Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
In edicola
5 | |
5 | |
4 | |
3 | |
3 | |
5 | |
5 | |
4 | |
5 | |
5 | |
4 | |
3 | |
Topolino 3327 - Recensione di piccoloRecensoreCresce

"Credo alla fine sia arrivato: non è certamente il primo numero di Topolino a non avere grandi motivi di interesse per un lettore adulto, ma credo sia il primo [della gestione De Poli] in cui avverto fortemente la sensazione di essere inadeguato mentre ne leggo i contenuti".
Scrivevo queste righe esattamente un anno fa. Era un altro settimanale, con un'altra direzione (non potevo sapere che di lì a poco la De Poli sarebbe stata sostituita da Bertani) ma quel senso di inadeguatezza non si è mai sopito del tutto ed è tornato prepotentemente con il numero di questa settimana.
Però non è tornato da solo. Si è fatto accompagnare dal senso di imbarazzo e dal senso di "ma allora ditelo che mi state prendendo per il sedere!".
La mazzata finale mi arriva dalla storia "Reginella e il crapulongo sbadigliante": conosco bene il lavoro di Vito Stabile in Disney e non gli si può non riconoscere un sincero amore per i personaggi e una non banalità  delle tematiche: come e perché l'autore di "Detective Donald" è quindi finito a (ha dovuto?) prestare la sua penna a questa operazione di rilancio di Reginella?
Se proviamo ad analizzare la storia facendo finta di ignorare tutto il background a cui è inevitabilmente collegata, abbiamo una avventura risibile, una storiellina per bambini, infantile, con personaggi ritratti senza nessuno spessore. Gli ingredienti? Una minaccia rappresentata da una specie di pelouche che sbadiglia (un'orrenda minaccia, davvero. O forse un omaggio a Cimino, ma un omaggio venuto proprio male), uno svolgimento surreale e nonna Papera che appare così, de botto, senza senso. Fino ad arrivare al "colpo di scena" finale con Kranz. Come dite? Non è Kranz? E' la zia? No, guardate bene, notate l'"imprevedibile" entrata in scena, l'arma in mano, il discorsetto di rivalsa: è Kranz con la parrucca.
Più che nonna Papera mi è sembrato di leggere una storia di nonna Abelarda. Bei fumetti anche quelli, ma avevo 8 anni e a 10 già ero passato ai supereroi della Corno.
Ma il peggio è quando si realizza che al centro di tutto c'è Reginella. Il personaggio, nella sua concezione originaria, è fortemente destabilizzante per l'universo papero perché rappresenta tutto ciò che Paperina non è e non sarà mai. Anzi, che non dovrà mai essere. E' l'amore puro e semplice.
Per forza di cose, nel fumetto Disney italiano di oggi, un rapporto del genere è intollerabile, irrealizzabile, inconcepibile. E questo si può anche comprendere (in fondo era una situazione border line anche 50 anni fa). Si comprende meno l'aver spogliato totalmente Reginella dei suoi tratti salienti: quella che era una sovrana forte nella sua apparente fragilità, disposta a metter la ragion di stato e la salvezza del suo popolo davanti alla sua stessa felicità diventa ora una scialba regina sui generis alle prese con faccende frivole come la cucina di corte, mostri che sbadigliano e fringuelli che non cantano.
Il fatto è che la Panini da tempo cerca di tenere il piede in due scarpe, alla ricerca di un difficile compromesso: da un lato un pubblico giovane che è stato individuato come quello di riferimento per la rivista, dall'altro il pubblico degli appassionati di vecchia data, facili prede (paganti) di deleterie nostalgie.
Si prende quindi un vecchio personaggio e lo si "riscrive", lo si trasforma praticamente in un nuovo character (d'altra parte per la stragrande maggioranza dei lettori più giovani lo è comunque, nuovo) lasciandogli giusto le fattezze originali, un simulacro, una Lamia che con le sue ingannevoli fattezze adesca gli stolti romantici lettori del tempo che fu.
Operazione più che legittima, ma che mi sento di poter definire irrispettosa (il termine tecnico più calzante credo sia "paracula", ma suvvia, adeguiamoci al lessico per ottenni).
Tuttavia si potrebbe passare anche sopra a tutto, se almeno il risultato fosse soddisfacente. Ma se le storie successive saranno simili alle ultime due, quanto ne sarà  davvero valsa la pena? Dopotutto sono anni che sul settimanale vengono pubblicate storie dello stesso basso livello (e anche peggiori), avrebbero potuto continuare ad adagiarsi sugli squallori senza necessariamente cercare il colpo ad affetto, rovinando il ricordo a chi, le storie originali, le ha amate e ha ingenuamente sperato di riviverle di nuovo.
Sul resto del numero non trovo ci sia molto da aggiungere: la prima puntata della nuova storia di Enna è interessante più per gli sviluppi che promette (e a cui allude il direttore nell'editoriale, le vicende che vedremo dovrebbero avere ripercussioni permanenti sui personaggi coinvolti) che per lo svolgimento. Come introduzione fa il suo dovere, nonostante qualche dialogo posticcio: non è ben chiaro se l'autore stia cercando complicità nel giovane lettore parafrasandone (malamente) il linguaggio o se piuttosto lo stia prendendo in giro.
In quanto a "Young Donald Duck", l'ho già  detto che sono troppo vecchio per queste cose? Storia la cui lettura si può affrontare esattamente come la visione del film citato tra le sue pagine: proudly, shamelessly, and gloriously brainless.
Per i contenuti extra-fumetto, la rubrica dei Topoviaggi si occupa di alcuni dei parchi e giardini del nostro paese mentre per chi ama la lettura ci son alcune pagine di consigli librari.

