Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Nuove discussioni
Recenti non lette
Topic aggiornati
In edicola
? | |
3 | |
? | |
4 | |
5 | |
5 | |
3 | |
2 | |
3 | |
2 | |
5 | |
5 | |
Topolino 3283 - Recensione di piccolobush

A parte il prequel (l’ultimo della serie) di Casty e Bonfatti, c’è una sola storia che merita di essere letta in questo numero di Topolino: "Bum Bum e il distintivo sospirato" riporta sulle pagine del settimanale uno dei personaggi più interessanti apparsi in epoca recente. Bum Bum è egoista, scorretto, sporco, imbranato, ubriacone (dai, non crederete davvero che sia tamarindo quello che servono nel bar di Poldo Crocchetta?), trasandato eppure con un cuore e con dei sentimenti che spesso lasciano piacevolmente sorpresi.
Anche in questa occasione sono i sentimenti a muovere le fila della vicenda: uno zio poliziotto che il piccolo Bum Bum aveva eletto ad esempio, un distintivo che trasforma un bambino in un invincibile tutore dell’ordine, la voglia ingenua ma mai sopita di portare la giustizia in città… la sceneggiatura di Mastantuono trasforma il tutto in una storia a metà tra il demenziale e il noir, ottimamente servita dai suoi disegni. Una storia comica ma al tempo stesso realistica, con sequenze "cattive", di azione, divertenti e che non scade in buffonate imbarazzanti. Peccato che l’autore romano si cimenti molto di rado nella doppia veste di sceneggiatore e disegnatore. C’è una sola cosa poco chiara in tutta la storia e che per un attimo fa anche dubitare della bravura di scrittore di Mastantuono: lo zio di Bum Bum, da come se ne parla inizialmente (tutti suoi ricordi raccolti in un armadietto chiuso da anni nella soffitta del nipote e di cui si era persa la chiave), sembra sia morto. Improvvisamente però dalle parole del commissario veniamo a sapere che invece è vivo e i due si frequentano anche. In tutto ciò appare (a più riprese) quello che, coerentemente, dovrebbe essere il suo fantasma o comunque un ricordo, ma che nei balloon viene invece chiamato ologramma! Ma che c… Sarei davvero curioso di conoscere la versione originale della sceneggiatura, ma credo resterà un mistero. Mi toccherà quindi credere che Mastantuono, quando ha scritto alcuni passaggi della storia, avesse anche lui esagerato col tamarindo.
"Gambò, Jean Trude e i moli galleggiati" è il nuovo capitolo della storia dell’arte rivista da Roberto Gagnor (disegnato da Giada Perissinotto). È passato circa mezzo secolo dalle storie di Barks e Scarpa (e dei Barosso) ed è un po’ triste vedere che non è cambiato nulla quando si tratta di parlare in maniera umoristica di arte contemporanea. All’epoca lo scetticismo, l’ostracismo perfino, verso certe forme di espressione erano anche fisiologici, come verso tutto ciò che è nuovo, in tutti i campi. In compenso avevamo un umorismo e una scrittura ben più sagaci e raffinati, vedi ad esempio la scena de "Il colosso del Nilo" dove tra "masse informi degne di una mostra moderna", Paperino "si lascia influenzare dagli astrattisti" e, lanciatosi in una discussione "sui valori estetici", "afferma i diritti della sua personalità".
Nella storia di Gagnor tutto invece si riduce a storpiature a raffica di nomi e concetti, cercando di mettere nel calderone più roba possibile ma mai con intelligenza, men che meno con ironia. È solo uno sberleffo, acritico e acontestualizzato, dove la parte "divulgativa" è concentrata in due (di numero) vignette didascaliche, e che sfrutta l’ultimo esempio che ha avuto risalto sui media. Insomma, si arriva alla fine e l’impressione che si ha non è di aver letto qualcosa che riguarda l’arte, seppur in maniera canzonatoria, ma semplicemente una delle tante storie di Gambadilegno e Trudy, solo punteggiata da nomi improbabili e da un Manetta idiota. E quel che fa più male, slegato dall’argomento della storia, è dover vedere in prima pagina Gambadilegno che dice "In tanti anni non ho mai messo a segno un grande colpo" (e la compagna che lo consola ricordandogli di aver svaligiato una fabbrica di ghiaccioli biologici). Attenzione, si tratta di una affermazione totalmente gratuita, ininfluente ai fini della storia che si può cominciare a leggere tranquillamente dalla pagina dopo. E’ piuttosto un voler ribadire, rinsaldare, la figura da "simpatico maladrino un po’ sfigato" di Gamba che si è andata affermando negli ultimi anni (ormai decenni) ed è una caratterizzazione che si sta talmente radicando che sembra quasi se ne stiano convincendo gli stessi autori, al punto proprio di volerla sottolineare anche quando, come in questo caso, non è necessario.
Il resto del numero è roba che si può saltare senza problemi, tra una storia tristissima di Paperinik, una prevedibilissima con Battista e una danese quasi imbarazzante ma alla quale voglio concedere il beneficio del dubbio riguardo la traduzione, perché ci sono almeno un paio di passaggi che restano sospesi e non sarebbe la prima volta che le storie estere pagano questo tipo di pegno (comunque è orrenda indipendente dalla traduzione, sia chiaro, non la salverebbe niente, ma potrebbe essere meno orrenda di quel che appare).
Il resto del numero è dedicato in parte a Lucca e in parte a due iniziative che hanno nel teatro il minimo comune denominatore: il festival "Segni" di Mantova e la trasposizione/parodia teatrale della saga di Harry Potter.

