
2
Off Topic / Re:Buon compleanno 2024
« Ultimo post da bunny777 il Oggi alle 15:26:57 »
Auguri al mitico Casty!
3
Topolino / Topolino 3567
« Ultimo post da V il Oggi alle 15:19:59 »
Recensione Topolino 3567


Copertina omaggio a 75 anni fa

 Il 7 aprile 1949 l’edicola italiana viene sconvolta dall’arrivo di una nuova rivista a fumetti: Topolino. Si trattava in verita di un cambio di formato del glorioso Topolino Giornale, che dal dicembre 1932 pubblicava, nel formato ampio del quotidiano, le storie disney americane di Floyd Gottfredson e parecchio altro materiale non disney. La Mondadori, all’epoca licenziataria dei personaggi Disney per l’editoria, aveva optato per il formato libretto (12,5×18cm), scelta parecchio innovativa per l’epoca e decisamente ancora attuale oggi.

 La redazione celebra i 75 anni del libretto con una bella copertina (e quarta) di Andrea Freccero, che omaggia il n. 1 dopo l’omaggio di Cavazzano per i 70 anni, con la calamita come gadget e con alcuni articoli interni. In particolare, una bella carrellata dei personaggi inventati dagli autori italiani, una cronistoria del settimanale (con un errore riguardo al 1982, dato che viene menzionata l’esistenza di due parodie, ma si fa il nome di una sola), due interviste a due grandi collezionisti e un bell’approfondimento sull’iter creativo dietro la copertina. Aggiungiamo anche la realizzazione di un elegante logo per l’anniversario, con un claim – 75 anni insieme – che ricicla direttamente quello dei 60 anni.

 Per il resto, le storie all’interno non hanno nessun intento celebrativo, e potrebbero appartenere a qualsiasi numero degli ultimi anni.

 
Il dilemma delle decisioni difficili

 Si parte con l’ultimo episodio de La ciurma del sole nero, ovvero Rapsodia in verde. Marco Gervasio come autore completo chiude la serie con una risoluzione semplice ma comunque soddisfacente. L’ultimo episodio risulta leggermente meno retorico rispetto ai precedenti, e pone i nostri eroi davanti ad una scelta difficile, che li obbligherà a fare buon viso a cattivo gioco. Il dilemma da sciogliere non è per nulla banale, ma Gervasio innalza i protagonisti rendendoli un ottimo modello da seguire: la casa è dove sono gli affetti, e i luoghi geografici contano poco. Una lezione molto importante da condividere in un mondo sempre più aperto in cui i confini, per fortuna, contano meno. Spiace solo che alcuni aspetti dei precedenti episodi restino in sospeso, come il destino di un certo personaggio…

 
Inquadrature aeree spericolate

 Segue il primo episodio de Il Mondo di Ghiaccio – Amelia oceanica contro le streghe vulcaniche, in cui tornano i nuovi personaggi inventati da Bruno Enna, stavolta con gli eccellenti disegni di Giuseppe Facciotto. Per ora non possiamo dire molto, dato che si tratta di un episodio introduttivo, in cui lo sceneggiatore sardo richiama la precedente avventura (a breve ristampata da Panini in un volume cartonato da libreria) e pone le basi per un complesso intrigo magico. Colpisce comunque nel segno, dato che siamo curiosi di chi ci sia dietro la minaccia. L’aspetto narrativo viene valorizzato dai potenti disegni di Facciotto, che realizza espressioni azzeccate, inquadrature ardite (l’esperienza di Pk ha aiutato) e dettagli archittetonici o grafici mai invasivi e sempre interessanti.

 Meno interessante la seconda parte dell’albo. Paperina, Paperino e l’arte della pignatta, con i testi di Giulio Gualtieri e i disegni di Ottavio Panaro, è una classica storia che strizza l’occhio ad un fenomeno sociale del presente – in questo caso, i programmi televisivi culinari insieme a chef famosi come in MasterChef – in cui a brillare è la buona chimica di coppia tra Paperino e Paperina.