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (18)
Esegui il login per votare

Topolino 3327

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Atius
Brutopiano

  • *
  • Post: 48
  • Ostentazione di Plutocratica Sicumera!
    • Offline
    • Mostra profilo

    Re: Topolino 3327
    Risposta #30: Mercoledì 28 Ago 2019, 16:43:01
    Non sono d'accordo. Anzi, ritengo un esperimento interessante e inedito quello di rappresentare i nipotini come tre individui unici e non solo come un "tre in uno". La storia di Reginella non l'ho ancora letta, ma spero che sia all'altezza delle aspettative che, inevitabilmente, ci si crea al cospetto di un personaggio del genere☺️

    A me non pare un'idea così inedita.
    Non è un tòpos particolarmente accentuato, tuttavia, seppur in maniera provvisoria o con una certa superficialità, sono comparse diverse storie che tentavano di differenziare i tre nipotini in base ai comportamenti o agli hobby (WhizzKids è stata la più recente, se la mia memoria non mi inganna), al punto che, semmai si pensasse di raggrupparle tutte assieme, nascerebbero delle forti contraddizioni tra le varie caratterizzazioni imposte.

    In ogni caso, questa nuova prova di Enna per ora non mi ha convinto.
    Mi dispiace, ma un Paperino così premuroso e patetico, si sa, non è proprio nelle mie corde. Inoltre, mi è sembrato un po' pretestuoso il riferimento al periodo in cui i nipotini tripartivano i discorsi e si completavano le frasi a vicenda, mi pare che in tempi recenti questo tipo di approccio non si sia più visto, e quindi tale insistenza mi è parsa fuori luogo.
    Oltretutto, Qua con quella parlata giovanile è quasi improponibile, e non tanto perché arreca vituperio alla lingua italiana. Sarò io, però mi sembra che certe espressioni siano quasi anacronistiche rispetto a quelle che si sentono oggi - e queste non le sentivo almeno dai tempi delle medie... e sono passati parecchi anni - però mentre leggevo ho avvertito un effetto quasi surreale. Insomma, si è ricaduti nel solito errore: tentare di emulare senza successo il gergo giovanile.
    Forse questa miniserie si riprenderà nei prossimi episodi: probabilmente Enna doveva solo creare un pretesto che favorisse la rottura del trio e che permettesse di seguirli individualmente, però ciò non toglie che l'inizio non sia stato dei migliori... ma bravo Perina, in ogni caso, che coi suoi disegni puliti e strutturati dà un valore aggiunto ad una sceneggiatura piuttosto debole.

    Probabilmente ho esagerato affermando che quello di una caratterizzazione più completa e "unica" dei nipotini fosse un filone del tutto inedito e inesplorato. Sicuramente inusuale e piuttosto raro, considerando il fatto che, ripeto, i nipotini non sono ancora considerati individui unici a trecentosessanta gradi, ma, come ho detto prima, un "tre in uno", un cervello diviso in tre parti...