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (20)
Esegui il login per votare

Topolino 3283

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Dippy Dawg
Visir di Papatoa
   (4)

  • *****
  • Post: 2342
    • Offline
    • Mostra profilo
   (4)
    Re:Topolino 3283
    Risposta #15: Giovedì 15 Nov 2018, 10:01:49
    Trovo francamente imbarazzante, per non dire stupida e demenziale (cioè, da dementi!), la trovata che lo zio evidentemente morto e sepolto sia invece nominato come vivo in più di un punto!

    Questo passa il convento, e questo ci dobbiamo leggere, ma nessuno può impedirmi di sottolineare la mia assoluta contrarietà a queste stupidaggini offensive per i lettori! >:(
    Io son nomato Pippo e son poeta
    Or per l'Inferno ce ne andremo a spasso
    Verso un'oscura e dolorosa meta

    *

    Cornelius Coot
    Sapiente Ciminiano

    • ******
    • Post: 9203
    • Mais dire Mais
      • Offline
      • Mostra profilo

      Re:Topolino 3283
      Risposta #16: Giovedì 15 Nov 2018, 11:54:26
      A questo punto non facevano prima a non far 'morire' lo zio, rendendolo un interessante parente da utilizzare nelle future storie del Ghigno?

      *

      Luxor
      Dittatore di Saturno
         (1)

      • *****
      • Post: 3284
      • Supremo Organizzatore, Folle Ideatore!
        • Offline
        • Mostra profilo
         (1)
        Re:Topolino 3283
        Risposta #17: Giovedì 15 Nov 2018, 13:25:19
        A questo punto non facevano prima a non far 'morire' lo zio, rendendolo un interessante parente da utilizzare nelle future storie del Ghigno?

        Non facevano prima a lsciare tutto così come era stato pensato dall'autore?

        Ormai alle censure riguardo argomenti come carne e fumo siamo (purtroppo) abituati, ma la morte è un concetto naturale, affrontato tantissime volte nei fumetti e nei cartoni Disney, considerarlo tabù è ridicolo e offensivo per l'intelligenza di chi legge, molto meglio affrontarlo con serietà e maturità.

