Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
In edicola
3 | |
3 | |
4 | |
3 | |
3 | |
3 | |
3 | |
3 | |
5 | |
3 | |
4 | |
5 | |
Disney Noir 3 - Topalbano - Recensione di Topolino08

Altezza notevole, occhi penetranti, impermeabile; grosso naso a tartufo. Se dovessimo tracciare un identikit del commissario Topalbano non potremmo adoperare altri termini: un po’ per il setting grafico d’esordio, così caratteristico e a tempo stesso disneyano, un po’ per come il suo impatto ha avuto risonanza nell’immaginario di Topolinia. Nel tempo il baldo poliziotto di "Vigatta" si è elevato a personaggio universo: si è fatto carico di un microcosmo autonomo e ha interagito con Mickey soltanto per pura deformazione, demolendo ogni cliché ed evitando certi imbarazzanti "furti di professione" comunque possibili.
E i risultati, in questo terzo volume di Disney Noir, si vedono sin dall’inizio. Per realizzare La promessa del gatto, Francesco Artibani va ben oltre il semplice concetto di parodia e immerge Topolino in un contesto urbano maturo, dove le parole mafia e doppiogioco sono tuttora all’ordine del giorno. Una carta vincente, ma non certo l’unica: anche il ricco cast di aiutanti, cattivi e comparse briose facilita l’approccio, così come le matite di Giorgio Cavazzano e Giampaolo Soldati, e i colori di Mirka Andolfo. Il tratto di Cavazzano in particolar modo inquadra la bella isola del Mediterraneo come una terra sì martoriata dal crimine, ma sempre fieramente radicata alla tradizione, dalla quale è faticoso separarsi anche una volta giunti alla parola fine. E dev’essere così anche per Topalbano, chiamato ad agire in trasferta (e dove se non negli Stati Uniti?) nell’ideale e diametralmente opposto sequel, sempre opera di Artibani. Lo zio d’America è un’altra avventura valida, memorabile per la scelta di tematiche non proprio usuali ai canoni di liceità, come vizio del gioco e concussione. A voler ben guardare la sceneggiatura pecca un filino in arditezza: il tipico ritmo in crescendo viene stravolto da un finale affrettato e privo di spunti per la continuazione del ciclo, poi in seguito pubblicata, ma esclusa da quest’albo per mere cause di foliazione.
La sua estromissione lascia però spazio a un mondo narrativo molto simile che su parecchi fronti ne è stato il diretto precursore: MMMM. Nel caso di Estrelita è ancora una volta Artibani a trarre le fila della vicenda, imbastendo quello che forse è l’intrigo più ardito dei tre proposti, ma a tempo stesso il più effimero, risoltosi in poche vignette per mezzo di un colpo di scena che rivelare darebbe noie al lettore. Interessante da notare è la pubblicazione così ravvicinata delle due serie, seppur per piccoli frammenti; i punti in comune abbondano e il fine ultimo è il medesimo: ricondurre Topolino sul ring per fargli arguire i propri limiti, i propri errori e le proprie debolezze. Renderlo cattivo. E chissà che in futuro il magazine del mistero non ritorni a nuova vita, anche alla luce del successo di Topalbano.
E poi... che altro offre questo terzo numero di Disney Noir? Ampio spazio viene dato agli articoli a corredo delle storie, una buona presentazione di Estrelita e un lungo e ben curato editoriale sul genere giallo nel Bel Paese. Acquisto, insomma, caldamente consigliato: una gradevole antologia del Topo, dello stilema noir e di uno dei più grandi sceneggiatori che via via negli anni ha coniugato i due elementi.

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (11)
Esegui il login per votare

Disney Noir

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Vito65
Cugino di Alf

  • ****
  • Post: 1077
  • ex Generale Westcock
    • Online
    • Mostra profilo

    Re:Disney Noir
    Risposta #105: Venerdì 14 Dic 2018, 15:25:57
    Strano che nel titolo Manetta da tenente diventi commissario.

    Credo che ci si riferisca al titolo della storia di apertura del volume.

    *

    Walecs
    Brutopiano

    • *
    • Post: 57
      • Offline
      • Mostra profilo

      Re:Disney Noir
      Risposta #106: Lunedì 17 Dic 2018, 10:53:00
      Detto ciò volevo anche chiedere una cosa: questi volumi sarebbero da comprare insieme ad un quotidiano, ma effettivamente mi è successo che molto spesso l'edicolante mi vendesse solo il volume in questione. Tralasciando il mio vantaggio economico, questa cosa che tipo di penalizzazioni (anche legali) può portare all'edicolante?
      Io non lo so, ma non credo che vi siano penalizzazioni: anche la GDDP e L'Omnia Scarpiana venivano, all'epoca, vendute in forma libera, per cui deduco che sia un sistema normale e senza pregiudizio per nessuno.
      Al di là della liceità o meno del vendere un allegato "sfuso" in sé e per sé, posto che il numero di vendite del solo allegato sia inferiore alle copie vendute del quotidiano senza allegato, non credo ci siano chissà che rischi... che io sappia è prassi di uso comune, perchè comunque il quotidiano sfuso vende sempre molte più copie di quello con l'allegato.
      Se anche su 50 copie, vendo 20 copie del quotidiano, 5 con allegato e 2 allegati sfusi, credo che per l'edicolante non faccia differenza.
      Diverso il fatto se di copie singole del quotidiano ne vende solo (ad esempio) 5: più di 5 allegati sfusi non può venderli, altrimenti le rese non tornerebbero. Situazione che però è quasi impossibile che capiti, perchè il quotidiano sfuso vende generalmente molte, ma molte più copie di quanti siano gli allegati, in abbinamento o meno che siano.

      Questo in teoria, suppongo, perchè in pratica, a me (salvo i primi numeri in omaggio o a prezzo ridotto) non hanno quasi mai neanche chiesto se volessi il quotidiano abbinato, per cui immagino che conseguenze non ce ne siano, finchè si rimane con le rese corrette.
      A meno che non ci sia davvero qualche illecito punibile penalmente, ma su eventuali sanzioni o altro, lascio la parola a chi ne conosce più di me sull'argomento.

      È probabile che sia così. A me è capitato che l'edicolante vendesse solo l'allegato proprio perché il giornale lo aveva finito (tanto meglio, ovviamente, perché il quotidiano non lo leggevo ;D)

      *

      Lucandrea
      Sapiente Ciminiano
         (1)

      • ******
      • Post: 8607
      • Appassionato lettore
        • Offline
        • Mostra profilo
        • Usatoblog
         (1)
        Re:Disney Noir
        Risposta #107: Lunedì 17 Dic 2018, 22:06:25
        A termine collana, devo dire che questo Disney Noir mi è piaciuto molto: abbiamo avuto una saggia scelta delle storie, ottimi e dettagliati articoli introduttivi e una qualità generale della testata medio-alta
        17 Aprile 1993: inizio di una passione

        Usatoblog

         

        Dati personali, cookies e GDPR

        Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

        Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

        Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.