    Su Paperino, sono d'accordo per quanto riguarda una sua versione eccessivamente smielata di cui hanno fatto frequentemente uso alcuni autori in questi anni, ma... In questo caso la versione di Paperino è perfettamente funzionale alla storia. Denoto semplicemente la preoccupazione di uno zio che vede i nipoti non più così uniti come un tempo e decide di trovare un metodo per far sì che riscoprano questo legame. Ma questo non lo rende di certo out of character, dato che la personalità di Paperino, per quel che mi riguarda, non è per niente fuori dagli schemi disneyani.

    Per quanto concerne il gergo giovanile, hai ragione quando affermi che certe espressioni siano addirittura anacronistiche e fuori uso da anni (nonostante non lo possa confermare con certezza, poiché non sono per niente avvezzo ad utilizzare tale linguaggio), ma il fatto che Qua ne usufruisca, ponendo il caso che siano effettivamente termini adolescenziali, è perfettamente funzionale alla trama, che vede i tre paperotti affrontare questa quasi improvvisa crisi, appunto, adolescenziale. A mio modestissimo parere, potrà uscirne qualcosa di buono: stiamo a vedere.


    « Ultima modifica: Mercoledì 28 Ago 2019, 18:57:24 da Atius »

    *

    Andy98
    Evroniano
       (1)

    • **
    • Post: 110
      • Offline
      • Mostra profilo
       (1)
      Re: Topolino 3327
      Risposta #31: Mercoledì 28 Ago 2019, 17:43:32

      Probabilmente ho esagerato affermando che quello di una caratterizzazione più completa e "unica" dei nipotini fosse un filone del tutto inedito e inesplorato. Sicuramente inusuale e piuttosto raro, considerando il fatto che, ripeto, i nipotini non sono ancora considerati individui unici a trecentosessanta gradi, ma, come ho detto prima, un "tre in uno", un cervello diviso in tre parti...

      Forse il problema di tale filone sta in una differenziazione sommaria, ovverosia in una distinzione marcata dei comportamenti e degli interessi dei tre nipotini.
      Per spiegarmi meglio: il primo lo fanno rubacuori, il secondo studioso, il terzo avventuriero, oppure, il primo impulsivo, il secondo giudizioso, il terzo estroverso, e via dicendo.
      Tale rimescolamento delle carte ha più una funzionalità narrativa che psicologica, ed infatti si ha l'impressione di trovarsi davanti ad un "cervello tripartito", piuttosto che a tre individui a sé stanti.
      Vedremo come Enna intenderà muoversi, però in questa prima puntata mi è sembrato che ritenesse più urgente presentare i sintomi di una scissione, anziché puntare i riflettori sulle personalità dei nipotini, ed infatti solo Qua sembra esibire un proprio comportamento, isolato nel suo mondo ed incurante di ciò che lo circonda, mentre Qui e Quo sono più presi a rivendicare la propria indipendenza.

      Per quanto riguarda Paperino, sono d'accordo per quanto riguarda una sua versione eccessivamente smielata di cui hanno fatto frequentemente uso alcuni autori in questi anni, ma... In questo caso la versione di Paperino è perfettamente funzionale alla storia. Denoto semplicemente la preoccupazione di uno zio che vede i nipoti non più così uniti come un tempo e decide di trovare un metodo per far sì che riscoprano questo legame. Ma questo non lo rende di certo out of character, dato che la personalità di Paperino, per quel che mi riguarda, non è per niente fuori dagli schemi disneyani.

      Questo è vero, il comportamento di Paperino è funzionale alla vicenda, però, ripeto, ha il solo scopo di creare il pretesto, anziché viverlo appieno, perciò avrei preferito un Paperino più frenetico ed impulsivo, anche per dare un po' più di sapore al litigio tra lui e i nipotini.

      Per quanto concerne il gergo giovanile, hai ragione quando affermi che certe espressioni siano addirittura anacronistiche e fuori uso da anni (nonostante non lo possa confermare con certezza, poiché non sono per niente avvezzo ad utilizzare tale linguaggio), ma il fatto che Qua ne usufruisca, ponendo il caso che siano effettivamente termini adolescenziali, è perfettamente funzionale alla trama, che vede i tre paperotti affrontare questa quasi improvvisa crisi, appunto, adolescenziale. A mio modestissimo parere, potrà uscirne qualcosa di buono: stiamo a vedere.