        Spesso ci si dimentica che il target di Topolino riguarda i bambini e i ragazzi, non gli stupidi!
        The Rabbit Hunter! (Copyright by Gancio 08.II.16)


        *

        Cornelius Coot
        Sapiente Ciminiano

        • ******
        • Post: 9203
        • Mais dire Mais
          • Offline
          • Mostra profilo

          Re:Topolino 3283
          Risposta #18: Giovedì 15 Nov 2018, 14:06:21
          Non facevano prima a lasciare tutto così come era stato pensato dall'autore?

          Sicuramente. Si è scelta una 'via di mezzo' che è la soluzione peggiore: ambigua e ipocrita al tempo stesso.
          Ma se l'idea originale di Mastantuono non è passata, allora era meglio rendere lo zio di Bum Bum un personaggio in penne e piume piuttosto che un ologramma.

          Però, rileggendo alcune parti, alla domanda di Bum Bum al Commissario di Polizia: "Non lo informerete di queste piccole incomprensioni, vero?" (riferendosi allo zio)...

          ... il Commissario risponde: "Sparisci, altrimenti gli racconterò tutto per filo e per segno!"

          E Archimede, leggendo l'articolo sul successo del Ghigno in campo poliziesco, dice a Paperino: "Abituato ai pasticci di Bum Bum, lo zio Temistocle non crederà alla notizia!"

          E Paperino replica: "Finalmente proverà per lui... qual è il contrario di vergogna?"

          Tutti dialoghi (soprattutto il primo) che farebbero presupporre l'esistenza terrena dello zio Temistocle.
          « Ultima modifica: Giovedì 15 Nov 2018, 14:20:33 da Cornelius Coot »

          *

          piccolobush
          Flagello dei mari
          Moderatore
             (5)

          • *****
          • Post: 4187
            • Offline
            • Mostra profilo
             (5)
            Re:Topolino 3283
            Risposta #19: Giovedì 15 Nov 2018, 17:10:55
            Tutti dialoghi (soprattutto il primo) che farebbero presupporre l'esistenza terrena dello zio Temistocle
            Per me invece sono tutti dialoghi che fanno pensare a una riscrittura. Quei personaggi in origine avrebbero potuto dire qualunque cosa. Ma rendiamoci conto dell'enormità della cazzata che sono andati ad inventarsi per giustificare l'apparizione: un ologramma! Spuntato dal nulla in un ufficio di un commissariato di polizia!!
            Provo io imbarazzo e vergogna per chi ha pensato una cosa del genere, perchè lui evidentemente non ne è capace

            *

            Luxor
            Dittatore di Saturno

            • *****
            • Post: 3284
            • Supremo Organizzatore, Folle Ideatore!
              • Offline
              • Mostra profilo

              Re:Topolino 3283
              Risposta #20: Giovedì 15 Nov 2018, 19:23:21
              Concordo con Piccolobush, riscrittura palese, anche perchè l'armadio dello zio si trova in casa di Bum Bum...
              The Rabbit Hunter! (Copyright by Gancio 08.II.16)


              *

              Paperino23
              Brutopiano
                 (1)

              • *
              • Post: 71
              • Esordiente
                • Offline
                • Mostra profilo
                 (1)
                Re:Topolino 3283
                Risposta #21: Domenica 18 Nov 2018, 19:01:38
                Io sinceramente non capisco tutta questa ossessione di non fare nemmeno il minimo accenno alla morte nei fumetti disney. Eppure nei classici non ci sono mai stati questi problemi, addirittura spesso i personaggi muiono nel corso del film, sia cattivi che non, quindi non capisco...

                 

                Dati personali, cookies e GDPR

                Questo sito utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici per garantirti la migliore user experience possibile, e di cookie non tecnici per l'analisi del traffico, condividendo questi ultimi con Google. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio dei dati personali trattati, i motivi, e quant'altro previsto dal regolamento europeo di protezione dei dati (GDPR) è descritto nella nostra pagina relativa alle politiche sulla privacy. Sulla pagina appena citata potrai esprimere il consenso (o il dissenso) all'utilizzo di quanto descritto e cambiare quando vuoi la tua scelta.

                Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - anche cliccando qui.

                Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.