 
Gestire le amicizie non è facile

 Infine, torna la band musicale di cui fa parte Qua, ovvero i Bumpers. In Un chitarrista di troppo Giorgio Salati e Mattia Surroz presentano una trama in cui si cerca di presentare uno spaccato, il più possibile realistico, delle dinamiche giovanili e della passione musicale. Al netto di certe ingenuità, la storia si fa portatrice di un buon messaggio: perseguire le proprie passioni, gestendo, non sempre con semplicità, anche le amicizie e il proprio orgoglio.

 A livello di autoconclusive, oltre ad una tavola dedicata a Battista con la collaborazione di Simone Tempia, vi sono tre tavole sceneggiate da Roberto Gagnor e disegnate da Claudio Sciarrone, che cercano di immaginare il futuro insieme a Qui Quo Qua.

 In sintesi, abbiamo un numero di Topolino che procede nel solco dei precedenti. Nessuna storia memorabile, ma in gran parte materiale serio e con un senso ben preciso, che cerca di andare oltre la storiella della settimana per lanciare messaggi non banali.



Voto del recensore: 3/5
Per accedere alla pagina originale della recensione e mettere il tuo voto:
https://www.papersera.net/wp/2024/04/23/topolino-3567/
4
Topolino / Topolino 3567
« Ultimo post da V il Oggi alle 15:19:57 »
Recensione Topolino 3567


Copertina omaggio a 75 anni fa

 Il 7 aprile 1949 l’edicola italiana viene sconvolta dall’arrivo di una nuova rivista a fumetti: Topolino. Si trattava in verita di un cambio di formato del glorioso Topolino Giornale, che dal dicembre 1932 pubblicava, nel formato ampio del quotidiano, le storie disney americane di Floyd Gottfredson e parecchio altro materiale non disney. La Mondadori, all’epoca licenziataria dei personaggi Disney per l’editoria, aveva optato per il formato libretto (12,5×18cm), scelta parecchio innovativa per l’epoca e decisamente ancora attuale oggi.

 La redazione celebra i 75 anni del libretto con una bella copertina (e quarta) di Andrea Freccero, che omaggia il n. 1 dopo l’omaggio di Cavazzano per i 70 anni, con la calamita come gadget e con alcuni articoli interni. In particolare, una bella carrellata dei personaggi inventati dagli autori italiani, una cronistoria del settimanale (con un errore riguardo al 1982, dato che viene menzionata l’esistenza di due parodie, ma si fa il nome di una sola), due interviste a due grandi collezionisti e un bell’approfondimento sull’iter creativo dietro la copertina. Aggiungiamo anche la realizzazione di un elegante logo per l’anniversario, con un claim – 75 anni insieme – che ricicla direttamente quello dei 60 anni.

 Per il resto, le storie all’interno non hanno nessun intento celebrativo, e potrebbero appartenere a qualsiasi numero degli ultimi anni.

 
Il dilemma delle decisioni difficili

 Si parte con l’ultimo episodio de La ciurma del sole nero, ovvero Rapsodia in verde. Marco Gervasio come autore completo chiude la serie con una risoluzione semplice ma comunque soddisfacente. L’ultimo episodio risulta leggermente meno retorico rispetto ai precedenti, e pone i nostri eroi davanti ad una scelta difficile, che li obbligherà a fare buon viso a cattivo gioco. Il dilemma da sciogliere non è per nulla banale, ma Gervasio innalza i protagonisti rendendoli un ottimo modello da seguire: la casa è dove sono gli affetti, e i luoghi geografici contano poco. Una lezione molto importante da condividere in un mondo sempre più aperto in cui i confini, per fortuna, contano meno. Spiace solo che alcuni aspetti dei precedenti episodi restino in sospeso, come il destino di un certo personaggio…

 
Inquadrature aeree spericolate

 Segue il primo episodio de Il Mondo di Ghiaccio – Amelia oceanica contro le streghe vulcaniche, in cui tornano i nuovi personaggi inventati da Bruno Enna, stavolta con gli eccellenti disegni di Giuseppe Facciotto. Per ora non possiamo dire molto, dato che si tratta di un episodio introduttivo, in cui lo sceneggiatore sardo richiama la precedente avventura (a breve ristampata da Panini in un volume cartonato da libreria) e pone le basi per un complesso intrigo magico. Colpisce comunque nel segno, dato che siamo curiosi di chi ci sia dietro la minaccia. L’aspetto narrativo viene valorizzato dai potenti disegni di Facciotto, che realizza espressioni azzeccate, inquadrature ardite (l’esperienza di Pk ha aiutato) e dettagli archittetonici o grafici mai invasivi e sempre interessanti.