      Il che avrebbe senso se il punto di riferimento non fosse, come testimonia Estoy Acà, peraltro, la parlata giovanile di dieci anni fa - che, guarda caso, è quella a cui mi riferivo pure io. Appare come poco autentica, un eco di un certo modo di essere che non è pienamente compreso. A riguardo, Estoy ha centrato il punto con l'esempio dei quarantenni che credono che basti tirare fuori a sproposito qualche termine in voga per apparire giovani - con tutti gli effetti grotteschi che ne scaturiscono, si intende.
      « Ultima modifica: Venerdì 30 Ago 2019, 21:19:47 da Andy98 »

      *

      Atius
      Brutopiano

      • *
      • Post: 48
      • Ostentazione di Plutocratica Sicumera!
        • Offline
        • Mostra profilo

        Re: Topolino 3327
        Risposta #32: Mercoledì 28 Ago 2019, 18:55:59
        Beh, effettivamente i termini usati da Qua, come in altre situazioni simili, non hanno centrato l'obiettivo di emulare il gergo giovanile. Per quanto riguarda la versione che proponi tu di Paperino, non nego che sarebbe stato molto interessante anche così . Vediamo come Bruno Enna proseguirà la saga.

        *

        Cornelius Coot
        Sapiente Ciminiano

        • ******
        • Post: 9805
        • Mais dire Mais
          • Offline
          • Mostra profilo

          Re: Topolino 3327
          Risposta #33: Mercoledì 28 Ago 2019, 22:06:47
          Primo di tutto la zia, praticamente sua coatenea... Poi Nonna Papera, che deduce che Paperino e Reginella si possano conoscere... Poi il definire "aiutante" Ciccio e non nipote mi ha un po' pesato...
          Sono d'accordo con Pato Donald riguardo la troppa somiglianza fisica fra Reginella e sua zia (che poteva essere disegnata un po' più alta, con striature bianche nei capelli, tanto per non renderla una gemellina) e con l'affermazione di Nonna Papera che parla di Ciccio 'solo' come suo aiutante, quando è un suo nipote, sebbene in linea indiretta rispetto agli altri (Paperino, Gastone, Paperoga) visto che è figlio della figlia di suo fratello Casey. Un nipote ti potrà anche aiutare in fattoria ma tu agli altri non lo presenterai mai come 'aiutante', bensì come 'nipote che ti aiuta', semmai.

          In seguito, quando Elvira parla di un suo nipote (intendendo Paperino), Reginella domanda se è quel Ciccio di cui parlava prima.
          Strana deduzione, dal momento che NP l'aveva presentato solo come aiutante. E' come se nella scrittura dei testi fosse saltato qualcosa (quel 'nipote') che in realtà doveva essere compreso: altrimenti non si spiega come la regina possa aver dedotto una cosa in realtà indeducibile.

          Tornando alla zia di Reginella, mi è parsa senza senso la sua reazione finale: se davvero voleva raggiungere gli scopi che si era prefissata, non è in quel modo sconclusionato che ci si riesce (oltretutto non sembrava una sprovveduta). Per quanto anche altre cose non mi abbiano convinto, di positivo c'è la riproposizione di un personaggio per la prima volta completamente slegato dal suo cordone ombelicale con Paperino. Però mi piacerebbe vedere altre sue avventure indipendentemente dai personaggi terrestri (dopo Elvira chi andrà a farle visita: Paperoga?) visto che su Pacificus si potrebbero sviluppare trame, intrighi di palazzo e magari storie d'amore con gli autoctoni del pianetino, appositamente approfonditi. Poi i legami con la Terra (più che altro con Paperopoli, in una linea diretta privilegiata rispetto ad altri posti) potrebbero tornare di tanto in tanto, con viaggi a doppio senso. E, nel senso Pacificus-Terra, eventuali conoscenze fra la sovrana ed altri paperopolesi avrebbero maggior... senso.

          Riguardo la frase detta da NP a Reginella su Paperino ("dovreste conoscerlo") dovrebbe voler dire 'sarebbe bello se lo conosceste' e non 'dovreste averlo già conosciuto'
          « Ultima modifica: Giovedì 29 Ago 2019, 11:52:47 da Cornelius Coot »

          *

          rambo
          Brutopiano
             (2)

          • *
          • Post: 48
          • Nuovo arrivato
            • Offline
            • Mostra profilo
             (2)
            Re: Topolino 3327
            Risposta #34: Giovedì 29 Ago 2019, 00:15:02
            Per la storia di Qui, Quo, Qua punterei l'attenzione sulle parole del direttore "una saga destinata a ridefinire alcune caratteristiche dei nostri amati nipotini" "quello che accadrà in questa avventura [...] alcune saghe del prossimo anno saranno diretta conseguenza dei fatti narrati in queste pagine"
            Ci si allontana dalla concezione Disney per andare verso quella Marvel (la formazione del direttore ha quelle radici) con saghe - termine sempre più spesso utilizzato sul Libretto, come anche "miniserie" - ed eventi che diventano man mano più ricorrenti e strutturali nella programmazione del giornalino necessari a mantenere sempre alta l'attenzione del lettore. Per assicurarsi l'acquisto di più numeri consecutivi.
            I cambiamenti sono sempre meno destinati ad esaurirsi con la singola storia per ricominciare da capo come se nulla fosse accaduto in quella successiva. Come nelle storie supereroistiche alla "nothing will never be the same", i cambiamenti sono destinati a restare e ad influenzare gli eventi futuri. Lo status quo è mutato in modo permanente.
            Tendenza che si era già notata con la saga Missione Zione, con la storia pubblicata sul mensile di Zio Paperone che espande quella del settimanale. Tipico meccanismo del tie-in ben noto ai lettori di super eroi. Sei invogliato a comprare anche un'altra testata per avere tutte le sfaccettature della vicenda.

            Non ho ancora letto la nuova "saga" Young Donald (notare, due saghe a puntate su un solo numero di Topolino), aspetto di avere tutti gli 8 capitoli, ma sono curioso di confrontare le due visioni dei teenager adolescenti proposte.

            *

            Garalla
            Dittatore di Saturno
               (1)

            • *****
            • Post: 3150
            • ex Topo_Nuovo ex ASdrubale
              • Offline
              • Mostra profilo
              • La soffitta di Camera Mia
               (1)
              Re: Topolino 3327
              Risposta #35: Giovedì 29 Ago 2019, 09:26:40
              Ci si allontana dalla concezione Disney per andare verso quella Marvel (la formazione del direttore ha quelle radici) con saghe - termine sempre più spesso utilizzato sul Libretto, come anche "miniserie" - ed eventi che diventano man mano più ricorrenti e strutturali nella programmazione del giornalino necessari a mantenere sempre alta l'attenzione del lettore. Per assicurarsi l'acquisto di più numeri consecutivi.
              I cambiamenti sono sempre meno destinati ad esaurirsi con la singola storia per ricominciare da capo come se nulla fosse accaduto in quella successiva. Come nelle storie supereroistiche alla "nothing will never be the same", i cambiamenti sono destinati a restare e ad influenzare gli eventi futuri. Lo status quo è mutato in modo permanente.

              Premesso che non vedo questo avvicinamento Disney/Marvel come un bene se fosse come dici  tu, ti dico perché secondo me le cose stanno diversamente.
              Già con l'avvicendamento Panini, la sensazione era quella che finita una saga ne iniziasse subito un'altra, questo per incentivare l'acquisto di più numeri consecutivi grazie a storie più lunghe capaci di destare interesse. Quindi non è una novità di Bertani.
              L'idea dei tie-in è sicuramente nuova ma per il momento non mi è parsa vincente, ma vedremo se e come si evolverà la cosa.

              Per quanto riguarda i possibili cambiamenti... niente sarà più lo stesso tranne che ciclicamente tutto ritorna a come era in passato. Vuoi per un singolo personaggio che ritorna ad uno status quo più classico, vuoi per buona parte del suo universo.
              Da questo storia non mi aspetto cambia epocali, per quanto questi siano stati promessi. La cosa più importante che potrebbe accadere è che ai singoli nipotini vengano dati degli interessi specifici e che questi vengano ripresi in storie future. Ad uno piace la musica? Quando serve una storia sulla musica sarà lui più protagonista.
              La Soffitta di Camera Mia è un canale youtube che tratta di fumetti. Ogni Lunedì il video sul Topolino della settimana precedente.

              https://www.youtube.com/lasoffittadicameramia

              *

              Dippy Dawg
              Visir di Papatoa
                 (2)