 Meno interessante la seconda parte dell’albo. Paperina, Paperino e l’arte della pignatta, con i testi di Giulio Gualtieri e i disegni di Ottavio Panaro, è una classica storia che strizza l’occhio ad un fenomeno sociale del presente – in questo caso, i programmi televisivi culinari insieme a chef famosi come in MasterChef – in cui a brillare è la buona chimica di coppia tra Paperino e Paperina.

 
Gestire le amicizie non è facile

 Infine, torna la band musicale di cui fa parte Qua, ovvero i Bumpers. In Un chitarrista di troppo Giorgio Salati e Mattia Surroz presentano una trama in cui si cerca di presentare uno spaccato, il più possibile realistico, delle dinamiche giovanili e della passione musicale. Al netto di certe ingenuità, la storia si fa portatrice di un buon messaggio: perseguire le proprie passioni, gestendo, non sempre con semplicità, anche le amicizie e il proprio orgoglio.

 A livello di autoconclusive, oltre ad una tavola dedicata a Battista con la collaborazione di Simone Tempia, vi sono tre tavole sceneggiate da Roberto Gagnor e disegnate da Claudio Sciarrone, che cercano di immaginare il futuro insieme a Qui Quo Qua.

 In sintesi, abbiamo un numero di Topolino che procede nel solco dei precedenti. Nessuna storia memorabile, ma in gran parte materiale serio e con un senso ben preciso, che cerca di andare oltre la storiella della settimana per lanciare messaggi non banali.



Voto del recensore: 3/5
Per accedere alla pagina originale della recensione e mettere il tuo voto:
https://www.papersera.net/wp/2024/04/23/topolino-3567/
5
Topolino / Re:Topolino Speciale Anteprime - 2024
« Ultimo post da Frame il Oggi alle 11:04:13 »
Indice
6
Topolino / Re:Topolino Speciale Anteprime - 2024
« Ultimo post da Frame il Oggi alle 10:59:30 »
Editoriale e anteprima del prossimo numero
7
Commenti sulle storie / Re:Area 15
« Ultimo post da 313x il Lunedì 22 Apr 2024, 22:47:52 »
 :D :D
8
Topolino / Re:Topolino 3568
« Ultimo post da R7cky il Lunedì 22 Apr 2024, 22:02:33 »
Ma anche a voi le pagine arrivano fino a pagina 102 e poi iniziano di nuovo le pagine da 3 a 62?
Mi è capitata esattamente la stessa cosa con un numero di un paio di mesi fa, ho scritto all'assistenza ed in 30 gg è arrivato il sostitutivo.
9
Topolino / Re:Topolino 3568
« Ultimo post da R7cky il Lunedì 22 Apr 2024, 22:01:35 »
Belle le streghe vulcaniche.
Per la storia di Gamba, sarà che sono sempre stato un'idealista  :D, ma ero convinto che fosse diventato veramente buono  :cry: e sono rimasto piuttosto deluso dallo scoprire che era un "normale" piano. Essendo evidente che fosse necessario il ritorno allo "status quo" di Gamba cattivo, avrei preferito un evento particolare che lo riportasse "sulla cattiva strada"...
Non male Stabile-Rota.
Personalmente non mi è piaciuta per niente la storia di Paperianna, ho il mito molto fresco avendo letto recentemente anche un romanzo sull'argomento, ed ho trovato degli stravolgimenti eccessivi (probabilmente maggiori che negli altri miti della stessa serie) come la questione dei sacchi, ma ancor più il finale mieloso che fa perdere di significato, a mio giudizio, a larga parte del mito.
10
Off Topic / Re:Buon compleanno 2024
« Ultimo post da raes il Lunedì 22 Apr 2024, 20:33:37 »
auguri

Dati personali, cookies e GDPR

Questo sito per poter funzionare correttamente utilizza dati classificati come "personali" insieme ai cosiddetti cookie tecnici.
In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni.
Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai trovare il dettaglio di quanto riassunto in queste righe.

Per continuare con la navigazione sul sito è necessario accettare cliccando qui, altrimenti... amici come prima! :-)