              • *****
              • Post: 2466
                • Offline
                • Mostra profilo
                 (2)
                Re: Topolino 3327
                Risposta #36: Giovedì 29 Ago 2019, 09:36:28
                Qui, Quo, Qua in: Tre paperi in gioco - Tre per uno (Ep.1)
                La prima puntata di questa nuova serie mi è piaciuta! Non mi dispiace vedere i nipotini più cresciuti (anche se fisicamente sono sempre uguali!) e alle prese con l'adolescenza!
                Sono un po' combattuto sul concetto che "niente sarà più come prima", come se queste caratterizzazioni dovessero diventare permanenti: da una parte mi sembra un tradimento, dall'altra, invece, sono incline a pensare che è anche ora di cambiare qualcosa, e di vedere cosa succede!
                Nulla toglie, ovviamente, che le due versioni possano tranquillamente coesistere (affermazione che farà venire un travaso di bile a qualcuno, ma dal mio punto di vista di "disneyano che ne ha viste di tutti i colori" è così! :) )

                Comunque, il riferimento a "quando si completavano le frasi uno con l'altro" mi è piaciuto molto: mi ha ricordato le storie degli anni '40-'50 in cui era una loro caratteristica, poi (fortunatamente!) persa negli anni successivi!
                E anche la vignetta quando Paperino dice "Ma durerà poco, vero?" mi ha fatto sbellicare! :))

                Young Donald Duck - Il Re delle onde (Ep. 4)
                Non male! Molto "esagerata" negli avvenimenti, ma fa parte del gioco!
                Vi dirò che questa serie comincia a piacermi! :)

                Reginella e il Crapulongo sbadigliante
                Mi dispiace dirlo, ma questa è veramente una storia brutta, senza senso dall'inizio alla fine! :(
                Lo sarebbe comunque, ma il fatto di presentare come protagonista un personaggio molto particolare come Reginella, peggiora ulteriormente la percezione!

                Vito ci ha abituati a storie di ben altro tenore (anche la sua prima con Reginella era stata molto, ma molto migliore), quindi spero che sia solo un passo falso...
                Io son nomato Pippo e son poeta
                Or per l'Inferno ce ne andremo a spasso
                Verso un'oscura e dolorosa meta

                *

                Cornelius Coot
                Sapiente Ciminiano
                   (1)

                • ******
                • Post: 9805
                • Mais dire Mais
                  • Offline
                  • Mostra profilo
                   (1)
                  Re: Topolino 3327
                  Risposta #37: Giovedì 29 Ago 2019, 10:02:36
                  Immagino che una certa influenza sul progetto dei 'nuovi' QQQ possano averla avuta gli ultimi episodi animati delle DuckTales dove i nipotini hanno un modo di comportarsi, di dialogare, di 'muoversi', di rapportarsi con gli altri decisamente più ironico, spregiudicato, 'ritmato' rispetto a quello più 'ingessato' dei fumetti. I molti paletti che la Disney sembra mettere in questi ultimi (letti da una percentuale di ragazzini decisamente bassa) sembrano sparire nei cartoni (visti da una percentuale di ragazzini decisamente maggiore). Non si capisce perché la censura debba colpire un media 'debole' piuttosto che uno forte: casomai dovrebbe essere il contrario.

                  Spero che queste nuove serie del libretto spingano gli autori a liberarsi da censure più interne che esterne, più italiote che americane.
                  Le DuckTales dal video (dove anche un altro tabù, quello della mamma Della, si sta abbattendo) e il nuovo direttore Bertani dagli uffici Panini potrebbero soffiare su un nuovo vento che superi i diversi paletti censori che caratterizzano tutto il fumetto Disney italiano.
                  « Ultima modifica: Giovedì 29 Ago 2019, 14:58:22 da Cornelius Coot »

                  *

                  Andy392
                  Evroniano
                     (1)

                  • **
                  • Post: 76
                    • Offline
                    • Mostra profilo
                     (1)
                    Re: Topolino 3327
                    Risposta #38: Giovedì 29 Ago 2019, 10:06:02
                    Finchè si tratta di rendere "permanente" la separazione dei caratteri/gusti dei tre nipoti sono pienamente d'accordo. Ma considerarli adolescenti al di fuori di questa serie è assurdo. Avranno al massimo 10 anni e non vedo il motivo di trattarli come teenager.

                    *

                    ilFumettista
                    Papero del Mistero

                    • **
                    • Post: 264
                    • Non prendetevi troppo sul serio...
                      • Offline
                      • Mostra profilo

                      Re: Topolino 3327
                      Risposta #39: Giovedì 29 Ago 2019, 10:37:36
                      [catastrofic ON]
                      Finchè si tratta di rendere "permanente" la separazione dei caratteri/gusti dei tre nipoti sono pienamente d'accordo. Ma considerarli adolescenti al di fuori di questa serie è assurdo. Avranno al massimo 10 anni e non vedo il motivo di trattarli come teenager.
                      Ho riletto l'editoriale. Parola per parola. Testualmente: Si tratta, come capirete presto, di una saga piuttosto importante, destinata a ridefinire alcune caratteristiche dei nostri amati nipotini.
                      Cosa significa?
                      Frittole. :P
                      E di nuovo: alcune saghe del prossimo autunno saranno diretta conseguenza dei fatti narrati in queste pagine.
                      Leggo Disney perché non esiste continuità.
                      Forse dovrei usare il passato.
                      [/catastrofic OFF]
                      -ilFu

                      *

                      bunny777
                      Gran Mogol

                      • ***
                      • Post: 613
                      • Strapapero
                        • Offline
                        • Mostra profilo

                        Re: Topolino 3327
                        Risposta #40: Giovedì 29 Ago 2019, 10:47:54
                        Come è già stato detto da altri, non sarei allarmista, credo si tratti di saghe che, per quanto possano essere coltivate in futuro, non intaccheranno la versione tradizionale dei personaggi.


                        *

                        Andy392
                        Evroniano

                        • **
                        • Post: 76
                          • Offline
                          • Mostra profilo

                          Re: Topolino 3327
                          Risposta #41: Giovedì 29 Ago 2019, 11:53:15
                          E di nuovo: alcune saghe del prossimo autunno saranno diretta conseguenza dei fatti narrati in queste pagine.
                          Scrive alcune saghe, non tutte le storie. E poi bisogna vedere quanti autori seguiranno questi cambiamenti: non sappiamo se hanno fatto una riunione degli sceneggiatori di spicco come quella dei colleghi disegnatori. A propoisto, potrebbero esserci anche delle novità grafiche.

                          *

                          Estoy Acà
                          Bassotto

                          • *
                          • Post: 11
                          • Uh, come pullulo!
                            • Offline
                            • Mostra profilo

                            Re: Topolino 3327
                            Risposta #42: Giovedì 29 Ago 2019, 18:12:35
                            Comunque la cosa che mi ha dato davvero fastidio di questo numero è che nella storia del Qu-Qu nessuno tra paperone e paperino se ne esce con "ah! Come Qu-Qu* 7!"  :D

                            *Agente Quasi Qualificato

                            *

                            Sir Top de Tops
                            Ombronauta

                            • ****
                            • Post: 774
                            • Novellino
                              • Offline
                              • Mostra profilo

                              Re: Topolino 3327
                              Risposta #43: Venerdì 30 Ago 2019, 00:42:22
                              Mah! la storia di Reginella non mi è piaciuta molto, tante cose qua e la fatte in maniera un po sempliciotta:
                              Spoiler: mostra
                              la zietta che d'improvviso svela il suo piano (tra l'altro sembra piu giovane della protagonista),il finale in cui ci si dimentica di dire se quello che doveva essere lo scopo della storia poi ha funzionato, ricordandosene solo nella penultima vignetta

                              E poi una storia di Reginella senza Cavazzano è come bere una birra analcolica  :( 

                              *

                              camera_nøve
                              Ombronauta
                                 (2)

                              • ****
                              • Post: 922
                              • Un Pker nostalgico..
                                • Offline
                                • Mostra profilo
                                 (2)
                                Re: Topolino 3327
                                Risposta #44: Venerdì 30 Ago 2019, 09:57:16
                                Ho avuto modo di dedicare una buona metà del video settimanale sulla storia di Reginella: https://youtu.be/mr70pUV_uOA  SmMickey

                                Non è stato facile analizzare la storia questa volta, ho faticato più del dovuto per estrapolare due tesi diverse.. 
                                "Anche io una volta ero curioso..."

                                Il mio canale YouTube dedicato ai fumetti Disney: The Fisbio Show  SmMickey


                                @instafisbio su Instagram: https://www.instagram.com/instafisbio/

                                 

                                Dati personali, cookies e GDPR

                                Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                                Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                                Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.